La Cassazione: è offesa alla nazione dire “Italia paese di merda”

di G.L.M.

Italia paese di merda? Immagino che non pochi lettori di questo giornale risponderebbero affermativamente a questa domanda. Anche io lo farei, anzi lo faccio: per me l’Italia è un paese di merda, e infatti, pur nel mio piccolo, cerco di fare quello che posso perché l’Italia finisca. Ma attenti, urlare, anche solo per rabbia, “Italia paese di merda” è un reato. E’ vilipendio alla nazione: la nazione Italia, una donna dai costumi facili che più facili non si può, si “offende” davanti a quelle parole. Per questo la Cassazione ha confermato la condanna inflitta a un 71enne che, fermato dai carabinieri perché viaggiava su un’auto con un solo faro acceso, si era lasciato andare ad invettive quali “in questo schifo di Italia di m….”, contestando la contravvenzione che gli stava per essere elevata.

La Corte d’appello di Campobasso lo aveva condannato a pagare una multa di mille euro, pena interamente coperta da indulto, sentenza confermata dai giudici della prima sezione penale. “Il diritto di manifestare il proprio pensiero in qualsiasi modo – si legge nella sentenza depositata oggi – non può trascendere in offese grossolane e brutali prive di alcuna correlazione con una critica obiettiva”: per integrare il reato, previsto dall’articolo 291 del codice penale, “è sufficiente una manifestazione generica di vilipendio alla nazione, da intendersi come comunità avente la stessa origine territoriale, storia, lingua e cultura, effettuata pubblicamente”.

Il reato in esame, spiega la Suprema Corte, “non consiste in atti di ostilità o di violenza o in manifestazioni di odio: basta l’offesa alla nazione, cioè un’espressione di ingiuria o di disprezzo che leda il prestigio o l’onore della collettività nazionale, a prescindere dai vari sentimenti nutriti dall’autore”.

Bene. Io qua ribadisco che a mio parere l’Italia è un paese di merda, è uno Stato ladro e di cacca,  e ci sono mille esempi per dimostrarlo, esempi spesso condivisi intimamente anche da coloro che poi in pubblico si riempiono di italianità. Vediamo se mi succederà qualcosa e quanti dei nostri lettori si associano, firmando con nome e cognome.

 

Potrebbe interessarti:http://www.today.it/cronaca/cassazione-reato-vilipendio-nazione.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

104 Comments

  1. Maometto says:

    Se l” Italia fosse un bella nazione civile -moderna -dove la legge è uguale per tutti -dove le regole sociali fossero uguali per tutti se il cittadino italiano realmente a livello politico-sociale potesse decidere di cosa fare del suo futuro insomma se l” Italia fosse un nazione comunista dove tutti sono uguali è nessun lavoratore italiano viene schiavizzato democraticamente senza chiedergli niente !
    Dove nessun cittadino italiano muoia di fame e di stenti o sia costretto a fare una vita di merda da mezzo barbone .
    Non lo avete ancora capito che il sistema democratico è un regime dittatoriale fascista -mafioso che fa finta di essere democratico e schiavizza e sfrutta milioni di italiani ?
    Se in Italia ci fosse un po’ di sano comunismo e di sano benessere sociale comunista dove tutti stanno bene è sono uguali nessun cittadino italiano si sognerebbe di dire Italia paese di merda .
    La cosiddetta democrazia è tutta fondata sulla disparità sociale esasperata e sulla creazione di poche caste sociali privilegiate o molto privilegiate e sulla creazione di molte caste sociali senza diritti !
    Nella democratica Italia un politico italiano criminale e fascista può dire in pubblico su tutti i mass-media Italiani Italia di Merda !
    Nella democratica Italia il cittadino italiano di casta sociale bassa povero è onesto se in un attimo di rabbia dice Italia di merda viene condannato .
    Questa la chiamano con molta enfasi democrazia ?
    Se per democrazia intendete perdere tempo per votare ogni 4 anni per andare alla farsa elettorale e votare quello che vuole il regime italiano è se il voto popolare non lo gradisce lo ignorano .
    Questa non è democrazia è una presa per il culo !
    Nel 1987 ho votato perché tutte le centrali nucleari italiane fossero chiuse è smantellate !
    Nel 1987 l” 87 % cento degli italiani ha votato per la chiusura delle centrali nucleari italiani e il loro smantellamento !
    Cosa hanno fatto i politici italiani democratici del voto popolare italiano ?
    Hanno ignorato la volontà del popolo italiano che ha votato nel 1987 e ancora oggi nel 2014 le centrali nucleari italiane non sono state smantellate e forse alla chetichella qualcuna ancora la tengono in funzione al minimo e ci costano una montagna di soldi !
    Con tutti i miliardi di euro che dal 1987 ad oggi il regime democratico ha sperperato per tenere aperte le centrali nucleari italiane senza che producessero nulla si potrebbe dare una pensione di 1500 euro netti al mese per tutta la loro vita a tutti i disoccupati italiani (sono diversi milioni) dai 40 anni in su che non trovano più un posto di lavoro nemmeno precario per 1 o 2 mesi perché sono considerati ormai vecchi e anche perché in Italia manca il lavoro !

  2. ITALIA PAESE DI MERDA says:

    L’italia, oltre ad essere un paese di merda (nel quale sono purtroppo nato), è anche un paese ricco di persone ipocrite, perbenisti con la coscienza più sporca di una toilette da parco, ricco in realtà solo di gente ignorante.

    Per il resto? mi denuncino pure… fatto sta che rimane comunque un paese di merda, cassazione o meno che sia.

