UMMA SCHWEIZ, GLI ISLAMICI SI ORGANIZZANO OLTRALPE

di RODOLFO BALLARDINI

Il cappio islamico si stringe giorno dopo giorno al collo dell’ Europa. Nella vicina Confederazione elvetica sarà pienamente operativa nel 2013 un’organizzazione islamica detta “Ummah Schweiz” che si prefigge lo scopo di organizzare un corpo legislativo parallelo a quello federale basato ovviamente sulla sharia. Attualmente è presente in tutti i 26 cantoni. Le organizzazioni musulmane hanno deciso che la Svizzerà sarà la base operativa dalla quale partire per la completare la diffusione del jihad in Europa. I musulmani locali forniscono supporto e sostegno ai jihadisti inclusa la messa a disposizione di siti web per la propaganda del terrorismo. Le autorità di Berna hanno già individuato almeno dieci viaggi compiuti dai musulmani negli ultimi 12 mesi verso campi di addestramento siti nei soliti paesi, Afghanistan, Iraq, Pakistan, Yemen.

Nel rapporto annuale della polizia federale del 2011, Jahresbericht, Bundesamt fur Polizei 2011, pubblicato a Berna lo scorso 21 Giugno, sono sottolineate le investigazioni compiute a carico di cittadini svizzeri convertiti all’islam sospettati di aver discusso in internet su attentati da perpetrare in Germania contro obiettivi USA. La polizia ha anche escluso che la Svizzera posso essere oggetto di attentati. Tutto ciò è codificato nelle norme comportamentali islamiche che prevedono di non disturbare la società ospitante quando essa serve alla causa.

Tra le varie voci, è citato il 19enne Magd Najjar, con la qualifica di rifugiato perché condannato dalla Giordania, catturato lo scorso Maggio dalla polizia elvetica ed accusato di aver partecipato ad attività jihadiste a Nairobi, di avere legami con la struttura islamica terroristica Al Shabaab, già associata ad Al Qaeda, e con islamisti svizzeri. In risposta all’incremento di attività terroristiche via internet, la FedPol(Federal Polizei), ha aperto un nuovo dipartimento finalizzato esclusivamente al controllo delle attività via web ed ha aumentato gli scambi informativi con l’intelligence. Le maggiori organizzazioni islamiche in Svizzera che sostengono la “ummah schweiz”, le associazioni islamiche sono circa 300, sono il KIOS, Coordinamento delle Organizzazioni Islamiche in Svizzera a guida iraniana e la FIDS, Federazione a Difesa delle Organizzazioni Islamiche in Svizzera, a guida arabo palestinese.

La situazione islamica svizzera ha destato l’interesse della OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) che nel Novembre 2011 ha inviato 3 osservatori i quali hanno ritenuto la situazione potenzialmente esplosiva citando i partiti nazionalisti accusati di discriminazione verso i musulmani. Contestualmente hanno anche sottolineato che gruppi musulmani come bosniaci, albanesi ed altri, si identificano ora non a causa della loro etnicità ma sulla base della religione che li unisce. La popolazione musulmana in Svizzera si è più che quintuplicata in circa 30 anni ed ora ammonta grosso modo a 400 mila unità, circa il 5% della popolazione totale. La maggioranza ha radici turche o balcaniche e gli arabi sono una minoranza. L’incremento demografico islamico sta creando non pochi problemi di convivenza anche perché sono aumentate le pretese avanzate per il riconoscimento dei valori dell’islamismo sovente in contrasto con le leggi federali. Da ultimo, lo scorso Gennaio, un’altra organizzazione islamica, l’IZRS (Consiglio Centrale Islamico della Svizzera), ha iniziato una raccolta di fondi tra i Paesi del Golfo Persico finalizzata ad ottenere il capitale di circa 21 milioni di dollari per costruire la più grande moschea della confederazione che sarà edificata a Berna. Il progetto prevede tre piani, una sala per le preghiere con 500 posti, sale conferenze, aule di indottrinamento, parcheggio sotterraneo e giardini all’esterno. Tuttavia, un recente referendum ha approvato con una maggioranza del 57%,  il divieto di costruire minareti ma in merito si sono già levate le voci dei soliti che lanciano accuse di discriminazione o di islamofobia.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Pedante says:

    D’accordo sull’impossibilità di assimilare grandi numeri di musulmani nei paesi europei, ma chi è che facilita questa impopolare immigrazione di massa, bollando come fascista chiunque vi esprima contrarietà?
    http://www.youtube.com/watch?v=4QoJGvEVogI

Leave a Comment