L.I.F.E. ha chiesto ai 580 sindaci veneti di dimettersi. Una sola risposta

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Tutti i 580 Sindaci del Veneto hanno ricevuto una pec mail con il testo di presentazione qui sotto e la lettera allegata (vedi sotto). Al Sig. Sindaco di… Egregio Signor Sindaco, in allegato troverà l’appello che LIFE Veneto, sindacato imprenditori, rivolge a Lei e a tutti i Suoi colleghi del Veneto per dare una risposta politica del territorio all’apatia perniciosa del Governo centrale. Certi anche della Sua adesione, salutiamo distintamente. Firmato: LIFE Veneto-Il Presidente Lucio Chiavegato.

Aveva annunciato che sarebbbe stato fatto ed, ora, la parola è mantenuta. “Continuare a lamentarsi e a non avere il coraggio di ribellarsi è ormai per noi fastidioso – dice Chiavegato – ed inutile per il cammino della nostra libertà da questo stato ladro e corrotto. Credo quindi sia ora di iniziare a richiamare i nostri sindaci ad una presa di responsabilità e di scendere dall’inutile scranno su cui sono seduti. Infatti manderemo presto lettera di diffida a tutti sindaci Veneti avvisandoli che li riterremo responsabili di eventuali altri suicidi dovuti alla crisi, a fallimenti aziendali e a sfratti per morosità a cittadini Veneti. A cosa serve avere un sindaco di destra, sinistra o leghista o indipendentista se questo non fa altro che applicare le direttive romane”?

L’iniziativa, partita dopo che  a Casale di Scodosia (PD) il sindaco si è dimesso per non voler tartassare ulteriormente le imprese già in difficoltà e il Sindaco di Resana  – Loris Mazzorato – ha detto di essere «Costretto dallo Stato a uccidere i cittadini con le tasse, io sono il boia dei miei concittadini” .

Per ora, è arrivata la risposta del sindaco di Segusina (Tv), che non pare interessato a lasciare (vedi lettera sotto). A questo punto, non resta da attendere se arriverà qualche segnale da parte degli amministratori interpellati.

ALLEGATI

Appello L.I.F.E. ai Sindaci del Veneto

Risposta del sindaco di Segusina

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

31 Comments

  1. Il Serenissimo Principe fa saver che..... says:

    Mi ve digo na roba, e xe un me libero pensiero…. e manifestasion e blocar el paese, va benissimo !!! Ma ghemo da tacare ad andar casa dee persone che xe responsabili del nostro MAE !!! Dopo che 1000 persone taca presentase soto casa dei aministratori uno, do, tre….volte ecc….forse un pensiero i taca farlo anca iori !!! SEMO STUFI DE STI POLITICAL CORRECT CHE OGNI DO PAR TRE I DIXE CHE I XE INPOTENTI, NOI PO FAR GNENTE E I SPETA ROMA…..EORA COSSA FETO SO CHEA CAREGA, SE TE SPETI CHE I ALTRI SE MOVA E TE SPETI CHE ROMA TE SCOLTA ????? O TE FE QUALCOSA PA LA PARTE CHE TA AMINISTRI O FORA DAI COSI’ DETTI !!! EA XENTE NON POE SPETAR, QUEI CHE SPETA ROMA !!!

  2. SERGIO says:

    2013.11.15 – IL 9 DICEMBRE 2013 L’ITALIA SI FERMA … MONITO ALLO STATO STRANIERO ITALIANO.

    MONITO ALLO STATO STRANIERO OCCUPANTE ITALIANO – ANDATEVENE FINCHE’ SIETE IN TEMPO.

    La popolazione non ne può più!

    Il 9 dicembre 2013 un coordinamento di gruppi e di movimenti uniti e determinati ha deciso di dire BASTA allo stato italiano!!!

    Gruppi e Movimenti si sono costituiti in un coordinamento e non vogliono perdere tempo con rivendicazioni di categoria ma scardinare il sistema dominante e parassitario rappresentato dallo stato italiano.

    Attenzione dunque.

    Il nostro monito è per voi autorità d’occupazione straniere italiane illegalmente e illecitamente presenti sui territori della Repubblica Veneta.

    Non sottovalutate i presidi di protesta della popolazione che si vogliono costituire.

    Non azzardatevi ad intervenire come siete abituati, la repressione in qualsiasi modo e con qualunque pretesto non sarà tollerata.

    Così come intimatovi con l’ultimatum del 13 dicembre del 2010 il MLNV, e oggi questo Governo Veneto Provvisorio, con fede ai propri doveri nei confronti della Serenissima Patria e dell’intero Popolo Veneto e in totale solidarietà e vicinanza con le altre popolazioni della penisola, vi ordina di andarvene finché siete in tempo.

    Abbandonate i territori della Repubblica Veneta che occupate illegalmente e illecitamente e ritiratevi con tutte le vostre istituzioni e le vostre forze armate e di polizia dai nostri territori, mantenete fede ai vostri impegni in ossequio ai principi e agli scopi della Carta delle Nazioni Unite, ratificati anche con la vostra legge 881/77 riguardo ai patti di New York del 1966 relativi al diritto di autodeterminazione per tutti i Popoli sottomessi da un regime straniero, da un regime colonialista e da un regime razzista, perché questo è ciò che siete nei confronti del Popolo Veneto e degli altri Popoli che abitano questa penisola.

    Questo MLNV e Governo Veneto Provvisorio chiede all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, alla Comunità internazionale e ad ogni singolo Stato terzo di pretendere dallo stato straniero occupante italiano il rispetto del diritto di autodeterminazione del Popolo Veneto e di porre fine alla illecita e illegittima occupazione del Territorio della Repubblica Veneta.

    Questo MLNV e Governo Veneto Provvisorio condividendo e facendo propria questa iniziativa intrapresa dal coordinamento di gruppi e movimenti che avrà inizio il 9 dicembre 2013, quale autentica espressione di lotta di liberazione dallo stato straniero occupante, razzista e colonialista italiano chiede sostegno, appoggio ed assistenza così come previsto dalle norme anche consuetudinarie del diritto internazionale.

    WSM
    Venetia, venerdì 15 novembre 2013
    Il Presidente del MLNV e del Governo Veneto Provvisorio
    Sergio Bortotto

    2013.11.15 – MLNV-GVP – MONITO ALLO STATO STRANIERO OCCUPANTE ITALIANO

    • pierino says:

      a Roma semplicemente vi ignorano e se ne fregano beatamente …
      ottima figura ricordare l ULTIMATUM di quasi TRE anni fa…

      • Cesira says:

        Attento Pierino che poi alcuni di questi la minacciano di rappresaglie personali perchè non la pensa come loro o perchè critica i loro atteggiamenti.Come è successo in un’altro argomento che aveva come oggetto questa gente.Meglio ignorarli tanto contano nulla anche per gli ambienti venetisti da quanto mi raccontano.

  3. Cesira says:

    Domanda:La LIFE (oppure L’indipendenza) potrebbe stilare un elenco di quante aziende sono state chiuse in Veneto e magari in Lombardia dall’inizio del governo Monti a oggi?I nomi delle aziende chiuse, o trasferite all’estero e il numero di dipendenti lasciati a casa.Prese tutte insieme sarebbero un ottimo argomento quando noi parliamo di indipendenza del Veneto e della Lombardia con tutti i nostri amici e conoscenti.I numeri esatti non mentono mai e spesso lasciano attoniti perfino gli increduli.

  4. FrancescoPD says:

    …evidentemente è difficile mollare la carega anche del più minuscolo comune,… vuoi mettere aver la possibilità di poter fare la cresta su tutto, sabbia del cimitero compresa!
    I sindaci sono l’espressione dei partiti che hanno saccheggiato l’italia,.. basta vedere con quanto accanimento vanno in cercaq di voti in occasione delle elezioni, per capire di che pasta sono fatti.
    Pia illusione quella di pensare ad una scorciatoia per scassare il sistema mafioso su cui si regge il potere politico consolidato.

