LA CROCIATA CONTRO NAPOLITANO, BERLUSCONI E MONTI

di REDAZIONE

Attentato contro la Costituzione e alto tradimento per il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, attentato contro i diritti politici del cittadino (art. 294 del Codice penale) per l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e per l’attuale premier Mario Monti. Sono i reati per i quali si chiede di accertare eventuali responsabilità in un clamoroso esposto-denuncia depositato ieri dall’avvocato varesino Gianfranco Orelli alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Varese.

Quale il senso dell’iniziativa? I fatti contesti da Orelli si riferiscono alle dimissioni di Silvio Berlusconi e alla nascita del nuovo governo, guidato da un personaggio mai eletto in alcuna consultazione elettorale, esecutivo sostanzialmente “imposto” alle Camere da Napolitano, avendo prima consultato e ottenuto l’avallo della Banca Centrale Europea e del Fondo Monetario Internazionale, prevaricando in sostanza il volere del Parlamento e, in ultima analisi, del corpo elettorale.

Il testo integrale dell’esposto-denuncia lo trovate in allegato a questo articolo e chi lo condividesse può scaricarlo ed eventualmente presentarlo alla Procura della Repubblica della propria città, dopo averlo firmato e aver modificato, nell’intestazione, la città del Tribunale dove decide di depositarlo.

Questo il testo integrale dell’esposto-denuncia (in coda è possibile scaricare la versione word):

In data 09.11.2011 il Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, nominava Senatore a vita il professor Mario Monti; il conferente decreto veniva firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi.

Il 12.11.2011 Silvio Berlusconi si dimetteva.

Il 13.11.2011 il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, affidava l’incarico a Mario Monti il quale accettava ed apriva la fase di consultazioni.

Il 16.11.2011 il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, procedeva alla nomina del sessantunesimo Governo della Repubblica Italiana.

Il 17.11.2011 un nuovo Governo presieduto da Mario Monti otteneva la fiducia al Senato con 281 sì, 25 no e nessun astenuto, quindi il 18.11.2011 alla Camera con 556 sì, 61 no e nessun astenuto.

E’ formata opinione che nella così sintenticamente riassunta concatenazione di eventi siano rappresentati e racchiusi comportamenti, a vario e diversificato ma concorrente titolo, configuranti violazioni del dettato costituzionale nonché di Legge penale.

*                      *                          *

Va a tal riguardo considerato che la evidenziata “designazione” di Mario Monti da parte di Giorgio Napolitano ebbe luogo con un Governo in carica, neppure sfiduciato e che ricevette il simultaneo, fondamentale, gradimento di leader ed organismi stranieri.

Ciò, salvo errore, non si era mai visto.

Furono, presto ed in varia sede, sollevate perplessità (non però, a quanto consta, formalizzate) ed il Presidente della Repubblica prese chiara posizione in proposito (nell’occasione di suo ufficiale incontro con le alte Cariche dello Stato) per difendere quanto posto in atto, esprimendo che la nascita del governo Monti non aveva provocato alcuno “strappo costituzionale” e definendo “leggerezza” l’argomentare di “sospensione della democrazia”.

I fatti ed il “tema” hanno fortemente colpito la pubblica opinione ed hanno impegnato qualificati opinionisti, non solamente in Italia , poiché appariva sconcertantemente evidenziato (alla luce dei fatti quali diffusamente conosciuti) come:

– “fosse stato ufficiosamente designato un “premier” non eletto, con un Governo ancora in carica e neppure sfiduciato”;

– “dovere del Presidente della Repubblica non fosse quello di verificare il simultaneo gradimento di “leader” ed organismi stranieri prima ancora che italiani” ;

– “dovere del presidente della Repubblica non fosse quello di evitare le urne a tutti i costi, come altre nazioni infatti non hanno evitato e come democrazia imporrebbe”;

– “dovere del Presidente della Repubblica non fosse quello di anteporre alla fiducia del Parlamento quella della Banca Centrale e del Fondo Monetario”;

– “dovere del Presidente della Repubblica non  fosse quello di, in una democrazia fondata sui partiti, fare un governo senza partiti”;

dovere delle Istituzioni fosse invece, con particolare e specifico riferimento al Presidente della Repubblica, quello di rappresentativamente operare per la preservazione dell’unità nazionale, difendendone radici e valori  posti dalla Costituzione, per tutelare la certezza delle regole quale fondamento della democrazia sostanziale;

non risultasse conciliabile con la Costituzione il fatto che il Governo Monti fosse nato fuori dal Parlamento e senza che l’Organo politico, deputato a rappresentare la volontà degli Italiani, potesse preventivamente  esprimersi;

il nuovo esecutivo, nella sostanza, apparisse esser stato imposto alle Camere a cose ormai fatte, dopo che i partiti erano stati esautorati di ogni decisione e le Istituzioni piegate alle ragioni di una strumentalizzata emergenza;

Mario Monti ed i suoi Ministri non apparissero rispondere al Parlamento Italiano, come invece prevede la Costituzione, ma a qualcun altro;

Mario Monti avesse (così è stato diffuso da organi d’informazione), all’insaputa dell’intero Parlamento, comunicato a Francia e Germania (Presidente Nicolas Sarkozy e Cancelliere Angela Merkel)  quali tasse e e riforme egli intendesse varare, ricevendone approvazione e rilasciando impegno d’una diligente esecuzione dei “compiti” in Italia.

E’ convinzione che ciò rappresenti perdita di sovranità nazionale, che sia altamente illegale assoggettare la Repubblica Italiana a potenze straniere da parte delle Istituzioni italiane,  che non possa e pertanto non debba esser democraticamente tollerata la pretesa di considerare aperto un Parlamento che invece di fatto appare chiuso, che a conseguenza di quanto dianzi richiamato la sovranità in Italia – da tempo ed anche in queste ore – non sia esercitata nelle forme e nei limiti della Costituzione secondo il precetto posto dall’art.1, che non possa ritenersi posto in essere in attuazione della Costituzione il fatto che il Presidente della Repubblica, nominando a sorpresa Mario Monti quale Senatore a vita, lo abbia di un “colpo” trasformato in un politico, non essendo esso Presidente della Repubblica un sovrano datosi che in Italia, secondo Costituzione, la sovranità appartiene al popolo.

A sensi di Costituzione il Presidente della Repubblica è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni laddove essi atti configurino alto tradimento od attentato alla Costituzione stessa (art. 90 Cost.), mentre è perseguito secondo il Codice Penale chiunque impedisca in tutto od in parte l’esercizio di un diritto politico (art.294 C. P.).

L’attentato alla Costituzione consiste, sostanzialmente, nel sovvertimento delle Istituzioni costituzionali  in violazione della Carta Fondamentale.

L’alto tradimento si realizza attraverso qualificata manifestazione di slealtà che integri violazione di fedeltà alla Repubblica in accordo con entità straniera.

Ciò che è avvenuto, è attualmente in atto ed appare pervicacemente condotto ad ulteriori effetti, realizza, ad opinione di chi espone, perpetrazione della massima violazione costituzionale ad opera del Presidente della Repubblica in carica mentre, peraltro, l’antigiuridica collaborazione prestata dall’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nonché da Mario Monti configurano attività concursuale e specifica violazione del Codice Penale positivo, Legge cui essi (Silvio Berlusconi e Mario Monti) sono sottoposti.

Poichè si ritene che le vicende di riferimento si pongano in contrasto con i cardini della Costituzione, richiamatine esemplificativamente gli artt. 1, 48, 54, 90, 91, 96 nonché l’art.294 del Codice Penale, viene qui formalmente formato e versato esposto-denuncia per quanto dianzi riferito, affinchè vengano attivate le iniziative, previste e prescritte, per dar corso all’accertamento delle responsabilità ed alle sanzioni di Legge riferitamente a tutti gli illeciti ravvisabili.

Si esprime la volontà di ricevere informazione circa eventuale iniziativa archiviatoria.

ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

36 Comments

  1. walther says:

    Finche’ ci saranno i cagadubbi non si andra’ mai da nessuna parte…

  2. Veritas says:

    Edward Lutwack, noto politologo U.S.A., a Piazza Pulita, non ha potuto trattenersi dall’affermare che il cambio di governo promosso da Napolitano in Italia, per un americano è incomprensibile

  3. luigi bandiera says:

    Leggendo qualche rigo del documento…, ringrazio chi si e’ MOSSO, devo dire che sono anni che i costituzionalisti (essendo parte dirigente perche’ allorati) SONO CIECHI come certi pensionati scopperti dalla GdiF…
    I bassi li scoprono sempre, gli alti mai..!
    Devono essere in combutta col Padreterno KAX..!
    Logiko, sono alti..??

    E i GARANTI..??

    CIECHI PURE LORO PERCHE’ ALTI..??

    Pero’ in galera finiscono sempre i BASSI..!!

    MAI GLI ALTI..!

    TRA KANI GROSSI NO I SE MORSEGA, DIXEA UN DITO VENETHO..!

    TOXATI, EA MUSIKA XE FINIA..!!

    O SE PRODUXE TUTI O TUTI SE MORE.

    AMEN

  4. Max says:

    Gente, svegliate la vostra coscienza. Il burattino di Napolitano ha dovuto chiedere l’avallo dal Fondo Monetario Internazionale e alla Bce per autorizzare il nuovo governo tecnico. Monti è consulente di qualche grosso gruppo bancario(Morgan&Stanley ecc) che sono gli stessi padroni della FMI. Sappiate che tutte le banche anche la Federal Reserve e la BCE sono gestite da una cerchia ristretta di famiglie potenti che comandano da generazioni. Quindi Napolitano è in balia di questi organi,per cui il popolo italiano non è più sovrano come scritto nella costituzione, ma bensìsiamo sottomessi ad una oligarchia. Svegliatevi.

    WSM

    • luigi bandiera says:

      Rosanna,

      sscoltame:

      QUA BISOGNA MENAR E MAN… CIOE’ FAR.

      O FEMO O SOCCOMBEMO..!!

      CAPìA O NO STA MENADA DEL KAX..?????????

      Go scritto, no serve tanti gai (galli) in un pollaio…ma tante GAINE (galline). Cio’ e fa VOVI..?

      E GAINE FA VOVI SEMPRE E I GAI NO. MAI..!!

      Se anka e gaine tenta de far i gai… e cioke o imbriaghe, dixea me pora nona… eora bisogna SSCIOCARLE..!!
      Ahaaaa… che beo vedar ssciocar e cioke…

      Ero sui 8 o 9 anni, per cui…

      Me pora nona, na SANTA in tuti i sensi (16 fioi a ga fato) a ciapava e mate de gaine che credea de coar sempre e a ghe ficava ea testa in tel mastel pien de aqua.
      Ko a vedea che sta kax de gaina trava e sate un fia’ masa de prepotensa a la tirava fora da l’aqua.
      El tratamento par SSCIOCAR e gaine podeva durar na setimana.

      In MANICOMIO, i allorati senpre sora de i contadini analfabeti, FAXEVA “MEIO”..!!
      I doparava ea corrente..!! Quea de a LUCE par capirse.

      I faxeo el SHOCK…

      Ma me pora nona ciapava gnente, i alorai che faxeva pexo ciapava tanti sschei..!

      E dura ancora sta usansa. De ciapar tanto faxendo poco.

      Cioe’, el mona ciapa da mona e el sapiente, tante olte nol eo xe, el ciapa pi de sento olte quel che ciapa el mona..!!

      Se i va a studiar no xe parche’ i vol saer ma parche’ i vol CIAPAR DE PI’…
      Ea societa’ co sti elementi MORE..!!

      E, fortuna che i saria sapienti..!!
      Ma deso pasemo al soito argomento…

      KOL KAX CHE FEMO O OTEGNEMO EA INDIPANDENSA..!!

      Voio dir, che da xente alorada, me speto diexe olte e no sento, in pi’ de un ANALFABETA..!
      Ma che digo…

      SENTO (100) OLTE PI’ DE UN ANALFABETA che anca se no voi’ ricognosar sara’ sempre pi benemerito se riferio a valtri alorai.

      Par mi dove’ metar i pie’ par tera..!!

      Sio boni de farlo o tra vinti ani dovemo combatar contro de valtri..??

      Unkuo’ se valtri a comandar…
      Diman ki..?

      Valtri ancora..??

      Ma sio pricipi o principi..?

      Ma no credo..!
      Valtri no comandare’..!

      Se proprio fortunai che unkuo’ ea massa XE GNORANTE..!
      Beh, i mass merdia semena ben ne’..??