  3. Maddy says:

    Non so esattamente quello che sta succedendo in Italia , perché io vivo all’estero , ma devo dire la mia .

    Non è l’italia che fa schifo , cioè è un bellissimo paese , ma è governata da un governo che è peggio della merda . Il governo , tutti quei politici che si beccano miliardi per sedersi e fare una chiacchierata , non se ne fregano di quello che succede ai italiani che si suicidano perché non arrivano neanche a pagare la spesa del mese . E loro che fanno ? Sono interessati ? Donano uno dei loro tanti miliardi alle famiglie che non stanno economicamente bene ? Pahh !
    Ma neanche si preoccupano di quello che succede attorno a loro ! Allora io mi devo sentire dire che faccio schifo come italiana ? C**ZO NO ! Non me lo merito , proprio come gli altri italiani . IL GOVERNO STA ROVINANDO IL PAESE ! QUEI VECCHI CHE STANNO NEL GOVERNO DEVONO ESSERE SPAZZATI VIA E UN NUOVO GOVERNO DEVE ESSERE FORMATO ! GLI ITALIANI SE NE STANNO ANDANDO VIA ! L’ITALIA NON E’ PIÙ’ L’ITALIA ! CI MANCA SOLO CHE SI FA UNA RIVOLTA CIVILE ! L’Italia che apre le frontiere ai clandestini . Per carità’ , non sonno razzista o cosa , ma gli italiani se ne vanno all’estero e invece i stranieri stanno formando l’Italia . Se torno li’ tra dieci anni vedrò’ una terra multirazziale . Ma che Italia è !

  4. andrea says:

    mi spiace ma vi sbagliate, l’Italia non è un paese di merda, la vera merda sono tutti gli italiani. Perchè non fa differenza se a rubare, fare i furbi, etc, etc, è il signore o la signora seduta in parlamento, oppure nella azienda XX, etc, etc, e tu, chiunque tu sia, che te ne stai a guardare.
    te ns stai a guardare e non fai nulla, per questo motivo non solo sei COMPLICE ma fai capire a tutti che, in fondo, LA PENSI QUASI ALLA STESSA MANIERA.
    quel QUASI è quello che fa la differenza tra nord e sud, est ed ovest.
    ho vissuto molto tempo all’estero e vi assicuro, sono TUTTI QUASI uguali a noi…..
    quindi piantatela con sti cazzo di discorsi, polentoni e terroni, comunisti e fascisti, e tutti quelli che si sentono DIVERSI (di solito vi sentite migliori, vero ?) e sapete cosa bisognerebbe, dico bisognerebbe, già pure io sono come tutti qui intorno, dicevo….bisognerebbe rimboccarsi le maniche.
    NON SERVE che lo facciano tutti, sapete sarebbe sufficiente, più che sufficiente, che lo facessero quelli ancora non completamente contagiati, diciamo il 25% della popolazione, ma ovviamente è un numero ipotetico.
    nulla di che, i cambiamenti nascono dalle piccole cose, SEMPRE, quindi non servkno eroi o chissà cosa.

    basta dare l’ESEMPIO, sempre, tutti i giorni, in ogni momento…..

    farlo davvero è difficile, specialmente se non si è abituati, ma non c’ è altro modo.
    che cosa vuoi fare se no? la rivoluzione ? così oltre che ladri diventiamo anche assassini ?

    e invece no. bisogna costruire E NON DISTRUGGERE.
    A distruggere ci stanno già pensando 40 milioni di italiani, mi sembra abbastanza, no ?

    vi dico che ho visto con i miei occhi osa vuol dire DARE L’ESEMPIO, peccato che l’abbia visto solo in paesi diversi dall ‘ Italia.

    se davvero il 25% di noi facesse qualcosa, avremmo già vinto.
    spesso, o sempre, invece, si fa finta di nulla,

    vi saluto
    peccato però, l’Italia è uno dei posti più belli al mondo, che tristezza (e che sconfitta) sarebbe doversene andare………….

  5. Andrew says:

    In questo paese ridicolo vieni multato o incarcerato solo se osi dire la verità…e io non solo ripeto ITALIA PAESE DI MERDA ma lo confermo pure…c’è qualche vigile che vuole multarmi? ahahahhahahahah e ancora aahahhahahaha

  6. ivan says:

    l’italia è il piu bel paese del mondo…Ma è ki la amministra la sta rovinando non solo ki sta al governo al “potere”…ma non abbiamo una giustizia come si deve leggi di merda…i sindcati ke fanno uso di posizione e di cui tanti sono solo ignoranti…il governo fa schifo….questa repubblica non funziona…

  7. antonio says:

    in data 21 -07-2013 – mio figlio viene investito mentre era fermo al semaforo da una rover blu con targa al861 bt in viale america alle ore 1,30 di notte , l’auto fuggiva e mio figlio a cercato di fermarla senza esito , il giorno dopo i vigili de dodicesimo gruppo di roma non accoglie la richiesta della denuncia in quanto andavano chiamati all’atto dell’incidente , morale che l’auto investitrice rover appartiene a una donna rumena e residente a genova con 200 auto intestate a lei stessa, per cui queste auto circolano al nostro paese senza assicurazione e provocando danni a noi italiani , questo e quanto , le leggi italiane

  8. Luporobico says:

    Di sterco si può dire?escremento?
    Viva la libertà di parola……
    Che paese di merda.

  9. Giancarlo says:

    Contesto! Contesto perché sono italiano. E so perfettamente che l’Italia non è un paese di merda. Al contrario. È un paese bellissimo che merita molto rispetto.

