La Chiesa, sempre più lontana dal comune sentire della gente

papa-francesco_h_partb

di SERGIO BIANCHINI – Leggendo l’ultima esternazione del papa, secondo il quale è meglio essere atei che andare sempre in chiesa e odiare gli altri mi è venuto in mente il mio amico Agostino che tutti i giorni va all’oratorio e lavora per la Caritas ritirando e distribuendo cose usate, accompagnando gente inabile alle visite mediche, aggiustando le suppellettili in uso alle manifestazioni varie della parrocchia. Si, lui è cattolico a modo suo, come gli insegnavano la madre e la nonna. Spesso impreca sia contro gli stranieri che “pretendono le cose e nemmeno ringraziano” o contro gli altri parrocchiani che ” dicono, dicono, ma quando c’è bisogno non si trovano”. Ebbene, lui rientra perfettamente nel quadro della negazione delineato dal papa. Ma, mi chiedo io, sarebbe meglio che nemmeno si facesse vedere in parrocchia?

 

Allora al mondo sembrano tutti degni di amore escluso il cattolico reale italiano. Che oggi al 30% vota Salvini, magari dopo aver subito un’aggressione o un furto da qualche giovanotto africano.

Forse il papa non conosce bene la profonda natura contradditoria del cattolico italiano, che in fondo è l’Italiano, che è fortemente bonario e mite ma a livello verbale cerca di raccontare e raccontarsi anche la realtà confusa e perfino caotica in cui la società italiana si trova ormai da decenni.

 

Tutti i tentativi di eliminare questa contraddittorietà con forzature sono falliti, dal fascismo prima, fino al terrorismo degli anni ‘70. L’Italia è un paese intrinsecamente contraddittorio, per ragioni storiche profondissime che operano potentemente anche oggi e che io sintetizzo dichiarando l’esistenza di tre Italie. Da un lato filoamericano ma contemporaneamente filorusso. Da un lato cattolico integrale ma dall’altro ultra perdonista. Da un lato statalista e legalista ma poi incline a tutte le eccezioni rispetto alla legalità. E l’elenco delle contraddizioni a volte stridenti potrebbe continuare all’infinito.

Di queste contraddizioni ognuno in Italia è consapevole e proprio per questo si sopravvive con la mitezza pratica, una mitezza che non ha eguali al mondo. Chi non ci crede vada ad esaminare le statistiche mondiali sugli omicidi ed anche sui femminicidi.

Ma la determinazione del papa nel far diventare tutti i cattolici italiani dei rivoluzionari dediti solo all’altruismo, alla militanza mondialista e dimentichi di se stessi non potrà reggere. Già adesso la chiesa si trova defilata come mai prima rispetto al comune sentire italiano che vive con crescente ansia il continuo peggioramento delle condizioni i sociali ed economiche che i governi graditi ai vertici ecclesiali hanno contribuito a creare o non saputo correggere.

La chiesa andando avanti così rischia di diventare un corpo estraneo e perfino ostile alla comunità italiana. Non credo possa desiderare e nemmeno accettare questo.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

8 Comments

  1. giancarlo RODEGHER says:

    Certo fare il papa non deve essere facile.
    Sono anche certo che fare il cristiano vero al giorno d’oggi è un’impresa titanica perché non siamo più ai tempi dei romani ma siamo ai tempi del globalismo, della relatività, delle unioni civili, della adozioni alle coppie gay o lesbiche, siamo ai tempi della voracità bancaria e finanziaria, siamo ai tempi della distruzione continua della terra, dove negli asili assistiamo continuamente alle cattiverie e alle nefandezze di maestre o assistenti tali che rovinano le nuove generazioni, siamo ai tempi in cui la maggior parte dei politici vivono solo per i propri interessi e talvolta da veri parassiti arricchiti da privilegi che loro stessi si sono attribuiti.
    La lista è lunghissima, quindi siamo in un momento storico in cui anche la chiesa cattolica sembra aver smarrito l’unica bandiera in suo possesso , il Crocifisso, e l’unico libro a cui dovrebbe attenersi, il Vangelo.
    La prima cosa che dovrebbe fare è fare pulizia interna dei preti pedofili !
    La seconda quella di non essere più uno stato ma una chiesa e basta !
    La terza quella di impoverirsi quel tanto da non rimanere con il culo per terra e vendere molti dei propri beni e fare Lei finalmente beneficienza ed assistenza molto più di quanto oggi faccia.
    La quarta predicare la salvezza delle anime più che dei corpi.
    La quinta far applicare ai grani prelati il voto di povertà e di umiltà.
    La sesta iniziare a vestire più modestamente anche nelle cerimonie religiose.
    Mi fermo altrimenti arriverei a fare i dieci comandamenti per la Chiesa.
    Allora la Chiesa deve parlare alle anime, deve poter dire la sua ma sempre nell’ambito del Divino e mai nell’ambito politico laico.
    Dire “………chi sono io per poter giudicare “…o…..” è meglio essere atei ” non fa parte del buon predicatore.
    Egli stesso si sminuisce ma non per modestia o umiltà ma per non schierarsi apertamente con gli insegnamenti di Cristo. Allora sui Gay o Lesbiche è vero che Gesù perdonò ad una meretrice….”chi è senza peccato scagli la prima pietra”….E’ invece vero che Sodoma e Gomorra furono distrutte direttamente da Dio per i peccati gravi che vi si commettevano. Allo stesso modo caccio i mercanti dal Tempio ma non disse venite a me altrimenti restate Atei !!! , Ma anzi cercava di convertire più persone.
    Se siano tutti peccatori, anche i peccatori hanno pieno diritto di frequentare la Chiesa e gli atei vanno convinti e non respinti,
    Amen !!!!

