La Cassazione: punire il reato di clandestinità è inutile. E’ solo un illecito amministrativo

Per non dimenticare.

processo giustizia

Per perseguire il reato di immigrazione clandestina, “la risposta sul terreno del procedimento penale si è rivelata inutile, inefficace e per alcuni profili dannosa, mentre la sostituzione del reato con un illecito e con sanzioni di tipo amministrativo, fino al più rigoroso provvedimento di espulsione, darebbe risultati concreti”. Lo sottolineava il Primo presidente della Cassazione Giovanni Canzio nella sua relazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario 2016.

La lotta a “ogni forma di criminalità organizzata o terroristica, anche quella internazionale di matrice jihadista”, deve essere condotta “nel rispetto delle regole stabilite dalla Costituzione e dalle leggi dello Stato – afferma Canzio -. Diversamente tradiremmo la memoria” dei magistrati “caduti in difesa dei più alti valori democratici”, come Emilio Alessandrini, ” e non faremmo onore al giuramento di fedeltà che abbiamo prestato”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Marco says:

    “oppure come succede quello viene messo a piede libero con un foglietto che gli intima di lasciare il paese nei 15 giorni successivi, usa il foglietto come carta igienica e fa perdere le sue tracce.” Grazie a una legge del Governo Berlusconi e Lega. Ringrazia loro.

  2. Alessandro Guaschino says:

    Sostituire l’arresto con una sanzione amministrativa è solo una presa in giro per gli onesti, tanto i clandestini risultano nulla tenenti e cosa dovrebbero pagare? Gli fanno una cartella di Equitalia? Tanto vale dire che l’immigrazione clandestina non è reato in Italia. Provvedimento di espulsione, stesso discorso, o uno lo si arresta, gli si consegna l’espulsione e lo si accompagna all’aeroporto fino alla scaletta dell’aereo (volo ovviamente a carico del paese di origine, ci mancherebbe che dobbiamo pure pagarlo noi) oppure come succede quello viene messo a piede libero con un foglietto che gli intima di lasciare il paese nei 15 giorni successivi, usa il foglietto come carta igienica e fa perdere le sue tracce. Viene fermato di nuovo, ma cosa credete che possa accadergli in Italia? In quanto straniero un solerte giudice sinistroide lo rimetterebbe subito in libertà.

Leave a Comment