La Del Ponte: in Siria sono i ribelli ad aver usato armi chimiche

di REDAZIONE

La fonte e’ autorevole: Carla del Ponte, il magistrato svizzero ex procuratore del Tribunal Penale Internazionale per la ex Jugoslavia dal 1999 al 2007, afferma che le Nazioni Unite hanno le prove che – finora – ad utilizzare “armi chimiche”, a partire dal letale “gas sarin”, in Siria sono stati gli insorti e non gli uomini fedeli al regime di Bashar al Assad. Ad oltrepassare quindi il limite invalicabile (la “red line”) di cui ha parlato piu’ volte Barack Obama, minacciando una reazione se ad usare le armi chimiche fosse stato Assad, sarebbero state le forze dell’opposizione. Lo ha dichiarato ai microfoni della RSI (Radio dela Svizzera Italiana) Del Ponte, membro della Commissione ONU che indaga sui crimini di guerra commessi in Siria. “Stando alle testimonianze che abbiamo raccolto i ribelli hanno usato armi chimiche, facendo ricorso al gas sarin”, ha dichiarato Del Ponte aggiungendo pero’ che, “le indagini sono ben lungi dall’essere concluse”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Albert Nextein says:

    Direi che in siria si possono scannare da qui all’eternità.
    E’ sufficiente che non mi secchino.
    Si arrangino tra di loro.
    Sono affaracci loro.

  2. fabio ghidotti says:

    in Siria è in corso una feroce guerra civile e quindi tutto è possibile. Spero solo che questa informazione non sia stata pubblicata per scatenare (le abbiamo già lette) vergognose prese di posizione a favore del regime di Assad, millantando i soliti “complotti americani”.
    A chi mi accusa di fare processi alle intenzioni, ricordo che su questa testata le notizie extraeuropee sono (come inevitabile) molto poche…

    • gianluca says:

      Scusi Ghidotti, io non ho secondi fini di quelli che lei immagina. E’ o non è una notizia quella comunicata dalla Dal Ponte? A me pare di sì. punto.

Leave a Comment