Inno di Mameli, un abusivo obbligatorio da 70 anni

mameli_big

di ROMANO BRACALINI –  L’aver reso obbligatorio l’Inno di Mameli nelle scuole è parso anche a taluni professori di sinistra un gesto esemplare e doveroso per riedificare il sentimento di patria notoriamente debole e lacunoso. Nessuno che abbia ricordato (ma forse non lo sapevano) come il voto del Senato ricalcasse, come un vizio di forma ricorrente, la medesima intenzione del fascismo di rendere obbligatori nelle scuole del regno la “Dottrina del fascismo”, scritta da Benito Mussolini, e l’Inno dei Balilla, allo scopo di trasmettere agli scolari “l’orgoglio e il vanto di appartenere a una simile Nazione e di ubbidire a un simile Uomo!” (tutti rigorosamente maiuscoli). La spontaneità dei sentimenti è propria delle democrazie; l’imperativo e l’obbligo sono l’armamentario delle tirannie. I giovani sono i più indifesi e ambiti dalla propaganda che ne fa il simbolo più vigoroso e promettente della nazione. ”I bimbi d’Italia si chiaman Balilla”, si cantava nelle scuole del ventennio. Goffredo Mameli, senza intenzione, aveva fornito al fascismo lo slogan più azzeccato. Il nome veniva da Giovanni Battista Perasso, il ragazzo genovese che nel 1776, lanciando in Portoria un sasso contro gli austriaci, aveva dato inizio all’insurrezione popolare. Perasso divenne l’eroe protofascista in cui ogni ragazzo italiano doveva specchiarsi. Il pittore Mario Mafai, padre della giornalista Mirian, lo glorificò dipingendo una “Testa di Balilla”. Goffredo Mameli morì sugli spalti di Roma nel 1849. Lasciò l’inno che non fece spasimare, anzi pareva piuttosto sconclusionato, del quale la proclamata Repubblica del 1946 si ricordò per farne l’inno provvisorio della Nazione. Se ne cercava uno più bello. Non si trovò. Da provvisorio divenne definitivo. Nessuno lo cantava, nessuno sapeva cosa volesse dire “l’elmo di Scipio” e tanto meno: ”Dov’è la vittoria? Le porga la chioma che schiava di Roma Iddio la creò”. Si ebbe solo l’accortezza di emendare il testo della frase compromettente: ”I bimbi d’Italia si chiaman Balilla”. Tutti gli altri versi sanguinolenti rimasero benché di difficile digestione. Ai campionati del mondo di calcio, i giocatori italiani facevano scena muta. Solo ora qualcuno fa finta di biascicarlo.

Mameli compose l’inno nel 1847 su richiesta di Giuseppe Mazzini, sempre alla ricerca di un pretesto qualsiasi per stimolare la vena eroica degli italiani. Come cavare il sangue da una rapa! La musica era di un compositore genovese, Michele Novaro, autore anche di un’opera buffa in dialetto genovese. Il testo dell’inno parve ostico benché baldanzoso e funereo, con quel perplesso interrogativo: ”Dov’è la Vittoria?”, ed era bene saperlo per correre, in caso di bisogno, sul carro giusto. Nondimeno, quei versi strampalati e truculenti, senza aver nulla di marziale, sembrarono adatti a un popolo canoro e spensierato e il buon Mameli, componendoli, non era del tutto inconsapevole che agli italiani, guerrieri di tutto riposo, più che le “pugne” si addicessero le “pugnette”. ”Fratelli d’Italia”, questo il titolo dell’inno, venne eseguito per la prima volta a Pisa e a Genova nel 1849 e fu l’inno della Repubblica Romana. Il papa era fuggito a Gaeta. Roma senza il papa non era un evento da poco. Mameli era corso a “liberare” Roma, senza immaginare che i romani non volevano essere affatto “liberati”. Ci arrivò con gli altri volontari mazziniani e garibaldini, quasi tutti padani, asserragliati sulle mura dove c’erano tutti, milanesi e bergamaschi, veneziani e trentini, ungheresi e ticinesi, tutti salvo i romani, che già allora spettavano gli italiani per accaparrarsi i posti all’Alitalia o nelle Ferrovie. Mameli, pieno di dignità e di buone intenzioni, poco prima di cadere sul campo, aveva scritto alla madre: ”Qui ci prepariamo a resistere. Dio voglia che si salvi almeno l’onore, che gli stranieri non possano dire che gli italiani son vili…”. Non ci aveva azzeccato. Dalla battaglia di Legnano del 1176 gli italiani non avevano mai vinto una battaglia da soli. E dire che aveva scritto l’inno per risvegliarli, se proprio non era possibile farne dei “cuor di leone”. Povero Mameli morto a Roma, e quel che è peggio, per Roma, a 22 anni. Se l’inno è l’espressione di un Paese, non c’è dubbio che egli non avrebbe potuto far di meglio, o di peggio. Non si può biasimare i giocatori che masticano la “cicca” invece di cantarlo. Ben diverso successo avrebbe riscosso “Vola colomba”.
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. giancarlo says:

    Sì ERDOGAN, e cosa possiamo dire dei politici italioti di roma, ma anche della nostra Regione Veneto i quali poverini sono con il cappio al collo…. e devono sempre andare con il cappello in mano a roma a chiedere soldi che sono nostri….e che loro si tengono per tenere in piedi la baracca italiana ??????
    Ma, anche per quanto riguarda la democrazia siam alle asse, oppure alla frutta.
    Niente referendum per l’indipendenza……arresti ad ogni piè sospinto con processi farsa !!!!
    Una costituzione obsoleta in molte sue parti e che viene USATA come una scure per interessi di partito, o peggio la legge elettorale che a seconda dei sondaggi si deve cambiare e ricambiare se le cose cambiano da parte degli elettori. Insomma un paese allo sbando, allo sfacelo e chi non lo capisce o si rifiuta anche solo di pensarlo è da compiangere !!!!
    Astenetevi in massa alle urne e poi vediamo cosa succede. Il potere è del Popolo o no ?
    Dunque esercitiamo questo potere, ma non come vorrebbero loro ma come sarebbe giusto per noi !!!
    W SAN MARCO SEMPRE PAR TERA E PAR MAR !!!!!

  2. giancarlo says:

    Caro Luigi Bandiera come posso non essere d’accordo con te
    La Serenissima era talmente alta……che non gli necessitava alcun inno nazionale.
    Oggi invece un inno Veneto esiste e tutto sommato non mi dispiace per niente.
    Ci lamentiamo di Erdogan che tiene sotto i Curdi in qualsiasi maniera e li bombarda a piacere, qui in italia non siamo bombardati, ma spogliati del nostro lavoro non solo con tasse diventate assurde e vessatorie, ma anche con una burocrazia asfissiante che fa chiudere migliaia di attività e delocalizzare continuamente fabbriche che altrimenti sarebbero destinate a chiudere.
    Bella l’italia, italiani brava gente, prodotti enogastronomici eccellenti, patrimoni culturali e archeologici di primaria importanza mondiale, mari e coste meravigliosi, peccato !…………….che i cittadini siano diventati ol tempo dei sudditi e coloro che li governano dei veri satrapi dediti a sfasciare questo paese per i propri interessi sia di partito che personali e magari se ci scappa qualche altro privilegio, poverini se lo votano !!!!!
    WSM

  3. Fil de fer says:

    L’inno di Mameli è orami anacronistico a tal punto che da tempo mi irrita a sentirlo.
    Meglio va pensiero……anche la musica è sicuramente migliore.
    Sembra che fratelli d’italia assomigli a quelle musiche che si suonano alle feste paesane. Il tempo è inclemente e chi non lo capisce crede di essere eterno lui e tutto il resto…….!!!
    WSM

  4. luigi bandiera says:

    Dunque, il popolo italiano non esiste e quindi come per un palazzo bisogna edificarlo.
    Si chiama l’impresa edile e lei fa i lavori. Ci vuole del tempo per cui…
    Cosi’ e’ con lo stato italia: dopo tanti anni il palazzo non mostra la sua fisionomia definitiva per cui ci vuole una accelerata.

    Si parte dal codice Rocco, bandito il fascismo ma non le sue leggi (vuol dire che il fascismo piace?), si continua col reato di vilipendio per tutte le icone riferite al nuovo stato e cosi’ avanti con soprattutto le scuole o KANTINE SOCIALI TALIBANE (KST).

    Si devono fare sti kax di italiani, si o no..?
    Bene, si parte dai primissimi anni di vita dei nostri bambini.

    Il nord e’ contro il sud..? Pronta la legge mancina….
    Poi tutte ste lingue locali, a che servono se siamo tutti UNI e INDIVISIBILI..?
    Via quindi e dunque e tutti a parlare una sola lingua ai BAMBINI (poverini, nemmeno nei lager adolfoniani era cosi’).
    Chi non parla italiano a scuola sara’ “guardato male”… a noi ci picchiavano… quindi va ancora bene.

    Beh, mi sto stancando di ripetere sempre le stesse ed identiche cose.
    Si parla del GENOCIDIO DEGLI EBREI, CURDI, ARMENI e ecc…. ma dei VENETI mai..!!!

    Se manifesti per essere riconosciuto serenissimo, FINISCI IN GALERA..!!!

    Questa e’ la linfa della demoniokrazia in italia e non solo.
    E tutto secondo le leggi che il popolo si fa… campa cavallo…

    Questo ed altro conficcano nelle teste dei nostri giovani e soprattutto dei giovani un tempo ex balilla.

    La propaganda e’ attiva 24h su 24h per 365gg a millennium.

    Voi credete di salvarvi.??

    Ai posteri…

  5. Michele says:

    Superbo articolo. Bravo Bracalini.
    Fa da delizioso pendant con “Mameli… perepepè”, apparso qualche mese fa, sempre su questo giornale.

Leave a Comment