L’Islam padrone di Jesolo? E io boiocotto la spiaggia

di ROBERTO BERNARDELLI*

No. Io, a Jesolo, quest’estate non ci andrò.E non lo dico felice di questa affermazione, anzi. Nelle spiagge dove chi amministra il soccorso vive nel Medioevo, mettendo al bando la presenza delle donne bagnino perché urtano la sensibilità religiosa dei musulmani, se sono loro a comandare, né io né la mia famiglia ci vogliamo mettere piede. Preferiscono gli islamici? Se li tengano. Poi, però, chiedano anche se tutti pagano le tasse, dove vivono, di che assistenza balneare beneficiano.

Insomma, prima sia ripristinata la civiltà degli amministratori, poi se ne riparlerà. Il can can mediatico, che li ha sommersi di fischi e inevitabili contumelie, portandoli a fare marcia indietro, non mi fa cambiare idea. I vigliacchi non vanno premiati. Mi sia consentita una pallonata da spiaggia in faccia a chi se la merita.
Chi comanda? Il cittadino o i vu cumprà che sputano e insultano le nostre ragazze stagionali, che vivono d’estate un mestiere nobile con slancio di altruismo e professionalità?
Il mio è un atto di forza, una provocazione che risponde ad un altro atto di forza, io direi di vigliaccheria, contro i deboli: le donne. Il passo falso commesso dalla dirigenza di Federconsorzi è classificabile nell’inclassificabile.  E dimostra la debolezza di un sistema che è diventato via via sempre più succube della prepotenza islamica d’importazione a casa nostra. Se le ragazze vengono insultate, aggredite, non vanno cacciate loro. Quella, caro presidente, è casa loro. Se a Milano un pensionato va in strada col cane, non deve temere che un pazzo col ricorso al Tar giri indisturbato armato di piccone. Se una universitaria si paga gli studi garantendo l’incolumità dei bagnanti, non deve rimetterci gli esami perché degli arabi la importunano e minacciano.
L’indulgenza, la benevolenza sciatta e pericolosa che omologa un clandestino o un ospite delinquenziale ai diritti dei cittadini, apre irrimediabilmente il varco non solo a chi vuole conquistare mattone su mattone un Paese flaccido nel rispetto e nella difesa dei valori, ma squarcia purtroppo anche la resistenza cerebrale di chi, per non aprire un fronte di battaglia civile, preferisce battere in ritirata sulle nostre spiagge.
Grave, gravissimo! Grave per gli albergatori, grave per i commercianti, grave per gli operatori del settore. Grave per tutti.
Noi vogliamo, pretendiamo le scuse dei geni di questa operazione degna della categoria della dhimmitudine, dei cristiani conquistati dal califfo ed esonerati dalla morte perché infedeli.
Questo è quanto accaduto a Jesolo, e il fatto grave è che non se ne sono accorti, non si sono accorti di essersi comportati come se vivessero già nelle terre dell’Islam, quindi subordinati alla sharia come non musulmani. Con quella maldestra decisione, per quanto ritirata, hanno riconosciuto la superiorità islamica.
 Al posto delle bandierine rosse e bianche nelle zone balneabili, hanno issato la mezzaluna.
*presidente di Indipendenza Lombardia
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

24 Comments

  1. Tito Livio says:

    Vergogna! che schifo ! mai più in spiaggia a Jesolo, meglio Rosolina, Bbione,Cavallino.

  2. oppio49 says:

    io ci andrei ad jesolo proponendo un nuovo sport da spiaggia: sotterra l’islamico. le regole sono molto semplici. si prende il primo coglione magrebino che rompe i coglioni ad una ragazza, ci si divide in due squadre, e, a turno, lo si sotterra nella sabbia… vince chi ci mette meno. ps è obbligatorio dimenticarsi il magrebino sotterrato.

  3. giuseppe says:

    Ma di cosa stiamo parlando? Il califfato ha sempre dovuto soccombere in passato perché l’occidente organizzava le crociate e andava a rompergli il c……nella loro terra….oggi, nel XXI secolo, si sono invertite le parti….prima hanno fatto finta di voler convivere pacificamente ( ma non troppo…) e nel frattempo si dotavano di armi e tecnologie….poi hanno rialzato improvvisamente la testa e adesso stanno contrattaccando su vasta scala in dosi massicce il povero occidente che nel frattempo è diventato ” civile “, opulento, grasso e indifferente….loro hanno covato per secoli l’odio etnico e razziale e adesso ce lo stanno dicendo in tutti i modi possibili, con attentati, uccisioni isolate e di gruppo e azioni come quelle di Jesolo, mentre noi cosa facciamo? noi abbiamo creato un governo di NON-ELETTI che sinistrosamente ( vedi la boldrini e la chienge che è arrivata in Italia da clandestina e adesso è una ministra !! ) sta mettendo in atto una pulizia etnica, eliminando leggi, regole e diritti degli autoctoni Italiani, a favore di qualunque altra etnia aliena che disordinatamente sta approdando nel nostro paese…..nostro ancora per poco, perché gli idioti che stanno permettendo tutto questo, non hanno compreso che questi gruppi etnici anti-occidentali, una volta arrivati ad essere in numero davvero importante, faranno ( vedi in Norvegia, dove sono ormai maggioranza e le bambine norvegesi bionde, si tingono i capelli per paura degli islamici che pretendono di imporre la legge islamica sulle donne e che ritengono i capelli troppo chiari offensivi……!! ) imporre ai poveretti in minoranza le loro assurde leggi militar-religiose da dittature assassine e maschiliste, indietro nella civiltà almeno 1000 anni..!! e i ” governanti” sinistrati e sinistrosi, non sanno che essi stessi saranno impalati per primi….! altro che dar il voto agli immigrati e la cittadinanza per poi farsi rieleggere da loro in un gioco infernale …! Povera Italia, non sei più il Bel Paese, il Giardino d’Europa, il paese della musica, della cultura, dell’arte e della buona e sana cucina mediterranea…io vivo a Genova e lavoro nel centro storico, in pratica la casba orientale a tutti gli effetti…ormai INTERAMENTE ABITATO DA ORIENTALI e consegnato di fatto nelle loro mani….al mattino andando per i vicoli si sente nell’aria uno stomachevole miscuglio di odori strani, acri che provengono dalle case fatiscenti…credo che cucinino a qualunque ora i loro cibi etnici, spargendo nell’aria senza alcun ritegno odori nauseabondi in barba a qualunque regolamento di polizia…..provate voi ad accendere un fuoco e bruciare essenze ( strane..) e cucinare carne e diffondere liberamente gli odori nell’aria…..provate…..e ti guardano con disprezzo quando passi, ti fanno capire che gli dai fastidio e le nostre donne hanno paura…..ecco cosa è stato creato in Italia dai ciechi politici di sinistra….si salvi chi può, ormai il paese è perduto, le deboli e stupide democrazie occidentali hanno permesso ciò che non era mai stato possibile in passato con le armi, l’appropriazione dei territori occidentali da parte del califfato islamico….!!! grazie sinistra, a cominciare dal mortadella e dal suo idiotissimo euro…!!

  4. lorenzo says:

    Se preferiscono gli islamici alle donne bagnino non sono solo calabraghe e vigliacchi, ma anche degli eunuchi… Boicottare Jesolo, assolutamente d’accordo

    P.S. Per la cronaca bisogna però dire che la giunta non è nè venetista, nè padanista e nemmeno leghista, ma un’ammucchiata italiota tra Pd, Pdl e Udc locali a sostegno di tale Valerio Zoggia…

  5. lorenzo canepa says:

    Bernardelli hai perfettamente ragione. E´ora di finirla con questi islamici . Se vogliono vivere líslam che se ne stiano a casa loro. Mi meraviglio che il sindaco non faccia nulla. Probabilemnte non ha coglioni come la maggior parte dei politici inclusivi i leghisti

    • luigi bandiera says:

      lorenzo,

      dimentichiamo che la legge italiana lo permette: senza discriminazione alcuna la recita e’…
      Loro non discriminano, ma pretendono come se fossero a casa loro.
      VA CAMBIATA..!!
      MA SUBITO, il che ne dubito..!

      Sono stati i padri cornutissimi a pensare e a scrivere la costituzione, non noi, per cui noi SOCCOMBEREMO e loro non saranno nemmeno messi in galera (ma sono tutti in tomba e ma con vie e piazze a loro onore)..!

      Ecc. ecc. ecc..

  6. silvano polo says:

    Jesolo ?
    Ma Jesolo non era quel comune che (unico nel Veneto) era riuscito ad indire un referendum per l’ Indipendenza del Veneto dove i “SI” avevano stravinto ….. ?
    cos’è successo, allora ….. ?

    • MIGOTTO SANDRO says:

      Jesolo non ha fatto un referendum per l’indipendenza. Lo ha fatto non unico in Veneto, ma in tutta Europa, caro el me bel, per l’autodeterminazione.
      Questa notizia dei bagnini e’ stata superata dal sollevamento della gente Jesolana che ha fatto ritirare il provvedimento.

