ITALIANI BASTARDI, ITALIANI DI MERDA. FIRMATO DACIA VALENT

di DACIA VALENT

Qualcuno ha detto che la Kyenge sia la prima parlamentare italiana di colore. Non è vero: i comunisti avevano eletto a Strasburgo Dacia Valent, italo-eritrea, ex poliziotta,  mancata candidata per AN, e molte altre stravaganti cose. Nel suo blog personale ha pubblicato il 1º ottobre 2008  un significativo articolo  dal titolo «Italiani bastardi, Italiani di merda». Vale sicuramente la pena di riproporlo integralmente. Buona lettura.

“Voi non riuscite nemmeno a immaginare quanto sia difficile per me scrivere, tentando di non ferire le vostre povere sensibilità di piccoli bianchi, totalmente ignoranti del loro passato di carnefici di neri, ebrei e musulmani.

Non conoscete nulla di quello che avete nel vostro Dna storico, vi riempite la bocca di ebrei solo per salvarvi la coscienza, raccontando di come gente tipo Perlasca – un fascista di merda che dovrebbe morire mille volte solo per essere stato fascista ed aver sostenuto fossanche per un solo minuto quel regime – ne ha salvato alcuni.
Siete un popolo senza futuro perché  siete un popolo senza memoria.
Me ne fotto degli italiani brava gente. Anzi, mi correggo, me ne fotto degli italiani bianchi e cristiani, naturalmente brava gente.
Non lo siete.
Siete ignoranti, stupidi, pavidi, vigliacchi.
Siete il peggio che la razza bianca abbia mai prodotto.
Brutti come la fame, privi di capacità e di ingegno se non nel business della malavita organizzata e nella volontà delle vostre donne (studentesse, casalinghe, madri di famiglie) di prostituirsi e di prostituire le proprie figlie.
Anche quando dimostrate un barlume di intelligenza, questa si perde nei rivoli del guadagno facile e del tirare a fregare chi sta peggio di voi.
Nessuna delle vostre battaglie ha un senso per altri se prima non produce un tornaconto per voi stessi. Dalla politica alla religione, dal sociale alla cultura, siete delle nullità.
Capaci di raccogliere firme e manifestare, salvo poi smentire con ogni vostro atto quotidiano quello che a grande voce dichiarate pubblicamente. Andate a marciare da soli, che marci siete e marci rimarrete e non vi voglio profumare.
Non avete una classe media, siete una penosa e noiosa classe mediocre, incivile e selvaggia. I giornali più venduti sono quelli che trattano di gossip e i programmi televisivi più gettonati – al fine di vendere le proprie figlie come bestiame, come le vacche che sono destinate inevitabilmente a diventare, vista la vostra genia – sono i reality.
Avete acclamato qualsiasi dittatore e sottoscritto qualsiasi strage, salvo poi dimenticarvene ed assurgere come vittime di un elite. Non avete un’elite, coglioni, fatevene una ragione: i vostri deputati e senatori sono delle merde tali e quali a voi, i vostri capitani d’azienda sono dei progetti andati a male dei centri di collocamento, ma che o avevano buoni rapporti famigliari o il culo l’hanno dato meglio di voi.
Non solo quelli al governo (o che fanno capo all’area governativa), anche e soprattutto quelli che fanno capo all’opposizione.
Da quelli oggi al governo non ci aspettiamo nulla se non quello che da anni ci danno: razzismo, esclusione, spedizioni punitive, insulti ed umiliazioni.
Ma da quelli all’opposizione, quelli che si sono arricchiti con anni di Arci, Opere Nomadi, Sindacati Confederali, e sempre sulla nostra pelle, facendoci perdere diritti che ormai davamo per acquisiti, ci aspettiamo che si facciano da parte.
Sono ormai troppi anni che deleghiamo le nostre lotte a persone che in teoria dovrebbero averle fatte proprie, dimenticandoci l’infima qualità dell’italiano pseudobianco e pseudocristiano: non vale un cazzo perché non ha valori che valgano.
Un popolo di mafiosi, camorristi, ignoranti bastardi senza un futuro perché non lo meritano: che possano i loro figli morire nelle culle o non essere mai partoriti.
Questo mondo non ha bisogno di schiavi dentro come lo siete voi, feccia umana, non ha bisogno di persone che si inginocchiano a dei che sia chiamano potere e denaro e nemmeno di chi della solidarietà ha fatto business. Ha bisogno di altro, che voi non avete e quindi siete inutili.
Dite che non è così?
Ditelo ai Rom perseguitati in tutta Italia, ditelo ad Abdoul, ditelo ai 6 di Castelvoturno, ditelo a Emmanuel, ditelo ai gay massacrati da solerti cristiani eterosessuali.
Ditelo a mio fratello, bastardi. (Suo fratello era stato assassinato in una rissa a Udine. Ndr)
Ditelo alle decine di persone vere, non zecche e pulci come voi, che non denunciano perché sanno che se vanno dalla vostra polizia bastarda e assassina li umilieranno e magari li picchieranno di più e forse li uccideranno come l’Aldro [ammazzato come un cane perché pensavano fosse un extracomunitario], e se sono donne le violenteranno, e non avranno nessuno a cui rivolgersi per essere difesi.
Ditelo a quelli che rinchiudete per mesi nei vostri campi di concentramento senza alcun genere di condanna, solo per gonfiare le casse di qualche associazione che finanzierà un qualche partito, generalmente di sinistra, ditelo a quelli che lavorano per i vostri partiti e sindacati da lustri senza avere un contratto ma in nero, ditelo a quelli che si sono fidati di voi per anni, ditelo a quelli che raccolgono l’ultimo respiro di quei maiali dei vostri vecchi, e a quelli che si sfilano dalle fighe delle nostre ragazze per infilarsi in quelle larghe e flaccide delle vostre donnacce, ditelo ai nostri ragazzi che vincono medaglie e che saranno il futuro di questo paese, ditecelo, figli di puttana.
Ditelo col cappello in mano, e gli occhi bassi, cani bastardi. Ma sappiate che la risposta ve l’hanno già data a Castevolturno: Italiani bastardi, Italiani di merda. Io ci aggiungo bianchi, perché il discrimine è questo. Valete poco perché avete poco da dire e nulla da dare”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

111 Comments

  1. lallo says:

    secondo me! ha ragione su un sacco di cose!

  2. Mig says:

    Il nostro più grande difetto è ascoltare tutti questi insulti e non reagire ! ad uno che si permette di fare certe affermazioni gli toglierei la lingua !

  3. miriam says:

    e tutti i difetti peggiori possibili li può aver solamente un unico stato chiaramente….L’Italia.

  4. Miriam says:

    Siete ridicoli.Qualche tempo fa ho lasciato diversi commenti sulla stupidità, ingenuità, ignoranza ecc che appartengono al popolo Italiano,ma chissà perché sono stati eliminati (e non da me ovviamente ).Ció dunque fa significare ancora di più quanto siate intolleranti e (davanti a tutti gli altri e soli dispregiativi che vi si addicono) incapaci di accettare i propri difetti.

  5. miriam says:

    Tutti i difetti peggiori possibili volevo scrivere, e chiaramente, chi più ne ha più ne metta.

  6. aldo says:

    beh, oddio, tutti i torti non li aveva…..

  7. Alberto says:

    Ceeeerto, con tutti quei barconi pieni di immigrati che arrivano a Lampedusa e noi che gli accogliamo, saremo noi i razzisti…

    • Awa says:

      Devi capire caro Alberto che non sei tu ad “ACCOGLIERLI” ma quella merda di gente che guida il vostro paese, non perché sono benevoli con l’animo puro o perché gliene frega qualcosa di gente che scappa dalle guerre o dalle dittature o dalla povertà, a loro NON FREGA UN CAZZO nè della vostra sofferenza nè della sofferenza di quei immigrati. Li “accolgono” solo perché sanno che ci possono guadagnare un botto di soldi. Solo che voi siete così stupidi e non volete aprire la mente per capire come funziona sto sistema di merda. #OPENYOURMIND che altrimenti il vostro popolo continuerà a vivere nella menzogna e morire senza un’ombra di verità.

  8. Maurizio says:

    Intanto Dacia Valent è crepata e gli italiani ci sono ancora. Avanti il prossimo.

  9. pino fidora says:

    Pienamente d’accordo

  10. turi says:

    …..La soluzione a tutti i problemi è la morte.
    Niente uomini,niente problemi…………
    Stalin

  11. Pindaro says:

    Chiedo scusa per alcuni refusi, frutto di digitazione rapida. Ma il senso credo sia chiaro. Comincio ad essere stufo di questa umiliante autofustigazione italiota : cerchiamo i lati positivi, ce ne sono, nel passato e nel presente.Siamo diventati i peggiori detrattori di noi stessi.

    In fondo, abitiamo tutti nella stessa Galassia………………

  12. Walter says:

    L’italia è senza dubbio un paese malato che necessita di un cambiamento radicale a livello politico economico e culturale… l’ italia è una nazione disunita senza una reale coesione popolare, retaggio di un passato che dalla caduta dell impero romano all’ unità del 1861 ci ha sempre visto come una terra divisa in regni e popolazioni differenti spesso dediti a lotte spietate e sanguinose per la supremazia. terreno fertile per invasioni da parte di stati esteri (longobardi,francesi,tedeschi,spagnoli,arabi…ecc) influenze che nn hanno fatto altro che dividerci etnicamente sempre di più… nelle tradizioni sociali nella lingua negli usi e nei costumi, in cambio abbiamo ottenuto un bagaglio culturale alimentare artistico e architettonico che nn ha euguali al mondo… ma questo nn può bastare per salvare la nostra nazione. Siamo sempre un buon paese se rapportato con tutti gli stati del mondo… ma come occidente siamo molto inferiori, e peggioriamo semprè più… quindi sono due le opzioni ho riusciamo ad emergere come nazione cambiando questo sistema ingordo e criminale che ci portiamo dietro da anni costruendo uno stato più civile e giusto… oppure torniamo come eravamo prima, tanti staterelli sovrani divisi per i cazzi propri e amen. Tornando al discorso di partenza l’odio attira odio… e meglio che la signora qui abbassi i toni perchè il fatto che suo fratello sia morto non giustifica che predichi parole di sterminio contro un paese intero… buttando benzina sul fuoco di questi tempi già troppo caldi.

  13. Padano says:

    A parte gli insulti, quasi tutto ciò che ha scritto sugli italiani è verità storica.

  14. Clode says:

    parole cariche di odio scritte da una persona rabbiosa sconfitta dalla vita. Per questo molto arrabbiata.
    Può fare dietrofront se desidera, è libera di farlo.

  15. Vinicio says:

    Non ha torto

  16. marino says:

    Però simpatica la tipa !!!

  17. Matteo says:

    Hai scritto Italo-Eritrea, vergognati questa donna e’ somala non Eritrea.

  18. Andrea64 says:

    Italiani questa donnaccia straniera non ha tutti i torti nel criticarvi !
    In fondo ha ragione !
    Se gli italiani fosseò un popolo sveglio è furbo non avrebbe MAI consentito che milioni di stranieri entrassero in Italia !
    L” Italia è l” unica nazione al mondo che NON HA MAI AVUTO NESSUNISSIMO BISOGNO DI MANODOPERA STRANIERA !
    Negli anni 80 avevamo in Italia ben 4 milioni di italiani disoccupati disponibili a fare qualsiasi lavoro serio se fossero stati assunti !
    Noi italiani siamo gli unici stronzi al mondo ad aver fatto entrare in Italia ben 20 milioni di stranieri compresi i criminali !
    Se gli italiani fossero un popolo furbo intelligente e coraggioso la casta politica privilegiata italiana strapagata criminale è incapace sarebbe stata eliminata fisicamente .
    Nessun paese al mondo consente agli stranieri di entrare sul suo territorio nazionale senza documenti .
    Se qualche cittadino italiano osa criticare tale inutile è selvaggia immigrazione straniera viene fatto passare da pazzo o da razzista !
    P.S.
    Se un italiano disoccupato (giovane o vecchio non importa ) non riesce a trovarsi un posto di lavoro e osa lamentarsi un po’ in pubblico gli altri italiani di merda fortunati o raccomandati che hanno un lavoro lo ingiuriano in ogni maniera !
    Se invece è un “immigrato straniero disoccupato a lamentarsi in pubblico ad alta voce che non riesce a trovare nessun lavoro in Italia nessun italiano critica o offende il disoccupato straniero disoccupato .

  19. emilio says:

    la lettera è rozza come chi l’ha scritta, ma in quanto a contenuto ci ha preso

  20. ANTONIO says:

    RAGAZZI NON SPRECATE TEMPO PER RISPONDERE A QUESTA PERSONA CHE APPARTIENE ALLA MINORANZA DI TUTTO IL POPOLO MONDIALE.

  21. Filippo says:

    parole irrilevanti, dal momento che sono dette da una che proviene da posti dove non sono nemmeno capaci di raccogliere banane….in quanto alla Germania, non prenderei a modello un popolo capace di gassare 12 milioni di persone nei campi di concentramento….

    • mimi says:

      se sicuro??? mi dici in quali campi di concentramento c’erano le camere a gas che hanno ucciso qualcuno? Hai una sola prova o testimone che abbia detto o scritto delle camere a gas? Non lo dico per fare polemica, ma informati meglio per favore, e non dare tutto per scontato. La Germania è sempre stata un grande paese e un grande popolo, l’ITALIA invece ha sempre avuto una liberta’ d’informazione pari a zero, ti fidi ancora di quello che leggi? Informati per favore, prima di dare sentenze, non arrabbiarti per favore, ma informati, siamo nell’era di internet, le frontiere sono cadute, senti anche altri pareri, vedrai che ti sorprenderai. Per quanto riguarda l’articolo, c’è molto di vero se apriamo gli occhi, il fatto è che non li apriamo…
      Scusami se sono stato diretto, ma vedrai che se cerchi scoprirai tante cose che ti cambieranno le idee su italiani brava gente e tedeschi cattivi…
      ciao
      mauri

      • Andrea says:

        La Germania attualmente e molto più civile dell’Italia, questo lo affermo perchè ci vado sovente in Germania.

        L’Italia vera e onorevole era quella dell’Impero Romano, dove ricordo a tutti che e stato un esempio di civiltà e umanità in tutto il mondo.

        Molti secoli fa,essere italiano era un onore, oggi purtroppo è un disonore.

        L’Ipocrisia è il male tipico degli Italiani.

      • Andrea says:

        Mio nonno

      • Andrea says:

        Mio nonno e non può testimoniarlo

  22. Marco Spaziani says:

    Alle saline di Fangouse un terzo della manovalanza è costituito da immigrati italiani. Sono
    perlopiù piemontesi che in agosto arrivano ad Aigues Mortes, una cittadina nel Sud della
    Francia, per lavorare negli impianti di raccolta del sale. Per la Compagnia delle saline
    rappresentano una preziosa riserva di manodopera, disposta ad assoggettarsi a qualsiasi
    regime di lavoro e questo non va giù ai francesi in cerca d’ingaggio.  Come ogni anno c’è molta
    tensione.

    La scintilla che dà fuoco alle polveri si accende 15 agosto 1893 quando la compagnia, che ha
    appena ingaggiato 600 italiani, riesce a trovare posto solo per 150 lavoratori francesi sugli 800
    richiedenti. A restarci male non sono soltanto gli esclusi: tra gli operai delle due nazioni “cugine”
    volano parole grosse che presto degenerano in una violenta rissa. Il giorno dopo, verso
    mezzogiorno, circa 150 italiani si presentano armati con coltelli e bastoni e si scagliano contro i
    francesi. Vengono esplosi anche colpi d’arma da fuoco. Alla fine, secondo la ricostruzione del
    quotidiano londinese Times, si contano due morti e numerosi feriti tra i francesi.A questo punto
    si scatena la caccia all’italiano che dura tutto il pomeriggio e la sera, provocando un gran
    numero di feriti. Il peggio però deve ancora venire: la mattina del 17 – si legge nella cronaca di
    un giornale marsigliese – «il tamburo batte l’adunata nelle strade e gruppi di francesi, bandiera
    tricolore e bandiera rossa in testa al corteo, percorrono la città proferendo minacce di morte». Al
    grido di «morte agli italiani» un esercito di 500 uomini, muniti di armi d’ogni genere, dai picconi
    ai fucili ai randelli, dà il via a un selvaggio rastrellamento. Aggrediti per le strade, assediati nelle
    case, in molti soccombono. Incerto il numero delle vittime: neanche dieci secondo la stampa
    francese, almeno cinquanta secondo fonti inglesi. Mentre l’ospedale  rifiuta il ricovero dei feriti
    perché “troppo numerosi”, i sopravvissuti vengono accompagnati sotto scorta alla stazione di
    Marsiglia e fatti rimpatriare. 
    I fatti di Aigues Mortes alimentano un’ondata di razzismo anti-italiano in tutta la Francia:
    licenziamenti, restrizioni nelle assunzioni, aggressioni. Qualche mese più tardi, il 24 giugno
    1894, l’assassinio del presidente Sadi Carnet, a opera dell’anarchico italiano Sante Caserio,
    provoca una nuova esplosione d’ira popolare: caffè, ristoranti, negozi italiani vengono
    saccheggiati. Soltanto a Lione tremila italiani sono costretti a lasciare tutto e trovare scampo in
    Italia. Qui da noi intanto esplode il risentimento nei confronti della Francia: vengono assediate le
    sedi diplomatiche, attaccati negozi e sedi di compagnie francesi. A scendere in piazza sono
    lavoratori e disoccupati, ma anche circoli nazionalisti e gruppi interessati a sfruttare l’occasione
    in funzione filo-triplicista e anti-francese. Ben presto però la protesta popolare si rivolge contro
    1 /2

    IL MASSACRO DEGLI ITALIANI

  23. amir says:

    DACIA VALENT vai fare inculo te hanno accolto questa brava gente e li insulte pure bastarda apena che fate la cittadinancia italiana fate questo sono tutti cosi prima sono bravi e poi bastardi datemi une lavoro che lo buotte io fuore questa pezza di merda non insultare il mio secondo paese vivaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa litaliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  24. amir says:

    non sono dacordo con lei e vero litaliane sono une po stupidi hahahah me ricordo nel 1987 sono entrato in italia me hanno detto il tuo paese e vero che avete solo il diserto ma non mangiate nulla a casale di principe ma in fondo io amo questo paese sono passate tanto tempo da allora e sono rimasto qui perche? perche amo litalia ne ho nel sangue quando vado al mio paese tufo per litalia si e vero alcune te fanno arabgliare tipo ma vai al tuo paese negro o bianco ma doviamo mettere nel pane delle italiane sono entrate tante ma tanti nel 1987 ervamo aprezzate e volute molto bene come se fosse italiane ora albanese e tanti questo problema ce anche al mio paese il marocco tante africane arrivano si lo so anche loro fanno tanti cose brutto tipo non so come fanno a fare tanti soldi (robba binca) vendono di tutto ma non per questo devo adiare loro il mondo e nostro viviamo tutti questa vita e non sapiamo ne anche dove andiamo quando moriamo allora tratiamo l persone piu bene si dico la mia amo litaliane e sono pronto qui per amare e morire per litalia il mio secondo paese e vero litalia non da nulla (pasta?) non ce futuro qui la francia da disocupazione anche il belgio ma cosa doviamo fare se paragonare litalia con la spagnia allora litalia e meglio dai ragazzi siamo in fondo tutti uguale cambia solo il pensiero o la scrittuta o magare il pensiero quando ofendiamo una persona per il suo colore o la sua razza e come offediamo il creatore che lo ha creato fate attenzione buona fortuna 😀 me sono arrivato a questo blog perche ho scritto italiani bastardi hahahha in adwords non me hanno fatto convalidare il mio sito anche se ho scritto la verita italiane cane di googl hahah ciao bachio

  25. Tony says:

    e’ solo una scimmia col dono della parola….

    • Marco Spaziani says:

      Le scimmie vivono nella foresta, italiano di piccola borghesia, all`estero siamo sulla bocca di tutti, e questo non e un segreto., per voi residenti in Italia queste cose non le vede per il semplice motivo, ignoranza, l´italia e condannata alla recessione purtroppo.
      Concordo in molti aspetti della signora, anche se´troppo eccesivi e volgari, razzistici.
      Grazie al cielo io non sono in quella maggioranza di italiani.

      • Tony says:

        siamo sulla bocca di tutti? può darsi, ma non mi pare che ci siano così tanti popoli che possano farci la morale, pur con tutti i nostri stramaledetti difetti…..

      • nemesi says:

        Concordo con tony. Usa, gb, francia, germania col loro sporco imperialismo stanno distruggendo e impoverendo interi paesi. Chissà perché tanti neri d africa sono costretti a lasciare le loro terre! Però i suddetti stati tanto civili e tanto bravi, si guardano bene a non fare entrare indiscriminatamente tanta gente e così costringono noi ad accogliere quelle persone che altri stati impoveriscono. Noi stiemo vivendo una crisi creata a tavolino dalla troika, anche noi stiamo subendo lo sporco colonialismo di sti bastardi che governano il mondo. Noi italiani dobbiamo vergognarci di cosa? Del bunga bunga di berlusconi? I danni fatti almeno , sono tutti in casa nostra, gli altri gran paesi tanto civili spargono sangue ovunque. Quindi, primaanalizza bene le cose come stanno.

  26. Adele Beneddti says:

    Concordo su TUTTA la linea del signor ONESTI SI NASCE. Mi scuso da subito per l’uso di maiuscole che anche io adoro.
    Domenica 6 pomeriggio ho avuto un incontro con gente che vedo ogni tre o quattro mesi; una ventina di persone, amici di vecchia data, tutte persone di vario tipo ed estrazione: operai settore energia solare, casalinghe, avvocati, medici, impiegati, anche due amici, ahimé, cassa integrati; la cosa pazzesca era che eravamo quasi tutti, tranne due (ma in modo blando), TOTALMENTE SULLA STESSA LINEA, quando negli anni precedenti invece, ancora le idee divergevano; ora invece eravamo arrivati TUTTI alle stesse riflessioni/conclusioni che vado a riportare sotto pari pari come sono uscite, perché sono una foto di questo paese che DEVE far riflettere A FONDO:
    noi italiani, chissà per quale gene insito profondamente in noi, troviamo riprovevoli le parole quando sono troppo “forti”… Ci si dovrebbe invece chiedere CHE COSA E CHI hanno scatenato tali riflessioni; però, se detto in poesia, ecco che allora le ammiriamo estasiati:
    “E quando uno di voi cade,
    cade per quelli che lo seguono
    giacché li mette in guardia contro l’ostacolo.
    Ma cade anche per quelli che lo precedono i quali,
    benché più celeri e sicuri nel loro passo non rimossero l’ostacolo.
    E vi dirò inoltre, NONOSTANTE LA MIA PAROLA VI PESI SUL CUORE:
    l’assassinato è responsabile del proprio assassinio,
    e il derubato non è senza colpa del furto subito.
    Il giusto non è innocente delle azioni del malvagio.
    E chi ha le mani pulite non è immune dalle imprese dell’empio.
    (“Su colpa e castigo” di Kahlil Gibran, perseguitato, filosofo, artista e poeta).
    Ed è verissimo: siamo tutti, chi più chi meno, così. Siamo “furbettini”: chi non ha MAI cercato di farsi dare il posto migliore a scapito di chi seguiva? Chi non ha MAI cercato di guadagnare più del dovuto? Chi non ha MAI cercato l’opportunità di infilarsi in un posto riservato, scavalcare una fila, evitare un controllo, fare qualcosa che non doveva, a scapito di chi invece veniva bloccato, multato, ripreso? Chi non ha MAI cercato un favore, spacciandola nella sua coscienza per “cortesia una tantum”? Chi non ha MAI pensato di ostacolare o parlar male di qualcuno che voleva magari solo cercare di lavorare e guadagnare, con la “onorevolissima” scusa per sé stesso “io pago di più e ci sto da più tempo” e quindi non permettere a nessun altro di avere anche lui un pochino per sé stesso e la propria famiglia…
    E se fosse una sola volta, già non andrebbe bene, figurarsi quando è “normale”, tanto che nessuno protesta più.
    Nei grandi centri commerciali che tanto amiamo (“ma io vado solo a fare una innocua passeggiata con mio marito/moglie e figli”), i negozi pagano prezzi mensili FOLLI, VENTICINQUEMILA EURO AL MESE, grazie a noi che ci andiamo! E se uno in questi posti vuole gratuitamente dare qualcosa di nuovo e GRATIS, apriti cielo! GUERRA da parte di chi ha il suo posto d’oro già lì, e richieste pazzesche delle direzioni, tipo OTTOCENTO EURO AL GIORNO!!! Ma ci ricordiamo che fino a venti anni fa, non duemila, erano UN MILIONE E SEICENTOMILA LIRE? Un boato! Ma noi “italianetti” ci siamo abituati a farci rapinare e a rapinare noi stessi, nelle nostre rispettive attività! A prendere mutui impossibili e ritenere che una casa pagata 3-4-5 centomila euro, sia UN BUON AFFARE!!! Per una azienda agricola al nord, terra, volgarissima terra, NON CASA AL CENTRO DI MILANO, per di più IN CRISI, hanno avuto la faccia di chiedere ad una cara amica e a suo marito UN MILIONE DI EURO!!! Dicendo che anzi ERA POCO!
    Idioti che generano idioti!
    Ho conosciuto personalmente raggazzetti appena maggiorenni che andavano nella “capitale” a votare il politicone “perché mi ha pagato il viaggio”, col loro accento ottuso del sud, e quello sguardo di chi ha in una testa (malata) solo soldi e donne! E queste sono le generazioni future? Andiamo bene!!!
    E mentre andiamo al fallimento, continuiamo a SOGNARE di spremere “MILLLLLLIONI DI MILLLLLLIARDI” da qualche povero pirla, PERSI NELLE NOSTRE FANTASTICHERIE DROGATE DI RICCHEZZE CHE MAI AVREMO! Tranne qualcuno che è riuscito magari a estorcere cifre così da qualche altro, tronfio della sua “ricchezza” e che crede di aver così prodotto benessere!
    Idioti che generano idioti.
    Facendo aumentare tutto, TUTTO! Soldi che girano solo tra chi ha soldi, UN CIRCUITO CHIUSO DI UNA ECONOMIA MALATA, INSANA, MARCIA. E’ vero che la crisi l’abbiamo generata noi stessi, concordo! E Chi dice il contrario lo fa solo per fare come lo struzzo… Come concordo che è inutile prendersela con i politici: “OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE SI MERITA” SCRIVEVA ARISTOTELE: i politici, cari signori e signore “io sono integerrimo”, sono solo persone COME TUTTI NOI, italiani, che hanno solo avuto più conoscenze e più risorse! Ma se ci eravate voi, facevate magari pure peggio! E basta dire “oddio che persona brutta, come si permette, io sono un bravo italiano”, siamo ridicoli! L’italiano E’ GENETICAMENTE “Un volgo disperso che nome non ha” (“Adelchi”, di Alessandro Manzoni,).
    Si giura allo stato nei corpi armati dicendo “L’ho duro!”, ma pensa tu chi siamo! Guardiamo i “corpi ufficiali” di questo stato: Polizia, Carabinieri e Finanza: “dovrebbero” fare qualcosa di GIUSTO, non solo di “legale”; è alla giustizia che si dovrebbe rispondere: non basta dire “va tutto bene perché quello che faccio risponde alla legge”! Ma l’italianetto la giustizia ce l’ha solo a suo metro e misura, finché deve applicarla agli altri. Oltre che guardarli noi sempre difendere queste “belve politiche” che hanno devastato Italia e famiglie con ‘ste’ scorte e security, pagate da noi, che fa solo montare una rabbia allucinante!
    Le forze dell'”ordine” (meglio, visto l’atteggiamento, forze del caos), non sanno schierarsi per una VERA GIUSTA CAUSA? Sono italiani, perciò nemmeno loro capiscono che, così facendo, devastano anche se stessi e le proprie famiglie. Pensano di essere dei “privilegiati” stando dalla parte della casta. Che non ne pagano né pagheranno le conseguenze. Che i loro figli vivranno felici in un paese in macerie, raccogliendo quello che anche loro seminano cosi’. Sono sempre dalla loro. Vi ricordiamo che avete giurato lealta’ al popolo e alla costituzione, sinonimo di giustizia, mentre questi ci cagano sopra a tutti, voi compresi, sfruttati come servi sacrificabili per qualche spiccio di stipendio pagato con quell’immondo euro con cui ci hanno venduto tutti!!!
    In qualsiasi posto, pubblico e privato, c’è un tale marcio che nemmeno Superman potrebbe ormai far più qualcosa! Altro che votazioni!
    Ho alcuni amici che hanno delle postazioni di distribuzione automatica di bevande: pensate che sono riusciti ad entrare SOLO a suon di mazzette, OVUNQUE! E le più alte percentuali le prendono PRETI E SUORE!!!!
    Prova a protestare (una amica dottoressa raccontava) agli uffici postali o in coda ai caselli per chi passa nella corsia di emergenza, e subito si leva un coro di proteste perché “rallenti il servizio”, o peggio “fatti i ca..i tuoi!”.
    ECCO CHI SIAMO!
    Italia ed italiani, nord-centro-sud: furbettini, arroganti, senza dignità, senza rispetto: SISTEMA FALLITO!

    Ora, accettiamo TUTTI questo stato di cose, apriamo gli occhi: ALMENO PER UNA VOLTA MOSTREREMO UN MINIMO DI DIGNITÀ E COERENZA.

    Altri prenderanno il nostro posto, sta già succedendo da tempo, è nella natura delle cose non solo su questo pianeta: IL MEGLIO VINCE SUL PEGGIO.
    Fortuna quindi che siamo in via di estinzione.
    VIVA IL MEGLIO!

    • Marco Spaziani says:

      sono ben 30 anni, che risiedo all`estero senza alcun pentimento, sono orgoglio di essere un italiano, con un bagagliaio di conoscenze ed esperienze, quando incontro dei connazzionali in europa, con un comportamento, spavaldo, ignorante, delinquente, mi chiedo ma´quando e che il popolo italiano cambia? forse mai? dal 1980 ad oggi niente e cambiato! la solita mentalita di mediocri.

      L´italia e condannata alla recessione.

  27. redsblue says:

    Accarezzi un cane e ti morde la mano…Quanto livore… ma questa, il film “RADICI”, L’ha sconvolta da piccola…la sua vera rabbia di povera donnetta colorata, nasce dal fatto che al Parlamento EU non pagano abbastanza per comprarsi tutte le banane che vuole…oppure, visto che ha cercato di accoppare il consorte, non l’hanno messa a morte, come avrebbero fatto nel continente nero….che se tornasse in Africa. Tuttavia , complimentoni a chi ha eletto, questo “bel contenitore” di rabbia e frustrazioni. Non abbiamo bisogno che sia la “signora” a pontificare su chi siano gli Italiani, perche’purtroppo, tutto il mondo e’ paese, e poi perche’ l’Africa, tanto per dire, e’ vagliata da guerre civili, massacri, atrocita’, dittature, traffici illeciti, ecc ecc ecc. Quindi che guardasse il suo paese d’origine. Infine ricordiamo alla “signora” , tutti i barconi di extracomunitari che l’Italia accoglie ( unico paese). Forse anche ” lei”, e’ venuta cosi’…

  28. ONESTI SI NASCE says:

    Fosse solo la superficialità e l’ignoranza… Purtroppo io vivo a Roma e QUOTIDIANAMENTE vedo e tocco con mano questi MENTECATTI in moltissimi settori: commercio, chiesa (lì non se ne salva NEMMENO UNO! SONO I PEGGIO, TUTTI!) , autisti pubblici, la gente di ogni giorno! Si ha un DISPREZZO PER LA VITA UMANA TERRIFICANTE, tutti mossi da un ARRIVISMO che fa spavento! Tutti (e quelli che non lo sono, se ne fregano degli altri) eternamente mirati SOLO A MUOVERSI PER LURIDO INTERESSE, oppure per timore di pestare i piedi a qualcuno! PAVIDI E CLIENTELISTI!
    Nel commercio ogni giorno ascolto delle pretese fuori di testa completamente! Senza MAI le palle di parlare IN FACCIA! Però TUTTI TATUATI e pronti a fare gli uomini di onore per una precedenza in auto! Traditori senza RISPETTO, nemmeno per le proprie compagne e spose, tutti CONTINUAMENTE con la bava ad ogni donna che passa!
    Tentare di lavorare ONESTAMENTE, IN ITALIA E’ IMPOSSIBILE! La crisi? Italiani che affondano l’Italia, ecco CHI è CAUSA VERA della crisi! I cinesi (che almeno sorridono sempre e LAVORANO SEMPRE) li abbiamo voluto NOI! Con tutti i ricarichi ALLUCINANTI e SENZA MOTIVI, di cose pagate due lire! E compro sì dai cinesi! Se eravamo onesti, col cavolo che c’era il boom di questo mercato parallelo! Il Made in Italy, ma di cosa? Che gli “italianetti” continuavano a far produrre la merce in Cina e farla pagare a cifre folli! Ci lamentiamo della crisi? Che faccie toste! L’abbiamo generata noi la crisi, tutti quanti in questo paese, che ormai è fallito economicamente PERCHE’ E’ FALLITO NELL’ANIMA!!!
    l’unica speranza di una vita DIGNITOSA è andarsene!
    Addio Italia

  29. Jacopo says:

    Ho letto tutto il commento di questa donna di colore. Che dire, le offese ci sono e pure pesanti, ma c’è anche da dire che non sono tutte cazzate,anzi…

    Io non voglio prendere le difese di nessuno. Mi limito ad analizzare imparzialmente quello che ho letto con quello che conosco.

    Noi italiani (purtroppo credo la maggioranza) siamo diventati un popolo superficiale e ignorante. Non diamo un buon esempio. C’è chiaramente chi si salva, perchè fa tutto come dovrebbe, ma siamo la minoranza.

    La Valent sbaglia di grosso invece a fare di tta l’erba un fascio. Primo perchè se lei è qui in Italia è grazie a quegli italiani che non sono come quelli che lei descrive (sennò col c…che metteva piede da noi).
    Secondo, sbaglia, perchè quando nomina i cristiani e i bianchi, oltre a fomentare l’odio razziale, estende la generalizzazione ad una razza e religione intera.
    Terzo, come hanno già detto in molti, se l’Italia non ti piace (a torto o ragione) puoi sempre andartene in un altro paese. Mi domando però chi vorrà accogliere una persona cosi. Di Italia, cara mia ce n’è una sola. In qualsiasi altro Paese, certe libertà non te le permetteranno.
    Anzi, per coerenza, tornerei a vivere nel tuo Paese natale a lottare per dare al tuo popolo, un futuro migliore, Ma credo che tu sei un’altra di quelle capace solo di vomitare merda su chi non la pensa come te.

  30. salaman says:

    e così non sei felice di lavorare per gli italiani.
    OK, vattene.
    perchè, se rimani, ti si appiccicheranno addosso tutte le parole che hai scritto.

  31. ELLADE says:

    Ahah che ridere, ho appena finito di leggere.
    A questo essere con gravi patologie mentali rispondo che, non so a tutti gli altri, ma a me queste parole non fanno ne caldo ne freddo, dette da una come te poi.
    Esiste la consapevolezza di sentirsi superiori come (negli esseri come te) esiste la consapevolezza di sentirsi inferiori adducendo quindi al razzismo e trovando rifugio in esso per giustificare i propri complessi di inferiorità, e in casi addirittura peggiori per giustificare i propri comportamenti criminali.
    E c’è anche gente che la compatisce, poveretti, siete allo stesso livello se non più basso.

  32. Antonio BENEDETTI says:

    Egr. Sig.ra VALENT. Sono ORGOGLIOSO di essere ITALIANO! E solo perchè in fondo lei è anche una donna, non Le rispondo come si meriterebbe!

  33. Vittorio Corridori says:

    Mi congratulo per quello che hai detto. Io sono un italiano, bianco e Cristiano, ma ti assicuro che ho subito molte più violenze di quanto tu abbia scritto. Mio padre e’ stato massacrato per la sua onesta’. A me non danno neanche la possibilità di parlare, sebbene abbia chiesto aiuto a tutti. Ma gli Italiani sono quasi tutti come quelli che hai descritto. Ti assicuro però che c’è anche gente buona e onesta. Solo che non ha diritto ad esistere. Ciao

  34. anto says:

    ma non capisco il senso di pubblicare o dare spazio a simili porcherie, senza senso , senza valore, e alle quali facilmente si potrebbe rispondere elencando alla “negra di merda” che scrive gli orrori che la sua razza ha compiuto e compie, dall’infibulazione ai massacri di massa ruanda, ghana, etc.per poi elencare gli infiniti limiti di un popolo che non riesce neanche a coltivare banane…si potrebbe andare avanti con scimmie e gorilla perchè vede di luoghi comuni il mondo è pieno e a parlar male siamo tutti capaci, parlare con intelligenza, che lei cara signora invoca ma dimostra di non avere è ben più difficile. Tra l’altro parla una che faceva parte di AN partito razzista, ottuso, e retrogrado,sostenitore e giustificatore di alcuni degli eccidi di cui lei ci accusa. Ho rispetto per la dignità della Kyenge, ammirazione per il coraggio di luther king e amore infinito per la forza di Gesù Cristo (negro pure lui) ma individui come prescindono il colore della pelle, certi individui andrebbero si rinchiusi perchè producono odio, rabbia e razzismo, perchè la loro infantile generalizzazione e l’ignoranza con cui espongono i fatti , il loro giudizio parziale, generato da odio che può essere compreso, ma non giustificato, rende solo ancora più lontane le tante diverse e aggiungerei meravigliose culture che colorano il mondo. E se di una forma di razzismo proprio mi debbo accusare allora mi autoaccuso di essere razzista e di voler rinchiudere tutti i cretini che scrivono cazzate come queste, siano essi neri, bianchi gialli o a pois!!

  35. schifatodalnero says:

    Non siamo tutti uguali.
    Ogni individuo deve stare a casa propria e se vuole fare il turista lo deve fare con i soldi propri.
    STATE A CASA VOSTRA qui non vi vogliamo africani e qui non c’è futuro per voi

  36. John says:

    Firmate tutti questa petizione e soprattutto fatela girare.
    http://firmiamo.it/si-dimetta-il-ministro-cecile-kyenge–ha-giurato-il-falso

  37. un altro ITALIANO says:

    Quando,con tanto disprezzo ci chiami bianchi..con altrettanto disprezzo ti meriti il titolo con cui sei chiamata;nessuno è venuto nel tuo paese e ha costretto te e tutti quelli come te a venire qui nel NOSTRO paese. le cose non succedono per puro caso.Tuo fratello non è un martire, tu sei ancora meno.
    Questo non è un giudizio,è solo un pensiero,anche troppo per te.
    E il linguaggio che usi traspare la tua enorme ignoranza e rende palese il modo in cui hai ottenuto la libertà dei tuoi miseri e piccoli pensieri che in un Paese come L’ITALIA passano quasi e forse volutamente inosservati..
    L’unica sensazione che suscitano in me le tue parole è compassione.
    Come nessuno ti ha costretta a venire qui in ITALIA penso che nello stesso modo non ci sia nessun ITALIANO che abbia il piacere a trattenerti QUI..

  38. Adriano says:

    Valerio sei un povero complessato..

  39. Un italiano says:

    Concordo con lei !! Siamo stupidi, xk ancora facciamo venire neri come lei in Italia !! È poi siamo noi i razzisti ?!

  40. NMHRK says:

    Ho vissuto in un paese del terzo mondo per 2 anni. Li ho capito davvero cos e’ il razzismo. E’ differentemente da quello che pensavo, il vero razzismo e’ nero verso bianco o nero verso nero. Provare per credere!!!

    • Valerio says:

      Siamo sicuri che la Valent, che chissà quante ne avrà subite per essere negra, che ha visto il fratello morire picchiato in Italia per motivi di razzismo, che conosce la storia di sofferenza del suo paese, del suo popolo, e del suo continente (è somala! Noi ci siamo andati col colonialismo in somalia, da sua nonna, a rompergli il cazzo e farci fare da inservienti e pulisci cessi con la divisa nera e la prannanza merlettata bianca, e la cuffia in testa!…..forse anche qui ha ragione: non conosciamo la nostra storia, o ce ne dimentichismo facilmente a volte. Tutti fascisti quando conviene! Tutti comunisti quando conviene!),- che vede come trattiamo i profughi in Italia (Nei Cie, ex ctp! Campi di concentramento legalizzati, a quanto dichiarano Amnesty, Medici senza frontiere, Corte dei Conti, diverse associazioni, ong…ci sei mai stati in un Cie?) , sia una razzista proprio come un bianco se non peggio? beh, dopo solo tuttte le cose che ho elencato – proprio perchè neanche mi posso immaginare quale sofferenza possa sentire un negro in un paese di bianchi, vittima, come negro, da secoli, di un mondo in mano ai bianchi!; che porta un bagaglio culturale, morale, emozionale, diverso dal nostro, perchè vissuto storicamente in un contesto opposto al nostro (e condizionato dalla nostra presenza più o meno fisica, in quanto bianchi, colonialisti, sfruttatori di risorse, nazioni, popoli, bambini schiavizzati) – permetto (devo farlo anche solo per onestà intellettuale, se non ho sentimenti a riguardo), a un qualsiasi negro- vittima della storia moderna e contemporanea- di potermi perlomeno insultare come bianco e italiano e finto cristiano (ovvero cattolico) a Suo piacimento tanto quanto vorrà per la vita che gli rimane. Per bilanciare dovrebbero invaderci, colonizzarci per ugual tempo, ed imporre al mondo la dittatura dei negri sui bianchi: dovremmo vestirci da pinguini e pulire i cessi delle loro case lussuose, battere sulle loro strade, dovremmo sedere in fondo agli autobus, le nsotre donne dovrebbero essere stuprate dai loro soldati (ricordiamo cosa hanno fatto i nostri soldati, italiani, bianchi in somalia negli anni 90 del 1900?), insultati e sputati per strada, a scuola, eccetera eccetera eccetera, per un numero di anni, o secoli identici. Allora forse la signora Valent non avrebbe il diritto di sputare su questo popolo, di bianchi, italiani, cattolici, in rigoroso ordine gerarchico.

      • Laila says:

        Ogni popolo ha qualcosa di cui vergognarsi. Posso capire la sua rabbia (Valent), e tu ne hai spiegato i motivi, ma con questo comportamento lei non è altro che una razzista, come i razzisti bianchi che hanno picchiato suo fratello. Solo che è di colore.

        Sempre la stessa cosa in tutto il mondo, si ripete da decenni. Due facce di una stessa medaglia. e vorrei sottolineare: DELLE STESSA MEDAGLIA.

        • Valerio says:

          Hai ragione Laila, sarebbe bene non aver nessuna di queste due facce.
          Ma ora, dopo i tanti e continui soprusi che subiscono sti negri, deve essere proprio una negra a stare zitta e porgere l’altra guancia cercando solo fratellanza e amore?
          Chiediamo proprio ai negri, oggi, di venirci incontro?
          Chiediamo proprio ai negri di abbracciarci e lasciare da parte gli odi pregressi che gli iniettiamo da secoli noi bianchi, lasciare da parte le violenze subite, di ignonare l’ancora attuale status di sottomissione politica, culturale, economica, sociale, razziale? Amandoci e rispettandoci?

          Perchè non guardiamo al nostro orto, e non iniziamo noi, Bianchi esseri superiori, a togliere una faccia da quella medaglia?
          Perchè noi, evoluti e civili, non riusciamo ad eliminare un sentimento di odio razziale verso persone che abbiamo disegnato e definito per secoli (e ancora qualcuno ne fa menzione…) scimmie inferiori?…senza che ci avessero fatto nulla?

          E poi c’è una sottile differenza, in queste due facce. Il nostro razzismo pone basi su un concetto di inferiorità, di colore della pelle, di colonialismo e sottomissione.
          Il loro razzismo proviene dall’aver subito il nostro odio insensato.
          Tu non odieresti chi ha ucciso tuo fratello? E se fosse negro, non diresti negro di merda?
          Bene, siamo tutti uguali, solo che a te forse, e spero, nessun negro ha ucciso un fratello (bianco). Nessuna nazione di negri ti ha invaso, non hai forse pulito il culo a nessun vecchio negro, nè ti sei fatta battere sulle strade da un negro avvocato. Puoi sederti dove vuoi sull’autobus, e così poteva fare anche tua madre e tua nonna. Non vendi kebab fino alle 3 di notte, nè rischi un’espulsione. Il tuo paese non è in guerra, non hai subito una carestia, nessuno ha obbligato il tuo bambino a lavorare in una miniera per estrarre diamanti, e forse non hai mai visto delle mosche nel culo del bambino della tua vicina, nè nessun amichetto dei tuoi bambini sniffare colla fino a stordirsi.
          Probabilmente non conosci nessuno cui è stato amputato un braccio da eserciti stranieri, non hai mai visto una bomba, nè una pulizia etnica. Non mangi papponi donati gentilmente dalla Fao, e non hai bisogno dell’elemosina di una ong di scimmie negre per poter curare la diarrea a tuo figlio.
          Molto più probabilmente sei una bianca, che come tutti gli esseri umani ha problemi, intoppi, tragedie, nel corso della propria vita. Come tutti, più o meno.
          Tranne qualche milione di negri, o qualsiasi altro colore sia, che subiscono da anni, decenni, secoli, molto più di quello che un bianco può subire mediamente nella propria esistenza.
          E lo subiscono come singoli, ma anche come popolo, come nazione, come etnia, come “razza”. Perchè noi li abbiamo sottomessi, sfruttati e continuiamo a sfruttarli come singoli, popoli, nazioni, etnie, “razza”.

          Guardiamo oltre il razzismo di un negro!. E’ vero, e ovvio, è pur sempre razzismo. E lo combattiamo, cercando di ragionare. Ma andando incontro alle motivazioni di un negro, no ritirandosi in un semplice e pilatesco: “siamo tutti uguali, i negri sono razzisti come i bianchi se non peggio!”

          Personalmente in quel razzismo, leggo un messaggio che va ben oltre quello che manda un becero testa rasata picchiatore, o un fascistello, o un qualsiasi cerebroleso in maglia verde.

          “Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio………Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello”.

          Io partirei da qui: dall’umiltà, dall’onestà intellettuale che insegnano queste frasi.
          Ciao

          • Silvana says:

            Complimenti Valerio! hai fatto un’analisi molto intelligente e profonda! Peccato che la maggior parte degli italiani si siano dimenticati di tutto questo. Mi permetto solo di aggiungere: il razzismo in italia esiste anche tra italiani stessi: sono figlia dell’emigrazione dei meridionali al nord negli anni 60 e ti assicuro che non è stata rosea neanche per noi.
            Un saluto.

          • Valerio says:

            Valerio!
            Ti chiami anche come me che coincidenza. Penso che sia l’unica cosa che avremo mai in comune.

            Mi sentirò libero quando potrò “STRONZO!” a un nero (bianco,giallo o verde che sia) stronzo senza che io sia tacciato di razzismo a PRIORI.

            L’Italia finirà invasa, sottomessa, violentata e distrutta da ogni tipo di flusso migratorio possibile e immaginabile (guardiamo la Svezia tanto per fare qualche esempio……).

            E’ un paese senza futuro per colpa di inetti che fanno discorsi anacronistici e insensati come quelli che hai appena fatto.

            Poi, senza andare a ribattere le tue tesi (che ritengo illogiche) tu sei razzista tanto quanto quella Dacia o chi per lei quando parli di “cerebroleso in maglia verde”… scommetto che sei uno di quelli che apostrofa Brunetta o Berlusconi con l’appellativo “politically correct” di nano.

            Ma oltre alle tinte radical chic si anche un no global, immagino super fan di Gino Strada ecc ecc ecc… mi auguro che tu abbia al massimo 20 anni… perchè se dovessi averne di più….. temo ti debba dare al più presto una svegliata o sarà la vita stessa a dartela prima o poi!!!!!!!!

            Personalmente me ne andrò e con la morte nel cuore, assisterò alla lenta e inesorabile fine di quello che noi sapevamo essere il paese più bello del mondo, ripeto, per gente del tuo calibro.

          • Marco Spaziani says:

            Non usere la parola ( Negra ) se ho ben capito, l´articolo dice che e Italo-eritrea, se e´cosi la parola esatta e ( Meticcia ) e non Negra.

    • Marco Spaziani says:

      Assolutamente vero!

  41. michele says:

    Tutto questo non fa che aumentare l’odio e probabilmente l’odio che la signora Valent ci riversa addosso, parte da lontano, dallo sbarco di Massaua, per ragioni pratico politiche, nel 1885, alla guerra di Etiopia, orrenda ancor di più, per l’uso di 650 tonellate di sostanze chimiche, che oltre ad uccidere inquinarono l’ambiente circostante per moltissimo tempo, o alla deportazione di oltre 100mila libici, con 40mila morti dalla Marmarica…Insomma non siamo sempre stati “Italiani brava gente”…. L’odio alimenta sempre altro odio. Che poi la signora Valent sia stata una nostra rappresentante a Strasburgo, ha del tragico, ma ormai in Italia ci distinguiamo, proprio perchè riusciamo a trasformare le tragedie, in comiche.

  42. karen says:

    questa tizia fa ridere e anche un po’ compassione. il problema però è un altro: chi è che l’ha messa nel Parlamento europeo?!?!?! e soprattutto: le PAGHIAMO ANCORA UNO STIPENDIO?!?! qualcuno dovrebbe avere la decenza di rispondere e , vista la gravità e la violenza delle affermazioni, sospenderle qualsiasi vitalizio!

  43. David says:

    Credo fermamente che coloro che sono Ospiti in un paese straniero Debbano portare rispetto alle persone ed alla terra dove camminano peccato che Noi qui in Italia o porto di mare accogliamo di tutto, ma ad oggi coloro che non rispettano le leggi è vivono sulle Nostre spalle, rom zingari nomadi etc. Debbono lasciare questo territorio ed essere rispediti a casa loro dove probabilmente vivono meglio visto che non fanno altro che parlare male e sputare nel piatto che noi gli forniamo. Se vogliono vivere qui in Italia si devono integrare altrimenti Noi ne facciamo sicuramente a meno visto che abbiamo già i nostri problemi altri non ne vogliamo…le persone perbene ci sono,è sono ben accette perché possono anche migliorarci…

  44. Paolo says:

    Ed ecco un altro “orango” che parla…
    Ma in fondo come non si può compatirla???
    La stessa ministrassa Kyenge ha affermato (relativamente al caso del picconatore Kaboto) che arrivava da una realtà difficile… perciò perchè non pensare lo stesso di questa razzista e comunista?
    E di fatti, di razzismo si parla! Già, perchè NOI Italiani siamo considerati razzisti perchè non accettiamo criminali e gentaglia come questa, ma LORO non accettano NOI, padroni in Patria nostra!!!

  45. Paolo says:

    In quanto a dittatori l’Africa ha parecchio da insegnare

  46. Sla says:

    Ma date fogo negrasa

  47. Gerry says:

    Cara Valent,
    non approfittarti della tolleranza degli italiani… Essi avranno tanti difetti, ma la tolleranza li ha da sempre caratterizzati. Ti faccio presente che se tu ti fossi azzardata a scrivere queste cose sugli inglesi in Inghilterra saresti già stata arrestata.
    Però fai attenzione, perché c’è sempre qualcuno meno tollerante degli altri…

  48. Tony says:

    Indubbiamente ci sono delle verità in ciò che ha descritto, soprattutto per quanto riguarda l’ipocrisia schifosa insita nella maggioranza degli italiani, e il fatto che siamo un popolo di “chiagn e futt”.
    Ma la “signora” in questione dovrebbe ricordare che qui ci mangia (e anche parecchio) e ci caga.

  49. Enry says:

    Quanti comunistelli da strapazzo compresa lei si sono strappati i capelli quando Kabobo ha ucciso a picconate?

  50. lucia valtolina says:

    Salve, dovreste inviarne copia a tutti i parlamentari SINISTRI ..napolitano compreso.
    Ssrei anche curiosa di sapere, come allora i sinistrinreagirono..se reagirono.

    Buon lavoro
    L.Valtolina

  51. marco says:

    Solo gli italiani potrebbero complimentarsi con una che ci definisce delle merde e darle ragione. Il nostro problema è l’eccessiva autocommiserazione, la smodata esterofilia ed il desiderio di essere giudicati dagli altri. Che abbiamo diversi problemi da risolvere è fuori dubbio ma da qui a farci trattare a calci in culo da una che qua ha trovato l’America (vitalizio parlamentare) ne corre.

  52. Marco Maggi says:

    Parole sante.

  53. sergio says:

    perche’ negra (non di colore come io ho tanti amici , che poi non considero neppure di colore…sono uomini e basta…) non vieni a dirmelo in faccia quello che pensi…cosi’ ti rispondo…democraticamente…ovvio..

  54. pablo says:

    chiamate un’ambulanza per la valent e per i suoi sostenitori,delirio perpetuo.

