Indipendentisti, ma una volta tanto perché non vi unite?

croazia-dalmazia-03

di MARIO DI MAIO – Veneto Stato, Indipendenza veneta, Noi Veneto, Indipendenza sanca …..e via elencando. Tutte le volte che “fiorisce ” un nuovo partito la “Causa” perde colpi, perché all’esterno si rinnova la convinzione di una difficoltà invincibile a mettersi d’accordo. Aggiungo che nei giorni scorsi all’hotel Cavalieri di Milano il presidente del consiglio regionale veneto, Roberto Ciambetti, interpellato dal sottoscritto, ha segnalato che le sigle in questione spesso godono di finanziamenti anche cospicui, ma non sempre di origine chiaramente riconoscibile.

E l’esperienza “Tosi” dimostra che quando si va fuori del “seminato” i frutti li raccolgono avversari in precedenza neutralizzati, ma tuttora provvisti di pecunia. Ciò autorizza anche qualche dubbio sulla sincerità indipendentista delle sigle “emergenti”. Comunque sia la partita indipendentista va giocata direttamente a Bruxelles, ovviamente in sintonia con le altre “nazioni senza Stato “, dato che l ‘U.E. non potrà rifiutarsi di riconoscere, come l’Onu, il diritto all’autodeterminazione dei popoli, di cui dovra’occuparsi prossimamente. Il momento è propizio perché il baraccone europeo è in crisi e i trattati in vigore saranno riformati. Roma si difenderà con le unghie e con i denti ma alla fine, a meno di clamorosi errori o avvenimenti straordinari, dovrà capitolare.

Print Friendly

Articoli Collegati

12 Commenti

  1. Castagno 12 says:

    CATERINA, Le manca il senso della misura e la capacità di capire quello che legge. Lei risponde a quesiti che io non ho posto. Mette in fila tante parole senza arrivare ad una conclusione E NON RIESCE A SMENTIRMI.
    Non c’è niente di difficile da capire e Lei rifiuta sistematicamente delle risposte secche: SI’ o NO.
    1) La Gran Bretagna è uscita dall’Ue. HA CONSEGUITO IL RISULTATO CHE VOLEVA. Ciò significa che non deve più ubbidire alla Commissione europea. Riguardo a quello che farà in seguito la Gran Bretagna, LE SUE PREVISIONI NON INTERESSANO A NESSUNO.
    2) Voi veneti avete fatto una richiesta ED ORA ASPETTATE UNA RISPOSTA, UN RICONOSCIMENTO.
    FINO AD ORA, RISULTATI ZERO e INTANTO, SIETE TENUTI A CONTINUARE AD UBBIDIRE ALL’UE.
    Punto e basta. Vada pure avanti da sola., SPERANDO ED ASPETTANDO.
    Lei crede di essersi procurata un alibi per non fare niente, PERCHE’ DAVE ASPETTARE !
    E i Lombardi, pur con i loro molteplici difetti, dovrebbero realizzare il Federalismo con Voi ?
    ROBA DA BRIVIDI.

  2. caterina says:

    faccia di meglio Lei Signor Castagno, se ci riesce… imiti Camerun dato che il modello è la Gran Bretagna… se ritiene che noi qui della penisola secondo Lei siamo nella stessa situazione… azioni concrete applicate alla logica, e io invece direi alla realtà…
    Si parte dal concreto, e qualcuno per fortuna l’ha fatto dopo altri tentativi andati in fumo…
    Sei anni fa ci fu uno che conquistò la poltrona di governatore al motto “prima il Veneto” e poteva aver fatto sperare … era un inganno, e non si è mai rivelato all’altezza!…. ci ha fatto solo perdere un sacco di tempo…
    Non si può prescindere dagli uomini e dalla realtà… e comunque, onore agli inglesi che hanno saputo esercitare costi quel che costi un principio democratico che noi un po’ alla volta ci siamo pure dimenticati cosa sia… per cui, ancora maggior valore ha il referendum che un popolo, il Veneto, ha saputo organizzarsi in difetto assoluto di sensibilità democratica politica…
    Ho sentito personaggi impegnati in politica confondere repubblica con democrazia… livello zero di cultura giuridica e anche storica… in Italia è diventato via via sempre più vero il concetto popolare di repubblica come caos.
    I Veneti ce l’hanno nel dna il concetto vero di repubblica, per questo il 64 per cento dal 16 al 21 marzo del 2014 hanno votato per la propria indipendenza… gl’inglesi hanno votato la Brexit… beh, vediamo ora quanto ci impiegano a normalizzarla… anche se sono convinta che nulla cambierà nella pratica dei rapporti che sempre ci sono stati con loro… mentre per i Veneti che escono dal dominio romano cambierà tutto! e sarà così..

  3. Castagno 12 says:

    CATERINA doveva rispondere a due sole domande: una contenuta in una riga, l’altra in due righe: o SI’ o NO:
    NON HA RISPOSTO. Ha preferito mettere in fila parole inutili in 10 (dieci righe).
    SI E’ QUALIFICATA.
    Le speranze, le attese, LE RISPOSTE CHE DEVONO ARRIVARE DA ALTRI, nulla hanno a che fare con la logica.applicata ad AZIONI CONCRETE.
    La Gran Bretagna ha agito, HA SCELTO ed ha portato a casa il risultato.
    TUTTO QUI !

  4. caterina says:

    rispondo evitando di citare chi non vuol essere citato: c’è chi spera e sogna, c’è chi confida invece in un progetto concreto che non è “a gratis” perché costa dedizione, tempo e denaro di tante persone che ci credono e collaborano…
    riuscirà? chi lo sa… per ora non c’è altro in campo, chiacchiere vuote che non costano niente e servono a riempire giornali e suscitare applausi alle cene in riva al lago..
    D’altra parte, ciascuno è libero di fare quello che vuole della propria vita… per fortuna c’è anche chi decide a un certo punto di spenderla per una nobile causa a vantaggio di tutti, e ripone in ciò la sua soddisfazione.
    La manna è piovuta una sola volta dal cielo… ricordiamoci piuttosto che in qualche misura siamo tutti artefici del nostro destino.

  5. luigi bandiera says:

    Era un chiodo fisso anche per me, ma scrissi anche che i veneti sono dei xoche in politika.
    Si vede o no che si trovano a doversi coprire con una coperta veramente corta..?
    Tutti tirano e nessuno si copre.
    Fin che durera’ il freddo continueranno a tirarla sta coperta e ma a patire il freddo perche’ non potranno mai coprirsi tutti assieme e in una volta.
    Devono DIMINUIRE sti kax di movimenti… cosi’ che la coperta diventa consona.
    Basterebbe fondersi… anche solo per riscaldarsi.
    Ma scrivevo anche che i veneti xe tutti gnuno par conto suo.
    5 milioni di veneti..? Beh, 4,99999 milioni di repubbliche serenissime e un 0,00001 filo trikolor.
    Ma se rimarranno separati in casa all’infinito NIET liberta’. Anzi. Con i tempi che corrono dovranno cambiare anche religione.
    Quindi..?
    Guai gridare WSM.
    Salam

    • luigi bandiera says:

      Dimenticavo di scrivere che qualche movimento l’e’ fatto dall’italia per rompere il kax.

  6. Castagno 12 says:

    Due Domande secche per CATERINA (fuorviata dall’ostinazione e dai suoi sogni):
    1) LA GRAN BRETAGNA HA OTTENUTO “BREXIT” uscendo dalle regole della comunita’ europea ?
    SI’ o NO ?
    Se la risposta è anche per Lei “NO”, significa che non esiste solo la soluzione di Plebiscito,eu che si è mosso “LIBERAMENTE” nella gabbia dell’Ue.
    2) E’ possibile credere nell’applicazione e nel rispetto delle regole, quando queste vengono continuamente modificate e disattese DA PARTE DELLA COMUNITA’ EUROPEA ?
    SI’ o NO ?
    Non è corretto tentare di depistare le analisi che non possono essere smentite.
    Lei, per sostenere le Sue speranze, crea una dannosa confusione.
    Pensi quello che vuole, risieda dove vuole, speri in quello che vuole, comunque la speranza è gratis, non è “a gratis”.
    LE SUE SPERANZE NON SERVONO ALLA CAUSA COMUNE.

  7. caterina says:

    completo il mio commento già postato con una riflessione: o si sta all’interno di regole che la comunità internazionale si è data, aggiungendo pure quelle di nuova invenzione usando la tecnologia soprattutto per quel che riguarda l’economica e le monete, o non c’è alternativa per i popoli: si soccombe non esistendo neanche più la forza né fisica né ideologica per fare una rivoluzione… i tempi sono cambiati, eccome! in meglio o in peggio a seconda dei punti di vista..
    Per fortuna sono veneta tornata a vivere nel Veneto e Plebiscito.eu a mio avviso è l’unico che ha imboccato una strada che mi convince e mi dà speranza!
    altro in giro non vedo.. iniziative che si perdono nel fumo dei sogni..

  8. Castagno 12 says:

    Il Sig. Di Maio ha rivolto un appello di buon senso, ha indicato ciò che dovrebbe fare l’arcipelago Indipendentista. Ora tocca agli altri. Analogamente il 25 Luglio io avevo scritto “In ordine sparso non si può fronteggiare una organizzazione Mondialista”.
    Comunque posso constatare che la grande mole di lavoro svolto da chi informa e suggerisce azioni concrete, non riesce a produrre i dovuti risultati. Non servono neppure gli ammonimenti. Gl’interessati NON ASCOLTANO e PREFERISCONO SOGNARE.
    Domando come è possibile avere fiducia nell’ONU, il cui braccio operativo militare, la NATO, sorvola giornalmente i nostri cieli con i suoi aerei. E questi spargono le Scie Chimiche – aerosol tossici e velenosi per la nostra salute, per i nostri alimenti. E I RISULTATI SI VEDONO
    La Commissione dei Diriti dell’uomo che “Diritti” tutela, se consente che l’Ue tenga sottomessi Paesi privi di Sovranità favorendone anche l’invasione (vedi le violenze giornaliere contro gl’inermi).
    Gli Indipendentisti, cosa si aspettano da questa Commissione ?
    Ieri, in coda all’articolo “La Francia regala terreni per 99 anni …. ” con il mio commento ho segnalato un fondamentale articolo di Maurizio Blondet. Ho scritto, ho segnalato a vuoto. Ora un lettore, fresco(ne) come una rosa, prevede la morte annunciata del Sistema che ci ridarà la Libertà.
    Ma le analisi di Blondet non possono essere smentite in quanto confermate dai fatti, dalla realtà. La “morte annunciata” sarà quella del popolo italiano, degli altri popoli e Lorsignori conserveranno la Libertà di tenerci sempre più sottomessi.
    Forse non serve neanche ribellarsi adesso, E’ TROPPO TARDI. Per qualcuno E’ INUTILE, PERCHE’ STA ARRIVANDO LA LIBERTA’.
    Ho segnalato, anche a mezzo e-mail, l’articolo di Blondet indicando come oggetto: “IL PASSAPAROLA MONDIALISTA: SVENDERE IL PAESE, TRADIRE IL POPOLO E INGANNARE I GIOVANI”. Questa realtà non può essere smentita.
    Sarebbe questo IL SISTEMA PROSSIMO A MORIRE ?
    Considerando la realtà alla rovescia, uno crede di spiegare le sue aspettative – in realtà fantomatiche – e pensa di poter giustificare la sua ATTUALE INAZIONE affermando: “ASPETTIAMO LE RISPOSTE”. SI’, ASPETTATE, ASPETTATE !
    I “BIMBI” hanno bisogno di sognare, E’ UN LORO DIRITTO.
    E GLI ADULTI MALVAGI NE APPROFITANO, ALLA GRANDE !

