Italiani sempre più poveri, soprattutto nel Mezzogiorno

di REDAZIONE

Quasi una famiglia su quattro pari al 23,3% è risultata povera al Sud nel 2011. Lo rileva l’Istat. Tra queste l’8% è stata colpita da povertà assoluta vale a dire con un tenore di vita che non permette di conseguire uno standard di vita minimamente accettabile. Nel Rapporto sulla Povertà nel 2011 l’Istat evidenzia inoltre come a fronte della stabilità della povertà relativa al Nord e al Centro, nel Mezzogiorno si osserva un aumento dell’intensità della povertà relativa: dal 21,5% al 22,3%. In questa ripartizione la spesa media equivalente delle famiglie povere si attesta a 785,94 euro (contro gli 827,43 e 808,72 euro del Nord e del Centro. Ad eccezione dell’Abruzzo, dove il valore dell’incidenza di povertà non è statisticamente diverso dalla media nazionale, in tutte le altre regioni del Mezzogiorno la povertà è più diffusa rispetto al resto del Paese. Le situazioni più gravi si osservano tra le famiglie residenti in Sicilia (27,3%) e Calabria (26,2%), dove sono povere oltre un quarto delle famiglie. Osservando il fenomeno con un maggior dettaglio territoriale, la provincia di Trento (3,4%), la Lombardia (4,2%), la Valle d’Aosta e il Veneto (4,3%) presentano i valori più bassi dell’incidenza di povertà. Si collocano su valori dell’incidenza di povertà inferiori al 6% la Toscana, l’Emilia Romagna e le Marche (5,2%), il Friuli Venezia Giulia (5,4%) e il Piemonte (5,9%).

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. Kaiserdariusz says:

    Al sud “affermano” di essere più poveri, ma nessuno s’è mai accorto del fatto che evadono di più, quindi dichiarano anche molto meno ???

    Se sommiamo l’evasione al reddito mi sa che ci superano ampiamente !!!!!!!

    Poi loro fanno presto: l’assicurazione è troppo cara ? non la pagano, il bollo ? haha che favoletta, le bollette ? e che sono ? si mangiano ?; tanto per ricordarvi che loro hanno ragione !!!! i classici “mona” siamo proprio noi !!!! non sono loro i disonesti, siamo noi i mona che pagano sempre e tengono in vita il malato terminale chiamato itaGlia, quando dovremmo aver smesso da un gran bel pezzo !!!!

  2. Diego Tagliabue says:

    Tranquilli! È in arrivo un carico (non solo uno) di assunzioni nella PA!

    Se i soldi da Lombardia e Veneto non dovessero bastare (non bastano già da tempo), arriverà il vaglia dall’estero… anzi forse no!

    Vediamo cosa decide la corte costituzionale di Karlsruhe, spero contro il vaglia europeo, detto ESM!

    • Stefano Nobile says:

      Ancora!?!?!?!?
      Ma basta! Ne ho le palle piene, non è possibile.
      Siamo governati/amministrati dal più incredibile gruppo di teste di cazzo che si sia mai visto nella storia dell’umanità.

    • Malcom says:

      Siamo diventati il Paese più ridicolo al mondo! E pensare che potremmo stare bene veramente tutti…invece stanno bene solo in pochi…sempre i soliti pochi e ben noti ormai a tutti! La nostra politica interna Fallita stà ancora continuando a distruggere l’Italia. Sono stati scritti libri interi sugli sprechi statali, sono state fatte varie trasmissioni televisive sui vari illeciti politici, giornali e giornalisti hanno portato a conoscenza tutte le varie ruberie legali e non, della nostra classe politica, alcuni tesorieri arrestati….ma nonostante tutto, i nostri politici sono ancora lì a difendere il loro “Sistema” Parassita dell’intera Società: casta, privilegi, stipendi e pensioni d’oro, finanziamenti pubblici ai partiti…E’ VERGOGNOSO E NON PIU’ TOLLERABILE!

      • Malcom says:

        ….e adesso oltre al danno la beffa: vogliono vendere anche i nostri immobili Pubblici per colmare parte del debito pubblico che loro stessi hanno creato! E quando non ci sarà più niente da vendere, saremo più poveri di prima e cioè senza soldi e senza beni immobiliari; praticamente una potenza economica ridotta al lastrico.
        I politici Falliti guardano alla “pagliuzza negli occhi dei Cittadini e NON VOGLIONO GUARDARE alla trave che hanno nei loro occhi”. SIETE VOI POLITICI IL MALE DELL’ITALIA PERCHE’ NON SIETE CAPACI DI AMMINISTRARLA EQUAMENTE.

Leave a Comment