Intervista ad un parroco di campagna: “Ieri Bisanzio mandò i barbari. Oggi Obama manda gli sbarchi…”

Costantino-imperatore-di-Bisanziodi STEFANIA PIAZZO – Qualcuno dice che la situazione attuale è come quella dell’impero romano al tempo dei goti e che non c’è niente da fare. Abbiamo incontrato don Bruno (ne rispettiamo la privacy per evitargli reprimende vescovili) davanti alla sua pieve, nel cuore della campagna cremasca. Fontanili, cascine fatte sistema… un piccolo mondo che si è conservato integro nella modernità, ma attento al suo destino. Don Bruno ha una teoria tutta sua…. Dice: “Ieri Bisanzio mandò i barbari. Oggi Obama manda gli sbarchi…”.
Ci incuriosisce, e vogliamo approfondire questa affascinate retrospettiva storica.
Allora, caro don Bruno, ce la dobbiamo vedere sempre con i barbari?
“Esaminiamo bene cosa successe al tempo dei goti, 300-400-500 dopo cristo. Non so se i goti “travolsero l’impero romano. Ma di certo i visigoti erano  sostenuti da Bisanzio nella perenne lotta tra parte orientale ed occidentale dell’impero ed invasero l’Italia a seguito delle loro controversie e accordi con Bisanzio. Poi, rigettati dalla molto evoluta realtà socio economica e culturale italica dovettero andarsene in Spagna e li fondarono il loro regno”.
Ma ce lo spiega questo conflitto tra oriente e occidente, sempre attuale?
“Il conflitto perenne tra Bisanzio e Roma fu lo sfondo delle invasioni dei goti i cui comandanti erano sempre, almeno inizialmente, legittimati da Bisanzio. L’occidente fu sottomesso militarmente da Bisanzio tramite i visigoti prima, gli ostrogoti poi ed infine i longobardi. Tutti questi invasori, organizzati militarmente ed aspiranti al potere totale politico economico erano supportati da Bisanzio. Vincevano e comandavano. Non sapevano e non potevano amministrare ma sceglievano i collaboratori. Numericamente erano comunque inferiori al 10% della popolazione italica di allora quasi totalmente dedita all’agricoltura”.

Però l’Occidente seppe tenere testa, almeno per un po’!

“L’occidente dell’impero con al centro l’italia, resistette efficacemente, assorbì i barbari e fondò, tramite l’accordo coi Franchi, che erano cristianizzati già da 400 anni circa, il sacro Romano impero. L’occidente risorgeva e l’oriente Bizantino declinava dopo la secessione (l’eresia) maomettana da Bisanzio. Bisanzio gradualmente scomparve come centro di potere chiave e così sembra essere la tendenza degli USA oggi”.

Scusi, don Bruno, il passaggio da Bisanzio agli Usa non è troppo ardito?

“Neanche per idea.Anche oggi tutto l’Africanismo è supportato dagli USA e ( viene da dire purtroppo) dalla chiesa Cattolica che, come il cristianesimo del 300-500, è in crescente sintonia col centro dell’impero. La Chiesa cattolica, sempre meno europea, dimostra una enorme vitalità e si sta riciclando sempre più come garante dell’impero. E in effetti forse il cristianesimo è, nel nocciolo e fin dall’inizio, il ” fratello spirituale” dell’imperialismo militare-commerciale”.

Vuol dire che la gerarchia cattolica è dentro in questo piano di destrutturazione delle identità? Collaborazionista con gli stati centrali, anzi, con l’impero, come dice lei?

“Sì. La sottomissione all’invasione telecomandata è fatale e rallenta la nascita di una nuova identità europea che avverrà comunque ma non sulle basi indicate oggi dal traballante impero USA e dai suoi sostenitori”.

Print Friendly

Articoli Collegati

9 Commenti

  1. caterina says:

    ma veramente, leggendo solo oggi articolo e commenti, ripasso col pensiero la storia di due millenni. e mi sovviene che, sì, chiesa e cristianesimo si installo con Pietro a Roma, ma poi anche traballò, con lo scisma di Costantinopoli che prevalse per qualche secolo, e Roma decadde e Ravenna emerse che con Costantinopoli era affine…
    poi venne Maometto e con lui tutto il potere mussulmano diffusosi dall’Arabia alla Spagna e isole del mediterraneo, e i Turchi che salirono verso il centro dell’Europa, che si consolidò dando origine ad un impero con imprimatur papale, e il delinearsi poi degli stati sotto dinastie sempre in lotta fra di loro per conservare territori, sempre con l’imprimatur del papa che, se non bastavano alleanze guerriere, disponeva dell’arma della scomunica che per mille e più anni ha sempre avuto un grande effetto…
    Venezia ne sa qualcosa per essere sola per oltre mille anni una repubblica, e fu colpita più volte da scomuniche da cui non si faceva intimidire continuando ad operare indipendentemente, semmai allontanando ordini e congregazioni che intendevano attenersi alle bolle papali.
    Poi venne la massoneria e credo che oggi sia la potenza occulta che manovra economie e politiche degli stati, compreso il Vaticano, con l’assurdo di un papa che non si sa se consapevolmente o meno ne diventa strumento, e, col potere del richiamo che ha su tutto il mondo di qualsiasi etnia o religione, finisce per rendere il servizio che constatiamo attirando sui nostri territori gli spostamenti di masse che diversamente si organizzerebbero e potrebbero prosperare nei propri.

  2. Castagno 12 says:

    Caro don Bruno, l’America traballa, ma il Governo Mondiale che ha in seno, pur avendo in questo momento qualche problemino da risolvere (vedi Brexit) è in buona salute, è sempre più potente ed aggressivo.
    Domina Stati mollicci e rassegnati, popoli che continuano ad approvare, a legittimare, a sostenere politici nazionali che sono i zelanti servitori di detto Governo.
    La nascita di una nuova Entità europea è solo nelle possibilità, nelle mani del Governo Mondiale: solo questo, con le sue imposizioni antidemocratiche ed i suoi programmi aberranti è in grado di continuare a tenere ragruppati e sottomessi tanti Paesi eterogenei.
    Una Ue democratica, gestita con onestà e competenza nell’interesse dei popoli che la compongono,
    E’ IMPENSABILE, E’ IRREALIZZABILE, E’ UNA UTOPIA !
    Provi Lei a camminare calzando una scarpa ed una ciabatta. Vedrà come sarà “spedito” il Suo incedere. E sa benissimo anche Lei chi sono le “CIABATTE” europee..
    E bello vivere in campagna, ma l’atmosfera rilassante troppo spesso fa sognare.
    Si deve uscire SUBITO dal dominio del Governo Mondiale per sperare di interrompere la sua mefitica e devastante azione.
    L’italia non vuole tentare ITALEXIT ? E ALLORA SI RASSEGNI AD FINIRE IN TANTA MALORA , LA STRADA L’HA GIA’ INTRAPRESA !

  3. Ric says:

    Pontida Il primo Bossi : ” aiutiamoli a casa loro ” . Circa la più grande democrazia del mondo : ” quel mondo lì non ci interessa , vediamo di non crearne altri ….” .
    Come può non esserci collegamento con tutti gli avvenimenti oscuri di questa repubblica ? Forzatura l’unificazione , colonia di interessi , assassini delinquenti come consulenti fissi e qualcosa come 3 mafie al servizio continuato di stragi per “strategia della tensione “ a libro paga istituzionalizzato . Cambiano le marionette e gli storytelling ma il precipitato strumentale della vendita del valore filosofico di democrazia è il vulnus e l’equivoco della contemporaneità che polarizza volontà e visione in un continuum di mal riposte concezioni ; destra /sinistra come impianto speculativo simil bianco/nero sono organismi geneticamente modificati di codesta “grande democrazia “ producente dapprima pensiero di declino “la loro proverbiale pragmatica” , indi razzia travestita che fa il paio con gli impulsi di devastazione e sopruso di razze predatrici e non “operose” tipico del barbaro , lanzichenecco , mercenario . Di questo si tratta : se il valore fondante è solo la bandiera , come feticcio , siamo in presenza di una società sostanzialmente autistica a sua insaputa , come altrettanto grave un fondamento di spiritualitá mutante geneticamente e storicisticamente in base a qualsiasi ideologia che attualizzi codesti rapporti di forza causa effetto pro domo sua .
    Concludo , basta osservare gli oratori oggi , esaltazione diseducativa , organizzazione delle stupiditá e dell’insulsia , per essere investiti da un senso di nostalgia e di tristezza .

    • Castagno 12 says:

      Questo si chiama parlare chiaro !
      Se i più riusciranno a capire tutte le dritte (molto contorte) e le analisi ingarbugliate che Lei ci ha fornito con spensierata disinvoltura e con stupefacente sicurezza, l’uscita dall’Ue sarà cosa fatta.

