Indipendenza Veneta appoggia il sindaco uscente di Santa Lucia di Piave

INDIPENDENZA VENETAriceviamo e pubblichiamo

INDIPENDENZA VENETA alle elezioni comunali del prossimo 11 giugno è orgogliosa di dare il suo appoggio al sindaco uscente di Santa Lucia di Piave (TV), Riccardo Szumski, che si presenta con la lista “Insieme per Santa Lucia”. La linea politica del nostro Movimento in merito alle elezioni comunali è molto chiara: sosteniamo qualunque lista che abbia nel suo programma alcuni dei nostri punti programmatici che vedono tra l’altro il Comune al servizio del cittadino, la valorizzazione dell’identità e della cultura veneta, la tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale e l’ottimizzazione della spesa pubblica a vantaggio del cittadino. Tutti punti che sono presenti nell’attuale programma elettorale di Szumski particolarmente volto poi a favorire lungimiranti politiche economiche in armonia con l’ambiente. A garanzia della nostra scelta vi è il fatto che nel suo precedente mandato abbiamo potuto constatare che si è battuto, con determinazione, contro molte difficoltà al fine di garantire i servizi ai suoi cittadini perseguendo, al tempo stesso, l’obiettivo, poi raggiunto, di metter in attivo il Comune. Durante questo faticoso lavoro, non ha mai mancato di mettersi dalla parte dei suoi cittadini per denunciare con forza le ingiustizie subite da uno Stato centralista e sprecone, che penalizza i Comuni virtuosi come Santa Lucia di Piave. A riprova di questo, vi è la sua delibera comunale del settembre 2015, dove si contesta con dati alla mano l’inefficienza statale il cui pagamento viene imputato ai santaluciesi. Non meno importante per noi è la fierezza con la quale indossa la fascia marciana in segno di rispetto del Popolo veneto. Per tutte queste ragioni, è apparso da subito naturale, al nostro movimento, schierarsi per Szumski che da sempre rappresenta al meglio l’istituzione del sindaco.

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. Carlo De Paoli says:

    Fare. o cercar di fare, gli interessi della popolazione che ti ha eletto mi sembra il minimo che un sindaco, sotto ogni latitudine, possa e debba fare.
    Indossare la fascia “Marciana” non deve risolversi in semplice retorica demagogica.
    A tutti i sindaci che si presentano per sollecitare l’adesione dei concittadini la propria candidatura alla massima carica Comunale io chiederei si prodigassero per l’adozione dello “Statuto” già “sposato” dal Comune di Sassello: quello, per intenderci, che prevede il “referendum senza quorum e “vincolante” per l’Amministrazione Comunale.
    Così si restituisce quella “Sovranità” al cittadino previsto dal primo articolo della Costituzione italiana che mai è stato applicato.
    Poi … da cosa nasce cosa.

    http://www.nocensura.com/2012/01/il-comune-di-sasselo-sv-istituisce-la.html

Leave a Comment