    Ma sottoscrivo la frase “Alcuni italiani sopo una merda”, e in questi “italiani” annovero una gran parte della classe politica, sia Parlamento e Senato giungendo all’assessore della più piccola e lontana cittadina.

    Purtroppo questi “italiani”, che al contrario di quello che si pensa, sono una minoranza, anche se becera, hanno portato l’Italia a quello che è, forti del detto prettamente comunista: “Tanto Peggio, Tanto Meglio”.

    Ma questa becera e idiota minoranza, con il tempo, sarà destinata all’estinzione.

    Giancarlo Mostachetti ( http://ilmosta.blogspot.com.br )

    • Giacomo Consalez says:

      Io mi sento ecumenico stasera e propongo un accomodamento tra Giancarlo e il direttore. Possiamo accordarci dicendo che l’italia è un bellissimo paese di merda? O in alternativa una gran bella merda? Dibattiamone serenamente.

    • Giacomo Consalez says:

      Seriamente, l’italia è una merdaviglia.

    • fabrizio says:

      Giancarlo anche io ti contesto!!! Italia paese bellissimo?Dove lo vedi?Siamo a livello della delinquenza politica da 4°mondo,lo”’Stato”complotta con mafia e camorra,per controllare i cittadini che tutti chini e proni osannano il demagogo di turno:vedi Berlusconi,Grillo e Renzi.Siamo un popolo senza dignita’, orgoglio e onore.
      Non sappiamo gestire ne i doni della natura ne quello dei padri.Se una Nazione non ha coscienza di se,NON ESISTE.La corruzione del potere si vede implicitamente.Nella finale di coppa Italia l’inizio della partita e’ stato concesso dal figlio di un camorrista.Questo signore,correttamente fa’ il suo lavoro: prende lo spazio che lo stato imbelle gli concede.E’ sempre vera la massima di Metternich :L’ITALIA E’ SOLO UN’ESPRESSIONE GEOGRAFICA…..LO STATO NON ESISTE.
      ESISTE SOLO UNA MINORANZA CHE SI ARROGA IL DIRITTO di governare

  10. massimo trevia says:

    c’era una volta un intonso stivale che attraversava il mediterraneo,ma nella cloaca ora sta sprofondando! la sua natura merdesca non era,ma dalle merde si fece un dì unire….nell’ottocento sessanta più o meno,dei criminali di merda lo unirono,questo stivale che merda non era….ma il loro stato di merda lo fecero:a loro immagine et somiglianza!!!

  11. Pierluigi says:

    Italia di merda.
    O perbacco! E perchè mai?
    Basta vedere il suo albero genealogico : repubblica italiana , figlia del regno d’italia, generato dai savoia.

    Sì, quelli che hanno iniziato la 1° guerra mondiale dalla parte opposta di coloro a cui erano alleati sino a poco prima, gli stessi che durante la 2° guerra mondiale hanno cambiato alleanza a metà del conflitto.
    Allora … c’è da meravigliarsi?!

  12. Kris says:

    La cassazione invece di mettere queste leggi dovrebbe capire perche’ le persone disprezzano il proprio paese. Forse chi comanda questo paese dei propri figli ( italiani) non importa assolutamente nulla e li tratta di merda. E’ normale che se in una famiglia i figli vengono maltrattati e non aiutati, i figli non rispettono i propri genitori.

  13. italo grattalano says:

    Il grande Oliviero Toscani dice che ”l’italia è la più grossa puttana del mondo”argomentando anche il perchè:

    http://www.youtube.com/watch?v=f9Iabhm_Vwo

    mettiamogli la multina per vilipendio,si ma con il bollino italiota,mi raccomando.

  14. Maurizio says:

    Wilhem Von Tegetthoff – 20 luglio 1866 :
    taliani omini de legno ;

  15. Gianfranco says:

    La merda se potesse parlare, denuncerebbe tutti quelli che la paragonano all’Italia.

  16. roberto manzoni says:

    Come fare per diventare APOLIDI ?

    • Albert Nextein says:

      Questo è un quesito che ho posto al comune dove abito.
      Non mi han saputo rispondere.
      A parte che alcuni non conoscevano il significato del termine.

  17. roberto manzoni says:

    Da detentore della pseudosovranità , quindi sovrano dico :PAESE DI MERDA !!!!

  18. Crisvi says:

    Per la Cassazione sarà pure un’offesa, ma ciò non toglie che sia la dilagante impressione che rimane nei cittadini dello stivale.
    Ne conosco sempre meno di ” orgogliosamente italiani “.

    Da Nord a Sud e da Est a Ovest.

    Non sono i tedeschi o gli americani a dirlo, ma è quella popolazione stivaliera che vede erodere, giorno dopo giorno, il lavoro e le speranze di una vita.

    Un futuro di desolazione e di tristezza, condito per alcuni, dalla disperata volontà di farla finita.
    In questo senso siamo veramente ” fratelli “, ma in sventura.

    Se qualcuno afferma che questo ” stivale ” è il Belpaese, mi dica quali sono cinque sole cose positive che funzionano bene in Italia.
    Finora non mi ha mai risposto nessuno in modo pertinente.

    Naturalmente ho parlato di positività, mafia, corruzione e similari negatività non valgono nel conteggio.

    Ad maiora,

    CrisV 🙂

  19. Gian says:

    il bello è che il condannato è un molisano e allora cosa devo dire io padano che pago ogni anno 6.000 euro in più di quello che ricevo in servizi? Se l’italia è un paese di merda per un molisano, figuriamoci per un padano cosa può essere!

    Conferisco il premio super faccia di bronzo alla Cassazione che dichiara senza il minimo pudore che trattasi di: “offese grossolane e brutali prive di alcuna correlazione con una critica obiettiva”… forse si son confusi con la Svizzera?

    beh però in effetti forse non hanno tutti i torti, l’Italia dal loro punto di vista è un bel paese, visto quello che prendono di stipendio!!!!

  20. Vittorio S. says:

    In America non è così. La differenza tra l’avere avuto quale padre costituente Palmiro Togliatti o James Madison…

    http://www.lintraprendente.it/2013/07/il-diritto-di-dire-italia-paese-di-merda/

  21. Ernesto Furioso says:

    Prestigio e onore della comunità nazionale?.
    A parte il fatto che sulla cosiddetta “comunità nazionale” ci sarebbe da discuterne per un bel pò,ma se siamo servi degli Usa e burattini dell’Europa,che cacchio di dignità e onore avrebbe da difendere la nazione,o presunta tale,comunemente chiamata italia?.

  22. itagliotto bocchinato says:

    Siete straordinari,viva l’indipendenza,siete grandi!!!!

  23. Michela says:

    Bisogna pubblicare nomi e cognomi dei giudici…chi ti giudica con interpretazioni personali deve assumersi la responsabilità di farsi riconoscere!

    • Albert Nextein says:

      Condivido.
      Questo è nazionalismo giudiziario da accattoni.

      In italia si è nazionalisti solo ed esclusivamente quando esiste una convenienza finanziaria.

      Il classico paese di pezzenti e morti di fame stato-dipendenti.

      Un cesso, un verminaio mefitico.
      La merda è sana in confronto.

  24. Marco says:

    Avrei voluto vederli i giudici della corte di cassazione, presumibilmente composta all’unanimità da italiani veraci in stile Di Pietro, quindi ignoranti e tendenzialmente fascisti (ormai il “tendenzialmente” è superfluo), mentre scrivevano la definizione di nazione per giustificare questa sentenza: “nazione, da intendersi come comunità avente la stessa origine territoriale, storia, lingua e cultura”.
    Cazzate: l’Italia come nazione non esiste, quindi la sentenza non ha senso…

    http://www.lindipendenzanuova.com/litalia-non-esiste-e-toscana-indipendente/

  25. Marco Mercanzin says:

    Ci metto nome e cognome.
    Italia paese di merda con gente di merda e completamente nella merda.
    Fanculo Italia , e W la libertà di dire ciò che si pensa

  26. Luca L'Insubre says:

    L’italia non è un Paese di merda, semplicemente perché non è un Paese. Non vi è traccia di “cultura comune” ecc, perciò è errato anche solo associare il nome “italia” alla parola “Paese”. Anzi, evitiamo di diffondere questo tipo di slogan. Piuttosto, si tolga oltre a “Paese” anche la preposizione “di”, che a questo punto sarebbe superflua..

  27. luigi bandiera says:

    Non so se voi lo avete sentito, ma io, ho delle voci che mi dicono che stanno organizzando dei corsi KULTURALI, alla lebretto rosso di MIAO, per non farci piu’ dire che l’italia o TALIBANANìA e’ uno stato di merda.

    Pero’, non e’ che la merda e’ proprio lì..??

    Rammento la mia:

    briganti, rapinatori e mantenuti si sono istituzionalizzati.
    Al solo sfiorar loro le vesti ti fanno mettere in galera. Il tutto in nome nostrum e cioe’ del MAI ESISTITO POPOLO ITALIANO..!!

    Dopo di che e’ RIVOLTA DEMOCRATICA..!!

    Sim sala bim

  28. alessandro morandini says:

    “ITALIA, LEI E’ UNA MERDACCIA”
    ALESSANDRO MORANDINI

  29. Amedeo says:

    L’Italia fa schifo da, quando c’è la Repubblica dei ladri, dove tutti aspirano a vivere da re.
    Con la monarchia era più bella, dei re, ce n’era solo uno. Oggi è come un paese dell’Africa.

  30. alberto says:

    W LA MERDA
    L’Italia è tra i paesi più corrotti al mondo nonostante abbia prodotto un sistema legislativo tra i più avanzati.
    La giustizia si mostra efficientissima quando si tratta di inezie, mentre le inchieste che riguardano i grandi appalti,
    le collusioni tra potere politico e mafia etc… è la Gabanelli a farle con l’aiuto di un modesto staff di giornalisti.
    La questione della corruzione e della riforma della giustizia dovrebbe diventare priorità nazionale. Dire “Il’talia è un paese di merda” non offende nè gli italiani che hanno la merda fino al collo, nè i nostri rappresentati politici che hanno contribuito in grande misura alla situazione in cui siamo. Il linguaggio sprezzante da’ voce a quella sofferenza che la retorica del “bon ton” cela accuratamente. Da questo punto di vista chi parla di merda è infinitamente meno biasimevole di chi usa un linguaggio autoreferenziale che funziona in tutte le occasioni e che non da’ conto della drammatica realtà dell’ITALIA E DEGLI ITALIANI.

  31. Andrea says:

    italia paese di merda.

  32. luigi bandiera says:

    Ma aspetta…

    Vi propongo un dilemma:

    http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_luglio_5/maurizio-di-palma-tornitore-intervista-2222003909362.shtml

    E’ piu’ bravo il paracadutista o la corte..??

    Chi fa piu’ del male, la corte o il paracadutista..??

    Vedete voi se il mondo, compresa l’italia, non e’ veramente molto strano per non dire di merda..!

    Sara’ che ammiro il paracadutisti, ma a chi a torto un cavillo o capello..??

    MERDA comunque a chi ci vuole tonti, mone e male.

