La Cgia: NordEst in ripresa. Ma non è merito di Renzi, è l’euro svalutato che rende competitivi

lavoro_autonomodi ROBERTO BERNARDELLI – Abbiamo sempre letto con attenzione e ammirazione le scientifiche analisi dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre. Anticipa il carrozzone dell’Istat, guarda i movimenti dei nostri territori e poi fa sintesi economica fornendo utili dati alla politica, che si gira dall’altra parte.

Morale, quando qualcosa va bene, come nel caso questa volta della ripresa del Nord Est, sembra che tutto sia merito del governo, se non si legge con scrupolo il report di Mestre.

Infatti, lo dicono subito: “Grazie al deprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro, ai prezzi dei prodotti petroliferi in caduta libera e ai tassi di interesse prossimi allo zero, si va consolidando la ripresa economica sia nel Veneto sia nel Nordest, anche se speravamo in una crescita economica più vigorosa che, comunque, sarà superiore al dato medio nazionale”.

Insomma, è la politica monetaria mondiale a decidere, non Palazzo Chigi o Equitalia. Non sono le tasse che scendono o il jobs act a decretare la svolta. Sono i mercati e le scelte della Bce e della Fed.

Il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo, grazie ai dati messi a disposizione dall’Istat e da Prometeia, ha commentato le previsioni di crescita: “Quest’anno la crescita del Pil del Nordest dovrebbe attestarsi attorno all’1,3 per cento – prosegue Zabeo – 0,4 punti in più rispetto al 2015. Se negli anni scorsi è stato l’export a segnare un trend sorprendentemente positivo, quest’anno si aggiungono buone notizie dal mercato del lavoro. Sia in Veneto sia in Friuli Venezia Giulia il tasso di disoccupazione medio annuo dovrebbe scendere di quasi un punto, attestandosi rispettivamente al 5,7 e al 7,8 per cento”. Certo, tutto fa da volano.

I valori nelle tabelle riferiti al 2015 e al 2016 sono dati previsionali, ma l’analisi non cambia. Se non era per la svalutazione della moneta europea, eravamo qui a raccontarci un’altra storia. Cosa sarebbero  il Veneto, il Sud Tirolo e il Friuli Venezia Giulia se non dovessero rendere conto a Roma?

 

Presidente Indipendenza Lombarda

 

 

 

cgiacgia2cgia3cgia4

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment