Intenzioni di voto: Pd 29,3%, M5S 17,4%, Pdl 16,3% e Lega al 6,3%

di REDAZIONE

Il Pd e’ sempre al primo posto con il 29,3%, anche se in lieve flessione (-0,6% rispetto la scorsa settimana), il Pdl recupera lo 0,5% e raggiunge il 16,3%, superato ancora dal Movimento 5 Stelle che arriva al 17,4% (-0,8%). La Lega si attesta al 6,3% perdendo lo 0,3%. Sono i primi dati sulle intenzioni di voto alla Camera elaborato da Emg e diffusi questa sera nel corso del TgLa7 diretto e condotto da Enrico Mentana.
Il sondaggio indica inoltre in crescita l’Udc al 5,8% (+0,2%), Sel al 5,6% (+0,3%) e l’Idv, che raggiungerebbe il 3,4% (+0,5%). Sempre alta l’astensione al 32,9%, con gli indecisi all’11,8% e le schede bianche al 3%. Perde l’1% rispetto la scorsa settimana la fiducia in Mario Monti che tocca il 46%.   Quanto agli altri partiti, le rilevazioni diffuse dal TgLa7 di Mentana mostrano che Fli resta stabile al 2,7%, la Destra sarebbe al 2,5% (+0,2%), alla pari della  Federazione della sinistra (+0,2%%), mentre Ecologisti Verdi e reti civiche raggiungerebbero l’1,5% (+0,1%). Psi si conferma all’1,3%, Lista Bonino-Pannella sarebbe allo 0,7% (-0,1%) e Fermare il declino avrebbe lo 0,6% (-0,1%).
Per la classifica della premiership, resta stabile al 15% la percentuale degli italiani che vorrebbe ancora Mario Monti, seguito da Matte Renzi al 13% e da Pier Luigi Bersani al 12%. Al quarto posto, c’e’ Angelino Alfano che sarebbe scelto dall’8% degli italiani, mentre Beppe Grillo, Silvio Berlusconi e Nichi Vendola sarebbero preferiti ognuno dal 6%. Infine, Luca Cordero di Montezemolo e Roberto Maroni sarebbero preferiti dal 4%; Pier Ferdinando Casini,  Gianfranco Fini, Antonio Di Pietro e Oscar Giannino avrebbero il 2% ciascuno ed Emma Marcegaglia sarebbe votata dall’1%. Il 9% non indica nessuno di questi nomi e l’8% non esprime alcuna preferenza.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. Mario says:

    Il PD sostiene QUESTA Europa da sempre, sostiene Monti, l’Austerità, le Tasse ai massimi livelli, i controlli Fiscali a tappeto, il ficcare il naso nei conti correnti, i prelievi forzosi ecc… mi sembra incredibile che questa sia l’Italia che vogliono i cittadini.

    Davvero così tanti voteranno PD?

    Meglio 100 volte il M5S, almeno puntano a tassare gli scudati del 5%, a mettere un tetto massimo alle pensioni aumentando con la differenza le minime ecc…

    Boh. Avremo l’Italia che ci meritiamo. Ne + ne –

  2. mat says:

    Secondo me è così:

    47,1% NON VA A VOTARE (gente che ha le p**** piene!)
    19,5% M5S (chi non capisce nulla di politica)
    13,8% PD (irriducibili sessantottini + qualche universitario)
    11,0% PDL (le amichette del Berlusca + Berlusca stesso)
    4,7% Altro (gente che se la tira da alternativa)
    3,9% LEGA NORD (parenti e amici di Maroni)

  3. Lorenzo says:

    hahahahahha ma i sondaggi chi li fa?

    In giro OVUNQUE tu vada senti solo insulti sia per pd che pdl…

    …poi all’ultimo banchetto della lega ho anche sorriso…
    4 omini, 2000 volantini e nessuno che si fermava o prendeva un volantino, alcuni hanno anche risposto male, sembrava avessero la lebbra, la gente girava al largo…

    • Giacomo says:

      La lega merita di usare i suoi volantini per incartare le caldarroste, sperando che nessuno si schifi. Anch’io sono stupito del 29 e più del PD, il partito più reazionario del paese italia (cosiddetto, provvisoriamente). Va tenuto presente che i sondaggi ignorano il trascurabile dato dell’astensione al 55% e in costante crescita.

  4. Adry says:

    Visto che i “sondaggi” valgono come una manciata di neve al Polo Nord (qui ognuno spara la cifra che vuole)… ne faccio uno pure io.
    PD al 19,4% PDL 14,01%, M5S 31,4% ecc ecc…
    Stiamo a vedere

  5. Jesse James says:

    vedere che il 30 per cento dei cosiddetti elettori premiano una banda di cog…ni come quelli del Pd mi fanno sempre più pensare che la democrazia va superata… E’ una battuta, ma rende l’idea.

    • Flit says:

      Anche stavolta, pistolero, ti spari sui piedi che, sempre in convalescenza, non ragionano più !

      Gli eletti del PD, con le loro ricche indennità, sarebbero cog…ni ?
      Ma fammi il piacere!
      I veri cog…ni sono i loro elettori e quelli come te che non l’hanno ancora capito !
      Questo naturalmente vale in generale, per tutti i raffronti elettori/eletti !

  6. Caber says:

    Una nota statistica, queste variazioni settimanali sono cacche di mosca prive di significato, sicuramente siamo al di sotto della rilevanza statistica. Non è possibile determinare se un cambiamento così piccolo sia dovuto ad un reale cambiamento della base o semplicemente alla variabilità del campione statistico preso ad esame.

  7. Antonino Trunfio says:

    il paese di mentecatti ? no amico mio, peggio !! Cerebrolesi irreversibili. Ma redazione le previsioni di Mentana hanno spiegato che il primo partito alle prossime elezioni è quello dell’astensione che raggiungerà oltre il 50 %
    Non cadete anche voi nella trappola di indicare percentuali senza ricordare a chi legge che il 29,2 di pirl-uigi bersani è il 29,2 di meno del 50% del totale degli aventi diritto. E cosi vale anche per tutti gli altri.

  8. sciadurel says:

    PD + PdL + UdC oltre il 50 dopo tutte le cazzate che hanno combinato …

    questo paese delle banane è proprio irrecuperabile, chi può si trasferisca da qualche altra parte

  9. Che paese di mentecatti

Leave a Comment