La Corte dei conti: no all’uso disinvolto del redditoemtro

di REDAZIONE

Monito della Corte dei Conti sul redditometro: no all’uso disinvolto dei dati. Ma l’Agenzia delle Entrate difende lo strumento e precisa: saranno accertati solo l’evasione spudorata e i finti poveri. Il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, in occasione del convegno ‘L’anagrafe tributaria nella prospettiva del federalismo fiscale’ ha chiesto cautela: e’ necessario “evitare l’uso disinvolto di informazioni disallineate e non verificate” nell’adozione di strumenti come il redditometro. “Il redditometro – ha aggiunto – come tutti gli strumenti presuntivi ha bisogno di cautela per l’efficacia probatoria. E’ necessario che l’amministrazione verifichi sempre i risultati e proceda all’accertamento”. Per l’Agenzia delle Entrate si tratta di uno “strumento utile e idoneo per intercettare forme di evasione spudorata e finti poveri”. Il vicedirettore Marco Di Capua ha voluto sottolineare che il redditometro “non e’ una panacea, e’ uno strumento insieme ad altri e importante come altri. Non e’ uno strumento di accertamento di massa”. I controlli del redditometro sui contribuenti “saranno inferiori ai 40 mila l’anno”, ha continuato e “non interessera’ situazioni in cui la spesa si discosta dal reddito di mille euro per dodici mesi l’anno”. “Con la platea di spesa ampliata non c’e’ criminalizzazione della ricchezza”, ha detto ancora.

“Quello che interessa non e’ piu’ perche’ ho comprato o perche’ ho speso ma che si sia speso. E’ giusto che ci sia liberta’ di impiego del proprio reddito”. L’Agenzia sta comunque ancora lavorando alla definizione della circolare applicativa del redditometro. Secondo il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera lo strumento consentira’ di potenziare da subito la strategia della lotta all’evasione. “La strategia verra’ potenziata nell’immediato con il redditometro”, ha spiegato precisando che per le persone fisiche “l’analisi dell’infedelta’ fiscale si concentrata sulla compatibilita’ tra reddito consumato e dichiarato”. “E’ uno strumento che a differenza del passato abbandona il ricorso alla presunzione di disponibilita’ di pochi beni e si concentra sulla spesa effettiva del contribuente che ha un reddito non adeguato a supportarla”. L’evasione fiscale “e’ un male da estirpare da questo Paese”, ha aggiunto Befera ricordando che “ogni anno 120 miliardi di euro vengono sottratti alla collettività”.

Comunque, ha concluso, “nel 2012 sono stati confermati i risultati positivi 2011 (circa 13 miliardi, ndr) nel recupero dell’evasione nonostante il periodo di crisi”. Befera ha spiegato che dal 2008 sono “oltre 1,8 milioni le rateazioni concesse per oltre 22 miliardi: somme che stiamo recuperando ma in un lasso di tempo lungo”. “Nell’ultimo periodo – conclude – e’ cresciuta la sensibilita’ dell’opinione pubblica rispetto all’evasione fiscale che tende a essere percepita in tutta la sua gravità”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. Tere says:

    Per paura si verificherà un ulteriore calo dei consumi tra la popolazione economicamente più debole … addio crescita e sviluppo

    • Dan says:

      Mi sa tanto che il loro concetto di “crescita e sviluppo” riguarda solo una stretta cerchia di persone con tutti gli altri ridotti di nuovo in schiavitù in eterna lotta per grattare un pezzo di pane

  2. Dan says:

    “l’Agenzia delle Entrate difende lo strumento e precisa: saranno accertati solo l’evasione spudorata e i finti poveri.”

    Domandina di logica banale banale.

    Come farà l’agenzia delle entrate ad accertare evasioni spudorate e finti poveri se per poterli già classificare come tali dovrebbe già averli accertarti in precedenza ?

    Sembra quel giochino che fa la pula quando vuole indagare su qualcuno: prima si introduce in casa di nascosto, poi si fa dare il mandato e fanculo ai diritti della gente

  3. Antonino Trunfio says:

    In itaglia ? tutto è possibile.

  4. Veritas says:

    Possibile che non ci sia nessun partito o movimento che promuova una class action contro il redditometro???
    E che i giornalisti dormano e non riportino l’enorme malcontento dei cittadini che saranno costretti a perdere un sacco di tempo per questo strumento. E poi vogliamo la crescita!!!

    • Mi risulta che partiti e giornali italioti vivano di contributi statali, derivanti proprio dalle tasse estorte dagli scagnozzi grigioverdi alle dipendenze del mafioso in foto… perché mai dovrebbero sputare nel piatto dove mangiano?! Altro che partiti, giornali e associazioni, smettete di pagare le tasse singolarmente, come cittadini, tirate fuori le palle e NON VOTATE!

      http://www.mlnv.org

    • Dan says:

      I partiti sono fatti per rubare soldi facendo credere ai derubati che è per il loro bene. Per qualche arcano motivo dovrebbero agire concretamente contro un nuovo fantastico sistema di mungitura automatica in grado di portare nelle loro tasche altro denaro oltre a quello che già prendono indebitamente ?
      Idem per i giornalisti dal momento che lavorano tutti per testate mantenute con i soldi della gente.

      Gli unici che possono e che soprattutto devono muoversi sono le persone senza dover aspettare intermediari di dubbia moralità e capi popolo

Leave a Comment