Indipendenza e poteri forti, la sfida a Bruxelles

Bruxellesdi MARIO DI MAIO – L’indipendenza, quando non è funzionale ai poteri forti ,come nel caso sciagurato del Kosovo, per solito è avversata sia dagli stati che perdono territorio che dai loro presunti amici,in quanto presunti garanti della “stabilità dell’area “. Per questo è un bene che se ne cominci a riparlare anche in Europa, dove la stabilità sta andando a pallino per la salutare allergia dei popoli alla globalizzazione, e per gli effetti dell’invasione islamica. Date le prospettive sembra ormai inevitabile cambiare i trattati dell’U. E., notoriamente il principale ostacolo ideologico e pratico a ogni forma di autonomia concreta. È adesso che gli indipendentisti devono muoversi, perché a Bruxelles non hanno soluzioni ai problemi seri e il tasso di litigiosità interna preoccupa. Diventa urgente un’Europa federale previo riassetto politico amministrativo e finanziario che tenga finalmente conto delle libertà territoriali locali, finora ignorate, soffocate e perseguite penalmente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Slovacchia, il governo di sinistra: basta profughi musulmani. Solo cristiani, aveva già chiesto la chiesa slovacca ad agosto

Articolo successivo

Dov'è finita la Padania produttiva ammirata da Clinton?