Insorgenza civile voterà per il Movimento 5 Stelle

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

La battaglia per il registro dei tumori, quella contro gli inceneritori, la contestazione al ministro Balduzzi che nega il nesso tra tumori e territorio, la battaglia per la trasparenza dell’informazione sui temi ambientali, quella per sostenere i pm del processo Carosello che vede imputati Stato e camorra per lo sversamento illegale di rifiuti tossici nel nostro territorio, il presidio ad Acerra per chiedere la chiusura degli impianti inquinanti della Friel, il presidio pro-Palestina sotto l’ambasciata Americana di Napoli: sono mesi ormai che il Movimento di Insorgenza civile si trova a condividere lotte e presidi con uomini e donne del Movimento5stelle.

In uno scenario caratterizzato dallo squallore di uomini e idee, inquinato da una partitocrazia che si insinua anche in liste solo apparentemente rivoluzionarie, dove la Campania è diventata discarica di candidati di mezza Italia, la direzione politica di Insorgenza civile, dopo ampia discussione, ha deciso a maggioranza di dare indicazione di voto per il Movimento5Stelle, a livello nazionale ma, in particolare, in Campania, dove l’augurio è che alcuni candidati particolarmente sensibili alle tematiche ambientaliste e meridionaliste, vengano eletti per poter portare in Parlamento, liberi da condizionamenti, le istanze del Sud.

Siamo sicuri che, al di là delle perplessità su Grillo-Casaleggio di alcuni, è questa l’unica scelta possibile in difesa delle nostre idee: l’unica scelta antipartitocratica e in favore del territorio, con candidati – caso unico – provenienti dallo stesso.

Ufficio Stampa – Insorgenza Civile Napoli

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Ci cascano proprio tutti..!

    Avete presente la giostra dei cavallini che solitamente si trova nelle grandi sagre o luna park..?

    Dai, provate a salire in groppa ad un cavallo.
    Ah… se non vi piace potete scendere e sceglierne un altro, mentre la giostra gira.

    Sceglite pure, il giro sara’ SEMPRE LO STESSO..!

    Ma quel cavallino li’ mi sembra corra o galoppi piu’ forte.

    Ma sei scemo..?? il piatto della giostra gira sempre KOMPAGNO o uguale. Cambia solo se ti avvicini o ti allontani dal centro. Dal perno.

    E cosi’ noi che cerchiamo di risolvere o di rivoluzionare sto kax di problema dello stato itaglia ci perdiamo nella meccanica… (i Nomadi non c’entrano).

    Per cambiare RIVOLUZIONANDO il sistema SENZA COLPO FERIRE, basta fare la IKSE GRANDE…!!!!

    Sulle due o tre facciate del foglio di via, per loro..!!

    Ma non basta. Non bastera’ per forza.

    Quindi..?

    Se noi non ci comporteremo verso gli itagliani come si comportarono gli INDIANI del Mahatma Gandhi con gli inglesi, HAI VOGLIA..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    NOI non siamo ne in CECO e ne in SLOVACCHIA..!

    Il perche’ ta nei fatti.

    Per esempio: se tutto il nord dello stato itaglia fosse uno stato unito tipo la Cecoslovacchia di un tempo, la possibilita’ del divorzio tra ovest e est sarebbe assicurata dalla mentalita’ ivi residente da millenni..!

    E’ impensabile invece che succeda tra nodde e sudde, con due mentalita’ molto diverse, e proprio per le due mentalita’ millenarie ivi residenti e’ o sara’ doloroso sto kax di divorzio.

    Allura’..?

    Allora come gli indiani ci si deve comportare… nei confronti dei TALIBANI..!

    Altrimenti: va ben, cosi’ discorriamo facendo finta di essere anche intellighenti.

    Bacio le mani e li piedis…

Leave a Comment