Insulti razzisti a barelliere Croce rossa di colore, poi segretario leghista di Vercelli si scusa

ambulanze“Avevo mio padre grave: chiedo scusa per aver perso le staffe nella concitazione del momento. Sono frasi dette senza alcun intento razzista”. Si giustifica cosi’ il segretario cittadino della Lega di Vercelli, Gianpiero Borzoni, che si e’ rivolto con un’espressione infelice (“marocchino di m…”) nei confronti di un dipendente di colore della Croce Rossa Italiana, arrivato con l’ambulanza in soccorso del padre. Il marocchino, incassato l’insulto, si e’ rivolto ai carabinieri per sporgere querela, come anticipato dal periodico locale la Sesia. “Non c’e’ razzismo ne’ nell’attivita’ politica della Lega, ne’ a livello personale – continua Borzoni -; prova ne e’ che la sezione di Vercelli ha tesserati anche di provenienza nord-africana con cui siamo amici”. Anche il Pd Vercelli si scaglia contro l’esponente del Carroccio: “Il segretario deve vergognarsi – dicono i coordinatori cittadino e provinciale, rispettivamente Gian Paolo De Dominici e Michele Gaietta – perche’ ha anteposto le assurde convinzioni razziste alla necessita’ di prestare soccorso veloce ed efficace a un suo familiare. Il capogruppo della Lega prenda le distanze”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    I komunisti di cielo di terra e di mare la buttano sempre e comunque sul piano razzista: si vede che paga e noi settentrionali per non apparire tali culo alto e testa bassa alla struzzo maniera in continuazione.
    Tra non molto anche difendere la propria casa sara’ considerato un atto di razzismo.
    Succede gia’ col voler difendere lo stato ed i suoi confini.
    BASTA KOMUNISTI..!!
    KOMUNISTI BASTA..!!!

    Auguri…

Leave a Comment