  33. Sem says:

    Italia è un paese di merda ! ….. Denti enrico Sem,

  34. Bustianu says:

    S’italia est una Merda. (L’italia è un paese di Merda).

  35. luigi bandiera says:

    RAGAZZI..!!

    HO LA SOLUZIONE..!!

    D: IL MONDO COME GIRA..??

    R: AL CONTRARIO..!!

    QUINDI..??

    NON SI DIRA’ PIU’ ITALIA di merda…

    MA ITALIA DI PENE..! Anche di bbbene se uno e’ piu’ sentimentale di un altro. Tanto, la sostanza, averlo li,’ non cambia e la corte incassa… nel suo conto corrente solo per dire delle benevoli menate del kax e farsi vedre, nel conto loro..!

    Ma puo’ anche essere italia di VASELINA…!!

    A napoli magari ne hanno altre di bbbuone… ma da separatisti puro sangue quali siamo noi diciamo vada, la sparata, partita da napoli. E, AMMIRIAMO I “BRIGANTI” la’ paesani..!!

    Purtroppo i nuovi TALIBANI vinsero la “guerra” contro i popoli inermi ivi residenti..!!

    CHE ONORE VINCERE CONTRO I DEBOLI..!

    ITALIA, PAESE DI BRAVA GENTE… come il GMG..!!

    MERDA

  36. Garbin says:

    Il Berluska aveva detto che l’italia è un paese di merda, lo hanno multato?

  37. INDIEAHN says:

    Sto pensando di fare il tifo per quelli che portano i cani a “farla” in giro di quà e di là lasciandola in bella mostra così magari se ne accorgerebbero anche in alto loco che siamo di nome e di fatto in uno schifoso paese di merda! Ma che si guardino in giro è la realtà che vogliono mascondere…..

  38. Leonardo says:

    L’ITALIA E’ UN PAESE DI MERDA! Io disobbedisco alle leggi liberticide, questo giornale anche!
    LEONARDO FACCO

  39. Salice triestino says:

    Ha detto “Italia”, ma se invece avesse detto “Repubblica Italiana”? Sarebbe stato peggio?
    Le due cose sono concettualmente diverse, anche se purtroppo tendono ad essere uguali. Ma tendono solamente, non lo sono.

    La sentenza cita la “nazione” come parte offesa, e la nazione, nel vero senso del termine, non è lo Stato (anche se loro vorrebbero coincidesse), ma è l’insieme delle persone con la stessa nazionalità, dove nazionalità non è uguale a cittadinanza.
    La nazionalità è un fatto personale, qualcosa che decido io, in base a ciò che sento, mentre la cittadinanza è un fatto puramente giuridico, ed è rappresentata dallo Stato che me la concede, e del quale possiedo il passaporto.

    La nazione non ha confini quindi, ma è sfumata e sparsa, proprio perchè è una questione individuale, mentre lo Stato, che è un’espressione politica, ha ovviamente dei confini. Così ad esempio, ammettendo esista una nazionalità italiana, sono di nazionalità italiana gli svizzeri di lingua italiana del Canton Ticino, che però sono cittadini svizzeri. Analogo discorso per i sanmarinesi. Mentre i sudtirolesi sono di nazionalità tedesca ma sono cittadini italiani.

    In tedesco il termine “cittadinanza” è espresso in maniera molto più chiara, si dice infatti “Staatsangehörigkeit”, ovvero “appartenenza statale”. In italiano purtroppo, ma anceh in altre lingue, i due termini “nazionalità” e “cittadinanza” vengono spesso usati come fossero dei sinonimi, rispecchiando ciò che si tenta di far passare, e cioè Stato = Nazione, che è invece falso.

    Quindi la sentenza apparentemente va oltre, e non difende lo Stato, come comprensibilmente dovrebbe, giusto o no che sia, ma la nazione, la quale non dovrebbe essere oggetto di discussione giuridica. Per la Corte, nazione è “comunità avente la stessa origine territoriale, storia, lingua e cultura, effettuata pubblicamente”.
    Origine territoriale? Che si estende fino a dove? Storia comune? Bene, noi a Trieste siamo stati per più di 5 secoli sotto la protezione fraterna della Casa d’Austria, e siamo stati occupati dal Regno d’Italia dopo il crollo dell’Impero asburgico. Storia comune con chi? Con Gorizia, Trento e Bolzano ancora ancora ci può stare, ma il resto? E lo stesso discorso vale per gli altri territori della Repubblica Italiana.

    • luigi bandiera says:

      Salice (chiagnente..?),

      ti sei dimenticato I VENETHI..!!

      MAI STATI DI NAZIONALITA’ ITALIANA O TALIBANA.

      Amministrativamente siamo italiani ma NAZIONALMENTE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE SIAMO VENETHI..!!

      MA I KOMUNISTI, IKONOKLASTI DI RELIGIONE E DI NATURA, FANNO DI OGNI ERBA UN BEL FASCIO, ALLA MUSSOLINA MANIERA..!!

      Stame ben e ricordate anca de i VENETHI..! I xe pi’ grosi dei San Marinexi.

      Parche’ non citandoli non li vuoi riconoscere..?

      Va ben, reciprocita’ impone che mi no veda mai pi’ i triestine i quei de quea parte ea’..!

      E l’italia gode…

      • Salice triestino says:

        Ma come no! Sono amico dei Veneti e appoggio il loro indipendentismo, come quello degli altri popoli della Padania.
        E poi ho solo fatto degli esempi! Non potevo citare tutti!

