La balla della lotteria legata allo scontrino fiscale

scontrinodi ANGELO VALENTINO – Nulla è più inedito dell’edito. Tradotto, una cosa vecchia riciclata e confezionata bene te la puoi rivendere. Soprattuto nel gioco dei tre bussolotti in politica.

L’idea infatti di una lotteria dello scontrino per arginare l’evasione fiscale o per reperire nuove entrate – come prevede la bozza dell’ultimo Decreto Fiscale – risale a oltre 10 anni fa. Lo sapevate?

Racconta l’Agenzia di stampa di giochi e scommesse che nel 2009, in occasione del decreto Abruzzo, come ricorda Agipronews, si parlò di una lotteria “da resto” per finanziare la ricostruzione post-terremoto: a ottobre 2010, era stata la Commissione Europea a dare il via libera alla bozza di decreto tecnico, ma tutto era rimasto fermo fino a novembre del 2011, quando per reperire le risorse chieste dalla manovra bis approvata in estate, si ipotizzò la partenza delle giocate entro il marzo successivo. La nuova tipologia di gioco venne poi nuovamente bloccata dal Governo con il decreto fiscale del 2012. L’ipotesi di una lotteria collegata agli scontrini fiscali piaceva anche al Movimento 5 Stelle che propose di introdurre nella legge di stabilità, «in via sperimentale per il triennio 2016-2018, giochi a sorte legati all’emissione di ricevute e scontrini».

E poi, che è successo?

2La lotteria dello scontrino, garantisce Agipronews,  è finalmente diventata legge con la manovra 2017: dal 1° gennaio 2018 sarebbe stato possibile partecipare «all’estrazione a sorte di premi attribuiti nel quadro di una lotteria nazionale» per tutti quei contribuenti che, effettuando un acquisto, avrebbero comunicato «il proprio codice fiscale all’esercente», che lo avrebbe poi trasmesso all’Agenzia delle entrate. Un decreto del MEF avrebbe dovuto disciplinare «le modalità tecniche relative alle operazioni di estrazione, l’entità e il numero dei premi messi a disposizione, nonché ogni altra disposizione necessaria per l’attuazione della lotteria». Inoltre, prosegue Agipronews, dal 1° marzo 2017, la lotteria sarebbe dovuta partire «in via sperimentale, limitatamente agli acquisti effettuati mediante strumenti di pagamento con carta di debito e di credito», ma il Milleproroghe approvato a febbraio 2017 dispose il rinvio della sperimentazione. Un provvedimento di rinvio ufficiale della lotteria dello scontrino (che sarebbe dovuta partire quest’anno) non c’è mai stato, ma problemi tecnici hanno suggerito al Governo di rinviare di fatto l’entrata in vigore della lotteria”.

Che colossale presa per i fondelli. Ma siccome siamo un popolo senza memoria, che non legge, che si affida alle news e ai like di facebook, ci meritiamo di essere presi per il naso con l’anello e portati dove vuole il padrone. A meno che non si rialzi la testa e si scriva come stanno le cose. Grazie quindi a lindipendenzanuova.com che da quotidiano libero, dà voce e titolo alle verità scomode.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment