La dittatura democratica dei lavoratori garantiti

di REDAZIONE

Le democrazie del ventesimo secolo hanno subito una deriva demagogica che le ha condotte a trasformarsi in dittature democratiche proprio come aveva previsto Alexis De Tocqueville duecento anni fa. L’autore, prendendo spunto dalle parole del pensatore liberale francese, descrive come ciò sia potuto avvenire ed individua chi tiranneggia chi in una Nazione che tuttavia si definisce democratica.

Ammonisce che una democrazia deve possedere in se stessa gli antidoti che scoraggiano l’instaurarsi di una dominazione non reversibile da parte di una maggioranza nei confronti di una minoranza ed individua tali antidoti.

Le associazioni dei cittadini sono un valore della democrazia se non è permesso loro il coagulo in una maggioranza di interessi che supera la soglia del 50% degli elettori.

Quando ciò avviene una democrazia non dispiega quel potenziale virtuoso che la fa preferire ad ogni altra forma di organizzazione sociale. L’autore, nel corso della sua vita, ha scalato molte posizioni di carriera in aziende private e pubbliche ed ha svolto a lungo la libera professione, fino a conquistare una visione generale e particolare di una società democratica fondata sul lavoro.

Titolo: LA DITTATURA DEMOCRATICA DEI LAVORATORI GARANTITI; Autore: RICCARDO RINALDI; Editore: SIMPLE 2013; Pagine: 330; Prezzo 19 euro

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    Non solo…………….
    Per i politici l’importante è tenere i cittadini nella precarietà il più possibile al fine di impedirgli qualsiasi vera azione contro di loro.
    La prova sta nel debito pubblico e nel continuo aumentare della povertà.
    Cosa vogliono ancora da noi questi signori ?
    La testa non gliela diamo, sperino invece che noi non si desideri avere la loro !!!
    WSM

Leave a Comment