      Elò popoeo ciucoia e cusi’ tse se se fortunai…

      Salam

  5. fabio ghidotti says:

    sono clamorosamente in buona parte d’accordo con Alberto Lembo (che negli ultimi tempi sta cercando di rifarsi una verginità, parlando un po’ meno di complotti…), ovviamente anche con una motivazione diversa e più forte.
    Chissenefrega dell’unità nazionale che sarebbe stata in pericolo!
    Anzi, è esatttamente il contrario: questo E’ un governo di unità nazionale, anche se non lo si è chiamato cosi’ per tentare (inutilmente) di evitare l’ostracismo leghista. Magari gli italioni si preoccupassero sinceramente dell’opinione dei fratelli euopei, visto che siamo tutti sulla stessa barca, e non solo economica.
    La forma costituzionale, che attribuisce al presidente della repubblica la designazione del capo del governo, e a quest’ultimo la scelta dei ministri, è stata rispettata.
    Il problema italione è un altro: è il fallimento della classe politica professionista (ma non professionale) che ha dovuto consegnare l’esecutivo nelle mani di “tecnici” (chi sono? Appartenenti a un’altra specie animale?). E’ il fallimento di un sistema maggioritario inventato in parte anche per far deragliare la Lega (e ci sono riusciti…) E’ il fallimento della cosiddetta repubblica italiana.

  6. mr1981 says:

    Non è la prima denuncia di questo tipo che gira in Internet, prima di Pasqua l’avv. Paola Musu aveva presentato una denuncia più completa al tribunale di Cagliari -> http://www.blog.art17.it/2012/04/09/napolitano-e-monti-denunciati-per-attentato-contro-lintegrita-e-lindipendenza-dello-stato-e-altri-7-reati/

    • gianluca says:

      Vero, ma un po’ complicata da comprendere. Questa invece ci è apparsa stesa in modo da essere di più facile approccio.
      glm

  7. Vittore Vantini says:

    Per la presentazione di un simile esposto-denuncia vi sono aspetti condivisibili ed altri meno, ma ritengo comunque che, se tutte le Procure del Nord lo ricevessero (magari ulteriormente perfezionato), sarebbe un atto politico-giudiziario notevole. Questo potrebbe far parte del “fare”. Se poi le Procure (ma ognuna dovrebbe fare di testa propria) lo archiviassero o lo dichiarassero “irricevibile”, allora vi sarebbe un “fondamento” documentario e ufficializzato per adire altre sedi. Non sottovalutiamo azioni di tal genere!

    • gianluca says:

      Bravo Vantini, è proprio questo il senso dell’iniziativa dell’avv. Orelli col quale ho parlato direttamente.
      marchi

    • Dan says:

      E quali sarebbero le altre sedi visto che constata, in risposta al mio post, che al massimo saremmo in due ad applicare la legge marziale ?
      Finchè la gente non si sveglierà si potranno creare tutte le condizioni legali e logiche per giustificare un cambio violento dello status quo senza però vedere realizzato niente.

      • Vittore Vantini says:

        Non sono un avvocato, ma ci sono in Eu e nel mondo altri tribunali, che potrebbero accogliere la questione proprio sulla base del “fondamento” italiano, che invece potrebbe trovare ascolto e, quindi, una pubblicizzazione ad alto livello O meglio star fermi e zitti a belare?

        • Dan says:

          Negli altri stati, tribunali e forze di polizia sono forse stipendiati da qualcuno che non è il relativo stato al quale appartengono ?
          Perchè mai dovrebbero avallare un precedente che potrebbe determinare il cambio di status quo a danno dei stipendi dei magistrati ?

    • luigi bandiera says:

      Ahaaaaaaaaaaaaaaa……………….

      Come siamo a ramengo.

      MAI CI SARA’ UN INCIPMAN o come kax si scrive, per il detto RE GIORGIUS.

      Se leggo posso anche capire ma se non mi fanno leggere non posso capire.
      Quale e’ il problema che NASCE CON LA COSIDDETTA REPUBBLICA ITALIANA..??

      L’ITALIA ERA FUORILEGGE DA APPENA NATA… quindi i vari elementi come il presidente e tutto il resto.

      Oggi, e dai e dai, qualche esperto in materia (prima ndo kax erano..?), esce allo scoperto.