      • Ric says:

        Mille grazie gentile , attento e solerte signore .
        “….al fin d’un infelice ebbero gli dei pietá “ .
        Perdoni l’ordinarietá , la modestia delle mie incapacità espressive ,
        ( “guai ai vinti “, certamente perorante causa non per lodare ma per seppellire! ) ……sono addebitabili -lo giuro!- ad insufficienti e flebili reminiscenze .
        Perciò la limitatezza è concausa di sconclusionante argomentare che fa il paio , come se non bastasse e neanche a farlo apposta , con l’inesistente percezione della misura del limite sicchè, pochezza e mancanza d’ autocritica , chiudono il cerchio delle mie insensatezze .
        Chiedo venia e con l’occasione l’obbligo d’ ossequiare magnanimità et pazienza con cui generositá concede ad aberrazioni siffatte iperboliche vacuità.
        Tuttavia ella , prestando osservazione , nel definire “dritte “ ed “analisi “ implicitamente m’investe d’imprimatur che , immaginando di non possedere , cotanto d’impormi almeno in tentativo “in media start virtus “ per evincere dalla sua espressione “parlare chiaro “ (?!) in purezza di sintassi , una conclamata dicotomia . (Corretto sarebbe : Parlare forte , vedere chiaro). Certamente modi di dire , linguaggio efficace del luogo comune , dell’immaginario collettivo , fruizione da pensiero unico ma …….”per rendere l’idea”.
        Di qualcosa di simile mi sono avvalso , pur saltando di palo in frasca , per esprimermi.
        Onde per cui , con mezzo gaudio , confidando certamente in un’intelligenza che non diffidi dell’assurdo , la esorto alla magnanimità verso chi , come me , crede che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole non sapendo nulla dell’uva .
        Ad majora .
        Cordialità.

        • Castagno 12 says:

          Lei si può considerare un “privilegiato”. Ci troviamo in una situazione drammatica: siamo invasi (i costi sono a nostro carico), ci saccheggiano i risparmi e, giornalmente, Lorsignori arrecano danni alla nostra salute – l’Ue autorizza l’importazione di alimenti tossici e cancerogeni (vedi http://www.ilnord.it) e in tutte le giornate di bel tempo sono sempre ben visibili, in cielo, le Scie Chimiche, aerosol tossici (vedi Internet, Scie Chimche e progetto haarp)
          Quindi, con l’inferno che bolle in pentola, Lei trova il tempo per elaborare degli scritti che NON SONO DI ALCUNA UTILITA’, NON SERVONO PROPRIO A NESSUNO, Lei compreso.
          E ci ha “gentilmente” propinato il bis. PAZIENZA !

          • Ric says:

            Le confermo che sono privilegiato , quanto lei arguto ;
            in quanto alle nefandezze di cui ne propina l’elenco non possano essere concausali ascrivibili ai miei scritti , per altro , modeste ed innocue opinioni , quanto le sue .
            Riguardo al tempo , se ne ha trovato per commentare le mie asserzioni suppongo che non ne possegga di così prezioso !
            Di nuovo sbaglia quando asserisce che non servono proprio a nessuno ; al contrario potrebbero essere di grande utilità ad un genere di capre o se vuole di somari .

  4. Carlo De Paoli says:

    Don Bruno traccia un parallelo che è molto suggestivo e condivisibile, in via di massima, ma entrando nel particolare mi chiedo: l’America come Costantinopoli?
    A quanto se ne sa Costantinopoli aveva una sua economia ed una banca che emetteva autonomamente la propria Valuta, cosa che non si può dire dell’attuale America.
    Sicuramente Costantinopoli “scaricò” la pressione dalle sue frontiere deviandola sull’Impero d’Occidente; in questo la sua colpa, ma l’America, tanto distante da queste pressioni, quale scopo avrebbe di imbarbarire il resto dell’Occidente?
    Al contrario dell’Impero romano d’Oriente l’America non è padrona della propria moneta: chi non è padrone della propria moneta non è stato sovrano, ma schiavo di chi gli “presta” i “mezzi” per “fingere” una sovranità che non ha.
    Chi fa “ballare” l’America?
    Se fossero accettabili le parole finora scritte l’America più che assimilarla all’Impero Romano d’Oriente la si dovrebbe accostare ai Goti di Odoacre; barbari spinti, per necessità, a comportarsi a quel modo.
    E chi fa “ballare” l’Europa, chi sceglie i suoi governanti posti al vertice di questi Paesi spesso senza il concorso delle votazioni regolamentari?
    Quanto alla chiesa, beh, in ogni epoca le religioni sono sorte a legittimare, presso i popoli, l’arbitrio del potere.
    Quando una “civiltà” cadeva la religione “locale” la seguiva: è stato valido per le religioni dei sumeri, degli egizi, dei greci, dei romani ed ora dei cristiani: allora, come adesso, è valido il motto latino che recita: -“… Simul stabunt, simul cadunt”-.
    L’una ha bisogno dell’altro, e viceversa!

  5. Renzo says:

    Un prete con sale in zucca … uno dei pochi sani rimasti … purtroppo!
    WSM

Lascia un Commento