Dichiarazione di indipendenza: il “Parlament” catalano pronto a farla

di REDAZIONE

Una dichiarazione d’indipendenza della Catalogna potrebbe essere adottata dopo un referendum o anche con un atto del parlamento regionale, il “Parlament” con sede a Barcellona. Ad affermarlo oggi è stato Francesc Homs, portavoce dell’esecutivo regionale che fa capo ad Artur Mas, del partito nazionalista moderato “Convergencia i Uniò” (CiU).

In un’intervista radiofonica all’emittente Rac 1, alla domanda se il governo regionale di Mas, dopo probabili elezioni anticipate, intenda indire un referendum popolare sull’indipendenza della regione, Homs ha risposto “E’ una possibilità: si può anche fare con una decisione del parlamento dopo un processo elettorale”. Ad esempio, ha precisato rispondendo a un’altra domanda, con una dichiarazione di indipendenza. Homs ha affermato che la Generalitat (il governo regionale catalano) non teme la fuga degli investitori: “Non perderemo investitori se le cose si esprimono in modo democratico”.

Ieri il premier spagnolo Mariano Rajoy aveva respinto in modo netto la richiesta del “governatore” regionale catalano Mas di un ‘patto finanziario’ speciale fra Catalogna e Stato centrale, simile a quello che vige con i Paesi Baschi, per alleviare il peso dei trasferimenti che la regione effettua verso il resto della Spagna: una somma netta di circa 16 miliardi all’anno, che in tempo di crisi – con servizi come sanità e istruzione soggetti a tagli – sta diventando insopportabile secondo molti catalani. Lo scorso 11 settembre circa un milione di catalani ha partecipato a una manifestazione per l’indipendenza nelle strade di Barcellona.

FONTE: TMnews

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment