Italia in recessione! E i cervelloni si sorprendono. Ma andate a scopare il mare

di TONTOLO

”I dati confermano che stiamo in recessione, in una recessione grave. Il dato annuale peggiora le aspettative del governo e quindi effettivamente e’ sempre piu’ urgente aver anche degli interventi di sostegno alla crescita”. Non ci voglia male il professor Marcello Messori, professore di Economia all’Universita’ di Roma Tor Vergata: abbiamo preso il primo commento che ci è passato sotto il naso sui dati Istat che indicano un pil nel secondo trimestre in calo dello 0,7% rispetto al primo trimestre e un calo del 2,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Quando sono usciti questi dati è stato un fiorire di dichiarazioni allarmate sulle agenzie. Come se molti, soprattutto quelli che stanno nella stanza dei bottoni, ancora non avessero capito che l’Italia sta nella cacca, è in recessione, è alla canna del gas. Tutte le minchiate che ci hanno raccontato in questi mesi sulla crescita, si sono appunto rivelate delle minchiate!!! Ci hanno solo martellato di tasse, siamo al record del mondo con oltre il 50%, le aziende si avvicinano addirittura al 70% di tassazione e si vorrebbe che fossimo in ripresa? Ma andate a scopare il mare…

Ma lo sapete che dopo queste povere vacanze tante piccole e medie imprese non riapriranno più i battenti, perché i titolari preferiscono tirare i remi in barca e salvare il salvabile? Ma lo sapete che tre settori come l’auto, il siderurgico e il meccanico sono in profonda crisi? E il mitico ministro Corrado Passera che sta facendo, oltre che mettere al sicuro il proprio patrimonio personale?

Tutti quei cervelloni che stanno al governo e dintorni si stanno accorgendo in che situazione sta declinando il Paese? Ma si forse è meglio che non se rendano conto, così salta tutto per aria più presto e così si ricomnincerà in qualche maniera!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Un lettore says:

    Condivido il tono dell’autore riguardo alla situazione in cui il nostro governo ci sta lasciando il paese, però penso che si opportuno evitare l’uso di volgarità nel linguaggio scritto. La lingua italiana infatti possiede sufficienti espressioni formali per esprimere ribrezzo, disgusto e schifo verso il governo Monti.

  2. Pao says:

    Questi “salvatori della patria” sanno solo alzare le tasse e non vogliono fare riforme strutturali.
    Si affannano dietro falsi problemi (la riforma delle professioni) e non si curano degli sprechi della P. A., di introdurre (ieri) i costi standard nel settore sanità, di dare respiro e aiuto concreto a chi vuole fare impresa: basti l’esempio dell’Emilia Romagna post terremoto.
    A quando un’Emilia Romagna libera e sovrana come la Repubblica di San Marino?

Leave a Comment