Inglesi in pensione a 55 anni coi contributi versati, zero Stato assistenziale

di ROBERTO BERNARDELLIstato centralista

Comunque vada, quella del governo Cameron è una bella riforma delle pensioni. Smettere di lavorare a 55 anni, se si vuole, liberi di vivere una seconda vita, di andare in pensione con quello che si è maturato: tanto ho versato, tanto incasso.Mettiamola così, è l’autodeterminazione previdenziale, ben diversa dalla legge Fornero che manda a casa i lavoratori, li pensiona per forza e non paga poi gli assegni perché lo Stato non ha soldi e ha sbagliato i conti. Qui, invece, i conti si invertono: il lavoratore con 55 anni di età potrà ritirare tutto il montante dei contributi annui da lui versati nella propria carriera: un quarto sarà tax free, mentre i restanti tre quarti saranno sottoposti a tassazione ordinaria. Insomma, anche lo sconto fiscale…

Quella del sistema pensionistico è una delle principali riforme varate dal governo Cameron. Ma attenzione. Chi ritira tutti i propri contributi, non avrà più diritto ad una pensione pubblica. Il governo confida nella misura come strumento per attivare la spesa delle famiglie, con l’auspicio che essa sia indirizzata soprattutto agli investimenti. Tuttavia, i critici della riforma sostengono che i lavoratori che riceveranno tutti i propri contributi correranno seriamente il rischio di trovarsi scoperti in età avanzata. Di certo, entra in gioco la capacità di gestire se stessi e la propria vita ma se in 55 anni non ci si è ancora riusciti, nessuna legge dello Stato potrà riuscire nell’impresa.

Nel frattempo la riforma lascerà spazio ai giovani. Mentre l’Europa ci vuole pensionare forzatamente a 70 anni, l’Inghilterra che ha ancora la propria moneta e che è di recente entrata nella Banca cinese di investimenti assieme ad altri venti paesi asiatici, pensa per sè. Come darle torto?

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. antonio says:

    Invece qui se non paghi inps e non hai niente da mangiare arriva equitalia ti sequestra la casa. Cosi ti ritrovi senza niente… un escluso sociale…

Leave a Comment