La “farfalla killer” arma letale contro la Macroregione!

di TONTOLO

Oddio ghe mancava la farfalla killer. Leggete questo comunicato:

Francesco Bruzzone porta l’allarme “farfalla killer” in Regione. Il capogruppo della Lega Nord nel Consiglio Regionale della Liguria è il primo firmatario di un’interrogazione con risposta immediata, indirizzata all’attenzione del Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando e alla sua Giunta, relativa alla nuova minaccia per le palme del territorio, avvistata nei giorni scorsi a pochi chilometri dal confine. “Oltre all’annoso problema del Punteruolo Rosso, le palme liguri rischiano di essere attaccate dalla ‘Paysandisia archon’, lepidottero della famiglia Castniidae di origine sudamericana, introdotto recentemente in Europa, unica specie del genere Paysandisia e meglio nota come ‘farfalla assassina’”, afferma Bruzzone. “Come riportato in questi giorni dagli organi di stampa locale, nei mesi scorsi, larve di queste farfalle, la cui apertura alare va dai 9 agli 11 centimetri, importate dall’America del Sud anni fa, si sono rivelate particolarmente dannose in alcuni giardini del vicino Principato di Monaco”.

“Il Principato dista pochissimo dalla Liguria, e l’eventuale presenza di tale farfalla palmivora rappresenterebbe una minaccia per il nostro territorio e il suo ecosistema. Mi rivolgo al Governatore Burlando e alla sua Giunta per capire se l’Amministrazione Regionale sia informata di questo nuovo e serio rischio e se, al contempo, siano stati attivati controlli in merito alla presenza, in terra ligure, della farfalla assassina”, conclude Francesco Bruzzone, capogruppo della Lega Nord nel Consiglio Regionale della Liguria.
Mi son Tontolo ma non tontolon, almeno che non abbia perso qualcosa per strada: che la Paysandisia archon sia divenuta un’arma fondamentale della lotta indipendentista verso la Macroregione?
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. raniero says:

    Una farfalla che si posa su un bottone di rosa,
    lo succhia e se va..,
    in fondo la felicità è una piccola cosa…
    Viva la lega……viva il grande Buzzone…e viva le sue interrogazioni indipendentiste..

  2. Gian says:

    stavolta hai toppato essere indipendentisti non significa non avere interesse per l’ambiente, una cosa non esclude l’altra, per di più le palme sono un tratto caratteristico della Liguria, quindi non ci vedo nulla di male. Anzi se tutti i padani conoscessero le specie endemiche del loro territorio sarebbe una bella cosa, perchè rappresentano una sfaccettatura della nostra identità.
    La Rana Latastei è un edemismo proprio della Padania, la campanula elatinoides la trovi solo in alcune zone della lombardia e non per niente la relativa pagina non la trovi sulla wikipedia italiana, ma solo sulla wikipedia in lombardo… http://lmo.wikipedia.org/wiki/Campanula_elatinoides

    o preferisci gli imbecilli che si credono indipendentisti e poi piantano nel loro giardino, olivi, sughere e cipressi meglio noto come albero della romanità?

    Ps:scusa ma tu cosa hai in giardino?

Leave a Comment