    Vediamo il 9 dicembre che succede,… nutriamo più speranze li

  5. Coresion:

    Xe vera, łi sinaghi łi xe tuti o coaxi e parlopì tałiani, anca i sento e pàsa ke łi ga votà par tegner el falbo referendo so l’endependensa del Veneto, on bon somexo de bronse coerte o de buxe de calçina.
    Łi xe tuti o parlopì o statałi o profesionisti, ke no vol rogne e a cu ghe entaresa l’aministrasion comounal par cariera poledega o afari … dixemo ke łi xe a tuto pien parte de ła casta tałiana.
    Pretendar ke łi se meta co ła LIFE par far ła revołousion me par màsa, xe pi façiłe ke łi se skiere col stado tałian par darghe contro a ła so xente e difendar i so priviłej de casta..
    Lo ghemo visto co xe rivà Napoleon e dapò i Saboia, sta “borghexia veneta” lè feroçe-avida, se ocor i te spara e a la skena e so la fronte, come in Siria, en Alxeria, en Ejto, en Libia … no łi se faria gnaon scroupolo a doparar anca el gas, dapò esar stasti a ła mesa granda en duomo.
    Almanco łi se ga xmaskerà e podemo tacarli ente i nostri paexi, parké ła bona revolousion ła parte lomè da i nostri borghi nandoghe contro a i veneti-tałiani, ła xe na lota çevil de łeberasion omana de i sciavi e de i servi, de tuta ła xente ke laora e ke ła xe brincà pal coło e sofegà da ste marudene de parasidi ke łi fa tuti cao a Roma endoe ca ghè el Bào pì grando!

    • Cesira says:

      Signor Pento, può unire anche una traduzione in italiano?Non si offenda ma faccio veramente grandissima fatica a capire quello che ha scritto.Magari sono cose interessanti per tutti ma in molti non riusciamo a leggerle.Buona giornata a lei.

      • Xentil Cexira no me ofendo,

        coel ke scrivo mi no xe enportante, prasiò anca se no la capise no la perde gnente.
        La pensi ke se mi no ghe fuse pì e no ghe fuse pì gnanca ela e gnanca ghe fuse gran parte de l’omanetà el sol el sitaria a spenxorar e l’ogniverso a spandarse. xalrgarse.
        Mi scrivo en lengoa veneta parké me piaxe e me basta ke almanco ono, dei letori de l’endependensa, so sento, el lexa, el capisa e el sipia contento,

        • Cesira says:

          Mi pare di capire da quello che sono riuscita a tradurre che lei mi dica che scrive praticamente per sè stesso.In questo caso capisco e salterò direttamente i suoi commenti.Perdoni se le ho risposto e buona giornata.

    • luigi bandiera says:

      Pento,

      cosa ghe xe suceso al sito de e Raixe Venete..??

      El go troa’ cambia’… e el vecio desfa’..!

      Va ben, tanto jera ani ke nol frequentao grasie e i me fradei veneti.

      E pensar kel jera el pì beo del mondo. Come kel jera el ghe faxea veramente onor a Venexia.

      saeudi e grasie dea eventuae risposta.

  6. Albert Nextein says:

    LIFE ha perso tempo e buttato francobolli.
    I sindaci sono espressione di partiti tutti marci e conniventi col sistema di potere.
    Tutti.

    • VOX VERITAS VITA says:

      LA P.E.C. è gratuita !!! Serve apposta per risparmiare francobolli….ahahahah.

      • Dan says:

        Mica tanto gratuita, tra costo della casella e firma elettronica…

        Sarebbe sicuramente costato di più in termini di benzina ma forse avrebbe avuto un altro peso tappezzare tutti i comuni del veneto con volantini che riportavano lo stesso contenuto della lettera così lo avrebbero letto tutti i veneti e non solo il sindaco (trenta secondi prima di spedire tutto nel cestino)

      • PEC, inventata purtroppo da un veneto di nome Renato Brunetta.
        vox, si informi su quanto è costata e costa alle aziende questa balzana invenzione tutta italiana.
        Si chieda come mai la PEC non esiste nel mondo e come mai non è accettata fuori dall’italia!
        A disposizione per chiarimenti tecnici.

        • pierino says:

          han storpiato cio che internazionalmente c era già. ma essendo la PEC destinata alle comunicazioni aziende-PA il problema NON esiste.

          se lei la usa privatamente al posto di ‘quelle che esistono nel resto del mondo’ è un problema suo, nessuno la obbliga,
          solo la PA..

        • VOX VERITAS VITA says:

          Che la PEC, sia una cialtronata inventata da quel schizzato di Brunetta è un dato di fatto ( esiste solo in Italia e Tanzania).

          La PEC, è ovvio che ha dei costi iniziali, ma ha sostituito proprio le raccomandate con ricevuta di ritorno. Volete mettere spedire 580 raccomandate con ricevuta di ritorno a tutti i comuni italiani ??? LA LIFE HA FATTO BENISSIMO USARE LA PEC, E GLI STESSI METODI CHE USA LO STATO ITALIANO PER FREGARCI.

