Indipendenza veneta o morte italiana: incontro pubblico

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Mercoledì 12 marzo dalle 20.30 presso la sala veranda della birreria di Pedavena (Bl) incontro pubblico ad accesso libero organizzato da Indipendenza Veneta. Verranno illustrati i risultati già ottenuti dal movimento e quanto si potrà raggiungere.

Saranno presenti:

–          Massimo Vidori (coordinatore di Indipendenza Veneta Dolomiti)

–          Franco Roccon, Sindaco del primo comune a supportare il PdL regionale 342 (referendum sull’indipendenza)

–          Alessio Morosin,socio fondatore e  leader storico di Indipendenza Veneta

–          Michele Favero, portavoce ufficiale di Indipendenza Veneta

–          Cesare Busetto, componente del Direttivo di Indipendenza Veneta

–          Nicola Gardin, socio fondatore di Indipendenza Veneta

Sono invitati tutti i cittadini, i Sindaci ed i Consiglieri comunali interessati a conoscere le tappe  dell’unico percorso realistico per raggiungere l’autonomia della nostra provincia.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

12 Comments

  1. zisp says:

    par tuti cuei ke lexe sti comenti: el primo dì de voto ga xa votá l Referendum dijitae quasi 500.000 veneti, sensa ke nisun jornae o teevixion ghe napia parlà gnanca un secondo; tuti i veri patrioti veneti ke gavese vuo dei dubi, ea prima roba ke i dovaria far doman de matina saria de catarse un computer o un teefono e votar subito par l’indipendensa, cua no semo drio skersar toxi, semo drio fare ea storia

  2. Campania says:

    Poveretti…abitate in uno “Stato” (Veneto) colonizzato da marocchini,pakistani,cinesi,indiani e altre “razze nordiche” e non ve ne accorgete…a Venezia tornando da una crociera della napoletana MSC ho notato che tutti i negozi erano in mano ad extracomunitari. Cinesi che vendevano vetri di Murano taroccati…pakistani che vendevano chincaglierie in piazza San Marco e altri che gestivano ristoranti e pizzerie “italiani” in giro per la citta’. Negri che vendevano di tutto come in un suck…mancavano solo gli incantatori di serpenti e poi il quadro era completo. Per non parlare dagli arabi che spadroneggiano a Padova spacciando droga e voi…zitti e muti…lasciate l’indipendenza agli uomini veri come i Kossovari ad esempio…voi non avete le palle !

    • giorgio.lidonato says:

      Indipendenza significherà anche convivenza. Com’era nella Repubblica Veneta. Quello che conta è il sapersi governare da soli. Tagliando le dita ai nazionalisti italiani e alla loro soffocante burocrazia.

    • pierino says:

      cinesi che vendevano…
      pakistani che vendevano…
      Veneto è chi il Veneto fa, ben vengano i Lavoratori.
      approposito… un Napoletano, uno, che lavora… l hai visto ?

  3. Riccardo Pozzi says:

    Perché sento un assordante rumore di unghie sui vetri?

  4. caterina says:

    vi diranno che noi Veneti abbiamo il sacrosanto diritto di esprimerci in merito alla nostra indipendenza, se la vogliamo oppure no, a parte che sia l’ufficialità a chiedercelo, cioè la Regione…
    Massima contraddizione, come se non fossimo capaci di organizzarci noi Veneti ma ci aspettassimo l’autorizzazione da qualcun altro, che è evidente non l’ha fatto finora perchè ha altri scopi da raggiungere…
    Si dimentica IV che titolari del diritto siamo noi e se ne siamo consapevoli l’indipendenza ce la dobbiamo prendere da soli affermandola: l’indipendenza è cosa che non esiste se non la si esercita, perciò non si lasci correre l’opportunità di affermarlo, attraverso il referendum che Plebiscito.eu è riuscito a organizzare, già dalla prossima domenica e fino al venerdì 21… se si crede in un’idea non si perda nessuna occasione per affermarla!
    Se il risultato sarà sarà eclatante, la situazione si sblocca da sè e possiamo già pensare al dopo…
    Il prossimo referendum è per tutti i Veneti, che saranno via lettera dotati di codice se aventi diritto al voto, che potranno esprimere anche via telefono… per i Veneti tutti e in particolare per quelli che si proclamano indipendentisti è l’ora della verità!
    Non ci saranno più scuse poi…. non ci potremo più piangere addosso! Se resteremo schiavi di Roma o dei partiti sarà colpa nostra…

    • Cara Caterina

      anca me nona parerna la gheva sto bel nome ke te ghè ti.
      Me despiaxe darte sto gran dolor, ma votar al referendo de plebisito.eu no xe tanto difarente da coeli ke xe ndà a firmar ai gaxebo de la LEGA.

      Na ‘olta la LEGA la rancourava firme ai gaxebo tute le domeneghe, la ga parfina fato la dikiarasion piovega de endependensa a Venesia e la gheva parfina fato el Parlamento del Nord a Mantova.

      Sto referendo so l’endependensa organexà da Plebiscito. eu, lè conpagno, paregno, goalivo de tute staltre fanfaronade de la LEGA organexà par ani, par propaganda e par tegner ligà e vivi li MILITONTI o MILIPANPE ke li ‘ndava a Pontida, sol Po e a Venesia e ke a le elesion li ghe dava co gran trasporto el voto a la LEGA LADRONA ke no la perdona.

      Me despiaxe deloudarte ma, struca struca, semo a sti liveli de finsion.

      • caterina says:

        me dispiaxe, caro Pento, ma stavolta te se fora strada…. Plebiscito.eu i lo ga fato propio perchè nè Liga nè Lega nè Zaia ne Indipendenza Veneta che la se ga meso a farghe la corte no i xe riusii a portarne a sto referendum, che l’è fondamental par darghe la voxe ai veneti… adeso, da domenega 16 al 21 se pol votar finalmente… alora votèmo! e cossì se vede se i Veneti i vol o no eser liberi…se no che i tase e i fenissa de pianxerse adosso… restaren schiavi de roma o ‘ndarem in merica!

        • Cara Caterina

          deso ca te me parli ente la nostra lengoa veneta a te me si asè senpatega, gnanca te cognoso ma par farte piaser on strucon de voto podaria farlo, anca se par mi nol serve a gnente, ansi el serve a tegner en pie tanti fanfaroni ke ghe canpa de sora co ste propagande, ma ke co ocor ris-ciar dal bon o darghe na man a coeli ke se ga meso contro la legaletà taliana magari fenendo en prexon o soto proçeso li scanpa i li trova mile scuxe par starghene fora … e no digo altro.

          • Cesira says:

            Ecco Pento vai tu a fare il donchisciotte contro i mulini a vento.Ma non trascinare le persone oneste nelle tue armate brancaleone.Fai parte del passato e del passato inutile anche.Il futuro si chiama oggi plebiscito digitale e dare la parola alla gente anche se per te questo pare non avere significato.Mi hanno detto che saranno trenta anni che fai solo chiacchiere parlando di un Veneto che esiste solo nelle tue fantasie. Comincia finalmente a fare il Veneto vero con un si al referendum.

      • Cesira says:

        Pento quando mio nonno trovava uno che ragionava così gli diceva : “Tasi e impara fabioco”. Invece per me che non ti conosco sei solo un collaborazionista dei romani.Non hai giustificazione alcuna per non votare.

Leave a Comment