Italia ostaggio degli italiani o viceversa?

garibaldi feritodi GIANCARLO RODEGHER – La storia è sempre lì a ricordarcelo.

L’Italia una e indivisibile è una ciofeca e ne abbiamo conferme quasi ogni giorno. Non che non si abbia le potenzialità per essere qualcosa di diverso e di migliore, ma gli italiani sono diventati per la maggior parte degli anarchici dopo che ci siamo accorti di essere molto diversi gli uni dagli altri. Infatti c’è chi spinge per fare e andare avanti e chi invece rema contro o impedisce qualsiasi cambiamento di questo paese.

D’altronde l’Italia complessivamente ha confini terrestri che si sviluppano per 1800 km, quelli costieri per circa 7500 km e non sono pochi e tutto ciò ha comportato e comporta grandi differenze di cui ogni regione è portatrice della sua unicità storica,linguistica,culturale, etica, filosofica e mi fermo qui. Detto ciò questa anarchia si manifesta in vari modi a seconda dell’impatto che in essa provoca lo Stato centrale.

Adesso mi cimento nell’identificare le varie anarchie che tengono in ostaggio il Paese e gli italiani stessi.

  • Siamo ostaggi dello Stato unitario e centrale nonostante la Costituzione possa prevedere diversamente o tramite la revisione della stessa.
  • Siamo ostaggi dei partiti politici che fanno quello che vogliono con i loro massimi rappresentati.
  • Siamo ostaggi di una grande parte della Magistratura che usa la propria autonomia per fini politici e criminali dal momento che indaga chi vuole e quando vuole se qualcuno non la pensa con il pensiero unico della sinistra o fa parte di avversari politici. Cerca di influenzare le nomine, lavorano in pochi ed i tempi biblici per ottenere una sentenza sono vergognosi da terzo mondo. Siamo scesi dal 43° posto al 44° tanto siamo bravi nella classifica internazionale di efficineza della giustizia. Il piccolo stato della Svizzera è al primo posto, visto che gli stati più piccoli sono e risultano sempre i più efficineti ed i più economicamente floridi.
  • Siamo ostaggi della Chiesa Cattolica che parla bene, è arrivata a cambiare persino i 10 Comandamenti e a parte diverse opere di beneficienza razzola malissimo e si rende non più credibile.
  • Siamo ostaggi della malavita organizzata meridionale e non di cui mafia, ndrangheta,camorra,mafia nigeriana etc.etc.. che si insinuano nella società civile e financo nelle stanze delle istituzioni.
  • Siamo ostaggi dei sindacati, in particolare uno, che non hanno mai saputo veramente tutelare i lavoratori perchè quasi sempre in combutta con i governi e talvolta con gli stessi imprenditori. Il più delle volte hanno lasciato la barca che va..andava…. cimentandosi con prove di forza, scioperi selvaggi e una ideologia sballata.
  • Siamo ostaggi della COSTITUZIONE ITALIANA perchè quasi sempre e colpevolmente mal interpretata, disattesa, ignorata,sfruttata, strumentalizzata, stuprata con referendum negati, aggirati, non rispettati sino in fondo, orfana di legittimazione piena da parte degli italiani che non hanno potuto avere il loro referendum più importante. Infine è diventata un totem per coloro che sono nostalgici di BELLA CIAO
  • Siamo ostaggi della burocrazia statale italiana.
  • Siamo ostaggi di un FISCO esoso e prepotente da sempre verso gli onesti ma con garbo verso i disonesti potenti e si può capire anche il perchè……
  • Siamo ostaggi della corruzione sia politica che privata ormai in tutti i campi e settori della società e delle istituzioni.
  • Siamo ostaggi di certi italiani senza scrupoli che ci inquinano l’aria, l’acqua, la terra, il cervello, gli alimenti etc…etc..
  • Siamo ostaggi dei mass media italiani inquinati da interessi privati o di parte e che hanno abdicato al loro vero compito investigativo, di denuncia vera, e svelare certe verità.
  • Siamo ostaggi dei poteri finanziari e bancari.
  • Siamo ostaggi dell’ UNIONE EUROPEA.
  • Siamo ostaggi dell’ignoranza e mancanza di cultura di troppi italiani che se ne fregano di tutto e di tutti purchè “ se possa magnà!!”
  • Siamo ostaggi dell’inviadia sociale.
  • Siamo ostaggi di mestieranti improvvisati che si credono veri professionisti .
  • Siamo ostaggi di alcune classi dirigenti ( Elites) con il loro motto “ tutto è possibile, niente è impossibile e con questo delirio si calpestano le più elementari regole di convivenza civile.
  • Siamo ostaggi di politici italiani (forse il peggio della società) dediti a curare i propri interessi personali e del partito di appartenenza e interpretano il fare politica come se fosse il gioco dell’oca.
  • Siamo ostaggi di Leggi e regolamenti che di fatto sembrano essere stati approvati con l’intendo di complicare la vita ai cittadini senza trascurare che talvolta sorge il dubbio che siano sì fatte per evitare ai politici o potenti di andare verametne in galera.
  • Mi fermo ma l’elenco può essere agevolmente allungato a piacere da chiunque lo voglia e mi scuso se stò approfittando della benevolenza e della libertà di questo giornale indipendente.

    In definitiva siamo diventati ostaggi di noi stessi e ci siamo costruiti una gabbia da cui uscirne sarà molto difficile. Ma è doveroso denunciare tutte queste cose perchè ci sentiamo ancora uomini liberi ed indipendenti ed autodeterminati e non serve a nulla nascondersi dietro un dito o alzare le spalle o lamentarsi o peggio ignorare il tutto. L’esempio più eclatante è quello dell’ ignomignoso ritardo con cui le autonomie di VENETO e LOMBARDIA ( l’E.Romagna ha ritenuto non degni i propri corregionali di votare un referendum……) sono ancora di là da venire. L’art. 5-116-117-etc. Della Costituzione parlano chiaro e poiché queste autonomie sarebbero a costo ZEROOOOOOO non si capisce cosa ci sia da discutere. Ribadisco che ritengo un pizzo di Stato quello che il M5S e magari anche Conte vorrebbero sui risparmi ottenuti da buone e sane gestioni delle Regioni virtuose e che dovrebbero andare ad un fondo di perequoazione ,destinando questi fondi/risparmi anche ad altre Regioni… , ma così si demolisce la principale caratteristica delle autonomie che sono la buona gestione, il risparmio, la competitività con le altre regioni, la responsabilizzazione dei politici etc..etc..etc…Non capire che è l’ultima carta da giocare per tentare di salvare il paese ed evitargli un declino lento ed inesorabile è, permettetemi, da ignoranti, presuntuosi, arroganti, in male fede, incredibilmente ottusi, etc..etc..etc…

    Non possiamo più vivere in un paese in cui ci sia sempre qualcuno o qualcosa o tutto ciò che ho elencato sopra a complicare la vita del Popolo Italiano. E’ inumano ed intollerabile !!

    Dobbiamo svegliare le nostre coscienze e batterci per una vita migliore cambiando questo paese. Quando si parla o si agisce per tentare qualsiasi cosa che cambi anche una virgola o un punto di questo paese allora vediamo scatenarsi le menti fulminate e perverse del paese. Si irride, si blocca si mettono i bastoni tra le ruote e via così sempre, sempre.

    E’ un paese in declino l’italia eppure sembra ogni giorno remare contro sé stessa ed evita accuratamente ogni e qualsiasi riforma costituzionale o economica o fiscale o riorganizzativa o programmatica o…..lungimirante.

    Siamo in balia di gente in malafede che non vuole prendersi delle responsabilità per paura di rendersi impopolari e quindi perdere voti. Dove abbiamo degli statisti??? Non ne vedo, vedo solo politici che non concludono ciò che dovevano iniziare. Non hanno nemmeno il coraggio di dire la verità agli italiani e cioè che l’italia è fallita da diverso tempo, che prima o poi dovremo pagare per i decenni che non si è combinato nulla di buono per il paese lasciato a sé stesso e che oggi la gran parte del Popolo italiano rivendica, obbliga, pretende di essere ascoltato e che in certe regioni si è votato dei referendum e devono essere ONORATI !!!

    Qui adesso possiamo affermare che i politici che non seguono il Popolo ma lo vogliono solo scavalcare o peggio distanziare dalle loro idee sono tutti destinati a cadere nella trappola del dimenticatoio. Il PD, F.I., LEU,

    e ci mancherebbe altro il M5S per la sua inadeguatezza politica e perchè sta facendo né più né meno quello che ha fatto per decenni il PCI oggi PD, cioè tenere al guinzaglio il paese frenandolo o bloccandolo per paura di doversi mettere da parte perchè incapaci di produrre una classe politica all’altezza dei tempi.

    Infine possiamo dire che se le autonomie troveranno intelligentemente le approvazioni che meritano da parte di coloro che non le vogliono, forse riusciremo ad evitare il naufragio e portare il paese nella giusta direzione, quella della democrazia vera e del benessere generalizzato.

    Non parlo dell’immigrazione perchè la trovo parallela alla tratta degli schiavi. Servono per sfruttarli ed abbassar ele paghe dei nostri connazionali, niente di più e niente di meno ma la cosa che mi fa arrabbiare veramente è che tutti questi esseri umani vengono illusi, traditi facendoli pensare che qui trovano il bengodi, al contrario sono abbandonati a loro stessi. Si devono aiutare gli africani a casa loro obbligando i governi a sottostare a controlli ridigi di dove vanno e come vengono spesi i nostri soldi . L’imigrazione si fermerà è inevitabile. Ma chi vuole fermare veramente questa ecatombe di morti e disperati?

    Print Friendly, PDF & Email

    Related Posts

    Leave a Comment