La crisi si fa rovente, il film della giornata in attesa del botto

conte-anci-640x360di Silvana Logozzo – Inizio di settimana cruciale per la crisi di governo. Il clima si presenta rovente fin dalla mattina, sia tra gli ex alleati giallo-verdi, che dentro il Pd. Da una parte le bordate di Grillo e Di Maio contro Salvini. Dall’altra la seconda crisi, tra Renzi e Zingaretti. Il primo insiste su un governo di transizione con il M5s, per il segretario Dem invece la linea e’ il no a un governo di scopo. Beppe Grillo va poi all’attacco degli “avvoltoi” alludendo a Renzi; il Pd critica la presidente del Senato Casellati definendo una “forzatura” la decisione di convocare l’Aula per il voto sul calendario gia’ domani. Un’atmosfera avvelenata, con attacchi a ripetizione e profonde divisioni. Ecco il film della giornata. ORE 10,04 – Casellati spiega che “La convocazione dell’Assemblea non e’ una forzatura, ma l’applicazione del regolamento”.

ORE 10,50 – Di Maio all’assemblea congiunta dei gruppi M5s.

ORE 11,47 – Di Maio: “Salvini non ha tradito il movimento o Conte, ma milioni di italiani”.

ORE 11,58 – Zingaretti al Nazareno, “Pd sia unito. Non e’ credibile l’ipotesi di un governo per fare la manovra economica e portare al voto: un regalo alla destra”.

ORE 11,59 – Grillo sul blog alludendo a Renzi: “Volano avvoltoi di nuova generazione. Nuova specie di sciacallaggio”.

Ore 12,00 – Di Maio, “Berlusconi e Salvini vanno dal notaio per firmare un patto che assicura seggi a Berlusconi. Salvini gli svendera’ la Lega“.

ORE 12,17 – Grillo sul blog attacca il capo della Lega: “Lo sceriffo e’ in fuga dalla citta’. E’ in corsa a chiedere mezzi all’ex cavaliere disarcionato (del porco non si butta via niente)”.

12,17 – Di Maio, “Mattarella e’ l’unico che decide quando e se andare a votare. Saltera’ tutto quello che abbiamo fatto”.

ORE 12,23 – Di Maio: “La Lega ritiri i suoi ministri o sfiduci se stessa”.

ORE 14,07 – Il Pd mobilita i senatori.

ORE 14,58 – Renzi su Twitter, “un onore gli insulti di Grillo”.

ORE 16,13 – Il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci: “Una forzatura inaudita convocare domani l’Aula sulla crisi”.

ORE 16,14 – Carlo Calenda, “Ci sono due Pd: uno ha i gruppi parlamentari e un altro il partito. La scissione gia’ c’e’. Il governo Pd-M5s rischia di farsi”.

ORE 16,15 – Al via la conferenza dei capigruppo del Senato.

ORE 16,29 – Anche M5S e Misto richiamano le truppe al Senato: con i Dem si tratta di 159 senatori, contro i 136 voti potenziali di Lega, Fi e Fdi.

ORE 16,55 – Di Maio, “Non vogliamo sederci al tavolo con Renzi”.

ORE 16,56 – Di Maio: “Salvini mette a rischio il Paese. Andremo in esercizio provvisorio: un rischio assurdo”.

ORE 17,48 – La capigruppo del Senato fissa per il 20 agosto le comunicazioni del premier. Sul calendario votera’ domani l’Aula.

ORE 18,03 – Pd-Leu, “spettacolo indegno, la Casellati non doveva prestarsi”. Si tratta di una “forzatura inaudita”, aggiungono.

ORE 18,03 – Anna Maria Bernini, capogruppo FI: “M5s-Pd creano la rampa di lancio per il Conte-bis”.

ORE 18,23 – Lega: “Una nuova maggioranza M5s-Pd-Leu? Vedremo il voto di sfiducia. Giusto che domani l’Aula voti, anche se sembriamo non avere numeri”.

ORE 18,46 – Riunione tra Salvini e i parlamentari della Lega.

ORE 19,02 – Domani in Senato voto per la sfiducia il 14.

ORE 19,52 – Salvini: “Pronto a ritirare delegazione? Pronto a tutto. Non siamo attaccati alle poltrone, lo vedrete presto. Mi affido al Colle, non c’e’ altra maggioranza”. Nelle prossime ore non si escludono colpi di scena.

ORE 19,52 – Salvini: “Pronto a ritirare delegazione? Pronto a tutto. Non siamo attaccati alle poltrone, lo vedrete presto. Mi affido al Colle, non c’e’ altra maggioranza”. Nelle prossime ore non si escludono colpi di scena.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment