Napoli, protesta contro la giunta e De Magistris

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il Movimento di Insorgenza Civile aderirà alla manifestazione indetta dal gruppo Cittadinanza Attiva che si svolgerà domani 4 aprile ore 11:00 alle porte di palazzo S. Giacomo per contestare le scelte politiche della giunta De Magistris. In due anni l’operato del sindaco è stato a dir poco devastante soprattutto per le attività commerciali della città. L’America’s cup avrebbe dovuto fare da traino per il turismo, ma invece ha arricchito solo le tasche dei soliti privati lasciando alla città solo spese, come si evince dal dossier curato proprio da Insorgenza Civile (CLICCA QUI).

Commercianti, lavoratori, tutte le categorie sono state vittime sacrificali di quella che è stata spacciata per la rivoluzione del secolo: il lungomare liberato. L’idea di pedonalizzare via Caracciolo nasce come innovazione ambientale, ma nel giro di poco tempo si è tramuta in una vera e propria catastrofe: le strade “alternative” sono diventate sovraffollate, trovare parcheggio è diventata un’impresa leggendaria e le attività commerciali, già vittime dello Stato sono state penalizzate irreparabilmente.

Anche commercianti saranno, quindi, in piazza per porre fine a questo silenzioso omicidio di Napoli. La città è al collasso” – afferma il rappresentante di Insorgenza Donato Meoli – “Non esiste alcuna forza politica d’opposizione e la società civile è vittima dei partiti di maggioranza. Bisogna dare il segnale che Napoli non si rassegnerà ad essere la vittima sacrificale sull’altare dei partiti. Per questo domani Insorgenza sarà ancora una volta in piazza, ma  alla prima invocazione di esponenti riconducibili alla camorra, chiuderemo gli striscioni ed andremo via. Se Napoli è da salvare, De Magistris, Pd e Pdl sono i primi da estirpare.”

Ufficio Stampa

Riccardo Giammarino

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment