Italia in recessione per tutto il 2013. Tagliare le tasse? Niet

di REDAZIONE

La recessione in Italia continuera’ per tutto il 2013. Bene il deficit, che sara’ sotto il 3% nel 2013 e nel 2014. Male la crescita e peggio ancora la disoccupazione: all’11,9% nel 2013 per arrivare al 12,5% nel 2014. E’ quanto emerge dall’Economic outlook dell’Ocse presentato questa mattina a Parigi. Per uscire dalla crisi, raccomanda l’Ocse, l’Italia deve “consolidare le riforme positive per la crescita” ed “evitare riduzioni premature delle tasse”. Ancora brutte notizie sul pil. Ad appena un mese dal suo ultimo rapporto sull’economia italiana, l’istituto ritocca di nuovo al ribasso le stime sulla crescita del nostro Paese, passando da -1,5% a -1,8% per il 2013, e da +0,5% a +0,4% per il 2014. Aumenta il debito pubblico, dato ormai al 134,3% nel 2014. Infine, l’Outlook dell’Ocse sottolinea anche la debolezza del sistema bancario che, mentre fa i conti con il crescente peso delle sofferenze, non supporta investimenti e consumi.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment