Io il 25 aprile festeggerò San Marco in Piazza San Marco

di RICCARDO VENTURINI

Molte persone, amici, conoscenti o anche estranei, quando rivelo la mia anima venetista mi guardano stralunati, non comprendono come sia possibile nel 2013 anche solo pensare che l’italia non sia unica ed indivisibile e che i suoi confini non siano sacri e inviolabili, e che la costituzione è solo un qualcosa scritto da uomini e quindi non è eterna ed immutabile, non riescono nemmeno a pensarlo,immaginarlo o anche solo sognarlo.

Io il 25 aprile festeggerò SAN MARCO a SAN MARCO perchè voglio almeno se non pensare o immaginare che un giorno la mia terra sarà nuovamente libera ed indipendente almeno continuare a sognarlo. Non posso non sognare che un giorno il leone tornerà a volare, che quel guinzaglio con cui l’italia lo tiene stretto e che è visibile concretamente sul monumento al re invasore in riva degli schiavoni a venezia finalmente si spezzerà, non posso non sognare che quella bandiera bianca che sul ponte sventola un giorno sarà finalmente ammainata.

Io il 25 aprile festeggerò SAN MARCO a  SAN MARCO per gridare forte che no, io italiano non lo sono non voglio esserlo e non mi interessa esserlo, che italiani saranno loro.

Io il 25 aprile festeggerò SAN MARCO a  SAN MARCO per dire chiaro che volere un veneto indipendente non significa essere leghisti, anzi significa considerare questi i peggiori traditori della causa, coloro che ci hanno fatto perdere almeno 20 anni di tempo in questa battaglia, con le loro Padanie inesistenti ed i loro simboli senza storia ed artificiali, noi abbiamo una grande storia alle spalle e degli Alberti da Giussano non sappiamo che farcene.

Io il 25 aprile festeggerò SAN MARCO a  SAN MARCO per spiegare che indipendenza non è razzismo intolleranza e odio, che tutti coloro che vivono in questa terra che sentono di voler viverci in modo migliore sono ben accetti, perchè io resto fermamente convinto che veneto è chi veneto fa, e che una volta che sarà fatto ci vivremo tutti meglio e che non si può e non si deve ridurre la questione ad una problematica etnica, sarebbe vergognoso farlo, anche perchè non credo esista un’etnia veneta, al limite esiste un popolo veneto che è cosa diversa e più ampia.

Io il 25 aprile festeggerò SAN MARCO a  SAN MARCO perché Venezia è la mia città e sta morendo, e non deve morire. Venezia è una capitale, una città unica al mondo patrimonio dell’umanità, ma purtroppo non è più patrimonio dei veneziani. Venezia va restituita ai veneziani a cominciare dalla sua splendida piazza, piazza che i veneziani non possono più vivere perché rovinano il paesaggio ai turisti, niente bancarelle, niente manifestazioni, niente di niente solo un palcoscenico per turisti e un sipario per lo sponsor di turno. Andare a SAN MARCO a festeggiare SAN MARCO patrono da secoli della città è un modo per cominciare a riappropriarsene. Sarò li a festeggiare perché nonostante siano passati 53.497 giorni (al 13 aprile 2013, giorno in cui ho scritto questa mia riflessione) da quel maledetto plebiscito e il peso si senta, io ad esempio parlo pochissimo la mia lingua madre perché i miei genitori mi facevano parlare solo italiano: “No sta parlar in diaeto ” mi dicevano. La nostra identità non è morta, forse è agonizzante ma non è morta, e io voglio rivendicarla!

VIVA SAN MARCO!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

28 Comments

  1. Sandrino Speri says:

    Veneti oggi

    Se oggi i Veneti cercano nuovamente la propria forza ,
    la troveranno nella tempra degli avi.

    Se oggi i Veneti cercano nuovamente la propria speranza,
    la troveranno nelle aspettative dei propri figli.

    Se oggi i Veneti cercano nuovamente la propria sovranità,
    sappiano che la troveranno in se stessi.

    Il prezzo della libertà è l’azione

    TUTTI I VENETI IN PIAZZA SAN MARCO

    25 MARZO FESTA DEL POPOLO VENETO

    25 APRILE FESTA DI SAN MARCO PATRONO DELLA
    SERENISSIMA REPUBBLICA.

    • luigi bandiera says:

      Sandrino,

      TUTTO HA UN KOSTO.

      Se si vuole la liberta’ bisogna LAVORARE… COMBATTERE… SACRIFICARSI.

      Pero’ dire che io festeggio il 25 aprile come festa mia veneta e parlo in talian… non sapendo una parola di veneto..!

      Questa e’ una presa per il kulo.

      Sarebbe come dire: io festeggio o parteggio per i francesi ma parlo solo inglese..!

      Passi per il parteggiare… io tifo per il Barcellona ma non parlo catalano.

      Ci sta’.

      Ma io sono veneto e festeggio i veneti parlando italiano..!!

      E’ una presa vera per il kulo..!!!!

      E’ sindrome di..??

      Il condannato che si e’ innamorato del suo carceriere..!!

      NOooooooo…!!!!

      Per favore noooooooooo…..!!

      Innamoratevi di tutto il resto del mondo ma no e MAI dell’italiano, KAX al kubo..!

      Questi ultimi presunti veneti, sono come i canarini che cambiano colore delle piume solo col cibo appropriato.

      KST e ubriakatura fanno e danno questi risultati.
      Si sentono veneti parlandop italiano o meglio TALIBANO..!!

      BISOGNA SSCIOKAR STA XENTE, FORSE SE POL REKUPERARLI..!!

      Alberto Pento, invense de farme el tiro da mato (pa no dir de pexo) LAORA PA TIRAR FORA DAEA FOGNA TRIKOGLIONA STA XENTE, XOVANE ANKA..!!

      PREGHEMO

      • Sandrino Speri says:

        me diseto in che parte delle Venetie se dise kosto,cul lè cul e culaton lè culaton,kulaton lè na variante foresta,do dove vegnelo lu?Le parole originarie ìè de alessandro mocellin che dopo sarpi lè uno dei veneti pi intelligenti che conosso e se no te ghe capio te feremo na traducion personalizada ,ma rigorosa e senza k.En famoso filosofo del linguaggio(ludwig Wittgenstein) el disea che la lingua serve par trasmetere,tela rivà o no sta comunication,ma de che bandiera sito forse tricoglionata!Se vedemo a Venezia.

        • luigi bandiera says:

          Sandrino,

          a parte ke el tema xe el 25 de april e ke tanti veneti e de etnia (specie questi xe fetenti o ignoranti parke’ i ga’ abiura’ ea so storia mienaria e grasie ai katokonpagni o komunisti) e de residensa (i pi furbi parke’ pa ciapar serte kareghe i se fa pasar pa veneti puro sangue) ea diskusion sul vaeo ben o no el K eo go, gavemo, fato tanti ani fa su in tel sito dee RAIXE VENETE. A mi piaxaria dir VENETHE e no venete…

          Venethe xe pi’ konsono aea question.

          Venete xe tanto taiban (italiano).

          Ma kapiso ke poso aver a ke far ko xente ke ko i lexe o i sente serti asenti i deventa duro (si irrigidiscono).

          Beh, el raxismo, inteso giusto kome RAZZISMO o RAXISMO, el se sskonde in tante SFEXE. BUXI.

          Quei po’ ke vien fora dae KST (skuoe talibane o scuole italiane) ke se krede inparai soeo par queo, ea frequentasion dea kantina, ghe vien el magon sentir parlar o lerxar un sgrafar kome vol el popoeo ankora NON INBRIAGA’ dai TALIBANI o talibanani.

          Cio’, soeo i inteetuai ga ea kultura, tuti kealtri no..!

          Pero’ i proverbi, i modi de dir vien e e tradision kome anka kome se laora, i vien dai BASI (bassi) e pero’ ke puntualmente sti kax de inteighentis fotokopia e inkuea. Podopo, par, dopo na sscianta de tenpo, ke a saer far i laori sia proprio ori, sti kax de inteetuai, e no i BASI. Quei che na olta e unkuo’ i li ciamava VILLANI, CONTADINI, PEONES… OPERAI.

          Mi go na paroea ciave pa dimostrar ea menada del kax su ea C…

          A xe questa (ma se pol ben sgrafar KUESTA).

          CIACOLE in venetotaliban.

          Dae me bande xe CIACOE.

          Ben, xe mejo sgrafar CiaCoe o CiaKoe..?

          Ma naltra: Caiser o Kaiser

          Ma se pol kontinuar pa dimostrar che el C a el xe dopara’ proprio fora posto dai talibani presunti inteighenti.

          E non ndemo sul V (vi).

          A ghe xe na konfusion (dal resto semo in konfuxion globae) ke no te digo.

          Soeo pa asenar:

          http://WWW.ITALIA.IT (pronunsia globae vuvuvu….)

          DVD (pronunsia talibana divudi)

          WWV (pronunsia talibana vuvuvu).

          Ae me provinsa xe da wquando son nato TV senpre dito (pronunsia’) TiVi.

          Xe riva i koeonixadori teronisi e da TiVi semo pasai a TiVu.

          Ma adeso ke ghemo da dir WWW (VuVuVu)…

          ko dovemo misiar i W e i V ko ke kax de pronunsia eo femo..??

          E ti te vardi el me Kappa ke fa certesa..?

          Va ben ke te voevi pestarme un fia’ eegantemente, ma no te par, pa koerensa inteetuae, ke prima te dovei pestar i taibani ke de strafarsoni i ne fa pi’ de mi seben mi no sapia (mejo kusi’) sgrafar in taeban..??

          Basta ciapar serti libri e ma anka serte lexi talibane: no kapise gnente gnanka i inparai (quei del foro o del buxo) da kome ke e xe sgrafae in “parfeto” taliban…

          Ma ea mania talibana a xe senpre prasente e pa umiliar ea xente ke a ori no ghe xe tanto sinpatika i tira fora monae su kome uno sgrafa o parla.

          I SENSI, quei ke konta, NO I LI VEDE MAI… sti inparai del gnente.

          At salüt

          • Sandrino Speri says:

            Bandiera non hai capito che volevo mandare un messaggio-invito rivolto a tutti i Veneti,esortandoli a venire nella loro città il 25 aprile.La lettera c e la k sono assai meno importanti del contenuto del messaggio.In questo momento considero negative le speculazioni filologiche sul sesso degli angeli perchè sono in ballo questioni più importanti.Nessuno commento all’infuori del tuo era in lingua veneta,quando scrivo io scelgo la lingua che più mi piace,se tu scegli il venetho,le scelte sono tue,e non le metto in discussione.Mi pare che l’articolo e anche i 25 commenti fossero tutti in lingua che tu chiami talibana e che Quaglia chiama saracena e che io chiamo taliana,ma talibana e saracena sono license poetiche.Sorvolo e sorvoli sul fatto che le parole da me riportate sono di Alessandro Mocellin attuale redattore di Raixe-Venete e traduttore di Dante Alighieri in lingua veneta e perciò non mi sono azzardato a scriverlo nel mio venetho-veronese.Universa universis patavina libertas.

            • luigi bandiera says:

              Sandrino KAX,

              i msg li so leggere anche criptati a volte, ma non mi sembrava un invito.

              Ma certo ke il kappa e’ insignifikante per molti, ma per i venethi no. Non lo deve essere.

              Sappiamo ke gira e rigira tutti siamo usciti dalla KST e per kui… tendiamo, pendiamo verso il latino, noi NON LATINI anke se ci vogliono latinizzare.
              Vero A. Pento..?

              Pi mone de kusi’ se more e infatti STIAMO MORENDO per troppa latinizzazione specie kulturale, in negativo per noi..!

              Tuttavia Incidente lieve e passiamo ad altro… KALVARIO.

              Saluti

  2. Piero says:

    E’ proprio un vizietto tutto italiano: nel 2011 hanno festeggiato l’unità d’Italia e il Veneto, non era ancora stato annesso, il 25 aprile festeggiano la liberazione mentre Venezia è stata liberata il 29. Bananelandia!!! WSM

  3. Gianluca says:

    E mi sarò al to fianco……

  4. Gino says:

    Io sono veneto e non festeggerò né il 25 aprile italiano né il 25 aprile veneziano perché entrambi non mi appartengono.

