Inflazione su, il prezzo più alto lo paga il Nord

carovita

di ANGELO VALENTINO –  Nelle regioni del Centro-nord, che a parte la Liguria e il Lazio fanno registrare tutte un’accelerazione della crescita dei prezzi ad agosto, l’aumento maggiore su base annua si rileva in Trentino-Alto Adige (+2,7% da +2,0% di luglio, che segna l’accelerazione di maggiore ampiezza rispetto al mese precedente), seguito dalla Toscana (+1,6% da +1,5%), dalla Liguria (+1,5%, in discesa di tre decimi di punto percentuale rispetto a luglio), dal Veneto e dal Friuli-Venezia Giulia (entrambi +1,3%, in accelerazione rispettivamente da +1,0% e da +0,9%). L’inflazione assume lo stesso valore del dato medio nazionale sia in Lombardia che in Emilia-Romagna (+1,2% per entrambe, rispettivamente da +1,0% e da +1,1%).

Non serve il traduttore: al Nord la vita è sempre più cara. L’Istat conferma i dati preliminari dell’inflazione di agosto l’aumento dei prezzi a +1,2%, da +1,1% di luglio. Nessuna novità, quindi. “Purtroppo l’Istat conferma la batosta arrivata in vacanza ed i rincari mensili bulgari registrati dal Trasporto aereo passeggeri, +26%, dal Trasporto marittimo, +23,9%, e dai Pacchetti vacanza nazionali, +14,5%” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

L’Unione Nazionale Consumatori ha anche stilato la top ten delle città più care d’Italia e la classifica delle regioni più costo, in termini di aumento del costo della vita. La città con i maggiori rincari si conferma, come sempre, Bolzano. Seguono Trento e altri capoluoghi.”.

Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, infatti, in testa alla classifica delle città più care, in termini di maggior spesa, si conferma Bolzano, con il picco dell’inflazione, 2,9%, equivalente a 1622 euro. Segue Trento, dove il rialzo dei prezzi del 2,5% determina un aumento del costo della vita, per una famiglia di 4 persone, pari a 1276 euro!

Il costo della vita non lascia tracce nel Mezzogiorno.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Padano says:

    I prezzi aumentano, bene: il valore reale del debito si riduce e l’inflazione induce ad anticipare gli acquisti (quindi stimola i consumi).

Leave a Comment