La Consulta decreta la sanità degli impuniti “federalisti”

di STEFANIA PIAZZO

Mettiamoci un masso sopra. Puoi spendere e spandere quanto vuoi. E non ti punisce nessuno. Puoi mangiare, sperperare, gestirli male, i soldi, e nessuno ti toglie la cadrega dal di dietro. Tranquilli, cari politici delle regioni sanitarie in rosso, dal Lazio alla Puglia, dalla Sicilia al Molise, dalla Calabria alle Alpi,  tra conti ereditati e responsabilità dirette…, i bilanci già sanati dai decreti dei governi vanno a fare il paio con la nuova sentenza del giorno. Che dice che…. Cari cittadini, non si possono sanzionare i cattivi amministratori. Se sbagliano, e si sa che sbagliano, pagate voi. E i governi regionali in dissesto… beh… anche quelli, mica avrete intenzione di scioglierli? Non si può.

La sentenza lunare in fior fiore di diritto arriva dalla Corte costituzionale che decreta, occhio,  l’illegittimità costituzionale di alcuni punti del decreto legislativo sul federalismo fiscale con cui furono introdotti meccanismi sanzionatori per gli amministratori locali alla guida di enti con i conti in rosso. E’ illegittimo far pagare il conto a chi rompe. Chi rompe non paga mai, in Italia.

Le pensioni d’oro non si possono toccare, i clandestini non si possono chiamare clandestini, se sei esodato non hai diritto a nulla, se sei nomade hai più possibilità magari di avere la casa, se ti alzano il ticket perché il direttore sanitario ha speso troppo senza giustificare la spesa, devi ringraziare il garbuglio del decreto sul federalismo fiscale, finto, ribaltato dal giudici, veri, per non punire la mala gestio, vera, degli amministratori, fin troppo veri.

La sentenza 219 della Consulta trova l’arzigogolo italiano giuridico per cui non si possono cacciare gli incapaci perché la norma fissata dal decreto è  “assunta in carenza di delega”. Ed è pure fuori legge la norma con cui si obbligano le Regioni a redigere una relazione di fine legislatura con riferimento in particolare alle situazioni economico-finanziarie e alle azioni intraprese per contenere le spese, soprattutto in materia sanitaria. Capita l’antifona? Proprio lì, dove stata il bello, la polpa del bilancio delle regioni, la polpa del bilancio dello Stato. Non si deve: è fuori legge rendicontare. Viva i bilanci tira e molla. Colpa della carenza della delega.

E siccome il decreto è scritto male, non va neanche bene il passaggio della norma con cui si disciplina l’ipotesi di scioglimento del Consiglio regionale e di rimozione del presidente della Giunta, come conseguenza di “grave dissesto finanziario”. Anche in quel caso, ci sono  “due profili apertamente contrari al modello costituzionale”: “l’articolo 126 della Costituzione – ricorda la Consulta – ha compiuto scelte precise in ordine al riparto delle competenze costituzionali tra gli organi investiti dell’applicazione del potere sanzionatorio. Tra questi ultimi non compare la Corte dei Conti, mentre si legge che al “parere affidato alla Commissione parlamentare per le questioni regionali non è  attribuito carattere vincolante”, al contrario di quanto previsto dalle norme impugnate. Questa la parte tecnica.

In concreto, ci hanno gabbato anche questa volta. Con chi ce la dobbiamo prendere? Con chi ha scritto il decreto? Con i giudici che decretano che è illegittimo? Con gli amministratori che se la scapolano così, un’altra volta?

Il risultato non cambia: possono fare, disfare, dissestare, distruggere. Ma l’Italia è il paese in cui la legge nulla crea e nulla distrugge. Tutto resta immutato. Lo zero al quoto. Ma allora, se il federalismo che ci hanno spacciato è questa somma di impunità, che prezzo ha pagato per decine d’anni il Nord per comperare un brand di facciata tarocca, spacciata per la conquista del secolo?

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

8 Comments

  1. Miki says:

    Eccolo allah! L’illegittimità costituzionale! In risposta a tutte quelle teste di c. (aspita!) che dicono in 25 anni di U. Bossi risultati zero.

    Tanto per non dimenticare: la gombosizzione della gorde gosdiduzionale

    Criscuolo
    Mazzella-Silvestri-Cassese-Tesauro
    Napolitano (Paolo)-Lattanzi-Carosi-Cartabia
    Maradona-Careca

    All. Napolitano (Giorgio)

    Volete che i risultati della Ln diventino tangibili? Buttate una bomba H sulla consulta invece di romperci i c. (osiddetti) sulle riforme di legge che sono state abbondantemente fatte negli ultimi 25 anni. Prima che la consulta le distrugga TUTTE

    Padania Libera da queste m…e togate

  2. Leo says:

    Grazie Stefania, sei troppo forte. Ma non credi che ormai vi sia rimasto un solo modo per provare a risanare questo marcio stivale. Iniziando con il mandare in esilio “The King” dal sangue blu ma che vuol far passare per rosso.

  3. luigi bandiera says:

    La cosiddetta democrazia in itaglia fa si che nessun politico abbia responsabilita’ della buona o cattiva gestione della cosa pubblica. E mi sono ripetuto ancora.
    I sindacati, appendici politiche, nemmeno.
    I toghi rossoneribianchi, l’inquisizione del vero potere, nemmeno.
    In definitiva i menbri dei poteri sono IMMUNI, sono senza peccato..!

    Sono delle “MADONNE”.

    Quindi, non meravigliamoci piu’ di tanto dei fatti che succedono e succederanno..!

    BISOGNA CAMBIAR REGISTRO..!

    Lo dicono tutte le “MADONNE” ma non si muovono dalla loro POLTRONA che e’ = a gran paga..!

    …la sovranita’ appartiene al popolo… kampa kavallo del west… (qua la darebbero).

    …ke la esercita nei limiti… (qua la tolgono).

    I presunti padri di questa (???) cosa non furono mika dei grandi politici. Furono dei grandi giokatori alle o delle tre karte..!!

    Agli usa bastava che non fosse con la bandiera falce e martello. Accettarono cosi’ l’andazzo appena nato.

    Loro avevano vinto e conquistato l’itaglia, la lasciarono nelle mani degli itagliani sempre che’ i governi rimanessero li’. Piu’ o meno. E pero’ ci misero piu’ basi militari… per il fronte con la cortina di ferro. La scusa era buona e accettata da tutti.

    Pero’ il komunismo intanto si rinforzava e cresceva sotto le ceneri o sotto false spoglie.
    C’e’ in tutta europa, centro nord, ma li’ sono, forse, meno stupidi e i governi sono piu’ accorti e palpano i bisogni del popolo. Curano davvero i loro interessi.

    Qua sono sempre lì a litigare per le POLTRONE..!

    E’ un andazzo da SCHIZOFRENICI… da malati di poltronite.

    Non lo so, non sono sicuro di quel che dico perche’ in itaglia non c’e’ niente di STABILE. Di IMMOBILE. Che da’ SICUREZZA. Che ti porta ad essere lanciato nel futuro magari roseo, almeno.

    E nel frattempo che noi si discorre, magari anche inutilmente dato che non si conta un kax, l’INVASIONE CONTINUA ed e’ a NOSTRO KARIKO..!!

    L’itaglia sta diventando un VERO INFERNO..!

    Finalmente Belzebu’ sara’ contento kax..!
    .
    .
    .
    E cosi’ sia.

  4. Albert1 says:

    Tutto questo nello stesso paese in cui un imprenditore, se non versa – oltre una certa quota – le tasse perché i committenti non lo pagano, si becca una condanna penale. Sì, c’è stata, grazie al cielo, una manciata di assoluzioni, creando dei precedenti, però quanti son stati colpiti e affondati!

  5. Dan says:

    Comunque oggi, in tema di cagate “costituzionali” si va forte in tutto il mondo, in Michigan ad esempio è incostituzionale che Detroit possa fare fallimento

    http://www.ansa.it/web/notizie/collection/rubriche_economia/07/18/Usa-Detroit-dichiara-bancarotta_9042878.html

    Evidentemente la Costituzione di Copperfield e Zurlì è in grado di cacciare fuori i grani dal cilindro…

  6. Roberto Porcù says:

    Ma di che cavolo vi meravigliate! Continuo a sostenere da tempo immemore che l’Italia è in mano ad una associazione a delinquere di stampo politico-burocratico e non si è mai verificato il caso di una associazione a delinquere che di sua spontanea volontà si redima.
    Per la caccia all’investitura indossano giacchette di diverso colore, ma poi tutti fanno gli interessi della loro grande associazione.
    Questo vale per il sud, ma vale anche per il nord, incorniciatevelo bene in mente, solo che al nord ci sono più quattrini da gestire ed il profondo rosso non si avverte.
    Se siete scettici, pensate a qual’è la capitale del nord e se vi rispondete Milano, ricordatevi che in Italia per fare qualunque cosa serve un consenso unanime ché altrimenti qualunque operazione può essere bloccata ed il consenso unanime si paga, ricordatevi di Penati che per una parte ha già beneficiato della prescrizione e su quel che resta scenderà l’oblio.
    Anche perché Milano deve apparire all’opinione pubblica un’oasi di buona amministrazione.
    Dove la mafia fa grossi affari, essa fa d’incanto sparire la piccola delinquenza ed ammazzato non muore più nessuno perché ciò attirerebbe l’attenzione delle forze dell’ordine che invece è bene se ne stiano tranquille in altre mansioni.
    A Milano ci sarà l’Expo con il quale l’associazione a delinquere di stampo politico-burocratico sta organizzandosi.
    Se pensate che la capitale non sia Milano, guardate altrove con occhio smaliziato.

  7. pippogigi says:

    ll tutto mi pare in linea con le dichiarazioni di Napolitano, perché stupirsene, Beppe Grillo va al Quirinale chiedendogli di andare in televisione e dire come stanno realmente le cose, Napolitano se ne guarda bene ed invece fa un discorso sul fatto che questo governo non deve cadere pena “conseguenze irreparabili” (come se la distruzione dell’economia padana non fosse una cosa irreparabile). Di fatto Napolitano ha annunciato l’immunità generale per i membri di questo governo e perché no dei parlamentari dei partiti che lo sostengono e dei membri dei consigli regionali.
    Così vanno le cose a sud della Linea Gotica, devo raccontarvi come vanno invece nella civile e vicina Svizzera?

  8. Dan says:

    “’illegittimità costituzionale di alcuni punti del decreto legislativo sul federalismo fiscale con cui furono introdotti meccanismi sanzionatori per gli amministratori locali alla guida di enti con i conti in rosso”

    Ma allora si può interpretare anche per i patti di stabilità dei comuni ?

    Se è così, consiglio a tutte le giunte di aprire immediatamente i cordoni della borsa così da far scucire i soldi dallo stato, poi per far pagare i cittadini, tranquilli… senza fretta…

    (e qui mi aspetto un bel “eh no cara la mia merdaccia” in stile fantozziano)

Leave a Comment