Italia, Beggiato e Del Boca: la retorica nazionalista figlia della grande truffa del 1866

beggiatoE’ uscita in questi giorni la quinta edizione di “1866: la grande truffa” di Ettore Beggiato, pubblicata da Editrice Veneta di Vicenza.
Il volume incentrato sul plebiscito di annessione del Veneto all’Italia (21-22 ottobre 1866) è stato stampato la prima volta nel 1999 e, anche grazie alla significativa prefazione del compianto Sabino Acquaviva, suscitò fin da subito un notevole interesse.
Questa edizione, arricchita di nuovi documenti, è nobilitata dalla prestigiosa postfazione di Lorenzo Del Boca,  giornalista, saggista, storico, già presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti dal 2001 al 2010:

“I 150 anni della cosiddetta unità d’Italia avrebbero voluto celebrarli in pompa magna: quelli che hanno portato all’annessione di Venezia meglio lasciarli passare sotto silenzio.

Non per caso né per distrazione.

A enfatizzare il tempo fra il 1861 e il 2011 erano stati, soprattutto, i “compagni” più convinti. E, francamente, era sembrato paradossale. Avevano consumato gli anni della giovinezza e della maturità per inneggiare all’internazionalismo proletario e a sognare l’egemonia dell’Unione Sovietica. Il nazionalismo andava bandito dal vocabolario e avversato sul piano culturale come una variazione – nemmeno troppo sofisticata – del fascismo. Quale tricolore? Si poteva fare benissimo a meno del bianco e del verde perché quello che contava per davvero era il rosso.

Con una conversione a 180 gradi, anche i critici più convinti di patria e terminologie affini si sono scoperti partigiani dello stato unitario, frutto delle guerre d’indipendenza nazionale.

Avrebbero voluto trascinarsi dietro le decine di milioni di italiani per glorificare in modo solenne l’anniversario. Mezzo anniversario, per la verità. Perché volevano celebrare l’Italia unita che, nel 1861, era solo mezza. Mancavano Lazio, Veneto, Friuli, Trentino, un pezzo di Lombardia (perché Mantova era ancora austro-ungarica). Dunque: senza Venezia e senza Roma.

Ci hanno messo anche un bel po’ di quattrini per convegni, studi e ricerche. Peccato che tutto l’armamentario accademico non ha approfondito nulla e, gettando al vento un’opportunità probabilmente unica, ha rinunciato a fare chiarezza su quella quindicina d’anni che hanno generato l’Italia. La retorica l’ha fatta da padrona, senza un briciolo di critica e di auto-critica. La narrazione è risultata una melassa indigeribile di esagerazioni buoniste e di autentici luoghi comuni.

I cittadini hanno guardato distrattamente tutto questo sforzarsi per rendere solenne l’anniversario. Torino, ricordo dell’antica capitale, si è abbastanza imbandierata ma le altre città capoluogo di regione sono rimaste abbastanza freddine.

Figurarsi che cosa sarebbe stata una celebrazione analoga per i 150 anni di Venezia italiana. Non ci hanno nemmeno provato.

Cuore e anima delle terre del Piave e dell’Adige hanno un carattere autenticamente autonomo quando non indipendentista. E, se proprio occorre scegliere, meglio Vienna di Roma, più mitteleuropei che italiani.

“Dime càn ma non dirme taliàn”.

Significativo che, ancora oggi, sui muri, non è raro trovare scritte del tipo: “nonostante 150 anni, ancora veneti”.

Può meravigliarsi solo chi non conosce la storia o la vuole storpiare per compiacere i cantori del regime.

Ettore Beggiato, quel 1866, anno dell’annessione, lo ha indagato, vivisezionandolo a puntino, per ricavare contesti, statistiche, riferimenti e documentazioni. Il quadro che ne deriva spiega e giustifica l’atteggiamento dei veneti di oggi che, magari, non conoscono la storia nel dettaglio ma che, pur inconsapevolmente, “sentono” che non gliel’hanno raccontata giusta.

I “serenissimi” hanno alle spalle mille anni di autonomia. Come possono accettare il declassamento a regione (periferica) di uno stato?

La cultura veneta ha attraversato le epoche, segnalandosi per la raffinatezza dei suoi protagonisti. Ha amministrato le sue terre con un governo di Dogi e un Senato che, considerati i tempi, poteva passare perfino per democratico. E, sul piano economico, il commercio ha assicurato una prosperità che, talora, poteva assomigliare persino all’opulenza.

Con il Risorgimento tutta quella gente si è ritrovata cittadina di serie B, poco considerata e persino un poco maltrattata. Dovrebbero anche ringraziare Roma e l’Italia?

Da terra ricca che era si è ritrovata a recitare il ruolo della vacca da mungere.

Proprio in quei mesi del 1866, Ruggero Bonghi lo ha scritto senza mezzi termini al senatore Giuseppe Saracco. “Iddio che ama gli spensierati ci dava Venezia il cui bilancio, presentando un’entrata di circa 79 milioni e un’uscita di circa 54, ci dava un avanzo di circa 25 milioni”. Una boccata d’ossigeno per le casse strampalate del regno d’Italia che ci ha preso gusto e, a cominciare da allora, ha preso a caricare di tasse Venezia e Veneto per coprire uno dei tanti suoi buchi, sempre e inevitabilmente, più mostruosi.

Che cosa ci sarebbe stato da festeggiare nel 2016, a 150 anni dal 1866?

Che cosa avrebbero dovuto inventarsi i cantori dell’unità nazionale per nascondere i brogli, le truffe, le intimidazioni e gli espropri che hanno accompagnato il passaggio di Venezia e Veneto dall’Austria (“felix”) alla Roma (“ladrona”)?

Ettore Beggiato è un innamorato della sua terra alla quale dedica appunti, ricerche e approfondimenti che, con rigore accademico, contribuiscono a creare i presupposti di un’altra storia e di una verità differente. Per questo, è apprezzabile il suo lavoro sul 1866. Perché spiega l’Italia di ieri e consente di comprendere l’Italia di oggi.

In quei mesi i cittadini hanno perso il 45 per cento della loro ricchezza. I ragazzi non hanno più potuto andare a scuola perché ai professori, accusati di essere “austriacanti”, avevano tolto la licenza all’insegnamento. Generazioni di veneti sono stati condannati a “ruscare” fin da bambini per rimediare l’indispensabile per vivere. E, spesso, le fatiche fino alle soglie della morte non erano nemmeno sufficienti.

“Poca Italia – i bastiema – andemo via!”

Proprio allora, sono state create le condizioni per una diaspora senza precedenti di veneti che hanno popolato terra incolte di Argentina e Brasile per trasformarle in campi di grano e vigneti. In qualche caso, l’emigrazione ha toccato il 70 per cento della popolazione. Non di rado, s’incontrano più veneti nei villaggi d’America da loro fondati che quelli dei paesi dai quali sono partiti.

Certo, poco da ricordare e niente da celebrare per lo stato nazionale. Ma almeno a casa nostra, raccontiamocela giusta.

“Coss’ela sta Italia, sta patria, compare…

coss’ele ste cose che ghemo da amare…?”

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. luca says:

    Dal DIRITTO del 20 novembre 1855.

    scrive DANIELE MANIN :
    .
    Un’accusa più grave, quella di mutabilità , viene scagliata contro Daniele Manin. Si dice e si ripete :
    « Possibile che il valent’uomo abbandoni in tal modo la sua bandiera? II grido Viva San Marco ! fu grido repubblicano. Non è egli un conn traddirsi i! gridare oggi : Viva ritalia sotto lo scettro di casa
    Savoia? »
    No, io rispondo , Daniele Manin non si contraddice. Repubblicano nel profondo dell’anima , egli si mostra eroico immotando un’opinione caramente diletta sull’altare della patria.
    L’uomo’ egregio non s’è mutato : egli è sempre quel medesimo che poneva in cima de’ suoi pensieri e de’ suoi affetti, non la provincia ma la nazione, non la repubblica ma l’Italia.
    Gridando Viva San Marco! il sapiente ed animoso tribuno obbediva ad una politica necessità : senza quel grido patriottico, una rivoluzione in Venezia era impossibile.
    Chi dunque voleva la rivoluzione per costituire più tardi l’Italia, dovea necessariamente volere il mezzo
    atto a raggiungere questo scopo.
    Se non che, proclamando la repubblica veneta (che avea cessato di esistere in fatto, per la
    violenza straniera, ma non in diritto), il cittadino d’Italia dichiarava solennemente, che qualora l’interesse generale della Penisola esigesse modificazioni nella forma di governo , Venezia si
    assoggetterebbe al decreto sovrano della nazione.
    — Non vuoisi dimenticare, diceva egli, che noi siamo un membro delta gran
    famiglia italiana ; gridiamo con essa : Viva l’Italia I —
    E qui è da notare che il popolo veneziano, ai 22 di marzo, non potea conoscere nè il risultamento della rivoluzione lombarda , nè il proclama di Carlo Alberto, giunto a Venezia soltanto ai 27 dello stesso mese. Però, ai 22 di marzo non erano e non poteano essere in Venezia pretendenti o candidati al trono.
    L’idea di essere pronto a fare il sacrifizio delle proprie simpatie per la forma repubblicana allo scopo della unificazione italica, Daniele Manin la accenna in parecchie congiunture; ma più
    chiaramente in una sua intima conversazione con un uomo di Stato inglese, molto autorevole, che ne rese conto nel periodico
    intitolato: North British Review, del febbraio 1855.
    La bandiera della rediviva repubblica fu sempre la tricolore , simbolo di nazionalità, non veneta, ma italica.
    Due monete furono, di que’ giorni, coniate in Venezia. Sull’ una tu leggi: Indipendenza ; sull’altra : Unione italiana. https://archive.org/details/bub_gb_ZDRTpDLQwpkC/page/n153

  2. luigi bandiera says:

    A PENSARCI MI VIEN DA VOMITARE..!
    ILKOMUNISTA BUONO A PARTE FECE COSE CHE ANDREBBERO ALMENO RIFIUTATE. NON CONDIVISE. INVECE I TOTO KATTOKOMUNISTI NON VIVONO SENZA IL KOMMEMORARLE.
    Quando mi penso alle guerre d’indipendenza. MA INDIPENDENTI DA CHI MO..?

    Questa l’e’ davvero grande e grossa.

    BANDA DEI QUATTRO… altro che liberatori. Ma liberi da chi se non dall’italia..?
    Tutto al contrario.

    intellighentis ignorantis…

    Basta se no vado oltre…

  3. caterina says:

    troppo buoni i Veneti…e qualcuno li prende per tonti… ma ignoranti sono loro, i saccenti taliani che si pappano poltrone dappertutto per rifarsi dello scorno che anche loro hanno subito facendolo passare per patriottismo…ignoranti! studiate la storia, anche la vostra, di dovunque siate… non è quella che vi hanno insegnato dall’elementari all’università!… grazie, Beggiato! dobbiamo insistere e…sperare! La Serenissima non è morta fin che la ricordiamo, e risorgerà!…non c’è niente in giro che uguaglia la sua saggezza!

Leave a Comment