      Ma kax, che kax vi serve per essere ONESTI..???????

      Erano da sempre non i GARANTI. Ma se non fu MAI rispettata la costituzione detta carta igienica per elevarla un po’ dalla merrrrddd..!!

      Kax. mi strappate frasi che non vorrei mai pronunciare e men che meno scrivere.
      Solo passati i 50 anni di vita io ho usato parole scurrili… prima mai.

      Oggi, speso non so farne a meno.

      Scrissi: imparero’ a bestemmiare prima del mio gateway..!!

      Kax, si sta avverando..!

      ALLORATI, USCITE ALLO SCOPERTO KAX..!!

      VOLETE CHE GLI ANALFABETI FACCIANO IL VOSTRO DOVERE..??

      DATEVI UNA MOSSA KAX AL KUBO..!!

      An Salam e non dite che non la capite.

  8. Rosanna says:

    e con questa siamo a 48

  9. Federico Lanzalotta says:

    con tutto il rispetto per l’iniziativa, mi sembra una gran cazzata non tanto per le motivazioni elencate, ma soprattutto per voler porre la costituzione italiana come riferimento di iniziative contro lo stato italiano.
    La costituzione è uno degli strumenti usati contro l’indipendenza e voler dar credito ad essa è continuare a mantenere ben salde e intoccate le catene che ci legano a Roma.
    Un solo motto è possibile: VIA DA ROMA.

    • gianluca says:

      La sua osservazione non è sbagliata, ma ricordiamoci che al momento però è lo strumento che c’è…
      glm

    • Trasea Peto says:

      Giusto!
      La Costituzione di uno Stato non è la “Bibbia” e se lo Stato in questione è occupante straniero per me è straniera anche la sua Costituzione e anche i suoi fedeli adepti.

    • valter bay says:

      mentre tu vai “via da Roma” cerchiamo di costruire un “incidente” giuridico dal quale iniziare non tanto ad essere indipendenti quanto ad essere almeno cittadini e non sudditi…
      ciao
      vb

  10. mario says:

    Il Monarca Burocratico Napolitano via dal nostro Paese Repubblicano, il Colle non è le Palais De Tuileries! via fuori Napolitano! vada nel in Africa a fare il Luigi XVI di BORBONE, Napolitano = monarca burocratico borbonico

  11. pasquale vaira says:

    L’avv. Gianfranco Orelli mi ricorda quel famoso monaco il quale, pur di far parlare di se, andò a …farla sull’altare

  12. Dan says:

    Fantastica denuncia peccato che non vedrà alcun concreto seguito. L’unica cosa da farsi è che la gente marci su Roma, arresti questi traditori e li passi per le armi secondo disposizioni da legge marziale.

    • Vittore Vantini says:

      Di marce su Roma ne abbiamo già avute. E,poi, chi parte? Tu ed io?

      • Dan says:

        Infatti, chi parte ?
        Per poter applicare una cosa così ci vuole prima un sentimento di nazione che da noi, a prescindere dai movimenti indipendentisti, non abbiamo mai avuto.
        A tutt’oggi, neanche davanti a tutto questo schifo, siamo capaci di riunirci per organizzare una vera resistenza anche perchè sotto sotto ci fa comodo se qualcun altro va avanti per noi: una volta è un duce, un’altra sono dei terroristi…
        In altre parti del mondo, certe cose che succedono qui da noi avrebbero già fatto scoppiare raffiche di rivolte e rivoluzioni.

        • Vittore Vantini says:

          Bene! Assodato che tu ed io questo sentimento lo abbiamo, dove sono gli altri? O la marcia la debbo fare io e poi…ti dò notizia…….?

          • Dan says:

            Si deve trovare un modo di far alzare il sedere alla gente ma sinceramente non ho idea quale possa essere.
            Fosse per me e bastasse questo a cambiare le cose, sarei già scattato ai tempi in cui mi resi conto che la pressione fiscale precedente a monti risultava già allora insostenibile per chi voleva lavorare (non è che la disoccupazione o gli “scoraggiati” sono una novità degli ultimi mesi, è almeno dal 2004 che si va avanti così) e di conseguenza veniva violato l’art. 4 ma ieri come oggi sono solo.
            Sto aspettando che nelle fabbriche scoppi qualcosa e non vedo niente. Sto aspettando che si inneschino blocchi a catena e scopro che i così detti “forconi” si muovono solo in tandem con gli autotrasportatori e quest’ultimi organizzano blocchi massimo di cinque giorni perchè questo autorizza loro la prefettura (cioè rendiamoci conto, se vuoi fare la rivoluzione prima chiedi il permesso a chi vuoi rovesciare, siamo al paradosso).
            Sto aspettando che scattino i pignoramenti di massa e che gli occupanti, ovvero i legittimi proprietari, si ribellino violentemente ad un destino sotto i ponti insieme ai loro figli ma qualcosa mi dice che in tanti faranno fagotto e rinunceranno senza lottare ai sacrifici di una vita.
            Sinceramente con queste premesse, con questa mancanza di spina dorsale di fronte perfino a problematiche di sopravvivenza mi viene un po’ da ridere a supporre una reazione a causa di un’accusa per alto tradimento di un testo che dovrebbe essere più sacro del vangelo ed invece viene considerato da tutti carta da culo.

            • valter bay says:

              Dan…continua a stare seduto!!!! quanto al resto ed ai tuoi dubbi…parla per te e per quelli come te…
              conosci il “Judo” ????si usa la stessa forza dell’avversario per metterlo al tappeto…questione di riflessi e di equilibrio…..
              ciao

  13. axor says:

    se qualcuno li prende a calci in quei culi flaccidi anche se disoccupato uno stipendio lo devolvo

  14. Anonymous says:

    Bisogna interdire Napolitano per avanzata età e per aver messo Monti a premier!!! Non doveva dare quella carica in cambio di favori (stipendio,e pensione d’oro). I favori sono relativi al pandemonio che ha scatenato contro la collettività, quindi si parla anche di istigazione alla violenza oltre che aver agito contro Costituzione. In USA sarebbe stato messo a morte!
    Napolitano puzza come la casta!!!

    USIAMO IL 25 APRILE PER MANDARLI VIA TUTTI ANCHE CON LA FORZA!

    SE COSÌ NON SARÀ FATTO 100 FAMIGLIE ITALIANE PRENDERANNO POTERE E IL RESTO… CICCIA!

  15. lorenzo says:

    esendo reidente in brasile vorrei sapere se questo esposto potrebbe essere presentato presso il consolato o l ambasciata?
    Mi piacerebbe tanto poter fare qualche piccola azione e
    dimostrare che anche li italiani all estero possono contribuire a sostenere la ns. costituzione.
    Purtroppo i ns rappresentanti eletti nelle circoscrizioni estero non fanno nulla, non servono a nulla e dovrebbero essere cancellati.
    L ´azione del presidente mi fa ricordare da dove proviene ossia dalla ideologia marxista che e´fallita in tutto il mondo
    In questa ideologia l´opinione del popolo non e´mai stata tenuta in considerazione.
    Grazie per eventuale chiarimento

  16. omega says:

    iniziative che lasciano il tempo che trovano.
    assolutamente inutili.

    Suggerirei alla redazione dell’Indipendenza di redigere articoli più incisivi, puntuali e di spessore.

    L’indipendenza è una testata on-line giovane e quindi si spera migliorerà col tempo, acquisendo anche firme di spessore tra i suoi articolisti.

    Ma deve assolutamente acquistare spessore intellettuale, altrimenti non diverrà mai la portavoce dell’indipendenza del nord.

  17. Alberto Lembo says:

    A Costituzione vigente, di cui si può dire o pensare tutto il male possibile ma è la norma base dell’ordinamento italiano,l’esposto assembla un insieme di tesi estremamente opinabili ed emerite caxxate!! Cito solo il fatto che non sia possibile affidare l’incarico di formare un governo ad un personaggio estraneo al parlamento, il concetto di “premier eletto”, esistito solo nella fantasia di Brerlusconi, il fatto che il Parlamento abbia votato supinamente la fiducia, cosa che poteva essere negata rovinando il gioco di Napolitano e compari… Suggerirei un esame di riparazione in diritto costituzionale…anche se la sostanza dei fatti è suppergiù quella illustrata. Se si parte con una simile azioine, però, le tesi e le accuse devono essere ineccepibili….

Reply to Dan Cancel Reply