  5. luigi bandiera says:

    Ah kax… quanto semo maciai dai talibani. (Par inciso: taliani).

    Uno che fa festa in tel dì del so padron almanco na sscianta de lengoea veneta ga da saer… se no che kax femo..?? I VENETI TALIBANI..?

    MA KE KAX DE MINESTRON XEO MO..??

    MAGARI PARLEMO ANKA NEA LENGOEA DEI TURKI KAX e GNENTE IN LENGOEA VENETA..!

    Se no se sa se studia… se a inpara..!

    1300 ani de storia e de indipandensa sscanceai kusi’ de kolpo parke’ semo soto el trikojonimientos talibano..?

    LEPANTO NO KONTA PI’..?

    Lexar ste robe me fa tanto deventar ceo… inseto…

    SCONPARIMO CHE FEMO PI’ BEA FIGURA..!!

    ZA, xe mejo el buxo del takon.

    Vero Pento..?

    Mi sa ke semo quei dea bandiera bianka perene… visti i andasi.

    Si. semo soto ea PESTE TALIBANA.

    Preghemo

  6. Trasea Peto says:

    Io guardo stralunato e non comprendo come sia possibile che nel 2013 ci sia gente che non riesce anche solo a pensare che l’italia non sia unica ed indivisibile e che i suoi confini non siano sacri e inviolabili, e che la costituzione è solo un qualcosa scritto da uomini e quindi non è eterna ed immutabile, non riescono nemmeno a pensarlo,immaginarlo o anche solo sognarlo.

    L’italia è una religione, una nuova religione, una setta. La Costituzione è la loro Bibbia e come divinità hanno il Presidente della Repubblica e gli altri governanti.

  7. daniele quaglia says:

    dal 25 aprile dell’ 828 d.c., giorno in cui i resti di San Marco ritornarono a Venezia, da 1191 anni il 25 aprile a Venezia e in tutto il Veneto è la festa di San Marco.
    Chi vuole negarcela è un fascio-comunista.
    Riprendiamoci la nostra festa e le nostre tradizioni com’è nostro sacrosanto diritto.Perchè non fare la festa della liberazione in altra data?
    Cosa farebbero i napoletani se il giorno di San Gennaro venisse loro imposta un’altra commemorazione?

  8. luka says:

    Sei un nazifascista. Ma cosa centrano i confini dell’Italia col 25 aprile. Migliaia di partigiani sono morti anche per la tua libertà e così li onori. Sei vergognoso. Solo un hitleriano e fascista poteva prendere una simile decisione. Ma per fortuna in Veneto gli indipendentisti sono quattro gatti e alle elezioni l’abbiamo visto.
    La maggioranza dei veneti, anche se è contraria alle politiche romane, è assolutamente orgogliosa di essere italiana.

    • Trasea Peto says:

      aahahh nazifascista!! 😀 Se adesso uno festeggia S.Marco è nazifascista ahahahahh!!! Ke indrio ke te sì!!! ahahahahah!!! Ahn si speta, el 25 aprie ghe xe stà la liberasion…de Mian! Se i faxese ‘a festa el 29 come dovarìa eser eora gavarìa un senso parké qua inte’e Venesie dopo el 25 i gera ncora drio sçiopetar, ma se i confini italiani finise co Mian eora sì drio darme raxon a mi: ke’e Venesie no xe italia.

      Bon te me ghe convinto(anca se gero xà convito): el 25, di de S.Marco, ndarò inte’a cità de S.Marco in piasa S.Marco.

