Indipendentisti veneti verso un percorso comune. Guadagnini, De Luca e Chiavegato uniscono le forze

 

siamovenetoGiovedì 12 luglio si è svolta in Consiglio Regionale del Veneto la conferenza stampa organizzata da Indipendenza Veneta e Siamo Veneto dal tema “Indipendentismo veneto: un percorso comune”.
Durante la conferenza stampa è stato lanciato tra i due movimenti il “tavolo di concertazione” permanente che avrà lo scopo di pianificare attività politiche comuni sul territorio e presentarsi uniti ai prossimi appuntamenti elettorali.
Il tavolo sarà convocato periodicamente e potrà essere aperto anche ad altri Movimenti e singoli soggetti purché perseguano l’indipendenza del veneto in modo legale, politico, pacifico e democratico. Saranno inoltre creati legami con stakeholder regionali economici, sociali e produttivi che si sono dimostrati vicini alle istanze indipendentiste.
Antonio Guadagnini Consigliere Regionale di Siamo Veneto: “Abbiamo deciso di iniziare un percorso comune per unire le forze dando maggiore credibilità alla causa indipendentista. Siamo infatti tutti assolutamente consapevoli che l’unica alternativa possibile per il Veneto sia l’indipendenza e per arrivarci serve coesione e convinzione nel perseguire tale obiettivo”.
Juri De Luca portavoce di Indipendenza Veneta: “È il momento della maturità e responsabilità, i veneti hanno bisogno dell’azione travolgente dei movimenti indipendentisti che con concretezza e coralità daranno il via al tavolo di concertazione verso i prossimi obiettivi. L’indipendenza è una cosa seria ed un progetto definito che non da spazio ad interpretazioni”.
Lucio Chiavegato tra gli aderenti al tavolo afferma che: “È il momento giusto per gettare le basi concrete di una casa comune per i veneti. Dobbiamo coinvolgere tutti coloro che si ritrovano nel nostro percorso in modo da essere pronti a sfidare la partitocrazia italiana”.
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    …partitocrazia italiana… Se pero’ gia’ ci si mette nell’ordine di idee di chi va a chiedere, non si arrivera’ mai all’obiettivo… sara’ come I nostri, pure volonterosi, hanno gia’ fatto fin dall’inizio accontentandosi di mete personali raggiunte e poi messe a disposizione dei governatori, cioe’ alla fine dei governi romani… Stanno copiando il percorso catalano… eppure abbiamo visto quanto sia improbabile che si arrivi allo scopo…
    Mi domando perche’ I politici nostrani abbiamo chiuso gli occhi per non vedere dove invece ci hanno gia’ portato quelli che al di fuori di commistioni politiche ci hanno permesso di avere gia’ in tasca la carta d’identita’ della Repubblica Veneta indipendente e stanno ‘ lavorando per renderla pienamente operativa…. Perche’ non ne vedo cenno?… La cosa che sembra ora nuova nasce gia’ piena di sospetti e sembra soddisfare piu’ chi ha interesse a sognare ma tenendosi ben ancorati alla sicurezza personale che gia’ possiede… o comunque “tirare a campa’ “… soprattutto ora che stanno tagliando.. i vitalizi!

Leave a Comment