        Purtroppo però, per ora, bisogna fare i conti con la realtà, e a livello internazionale i Veneti possono muoversi solo se in possesso di un passaporto italiano, piaccia o no.
        I Sanmarinesi invece possono averne uno loro e con quello si viaggiano il mondo. Hanno anche il seggio all’ONU. Non mi sembra siano nella stessa situazione dei Veneti.

        Non devi avercela con me per questo, cosa c’entro io o i Triestini?

        Oltre agli slogan, comunque utili, bisogna soprattutto fare chiarezza, studiare e saggiare le cose dal punto di vista storico, giuridico e scientifico, altrimenti la “merda”, lei, continuerà a dominare indisturbata con i suoi imbrogli e le sue fandonie ammalianti!

        E non è usando i nostri bei dialetti o lingue che siano, che riusciremo a scalfirla.
        Ricordate che l’Italia viene vanificata facilmente facendo breccia nei suoi punti deboli, e con la dimostrazione della sua vanicità.
        Per cui se i ticinesi possono essere tranquillamente italiani, pur non appartenendo allo Stato italiano, ciò vale per tutti gli abitanti della penisola italiana, della Padania, ecc. a prescindere da quale sia il nostro modo di parlare.
        Uso e difesa strenua dei dialetti e delle lingue locali, sì, ma forzosa rimozione della lingua italiana, no. Questo modo di agire dà solo armi ai filoitaliani.

        Suvvia…

        • luigi bandiera says:

          Salice,

          la risposta mi e’ piaciuta come anche il tuo intervento precedente.
          Volevo solo dire che si cita un moscerino, TUTTO VANTAGGIO SUO se puo’ andare in tutto il mondo, e non si vede, ed e’ triste per un ventho leggerlo, purtroppo troppo nel sonno, e NON SI VEDE LA TRAVE… IL POPOLO VENETHO..! (venetho per non confonderlo col veneto italiano).

          Solita menata del kax… Si vede la pagliuzza ma non la trave.

          Comunque e’ come dici tu. (Diamoci del tu per carita’ di DIO..!).

          Qua di superman non ne vedo… e per me il rispetto e’ di prassi nel mio animo sebbene do’ del tu.

          Saluti

  40. gigi ragagnin says:

    l’acconzurta si frega le mani : quante multe da mille euro.

  41. mario brescia says:

    nazicomunisti di merda

  42. Roberto Porcù says:

    E’ errato affermare che l’Italia è un paese di merda, pur se ciò è comprensibile in uno sfogo d’ira, giusto è affermare che gli individui che occupano le sacre istituzioni ne fanno strame per utilità loro ed i loro compagni di merenda e poi questo finisce tutto in un letamaio maleodorante grande come l’Italia sul quale si affannano a piantare fiori per non darlo a vedere.
    Mi capita spesso di incrociare nel buio automobili con luci in disordine ed altrettanto spesso mi capita di vederne con luci accese in pieno sole.
    Luci accese senza necessità causano un maggior consumo di lampadine ed una prematura sostituzione delle batterie.
    C’è da chiedersi la ratio di una simile legge, o forse no, tutto rientra nell’uso di fare strame per l’utilità propria e degli amici.

  43. Roberto Abeni says:

    ITALIA PAESE DI MERDA

    • luigi bandiera says:

      Roberto A.,

      Ma di prima o di seconda o di terza kategoria..??

      O basta leggere nei fatti per capirla..?

      Il disk kontinuerebbe ma so di essere in uno stato komunista e che il popolo NON E’ MAI STATO SOVRANO e ke piu’ di tanto non si puo’ dire…

      …al solo sfiorar loro le vesti ti fanno mettere in galera… (byLB)

  44. luigi bandiera says:

    La faccenda e’ tutta nel fatto ke il komunismo e’ una religione.

    Se per le altre religioni bestemmiare o offendere Dio e i Santi e’ peccato, reato in certi stati, anche il komunismo percorre la stessa strada. Si mantiene sulla stessa ideologia: offendere in qualche modo la struttuta KOMUNISTA (l’italia LO E’) e’ peccato ma essendo “laiko” lo stato si va sul REATO..!

    Beh, vilipendio (peccato mortale) al presidente, alla bandiera e alla divisa dei suoi servitori… dice quello che altre religioni dicono e condannano col peccato di cui l’INFERNO.

    E’ semplice da capire se si e’ liberi, altrimenti anche questo mio disk rientra nei termini dettati da quella corte tanto rossa… O nera? O bianca..?

    Qualcosa non quadra, perche’ il SEGNALE lanciato da questa corte autoreferenziale e superstrapagata, E’ VERAMENTE INQUIETANTE..!!

    Ragazzi, ormai qua non si scherza piu’..!!!

    Forse ci stanno SPINGENDO come si fa con le pecore, verso un terreno a noi non consono e piacevole..!!

    Attenzione alle TRAPPOLE DEMOKRATIKE E KOMUNISTE..!!

    Preghiamo San Marko.

  45. della scala says:

    No dai perche dite …così in fondo in fondo in fondo in fondo …. in fondo x 10 .. beh …..

    è PROPRIO UNA GRAN SCHIFOSA PUZZOLENTE MERDA !!!!!

    MUHAHAHHAAHHAHAAHAH
    MERDA DI STATO LADRO MAFIOSO e MERDA SONO GLI ITALIANI CHE FANNO IL SUO GIOCO

    BAH CHE MERDA !!!!

  46. luigi bandiera says:

    E se dico di KACKA..?

  47. franko says:

    Invece far morire di fame un intero popolo e distruggere l’economia non è reato,è un merito in base al quale un corposo branco di PARASSITI “fa CARRIERA” !

  48. carlo says:

    non offendiamo la merda

  49. Ferdinando Biano says:

    Lo stato i-taliano, uno stato usurpatore delle nostre Nazioni e della nostra Patria, ha paura di sentirsi dire dalla gente che è un paese di merda?
    La verità è sempre scomoda e difficile da digerire.

    Secessione subito da questa i-talia di m….

    Biano Ferdinando

  50. Davide Callegari says:

    Mi associo molto volentieri, con nome e cognome, nel dire che l’italia (ovviamente scritto minuscolo) è un paese di merda. E a dimostrazione di tale fatto possiamo portare ad esempio esattamente la norma citata nell’articolo:

    “è sufficiente una manifestazione generica di vilipendio alla nazione, da intendersi come comunità avente la stessa origine territoriale, storia, lingua e cultura, effettuata pubblicamente”.

    Un qualsiasi stato che faccia applicare una legge del genere, contraria ai più basilari principi di libertà di pensiero e parola (sanciti teoricamente dalla sua stessa costituzione), è senza alcun dubbio uno stato di merda.

    • luigi bandiera says:

      Davide C.,

      la costituzione e’ carta igienica. Serve a pulire loro rame (CU…).

      All’art.1 dice popolo sovrano e poi subito dopo gli toglie la sovranita’ (furbizia kattoKOMUNISTA talibana) perche’ dice che la esercita secondo I LIMITI della carta igienica stessa.

      VERA PRESA PER IL KULO DI QUI L’USCITA da quel buko di tanta MERRRRDDDDD..!!

      Quindi dire la verita’ oggi e’ un’OFFESA..? E’ UN REATO..????

      L’INTELLIGHENZIA E’ MOLTO, MOLTISSIMO, MALATA..!

      BASTA CON LE CORTI (ci costano un patrimonio) che in nome nostro CI CONDANNANO in particolare se noi esterniamo la nostra idea..!! Rispettano davvero l’art.21..

      Ma successe a me quando sentii un oppositore delegato uil, a dire ad altri: non si puo’ permettere a Bandiera di dire quel che dice. Se parli come vogliono loro sei eroe e santo.

      QUESTO NON E’ UNO STATO DI MERRRRDDDD, MA KOMUNISTA DI CUI LE CONDANNE SE OSI TOCCARLO NELLA MERRRRDDD..!!!!!!!!

      SECESSIONE soprattutto da i MONE..!!!!!!!!!!!!!!

      Ricordiamo queste:

      UN RE NON SI FARA’ MAI UNA LEGGE CONTRO.
      ANZI. IMBROGLIA SE E’ UN USURPATORE PER TENERSI IL TRONO, e la grande paga.

      La santa inquisizione NON E’ MI MORTA..!!
      E, solo a fiorar loro le vesti ti fanno mettere in galera… di cui le varie esternazioni a pro loro difesa.

      RE LUIGI XVI AVEVA MENO KASTE, e perse la testa oltre il trono, di quelle ke ha oggi l’italia nella merrrrenddddina loro… Lo si legge nei fatti..!!

      TRA NON MOLTO CI RICHIAMERANNO A SCUOLA PER RIEDUCARCI..!!!

      PREGHIAMO

  51. gino limito says:

    La cosa più fantastica di questo Paese di merda è che la Cassazione, pappa e ciccia con i vertici dello Stato, assolve i peggiori delinquenti di alto livello, molto spesso annullando le sentenze di condanna dei gradi inferiori (Corte d’Appello ecc.)! E poi condanna un cittadino per una libera espressione di un concetto totalmente provabile nei fatti!…
    L’idea che hanno della Nazione, un fantasma imposto con la violenza, è del tutto giacobina.
    Sprofondi questo Stato di letame. Libertà per i popoli!

  52. Longobardo Pavese says:

    Italia paese di escrementi!!…..

  53. FrancescoPD says:

    Piu che ribadire che l’italia è un paese di merda, vorrei capire quanto ci è costato a tutti noi cittadini il precedimento penale per perseguire cotanto reato.

  54. Alessandro F. says:

    “Ahi serva Italia, di dolore ostello,
    nave sanza nocchiere in gran tempesta,
    non donna di province, ma bordello!”
    Meno male che il reato, commesso all’inizio del ‘300, è prescritto e che il reo è già morto, altrimenti qualche procura avrebbe aperto un fascicolo contro tal “Alighieri Dante” non essendovi alcun dubbio che si tratta di manifestazione generica di vilipendio alla nazione.

  55. bravi tutti con i vostri commenti, avete capito e capiamo che siamo in un paese di merda.

    Rinaldo Cometti

  56. Giacomo Consalez says:

    Vorrei anche capire come mai la Suprema Corte itagliana non abbia mai preso di mira questa gentil signora:

    http://www.alman.it/modules.php?name=News&file=article&sid=152

    • della scala says:

      Beh perchè come darle torto !?

    • INDIEAHN says:

      ho letto le fantastiche affermazioni di valent dacia e considerando che c’è una parte di verità purtroppo, dico che se da parte sua fosse andata a mangiare e a “defecare” in una altra nazione “litaglia” risulerebbe di conseguenza un pochino meno paese di merda

      • INDIEAHN says:

        per la fretta ho tralasciato di aggiungere ” se fosse andata in una altra nazione e con lei un bel po’ di altri magna e caga”!! Con l’indipendenza in parte il problema sarebbe risolto e appunto per questo che non mollano, vogliono continuare a magnà e cagà a casa d’altri e a nostre spese.