    WSM

    Fare politica civile, anzi avvicinarsi agli atei o meglio politica

  2. Walter Zanier says:

    Questo è un papa peronista con la differenza che Peron predicava e ha distrutto solo l’ Argentina, questo predica al mondo occidentale (quello orientale e islamico non lo ascolta). Non è lucido nelle sue esternazioni, è accecato dalla sua ideologia.

  3. luigi bandiera says:

    Partiamo da questa massima:

    E’ IL PASTORE CHE SI SCEGLIE IL GREGGE E NON VICEVERSA.

    Caro Bianchini, e’ da stabilire chi e’ e deve fare da PASTORE e chi e’ e deve fare il GREGGE. Si direbbe: i RUOLI dei due quali sono..?
    Beh, capitribu’ e stregoni da sempre hanno governato il popolo o tribu’ per cui… ad ogni buon intenditore…

    Tuttavia mi pare semplice il gioco del potere: uno comanda, il passtore; l’altro ubbidisce, e sara’ giocoforza il gregge.

    So che non saro’ capito ma insisto sul tema (lo starnazzo da tempo ma inutilmente). Prima o poi uno almeno ci sara’ che mi comprende e prosegue col discorso da me avviato.

    Nelle BANDE dei KATTOKOMUNISTISLAMICI la regola numero uno e’ (come del resto e’ nella carta piu’ bella del mondo) che la testa sono loro e il resto del corpo sono i noti PEONES o ILOTI del terzo millennium.

    Va da se che noi si puo’ votare chiunque sbraiti che sara’ il nostro vero paladino e senza se e senza ma inesorabilmente a noi rimane il prenderlo in tel posto. Volenti o nolenti. Beh: il palazzo poggia da sempre verso il basso. Quindi..?

    Sta critto, nella storia dell’homo, che da sempre il popolo sceglie BARABBAS e mai il GIUSTO.

    Per farvi incaxxare (forse) basta mandarvi a leggere l’art. n. 1 della carta piu’ bella del mondo (per loro).
    Se nessuno si e’ accorto che tutta la carta e’ DEVASTANTE… ahi noi.

    In pratica si parla di sovranita’ popolare ma FITTIZIA. INESISTENTE, nella pratica.

    Ma domando: da chi e’ stata pensata e poi scritta ed approvata sta kax di carta piu’ bella del mondo..? PUZZA DI KATTOKOMUNISMO POI ORA ANCHE di ISLAMISMO e DA ASFISSIA GENERALE..!

    Non mi dite che il popolo c’entra. Meglio, il POPOLLO..!

    E dunque, fin che l’intellighenzia nordica e italiana non impara a leggere sia il nero su bianco come pure i fatti, saremo sempre sottomessi dai PASTORI. Vecchi o NUOVI essi siano.
    Il perche’ siamo considerati tutti un bel GREGGE..! Una MASSA… per cui per natura IGNORANTE.

    ARTIKOLO NUMERO UNO: l’italia e’ una repubblika fondata sul lavoro, = degli altri. CIOE’ A NOI SPETTA IL LAVORO dato il GRADO che abbiamo DI PEONES o altro.
    LA SOVRANITA’ APPARTIENE AL GREGGE o ai PEONES che viene chiamato popolo, ma sarebbe popollo, sovrano per tenerlo li’ buono e impegnato a produrre ricchezza che va agli ALTRI o meglio ai PASTORI..!
    Che siano messi li’ a DX o li’ a SX o li’ al CNT il nostro sudore della fronte va verso un unica direzione: verso i PASTORI.
    Essi sono in pratica quattro FAMIGLIUOLE:
    1) BRIGANTI
    2) RAPINATORI
    3) SASSINI
    4) MANTENUTI.

    Non serve aggiungerne altre… bastano le quattro famigliuole e ne avanziamo pure.

    Si, forse ho esagerato… ma ho solo seguito i dettami datemi dai fatti.
    Per cui capiamo o no che tutto l’andazzo di oggi e’ ESAGERATO tanto da credere che la vera regina d’italia, di oggi ma lo era anche ieri, si chiami CONFUSIONE..?

    RIRIRIRIpeto:
    l’intellighenzia italiana e’ molto, ma mooolto, malata. Sembra segui la regola delle TRE SCIMMIE.
    Antidoti non ce ne sono e cure nemmeno.
    Uno tipo un po’ piu’ sano non lo fanno nemmeno parlare o scrivere…
    Basta seguire i programmi TiVi filo politica della rete TV della IDR, = DDR per capirla.

    Anche i giornaloni di comodo sono in confusione… Tutto fa KUULTURA al trikoglione per kui: bisogna fare italiani, kosti quel ke kosti. Anche se bisogna iniettare SOTTOKULTURA a sti ILLUSI DI ESSERE PARTE DEL POPOLO SOVRANO..! E questi ci credono perche’ li chiamano a votare… ILLUSI..!

    Capisco gli ANALFABETI, ma i SAPIENS e super intellighientis no eh…

    Sta di fatto che e’ meglio l’analfabetismo che la sottoKULTURA.

    Te pareva…

    Salam

    PS:
    mi penso la vecchietta che va a votare, ma anche il vecchietto…
    Lo faranno con cognizione di causa..? In LIBERTA’ DAVVERO..?
    Magari sono intenti a pensare come arrivare a fine mese…

    RASENTIAMO LO SCHIFO ormai.

  4. caterina says:

    a me sembra che la deriva della Chiesa Cattolica sia cominciata con l’aver abbandonato la tradizione e la forza intrinseca del mistero, che è lo stesso del mito… cominciò tutto con il modernismo insinuatosi abbandonando il latino nei suoi più classici riti, dalla messa domenicale al Te Deum di fine anno, perdendo anziché avvalorarlo, il senso e la forza della sua missione classica, che non richiede comprensione ma devozione… La Chiesa ortodossa invece conservando la tradizione si è rafforzata nei popoli orientali nonostante l’ondata materialista più sanguinaria… Mi spiace che da noi il Vaticano si sia totalmente frammischiato con la politica in ogni sua espressione che d’imperio ha modernizzato, secondo il suo intento, e non si è accorta che ha privato tutti di un’ancora esterna al mondo fatto di concretezza in continua evoluzione… Il Vaticano sta completando suo malgrado l’opera di Lutero che si attenne al pratico confinando il rapporto con il divino alla sfera intima di ciascuno. Il Papa per quanti santi faccia fra i suoi predecessori, non fa che accompagnare i cattolici alla deriva spegnendo un po’ alla volta il sempre più labile barlume interiore d’ispirazione, immergendo lui e noi tout court nella concretezza dei problemi da risolvere.

    • luigi bandiera says:

      Si Caterina,
      la chiesa partito che non e’ andato via, e’ un organo politico e si adegua all’andazzo come fanno tutti gli altri non andati via per avere solo piu’ VOTI.

      Se fosse DOTTRINA NON SI SPOSTEREBBE DI UN MILLIGRAMMO NEI PRINCIPI DIVINI. FORSE.

      Sa che il suo peso nel sociale e’ forte per cui lo esercita quando puo’ e specie quando noi SI DORME comunque siamo distratti.

      Il VANGELO e prima la BIBBIA, sono li’ fermi nei loro principi.
      La cattolica invece si muove seguendo le pulsioni della gente.
      Tipo SODOMA E GOMORRA.

      Quindi e’ il gregge che detta le regole e non il BUON PASTORE.
      BRUTTA COSA QUESTA perche’ da un momento all’altro ci puo’ arrivare il CASTIGO….

      Come dire, lo scrivevo molti anni fa, che: quando il nipote tiene per mano il nonno…. e’ l’inizio della fine. DEVE ESSERE VICEVERSA. SEMPRE..!

      Infatti, DA SEMPRE appunto SARA’ CHE IL NONNO TIENE PER MANO IL NIPOTE E NON e mai sara’ il VICEVERSA..!

      Un do kax sono i filosofi..?

      Sono in TV a sbraitare per caso e a dimostrarsi professori del vuoto, loro, assoluto..?

      E’ uno schifo questa societa’ presunta civile ed ackulturata.

      Bacio le manine…

  5. Grande Nord - Liguria says:

    Così, finirà la fede e chiesa cristiana, rimarrà solo Cattolica, cioè, adattabile a tutto e tutti, meno alle origini bibliche.

  6. Romeo says:

    Questo è il peggior Papa del secolo. Volente o nolente, sta distruggendo chiesa, fede e fedeli. È sempre alleato con atei, non credenti e nemici della fede.

  7. Romeo says:

    Questo è un bellissimo articolo, a gg ti rispondo. G.N. Liguria

Leave a Comment