Indipendentisti: non partecipare al voto? Ma in Catalogna…

di FRANCESCO MARIO AGNOLI

Nonostante che il Direttore mi abbia  fin dal decorso mese di aprile benevolmente arruolato come articolista,  fino ad oggi ho preferito  attenermi al ruolo di lettore sia degli articoli  dei collaboratori dell’Indipendenza sia dei commenti da loro suscitati (da ultimo ne ho inviato  qualcuno anch’io).

Mi spingono  a ricordare al Direttore la sua promozione sul campo e a ripropormi  come articolista le  imminenti  consultazioni elettorali e l’opportunità che il mondo autonomista-indipendentista (d’accordo sono due cose diverse, ma, trovandoci  a vivere ed operare in uno stato unitario e centralizzato, c’è comunque un  tratto di strada da percorrere insieme)  le faccia  precedere non dalle primarie alla Bersani, ma da un ragionamento comune in termini politici e non di delusioni, per quanto dolorose siano state, e di rancori  per quanto giustificati, e che resti coi  piedi saldamente agganciati alla realtà ricordando che in democrazia (ma non solo) la politica è l’arte del possibile.

Visto il motivo, il primo punto  è se sia  preferibile partecipare al voto o astenersi. Molti lettori dell’Indipendenza (forse la maggioranza fra quelli che si sono espressi) e  alcuni articolisti si sono pronunciati per questa seconda ipotesi  nella convinzione  di delegittimare così l’attuale classe politica e il suo sistema di potere. Non ne sono convinto e non mi resta che parafrasare quanto ho già osservato in  recente “commento” ad un articolo scritto da Fabrizio Dal Col a favore dell’astensione (Indipendenza 21 dicembre): “In teoria i voti assoluti dovrebbero avere un’importanza  quanto meno pari se non superiore a quello attribuito  al loro peso percentuale rispetto al totale dei votanti o, addirittura, degli aventi diritto al voto. Tuttavia non è mai andata così e ci sono tutte le ragioni per credere che  così non andrà nemmeno questa volta. A parte qualche iniziale e rituale piagnisteo dei mass-media per l’alta astensione in nome della democrazia rappresentativa poco rappresentata, si tornerà subito al giochetto delle percentuali e anche il 30% non del 65%, come prospettato da Dal Col, ma del 50% o meno dei voti validi passerà per un grande successo e, sarà ritenuto più che sufficiente a legittimare parlamento e  governo. Basti ricordare che il sindaco di Genova, il nobiluomo di estrema sinistra Doria, ha avuto il voto di meno del 20% del corpo elettorale (e al sindaco di Milano Pisapia non è andata molto meglio e così a tanti altri) senza che nessuno si sogni di metterne in dubbio il  diritto a “governare” (anzi a qualche mese di distanza dal voto,l’opinione pubblica è già convinta che abbiano avuto un grande successo)”.

Più o meno sulla stessa linea (forse  in termini ancora più radicali,  ma al tempo stesso convinti anche dell’improduttività dell’astensione degli elettori)  quanti suggeriscono  che i partiti  autonomisti  e indipendentisti non si presentino alle elezioni politiche nazionali (alcuni preferiscono dire “dello stato”), ma solo alle locali (i più oltranzisti nemmeno a quelle o, quanto meno, non alle regionali). Una tesi in termini comparatistici un po’ singolare dal momento che si tratta nella maggior parte dei casi di ammiratori dell’operato dei partiti indipendentisti catalani, sempre citati ad esempio e che però prendono regolarmente parte alle elezioni nazionali (o statali) spagnole. Una contraddizione che  andrebbe quanto meno  razionalmente spiegata (si spera senza mettere in campo una diversità dell’aria che si respira a Madrid rispetto a quella di Roma).

In realtà il vero problema di tutti gli astensionisti è di trovare un sistema che consenta di raggiungere il risultato  che, se è esatto quanto detto (naturalmente è perfettamente lecito essere di parere opposto) non può essere raggiunto  con la semplice astensione.  Al riguardo  merita di essere considerata  la proposta, certamente molto efficace se ben condotta in quanto, come e è stato detto, fa mancare il fieno al cavallo,  dell’obiezione fiscale. In termini crudi, di non pagare le tasse.

Sistema di efficacia storicamente provata  dal momento che gli Stati Uniti d’America hanno il loro certificato  di nascita in un  caso  di obiezione fiscale.  E’ però assolutamente indispensabile che  si tratti di un’obiezione di massa (allo stato ancora più difficile da ottenere dell’astensione di massa dal voto) per evitare che  si risolva in un disastro per gli obiettori, soggetti a pesantissime multe e ad esecuzioni forzate sui loro beni.  In ogni caso, in particolare proprio se l’obiezione avesse successo, si dovrebbero mettere in conto, una pressoché  certa, in mancanza di un crollo immediato delle sue strutture. reazione  molto dura dello Stato  e, quindi, come insegna l’esempio degli Stati Uniti, l’eventualità certamente non auspicabile (e confido da  nessuno auspicata) di una guerra civile.

 In realtà sono state proposte anche altre strade per raggiungere il risultato voluto (si tratti dell’autonomia o dell’indipendenza,  della Repubblica Veneta, della macroregione del  Nord o dell’annessione della Lombardia alla Svizzera): i referendum popolari e i ricorsi all’Unione europea o a qualche Corte di giustizia internazionale. Ma dal momento che questo scritto, che non  vuole superare di troppo i limiti di leggibilità di un articolo di giornale, trae spunto dalla controversa questione del partecipare o no alle prossime competizioni elettorali, mi fermo qui. Se interesserà, potrà presentarsi  l’occasione, per qualche rilievo su questi diversi percorsi, che non  solo sono  perfettamente compatibili con la partecipazione  elettorale (questo si potrebbe dire anche dell’obiezione fiscale), ma anzi traggono vantaggio, ai fini della loro proposizione ed ammissione, dalla presenza, ai vari livelli, negli organi istituzionali di rappresentanti (per quanto cattivi siano) dei partiti autonomisti  o indipendentisti, e danno dalla loro assenza.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. l’eventualità certamente non auspicabile (e confido da nessuno auspicata) di una guerra civile.

    Non è auspicabile dai codardi solo per i rischi contingenti, ma necessaria per raggiungere il risultato.
    25 anni di Lega sono serviti a dimostrare che patteggiare col nemico nel parlamento romano non serve a NULLA.

  2. caterina says:

    Premesso che l’indipendenza non passerà per Roma (e per fortuna! perchè invece la dovrà subire), sono anch’io convinta come l’esimio Francesco Mario Agnoli che, essendo in qualsiasi tornata elettorale ininflluente il quorum per la legittimazione del risultato, sia più efficace ai fini indipendentisti partecipare al voto sostenendo i candidati non importa in quale aggregazione, se non ce n’è una dichiaratamente indipendentista, che sia noto per le sue scelte circa il nostro obiettivo.
    I vantaggi sarebbero duplici: occasione di diffusione mediatica dell’idea attraverso candidati degni, e, nel caso di successo, formazione delle persone che un domani potrebbero utilizzare l’esperienza che andranno ad acquisire.

  3. Homo Liber says:

    Errata-Corrige

    Il mio commento sopra è da riferirsi al post (qui di seguito) di “claudio” del 22 Dicembre 2012 – 4:07pm
    e non al contenuto dell’articolo.

  4. Homo Liber says:

    Il mio commento sopra è in replica al post qui di seguito:

    claudio – 22 Dicembre 2012 at 4:07 pm

    e non all’articolo.

  5. Marco Mercanzin says:

    Concordo sul bisogno di organizzare qualcosa di organico per indirizzare la protesta.
    Ma finchè questo non si realizza, la mia coscienza, dal lontano 1998, mi impedisce di dare il MIO voto a chicchessia.
    E finora i fatti mi hanno dato ragione, basta guardare la situazione in cui siamo.
    Per cui, di cosa stiamo parlando?
    Finchè non vedrò qualcuno degno del mio voto, presentarsi alle elezioni, il mio certificato elettorale resterà vergine, tutto molto semplice.

    • Alberto Pento says:

      Mi el çertfegà eletoral lo gò bruxà, par no esar tentà de dopararlo.
      On fià come bruxar tuti li ponti e le colture e le caxe de partensa … .

      Par mi votar entel stado tajan xe n’ato vargognoxo, endegno contro la demograsia vera e on cremene contro l’omanetà … e contro la me xente veneta.

  6. Mauro Cella says:

    Signor Agnoli, il primo problema che bisogna affrontare è molto semplice: la fiducia nel meccanismo politico è in calo precipitoso. Per fare il classico esempio in cui tutti possono identificarsi quante volte abbiamo votato per chi prometteva di non aumentare le tasse e quante volte questi non hanno mantenuto le promesse?
    Il secondo problema è presto detto: l’indipendentismo in Lombardia ed in Veneto, grazie soprattutto ad un certo personaggio spesso al centro delle “nostre” attenzioni, è ridotto in stato semi-comatoso se non in vera e propria agonia. Basta parlare, anche seriamente e con argomenti scelti cautamente, di autonomia per sentirsi immediatamente tirare fuori il personaggio di sopra ed i suoi accoliti con tutta la loro coda di exploit. Il danno da loro fatto è stato semplicemente catastrofico.
    Il terzo problema, che molti autonomisti paiono non vedere, è che la maggior parte degli abitanti di Lombardia e Veneto sono sospettosi se non opposti al concetto di indipendenza, non perché si sentano italiani ma perché temono cosa la nostra cosidetta “classe dirigente” possa combinare con più poteri e denaro a disposizione. E’ qui che gli indipendentisti devono lavorare di più. Chi viene eletto in Comune o Regione deve fare capire che non solo è a favore della libertà da Roma, ma si pone anche in contraltare coll’attuale politica locale, filiazione corrotta di quella romana. Basta centri commerciali per finanziare gli sprechi del Comune. Basta lavori pubblici assegnati non per necessità ma per fare lavorare la ditta dell’amico dell’assessore. Basta “tolleranza zero” che finisce sempre col colpire i cittadini onesti (perché pagano le sanzioni senza far ricorso) mentre i veri criminali se la ridono. Bisogna far capire che indipendenza significa “vero cambiamento” non “Italia con una bandiera diversa”.
    Per fare un esempio di quanto quest’ultimo concetto sia di assoluta importanza fate questo ragionamento: immaginatevi se Formigoni o Bossi avessero sulla Lombardia gli stessi poteri che Monti ha (avuto) sull’Italia. Facile immaginare perché l’indipendentismo sia ancora in alto mare.

  7. claudio says:

    Una sola precisazione. I Catalani hanno partecipato *nel passato* alle elezioni per il Parlamento di Madrid, nella recente elezione la cosa è stata molto rivolta alla nazione catalana.
    In ogni caso i Catalani sono trattati da Madrid in modo simile a quello che sono qui i sud Tirolesi, anche istituzionalmente parlando.

    In ogni caso il ragionamento proposto in questo articolo parte dal presupposto, a mio vedere sbagliato: che vi sia una sovrapposizione di percorso quando si parla di autonomia e indipendenza. Invece non è così. L’autonomia ammette, anzi, richiede il passaggio per Roma. Se avete voglia di gettare altri 20 anni in fanfaluche, accomodatevi.
    L’indipendenza invece NON passa per Roma. Allora, che senso ha presentarsi a elezioni romane?

Leave a Comment