      Non abbiamo alcuna notizia di cosa abbia fatto Lei per la sua gente in quel di San Bonifacio.

      naturalmente aspettero’ con gioa sapere delle sue iniziative e quelle dei suoi nuovi sodali di VS.

      • www.veneto-stato.eu says:

        Silvano Polo xe de VS?Ah vera desso ghe xe el congresso e come i orsi se sveia dal letargo lu se fa vivo!Sa femo Sior Silvano Spachemo tuto de novo???

  7. Stefano Nobile says:

    Questa non la sapevo. Che manica di eunuchi che abbiamo come amministratori.

  8. Domandona.
    Ho visto che nel logo del partito di Bernardelli-Arrighini è stato inserito il logo di questo giornale.
    È uno sbaglio o questo giornale è diventato un organo del partito di Bernardelli?
    Urge chiarimento.
    Brescia Patria

    • gianluca says:

      Non ci sono cambiamenti nell’assetto e nella missione del giornale: l’Associazione L’Indipendenza non è organo di alcun partito. Se in futuro dovessero intervenire modifiche a tale assetto, i lettori saranno debitamente informati

      glm

      • Gigi says:

        Marchi, le è indifferente il fatto che il logo del partito di Bernardelli utilizzi quello dell’associazione? La gratifica? Ne è contento? Oppure per lei costituisce un problema? Grazie se vorrà rispondere.

        • gianluca says:

          Non mi crea problemi in linea di principio. Conosco le persone mentre so meno al momento del rinnovato progetto politico, ma se si ispira ai principi che noi cerchiamo di divulgare non vedo il problema

  9. Dan says:

    Se al momento del dunque non ci saranno bagnine in giro ma tanti vucumprà sarebbe cosa buona e giusta organizzare in proprio un gruppo di bonazze stile baywatch e farla andare su e giù per la spiaggia e ci provi mohamed a rompere.

  10. fabio ghidotti says:

    d’accordo con Bernardelli sulla condanna della leccata ai musulmani, e sul boicottaggio.
    Solo una riflessione. Ci sono musulmani che hanno un incredibile potere economico, tanto che in Occidente si comprano fabbriche, palazzi, squadre di calcio, ecc. Insomma, fanno parte a pieno titolo del sistema capitalista o, se preferite, di economia di mercato. Quello che piace tanto ai protagonisti di questa testata, compreso l’autore dell’articolo.
    Ci sono quindi musulmani che muovono denaro, e possono portarlo anche qui. Non vi viene il dubbio che il calarsi le braghe di fronte al razzismo musulmano (in questo caso antifemminile) sia dettato, più che da paura o connivenza ideologica, da un semplice e occidentalissimo interesse a tenersi buono un mercato potenziale?

  11. luigi bandiera says:

    DOBBIAMO ARRENDERCI: SIAMO IN TERRA ISLAFRITALIBANA.

    NON C’E’ PIU’ NIENTA DA FARE…
    E’ STABELLO SOGNARE… (Bobby Solo)

    Salam

  12. Gian says:

    Che vergogna! Da anni vado a Jesolo, quest’anno ero in dubbio, un motivo in più per non andarci.

  13. Maurizio says:

    Nno ci vado nemmeno io. Un altro in meno.

  14. dubitaresempre says:

    Non ci sarà l’estate e nessuno andrà in spiaggia.

    Non si accorgerà nessuno della Protesta.

    Meglio studiare qualcosa per il Santo Natale, lo dico per non sprecare tempo ..

    Poi Jesolo non è in Lombardia.

    Da noi c’è Adda e Naviglio Martesana e il problema gravissimo delle esche cinesi che i pescatori usano perché costano meno..

  15. lory says:

    questi sono dei cialtroni e dei codardi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    sono servi dei servi si fanno mettere sotto i piedi dai musulmani che sono spesso qua come clandestini e sono arroganti! è clandestini sono amici della Boldrini ! ,lei fa bene a boicottare Jesolo, quelli di Jesolo non meritano i nostri soldi, ,mi fanno vomitare !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  16. Crisvi says:

    Bravo Bernardelli !

    Ieri sera, proprio per questa ragione, ho convinto mio suocero a scegliere una meta diversa per le sue vacanze, dopo oltre 10 anni che si recava nei lidi jesolani per trascorrere le sue vacanze.

    E’ vergognoso che ci si debba noi autoctoni adeguare alle esigenze d’inciviltà di una pletora di venditori abusivi e d’intolleranti ai nostri usi e costumi.
    E’ ancora più scandaloso che vengano licenziate professioniste, solamente perchè donne !!!

    Ho intenzione di scrivere una bella comunicazione alla giunta di quella cittadina.

Leave a Comment