Kika, anche il papagallino del compagno Presidente fa l’italiano

di TONTOLO

Gli animali sono prodigiosi e spesso costruiscono con i loro padroni delle simbiosi straordinarie e a volte ne imitano i comportamenti. Tutti ricordano il “can de Trieste” cantato da Lelio Luttazzi: «Solo davanti a un fiasco de vin quel fiol d’un can fa le feste
perché xe un can de Trieste e ghe piase il vin!»
Oggi si scopre che anche il compagno Presidente ha un animalino che lo imita: uno straordinario pappagallino, che avendo frequentato le scuole italiane, ha imparato i fondamentali. E che li ripassa tutti i giorni facendo pratica con i suoi affettuosi padroni che non cantano altro. Ammiratelo:

La patriottica bestiola si chiama Kika, Ki sta per Kirov e Ka per Kappagibì.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Bel schifo…

    Mi viene un dubbio, non e’ che se uno ha un merlo o animale simile in gabbia sto padrone ha l’obbligo di insegnargli a cantare l’inno pure a lui..?

    Poi non ho ben capito cosa succede a un allievo, sia animale animale e sia animale sapiens, se non lo impara. Che gli possono fare..?

    Va ben, agli animali animali non succedera’ nulla salvo un buon tiro di collo, ma ai bambini strapperanno loro gli occhi o li porteranno via dai loro genitori..? Supposto che non siano gay.

    Qui mi sembra che l’affare s’ingrossi..!

    Che ne dite..?

    Mama…
    Li turki..!

    Li abbiamo in casa ormai… ci vorra’ un’altra LEPANTO..!

    Preghiamo…

  2. Dan says:

    E poi dicono che ad insegnare gli insulti ai pappagalli li si rovina…

Leave a Comment