          Inoltre prima di parlare informatevi, la P.A. non può cestinare un bel niente ( secondo il suoi regolamenti), ha l’obbligo di risposta ( con i suoi tempi ovviamente e in base l’amministrazione).

          Perché prima di parlare non vi informate ???

      • sandro says:

        1 solo ha risposto…
        questi o han invato DA posta normale, oppure A posta normale.
        visti i personaggi sicuramente non ci son riusciti a inviare da una pec a 580 pec 😀
        (sempre che ad i sindaci le pec sian giustamente configurate)

    • luigi bandiera says:

      Albert N.,

      infatti, quelli che fanno i bravi italiani non rischiano nulla, tutti gli altri, basta un sole o una luna in piu’ e finiscono nel cestino… e poi, ci sono i cani da guardia lì pronti a mordere…

      Amministrare in nome e per conto dell’italia e’ un perder tempo e basta se si pensa all’INDIPENDENZA, ALL’AUTODETERMINAZIONE.

      Quindi..??

      O SI E’ ITALIANI O SI E’ INDIPENDENTISTI.

      ESSERE o NON ESSERE, gli uni o gli altri.

      Quindi 2 ??

      OGNUNO OCCUPI IL POSTO A LUI ASSEGNATO..!!!

      L’italiano occupera’ il posto riservato agli italiani;

      L’indipendentista occupera’ il posto riservato agli INDIPENDENTISTI (non e’ una asso di dentisti)..!

      A meno che non ci sia gia’ un servizio segreto che infiltra personaggi nel sistema per demolirlo da dentro.

      Ne dubito, per cui..? TEMPO PERSO..!

      continua

  7. Simone Tretti says:

    La risposta del sindaco è palese. L’inedia di attendere il famigerato referendum, che si appoggia a… al sistema italiano. Il quale però guardacaso non prevede scissioni di territorio dal punto di vista costituzionale! Ahiahiahiii! Tengo dolores de panza!

    Proprio, sta insistenza del referendum è stupida. Smettete di pagare tasse ove possibile boicottate gli enti.. dopo vedrete che l’italia salta per aria da sola.

  8. VOX VERITAS VITA says:

    IGNAVI

    Questi dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre a quella del più forte; tra essi sono inseriti anche gli Angeli che non si schierarono nella battaglia che Lucifero perse contro Dio.

  9. luigi bandiera says:

    Non serve che si dimettano, ci pensa lo stato a farli dimettere.

    L’ELETTROLUX chiude e lo stato pensa al sindaco e alla giunta di Resana: azzerati ..!

    Bisogna scovare i CRIMINALI DI PACE e portarli a Norimberga..!

    Quelli di guerra ormai l’hanno fatta franca no..? Saranno quasi tutti morti. Ma adesso ci sono i CRIMINALI DI PACE vivi e vegeti… e non e’ da prenderla cosi’ cosi’…

    Pensate chi sono… poi si fara’ il resto.

    continua

  10. pierino says:

    580 sindaci che li han giustamente mandati a fan.ulo.
    e m aggiungo pure io….
    i sindaci lasciano e chi li rimpiazza se non il solito statale romano de roma ? tutto a loro comodità e vantaggio

    la gente ne ha le b.lle piene di azioni contro il veneto, LIFE siete nella lista pure voi

  11. gigi ragagnin says:

    i sindaci che non si dimettono dicono che non lo fanno per limitare i danni. sono solo scuse o per la loro itaglionitù o perché non sono capaci di lavorare fuori della politica. se al posto dei sindaci dimissionari ci fossero i prefetti, il popolo Veneto capirebbe subito chi è il nemico.
    caro Chiavegato, non sperare che si dimettano.

  12. io non avrei scritto
    Certi anche della Sua adesione
    si accettano scommesse…

  13. Dan says:

    Come ampiamente prevedibile in tutta questa alchimia manca al calderone l’ingrediente fondamentale che non è la zampa di rospo ma il “se no cosa capita”.

    La L.I.F.E. ai sindaci: “vi riterremo responsabili, lanceremo strali e fulmini”

    I sindaci alla L.I.F.E.: “apriremo l’ombrello”

    Anni di parole e convegni non potevano che portare a questo risultato.

Reply to Cesira Cancel Reply