    • Beata ignoranza, eredità della scuola fascista… I partigiani semmai sono morti per riparare a quello che l’itaglia fece, ovvero diventare fascista e trascinare tutti in una guerra mondiale. I Veneti hanno solo pagato lo scotto di essere occupati militarmente da dei fanatici che poi gli hanno mandati a morire al fronte per una patria non loro. Non vedo perché dovrei ringraziare qualcuno per avermi “liberato” da una prigione da egli creata, che idiozie vai dicendo?! Se gli itagliani non ci avessero occupato noi non avremmo nemmeno avuto la guerra, quindi non dobbiamo niente a nessuno. Tu parli semmai di residenti italiani in veneto, i Veneti non sai nemmeno cosa sono, visto che probabilmente non sai nemmeno cos’è il Veneto (che tu sicuramente accomuni alla regione italiota, che durante la guerra nemmeno esisteva, visto che nacque nel 1972). La storia l’hai studiata alla scuola fascista, non puoi argomentare liberamente…

    • fabio ghidotti says:

      nazifascista sarai tu, luka(z)!
      I partigiani non sono morti per la libertà. ma per l’unitàditalia: la guerra partigiana è cominciata con la dichiarazione di guerra alla Germania da parte del re, e quindi è stata l’altra faccia della guerra badogliana.
      Entrambe sono servite all’italia (o meglio, agli italiani) per ottenere una sconfitta mutilata.
      Se così non fosse stato, l’italia avrebbe subito la stessa sorte della Germania: sovranità provvisoriamente limitata, divisione in due (forse in tre) parti, imposizione di una struttura federale, che in Germania è rimasta definitiva anche dopo la riunificazione. Anche la libertà era comunque arrivata (prima all’ovest, poi si è ESTesa). Insomma, dal mio punto di vista lombardo e padano, sarebbe finita meglio.
      Anch’io, che pure non sono veneto, non ho quindi dubbi su cosa festeggiare il 25 aprile, che tra l’altro non è stato l’ultimo giorno di guerra, ma solo una sorta di manifestazione armata dell’alleanza italo-occidentale decisa a Yalta. Come sempre in questi casi, la memoria rispettosa per chi ha creduto ed è stato ingannato non può diventare esaltazione dell’inganno!
      Quanto ai Veneti, se siano orgogliosi o no di essere italiani lasciamolo dire a loro. Ho letto che prossimamente avranno modo di esprimersi. Il problema lì è caso mai un altro: se è stata preparata un’alternativa in grado di prendersi le sue responsabilità…

    • Bortolo Manin says:

      ma va in mona ti e hitler

    • nomenade says:

      Non é detto che i Partigiani volessero un´itaglia unita…visto che da un altra parte erano giá liberi…
      Povero Luka…
      In seconda elementare ti sei perso la lezione “COMPRENSIONE DEL TESTO”

  9. Gino says:

    Veneto è chi veneto fa, simmo ‘e Napule paisà!

    • caterina says:

      ma quando sei nel Veneto, sarai veneto anche tu paisà, se lo vorrai…diversamente sei libero di andartene…Venezia è stata nei secoli terrà di libertà… ricordatelo che ci vennero tanti anche più importanti di te quando la loro patria fu ostile, ti basti pensare a Dante, a Petrarca… ma se sei napoletano questo lo dovresti sapere, perchè anche Napoli accolse tutti…
      Rifletti! ci sono stati tempi che non conoscevano “emigrazione” per avere il pane per vivere, ed erano tempi dove i valori si misuravano sui comportamenti di ogni persona non sullo spread…

      • Gino says:

        Del vostro Veneto accogliente con gli invasori allogeni che ci distruggono non so che farmene.

      • Bravissima Caterina!
        Da napoletano…concordo in pieno.
        Prendiamo ‘sto schifo di tricolore e mettiamolo dove deve stare: a guisa di carta da natiche, intorno al rotolone.
        L’itaglia è stata soltanto una fregatura per i popoli liberi degli stati preunitari, è convenuta soltanto ai parassiti.
        Si stava meglio quando si stava peggio, dal momento che gli stati preunitari erano privi di inflazione e la tassazione e spesa pubblica erano fortemente limitate (basta vedere al giorno d’oggi i micro-stati che più si avvicinano a quel modello, ovvero il Liechtenstein, il Lussemburgo e il Principato di Monaco quanto stanno meglio di noialtri!).
        Anche come storia e come retaggio etno-culturale l’itaglia non ci rappresenta, perché ad esempio la Liguria o il Veneto hanno una storia completamente a sé che affonda le radici non soltanto nelle Serenissime ma addirittura prima dei Romani (Liguri e Venetici).

        Che i singoli individui ritornino ad essere padroni e sovrani della propria libertà!

Leave a Comment