La denuncia di Alternativa per la Germania: così la Chiesa (tedesca) fa soldi coi profughi

Bernd Lucke, co-founder of Germany's anti-euro party "Alternative fuer Deutschland" (alternative for Germany) addresses the audience during the first informal meeting of his party in Oberurseldi MAURIZIO BLONDET –  “La lobby cattolica   guadagna miliardi coi rifugiati.   La maschera di amore per il prossimo,   questa pubblica immagine di prendersi cura dei rifugiati,   sta anche finanziando una gigantesca ‘industria della carità’  sotto l’ombrello organizzativo delle chiese”:  Petr Bystron, che spara questo siluro, è il capo della sezione bavarese di AfD (Alternative fuer Deutschland). Se il commento sembra aspro,   si deve aggiungere che è stato provocato.  Articoli di giornale hanno rivelato che le  “due Chiese ufficiali” (sic),  cattolica e luterana,   stanno ricoverando nelle loro dependances  una quantità di immigrati cui è stato rifiutato il diritto d’asilo, e che dovrebbero essere espulsi. Ossia stanno violando le leggi, mentre le “due Chiese” ricevono centinaia  di milioni in denaro pubblico per la loro  opera di ‘carità verso i rifugiati’.

E’  una ‘industria’ che in Italia conosciamo, che dà lavoro a  decine di migliaia di “volontari”, specie del Sud  (e se votano per il  ministro Alfano, il gran distributore di profughi presso le sue clientele sicule) che possono aprire cooperative di accoglienza, ricevere   i soldi dello Stato per ogni ‘anima’ che alloggiano; è noto che per non  perdere i  lucrosi assistiti, queste organizzazioni della disinteressata misericordia, appena  ai loro protetti viene respinta la domanda d’asilo, li aiutano a fare ricorso su ricorso; data la lungaggine della ‘giustizia’ da noi, sono sussidi garantiti per anni per ogni testa e stipendi di ‘volontari.’ Mario Giordano ci ha scritto un libro-inchiesta,Profugopoli, dove tra l’altro cita un  tal Paolo Di Donato, ex politico beneventano, che grazie agli immigrati e i clandestini che ‘gestisce’ nel suo consorzio Malaventum, guadagna 24 mila euro al giorno e gira in Ferrari (naturalmente è alfaniano).

Modernisti pro-Medio Evo

In Germania però  l’idea che dei percettori di denaro pubblico commettano illegalità,  come appunto le Chiese che ospitano persone che non hanno diritto all’asilo, non suscita la simpatia che riscuotono da noi i furbetti.  Anzi, fa’ incavolare.

Tanto più che la Chiesa di Kasper, cardinale notoriamente avida dollars, ha giustificato la violazione rivendicando il diritto d’asilo nei santuari:  una consuetudine  del Medio Evo, quando anche un assassino poteva  salvarsi dalla forza pubblica rifugiandosi in una chiesa.  Progressista e modernista quanto si vuole, la Chiesa di Kasper ritrova di colpo la fedeltà alle tradizioni  più antiche e sorpassate e retrograde quando fa’ comodo;  il ministro dell’interno Thomas De Maizière (che non è Alfano)  tempo fa’ ha paragonato questa pretesa clericale di far valere proprie leggi dell’anno Mille  all’applicazione della Sharia islamica.  Asserzione che  però ha dovuto rimangiarsi e chiedere scusa (aveva il politicamente corretto  denigrando la Sharia..) , e  da allora lo Stato federale fa’ finta di non vedere gli asilanti che si affollano nelle chiese, paga e tace.

http://nr.news-republic.com/Web/ArticleWeb.aspx?regionid=4&articleid=65211513

Kasper & Marx
Kasper und Marx

Ovviamente offrendo un cavallo di battaglia ad AfD, il solo partito (“populista, xenofobo” e blabla)  che fin da principio   si sia dichiarato contro l’alluvione di immigrati islamici, interpretando una parte dell’opinione pubblica che, minoritaria all’inizio, adesso sta crescendo  come mostrano i voti al partito ‘xenofobo’: tanti, inarrestabili.

Profughi cristiani perseguitati

Anche in questo caso, non senza motivo.  Nei centri  di accoglienza, dove i profughi sono in schiacciante maggioranza islamici, i pochi profughi cristiani vengono  quotidianamente insultati, minacciati fisicamente, angariati   – insomma perseguitati  per la loro fede, esattamente come quand’erano in Siria, Irak, Pakistan  sotto il tallone di Daesh o  dei takfiri.  Le guardie di sicurezza dei centri d’accoglienza, assunte e stipendiate dai tedeschi per mantenere l’ordine interno, sono le prime a insultare e minacciare i cristiani; sono infatti arruolate fra i profughi, musulmani.  Si accaniscono contro gli “apostati”,  quelli di  recente conversione,  con particolare zelo: è una tragedia  in corso, le cui misure pare siano enormi – perché le vittime hanno paura a denunciare  i fatti di cui sono vittime, dato che poi restano in balia dei loro persecutori .

Per quanto pochi, questi cristiani che  subiscono le angherie musulmane sul territorio tedesco  –  “sotto gli occhi dell’Occidente”, per parafrasare Conrad –  sono 40 mila almeno: potrebbero benissimo essere ricoverati in centri a parte,  separandoli  dai persecutori.  Ebbene:  a questa separazione si   oppongono  proprio le organizzazioni cristiane tedesche, cattolico-luterane  – che oltretutto  sminuiscono la gravità del fenomeno –  con la seguente motivazione: la segregazione   dei perseguitati  “manderebbe un segnale disastroso,  eccitando  il pregiudizio che cristiani e islamici non possono vivere insieme”: così Thomas Sternberg, dirigente del Comitato Centrale dei Cattolici Tedeschi (Zentralkomitee der deutschen Katholiken, ZdK);  un organo di cui non stupirà apprendere che è favorevole alla benedizione in chiesa delle coppie sodomitiche.

http://www.breitbart.com/london/2016/05/10/40000-christians-harassed-muslims/

Da cui si vede che il politicamente corretto, letteralmente uccide: uccide cristiani (un giorno ci scapperà il morto, nei centri-profughi), uccide la civiltà e il diritto occidentale e laico,   fra cui  quello fondamentale di non  subire molestie, sul territorio tedesco,  per la propria fede. Questo principio laicissimo in Germania è sospeso nei centri cattolici d’accoglienza, pagati dallo Stato, che hanno rimesso in vigore l’inviolabilità  i santuari medievali.  La “carità” secondo il politicamente corretto, alla Papa Francesco,  si traduce in oppressione  là dove i profughi    accorsi nella certezza che  ne sarebbero  affrancati, l’Europa.

Si può immaginare una più completa   diserzione dell’Europa dalla sua civiltà e dalla ragione? La Germania ha persino rinunciato ad imporre loro l’ordine pubblico.  L’effetto si vede dall’ultimo rapporto del ministero dell’Interno germanico:  una salita verticale di ogni tipo di crimini  commessi da “non tedeschi e migranti illegali o richiedenti asilo”. Se essi sono il 10-15% della popolazione (nessuno lo sa più esattamente), però sono responsabili del 30% degli omicidi, 20% delle violenze carnali, 40% delle rapine,   40,2 dei furti d’appartamento,   75,7% dei borseggi e scippi – tipo di reato prima quasi sconosciuto.  I “migranti illegali e richiedenti asilo”, che sono il 2,5% della popolazione generale, commettono l’8,2 per cento degli omicidi, il 4,8 per cento degli stupri, il 5,7% dei delitti totali.

Però   su   cosa il suddetto rapporto della polizia lancia l’allarme, ovviamente coadiuvato dalla grancassa dei media? “L’aumento-record di delitti  commessi da estremisti di destra”.

http://www.bmi.bund.de/SharedDocs/Pressemitteilungen/DE/2016/05/pks-und-pmk-2015.html

Delitti che nel  rapporto vengono definiti spesso “propaganda”  e  “sedizione”: di fatto  si  colpiscono capannelli che, davanti all’ennesimo centro d’accoglienza, manifestano con cartelli “xenofobi”  o con espressioni “razziste”. Così la protesta politica  di chi contesta il programma di immigrazione di massa diventa reato: un altro dei “nostri valori  occidentali” che viene gettato nella spazzatura, il diritto all’opposizione.

Così di giorno in giorno l’Europa occidentale  diventa il perverso  totalitarismo di cui Solgenitsin accusò il socialismo realizzato: l’impero della Menzogna, dove i diritti e  doveri sono rovesciati, e  dire la verità è reato.

Non stupisce che l’AfD cresca nei sondaggi, come lo FpO in Austria, e sempre meno si possono bollare di “movimenti di protesta” di “paura dell’immigrato”, mentre diventano sempre più chiaramente portatori dell’opposizione politica al Sistema; come in Francia, la rivolta dei lavoratori  contro il jobs act locale (dettato da Bruxelles) sempre più chiaramente diventa una rivendicazione della sovranità popolare, con sentori rivoluzionari.

Ho il presentimento che  finirà male, e proprio per la Chiesa. La Gerarchia, illusa dagli appalusi mediatici, dopo esserne stata antagonista, si pone oggi come una tradiva ausiliaria del sistema,  proprio mentre esso rivela la sua grinta di Anti-civiltà; quando si accenderà la rivolta (se ne vedono già i focolai), sarà abbandonata   (è sacrificabile) alla furia popolare da lorsignori, che saranno già volati nel loro rifugi di lusso.

“..Ho visto il  Santo Padre in una casa molto grande, in ginocchio davanti a un tavolo, piangente con le mani sul viso; fuori vi era molta gente e alcuni gli tiravano pietre, altri gli lanciavano imprecazioni e gli dicevano molte brutte parole.  Povero santo Padre, dobbiamo pregare molto per lui!”: così la piccola  Giacinta disse a Lucia. Era un giorno del 1917, presso Fatima.

(Quanto alla Francia, ricordo qui ciò che previde  il bavarese Alois Irlamier nel 1957:

La città con la torre di ferro (Parigi?) diviene vittima della propria gente. Bruciano tutto. E’ La rivoluzione, e tutto va in modo selvaggio. “La grande città con l’alta torre di ferro è in fiamme, ma questo è stato fatto dalla propria gente, non da quelli che sono venuti dall’est.

“Posso vedere esattamente che la città è rasa al suolo e anche in Italia sta andando selvaggiamente. Uccidono molta gente là e il Papa fugge, ma molti ecclesiastici saranno uccisi, molte chiese crolleranno”).

 

da http://www.maurizioblondet.it/

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. renato says:

    C’è qualcuno che in parlamento ha sollevato la questione del presunto coinvolgimento del ministro Alfano e di suoi collaboratori nell’immigration gate ?

Lascia un Commento