  55. Vimmer says:

    Avete acclamato qualsiasi dittatore e sottoscritto qualsiasi strage, salvo poi dimenticarvene ed assurgere come vittime di un elite…….. i vostri capitani d’azienda sono dei progetti andati a male dei centri di collocamento, ma che o avevano buoni rapporti famigliari o il culo l’hanno dato meglio di voi.

    stupendo……

  56. Davide says:

    Ha ragione

  57. Pian says:

    Leggo tante parole di rabbia dovuto penso al dolore della perdita del fratello e del periodo che non era tanto pacato, penso che erano successi tanti fatti di razzismo, non la condivido, ma la comprendo.
    Poi non so fin quanto sia legale riproporre un articolo del 2008 di un blog, è pur sempre un opera protetta da diritti d’autore, qualcuno glieli ha chiesti? come minimo se esiste ancora occorre mettere le fonti: il link!

  58. Alma says:

    Quello che è assurdo è che Dacia valent sia lei stessa italiana. A quanto pare suo padre è italiano, e lavorarva in un’ambasciata. Vorrei sapere il padre cosa ne pensa di cio’ che ha scritto.

  59. Adelaide says:

    Bella razzista e nazista, non voglio offendere e mettermi al suo livello ma se non le piace l’Italia e gli italiani che se ne vada in altri paesi dove non ci siano bianchi e gialli ma solo neri e neppure merde! e chi la vuole? Il mondo è grande, che cerchi il suo paradiso. Fará solo un piacere a tutti gli italiani.

  60. il brambi says:

    Nessuna meraviglia del fatto che una così abbia potuto scrivere ciò impunemente.
    Siamo in un paese in cui se un bianco avesse fatto ad otto negri ciò che quel negro ha fatto ad otto bianchi a colpi di piccone, si sarebbero aperti dibattiti tv con persone che lanciavano strali contro il fascista-razzista macchiatosi di tale infamante azione.
    Non ho sentito molto invece, soprattutto a sinistra, su questo fatto, sulla clandestinità del tale e sulla gravità delle sue azioni.
    Mi permetto io di dare dell’oppressore comunista a questo signore africano, assassino di inermi a colpi di piccone.
    Per quanto riguarda la parlamentare pd, cosa aggiungere a ciò che ha già scritto lei se non: ricacciatela da dove è venuta, immediatamente.

    • brillicus says:

      eh, Brambi… se lo dice lei… è identitaria,…se lo dicessimo noi…”brutti-italiani-razzisti”
      è chiaro che vi sono due pesi e due misure: noi abbiamo solo il diritto di… estinguerci!

  61. Marta says:

    Vorrei che le stesse cose avesse il coraggio di dirle a un tedesco, o ad un americano o ad un inglese, o ad un francese e che avesse anche il coraggio di firmarsi. Il buonismo italiano genera mostri di questo genere. A casa

  62. franco says:

    ma adesso dov è cosa fa e stipendiata da italiani .. e dove vive ??

  63. Dauro says:

    prende ancora il vitalizio da parlamentare questo esemplare di amministratrice pubblica?? che vergogna……

  64. Miki says:

    Ma quali sono le regioni frequentate dall’acrimoniosa? Forse la risposta a tanto risentimento sta li’.

  65. Ma questa è completamente pazza da legare…..Noi diciamo in Sardo: ” a paragulas maccas uricras surdas” tradotto; a parole matte/sconce, orecchie sorde….

  66. ModenaLibera says:

    Ma questa parassita, se stava tanto bene con quelli della sua razza, come mai è stata in galera per tentato omicidio, per avere accoltellato il suo convivente di colore?
    I “bianchi” sono anche troppo tolleranti, immaginate un bianco che dica e scriva queste cose in congo, lo farebbero a pezzi con il machete…
    Veda di andarsene affaculo cara signora…

    Ducato di Modena

  67. lorenzo says:

    L’odio genera odio.

  68. elio says:

    la valent ha descritto delle ovvietà, ma ha commesso l’errore di tutti coloro che ragionano da schiavi di una ideologia, in realtà lei ha descritto l’umanità intera e non solo quella italiana, nella realtà ha descritto anche se stessa.

  69. Gian says:

    il problema per i tanti sostenitori che la Valent ha trovato qui è che tra gli italiani di merda ci mette anche voi e se le dite che voi non lo siete, che siete veneti o padani o quello che volete, vi risponde che siete veneti di merda o padani di merda…

  70. Dan says:

    Ocio belli, sta qua con “italiani” ha compreso tutti, compresi voi e le vostre famiglie.
    Adesso, finchè ce lo diamo tra di noi delle merde può ancora starci in fin dei conti è solo autocritica ma che una tizia così eternamente impegnata a tentare di fare succhiotti alla borsa dei soldi di stato ci etichetti tali solo perchè le fanno andare male il colpo tutte le volte, no signori, non ci siamo.

    Qui una rapida diapositiva della tipa: http://gek60.altervista.org/2012/09/chi-e-dacia-valent/

  71. Stefano Gamberoni says:

    arrabbiata la ragazza. In ogni caso la descrizione dell’italiano non è sbagliata. Io non mi sento italiano, e non lo sono.
    Saluti dalla Lombardia.

  72. ma questa è la solita che sputa nel piatto dove mangia, nulla di nuovo.
    Certo che fa impressione l’ODIO di questa misera donna.

  73. Padania libera ! says:

    Ha ragione , Dacia Valent è una vera padana resistente , altro che i venduti alla mafia italiota della Lega ! Padania libera , ora ! Italia fora de ball !

  74. gigi ragagnin says:

    da tutte le altre parti c’era solo indignazione italica. qui vedo che la pensano diversamente (in tanti). speriamo bene. (il nick che uso in altri forum e blog è dime can, tanto per intenderci).

  75. Alberto Pento says:

    La ga raxon li taliani li xe purpio cusita.
    Mi a so veneto e no talian.

  76. Straiker says:

    Buona parte è condivisibile.

  77. fabrizioc says:

    beh…per molte cose ci ha preso…

  78. Alessandro says:

    In tanto delirio c’è qualche verità, sugli italianos

  79. RENZO says:

    complimentoni !!!!!!!!!!!!!!!!!

  80. Dan says:

    Ok, madama quand’è che ha abbandonato la terra dei bastardi per tornarsene nel suo paradiso dove sono tutti intelligenti e coraggiosi ?

    O i soldi di Strasburgo l’hanno indotta a trattenersi ancora un po’ in questo luogo di merda ?

  81. Trasea Peto says:

    3/4 di quello che ha scritto Dacia Valent è pura verità…l’altro quarto è il suo complesso di inferiorità.

  82. konkordo con la Dacia Valent … italiani di merda e bastardi …

    • Dan says:

      Guarda che nel suo “italiani” comprendeva anche te.

    • marirosa says:

      Mi vergogno di vivere in uno Stato di merda ,anche se stata molto offensiva e cruda ha purtroppo detto tante assolute verità…la nostra intolleranza,il nostro razzismo nei confronti dello straniero innesca a loro volta tanto odio nei nostri confronti…ODIO PORTA SOLO ODIO….QUANDO SIAMO TUTTI UGUALI ,FRATELLI E CITTADINI DEL MONDO!!!FINCHè IN iTALIA CI SARà UN GOVERNO MAFIOSO CI AMMAZZEREMO A VICENDA!!!!!

      • Marco Spaziani says:

        Tu dici che in italia ci sara un governo mafioso?
        guarda che ce sempre stato!
        Rivolgi questa domanda a tanti italiani come me´, che hanno lasciato l´italia per questo motivo.
        dalla meta del 1960 al 1990, in molte citta della germania e austria, potevi leggere fuori dai locali, il seguente SLOGAN, VIETATO L´INGRESSO AI CANI E´AGLI ITALIANI, quando leggo le affermazioni della cosidetta Padania, mi viene da ridere, fuori dall`italia siete tutti italiani.

Leave a Comment