  57. Giuseppe says:

    Per me veneto, mi sento offeso quando degli stranieri, facendo di tutto un fascio, mi chiamano sprezzantemente o, quando va bene, ironicamente, italiano. Io sono un veneto, rispondo a loro. La Cassazione farà la guerra santa anche a tutti gli stranieri che ritengono l’Italia un paese di merda?

  58. Elena says:

    invece di occuparsi dei serissimi problemi di questo Paese (di merda!) il governo (di merda!) pensa a multare un signore di 70 anni per una semplice e verissima frase di sfogo.
    QUESTA E’ LA “DEMOCRAZIA” IN ITALIA!
    Ridicoli e vergognosi!

  59. Jaqx says:

    E questi della cassazione, pagati da noi, perdono anche tempo con questi fatti da “Itaglia Paese di Merda”.
    Gianluca Merennoni dal Granducato di Toscana

    • Toscano Redini says:

      Scusi, non potrebbe fare a meno del granducato e limitarsi a dire “dalla Toscana”… Se sapesse da quali turpitudini “di merda” (tanto per rimanere in argomento) proviene il granducato, per certo non lo citerebbe. Stia bene.

  60. Stefano Nobile says:

    Sono invece d’accordo che non si debba dire “L’Italia è un Paese di merda”.
    Ragion per cui eviterò di dire “L’Italia è un Paese di merda” e dirò a tutti di non dire “L’Italia è un Paese di merda”, così come raccomando anche a voi di non scrivere “L’Italia è un Paese di merda”.
    Perché l’Italia, senza questo Stato di merda che l’ha occupata, sarebbe anche bellina.
    Ma visto com’è conciata a qualcuno potrebbe saltare in mente di dire o scrivere un inappropriato “L’Italia è un Paese di merda”.
    E non è giusto. Per la merda, chiaramente

  61. Walter says:

    BRAVO! CON QUESTO ARTICOLO SONO PIENAMENTE D’ACCORDO. IO SE FOSSI QUELLA PERSONA ANDREI ANCORA DAVANTI ALLA CORTE EUROPEA E MI METTEREI IN CONTATTO CON AMNESTY INTERNATIONAL!!!

  62. La puzza di merda che proviene da Roma e da tutte le sue Istituzioni come dovremmo chiamarla??
    In 17 Legislature abbiamo avuto 65 Governi combinati non approvati e non eletti dal popolo, con il risultato di tanta merda che ha distrutto il Paese.
    Eppure c’é chi piace, la difende, la mangia e la respira con grande piacere mentre il Paese va sempre più giù.
    Anthony Ceresa.

  63. Cristiano Forte says:

    Non capisco che male ci sia ad esprimere un’opinione, anche se un po’ colorita:
    L’ITALIA E’ UN PAESE DI MERDA.

  64. Giacomo Consalez says:

    Io credo che la corte suprema abbia ragione. Occorre combattere l’uso indiscriminato del turpiloquio. Per questo io auspico che cada al più presto in disuso la parola italia.

  65. lory says:

    la Cassazione può dire quello che vuole, ma questo è un paese di merdaaaaaaaaaaaaaaaaa

  66. pippogigi says:

    Non ho capito bene se il vilipendio è stato per l’italia o per la merda…..

    • luigi bandiera says:

      sicuramente per la merda.

      • pippogigi says:

        Ah allora avevo capito bene.
        Povera merda, un tempo veniva usata come concime naturale, un tempo in campagna la si faceva seccare ed usata come combustibile (quelle delle mucche), è passata alla storia nella versione francese (Merde) come risposta data dal generale Cambronne agli inglesi che gli intimavano la resa. Oggi invece viene svillaneggiata equiparandola all’italia. L’utilità e la storicità della merda le ho già citate, non riesco ancora invece a trovare l’utilità dell’italia (della storicità essendo un invenzione non ne parliamo). Nessuno mi aiuta? la merda ha delle utilità, l’italia a cosa serve?

  67. Ogni veneto, lombardo, piemontese, friulano, trentino alto adige, ligure, emiliano romagnolo dovrebbero scrivere che “l’Itagliota è veramente un paese di merda”
    altrimenti sono e rimarranno sempre dei pecoroni itaglioti.

    Rinaldo Cometti

  68. Claudio says:

    “…prive di alcuna correlazione con una critica obiettiva”?
    Vogliamo cominciare a elencare “critiche obiettive”?
    Io mi associo con te Gian Luca!
    firmato : Claudio Soldati

  69. Andrea Pellis says:

    Sottoscrivo: l’itaglia (intesa come istituzioni, non come popoli) è un paese di merda.

  70. E’ ovvio che la cassazione condanni perchè dovrebbereo essere anche loro condannati per l’assenteismo che fanno, processi civili, penali che non finiscono mai, ma finchè il popolo itagliota pecorone rimarrà sempre così. Per cambiare dobbiamo essere delle tigri, in primis are dei sittings pacifici, serrare negozi, fabbriche, non pagare più tasse, rinunciare alla tessera elettorale e infine al documento d’identità della repubblica itagliota, perchè io non mi sento più italiano e i partiti, e coloro nominati nella scheda elettorale non mi rappresentano per niente, è ora al nord siamo in 27 milioni di abitanti ne basta solo la metà per distruggere l’italia dello stivale.
    Rinaldo Cometti

  71. Masha says:

    L’italia è un Paese di merda!

  72. Albert Nextein says:

    La cassazione che emette una tal sentenza conferma che l’italia è un posto di merda.
    E anche la cassazione è superflua.
    Un apparato da abolire.

  73. fabio says:

    fabio incantalupo
    ITALIA PAESE DI MERDA E DI LADRI

Leave a Comment