  9. caterina says:

    ha proprio ragione l’autore: sigle che nascono a iosa, immaginando chissà perché gli vada meglio degli altri e chissà con quali vere intenzioni che è meglio tener nascoste… e sì, perché se veramente l’indipendenza stesse loro a cuore non farebbero finta di dimenticarsi che i Veneti nella primavera del 2014 hanno già potuto esprimersi in un referendum autogestito per iniziativa di Plebiscito.eu, e 89 per cento del 64 per cento che ha votato ha già detto SI all’indipendenza, tant’è vero che subito, il 21 marzo 2014 è stata dichiarata, e una volta ottenute le certificazioni dei risultati, una tecnica da una società quotata in borsa e una politica dall’OSCE, il Governo Provvisorio ha provveduto a far eleggere il Parlamento che, lavorando “a gratis”e spese sostenute da contribuzioni volontarie, si sta attivando a mettere le basi del nuovo stato… nel frattempo aspettiamo sia il pronunciamento richiesto alla Commissione europea di Strasburgo dei Diritti dell’Uomo, sia ora quello richiesto alla Commissione ONU dell’AIA…
    Certo che ai politici e politicanti di professione, ben pagati seduti su qualche scranno, non gli sta bene tutto questo, perciò da sempre lo ignorano insieme ai media conniventi con loro, e si arrabattano fra di loro ciascuno pensando di cominciare tutto d’accapo cavalcando l’onda per far parlare di sé e farsi pubblicità… campa cavallo! poveri Veneti se pensassero che dalle loro mani possa venire qualcosa di buono… Purtroppo è così in Italia… i politici o politicanti pensano solo a se stessi fin che gli riesce…

  10. Castagno 12 says:

    In questi ultimi mesi, con i miei scritti, ho suggerito più volte ai Movimenti Indipendentisti, ai Fronti e dintorni, di coalizzarsi, di interpellare un Legale (ho indicato due autorevoli nominativi) per presentare richieste legittime. Ho inoltre precisato che dovendo puntare anche su obiettivi “pesanti” è indispensabile fare gruppo, sarebbe inutile e imprudente andare sotto uno alla volta. Risultato ottenuto ? Il SILENZIO.
    Mi auguro di sbagliare, ma viene il sospetto che tutti i suddetti non conoscano a fondo i problemi più importanti, che ho ripetutamente ricordato.
    Di conseguenza sono nella impossibilità di elaborare e di applicare UNA STRATEGIA, degna di questo nome. Fino ad ora, chi si è mosso, non ha rispettato la priorità dei vari problemi, quindi non ha ottenuto alcun risultato. E’ anche possibile che gli Indipendentisti non abbiano alcuna voglia di intraprendere, in massa, azioni determinanti. Si accontentano di GALLEGGIARE sulla scena politica italiana aspettando che in Europa le vicende, ANCHE RIBUTTANTI E DELINQUENZIALI, PORTINO NOVITA’ E CAMBIAMENTI.
    Si dichiarano Movimenti antisistema, ma FONDAMENTALMENTE SI COMPORTANO DA ITALIANI !

  11. Fil de fer says:

    E’ una lotta di sfiancamento quella dei vari gruppi indipendentisti Veneti.
    Sono certi che l’italia dovrà capitolare sia sul fronte economico-finanziario che su quello del federalismo europeo. Insomma siamo tutti qui ad aspettare la fine della storia italiana per cominciarne una nuova dove, specialmente per il Veneto, si possa ricominciare a vivere decentemente e che il Popolo Veneto possa controllare i propri amministratori direttamente e molto da vicino.
    Roma è lontanissima e non potrà reggere ancora per molto. I Veneti hanno dato l’anima e tante passe ma non sono servite a nulla, anzi siamo ancora qui a parlare di infrastrutture obsolete, mancati controlli del territorio, inquinamenti vari etc….etc…..etc….
    Certo, unirsi tutti sarebbe bello, ma i personalismi esistenti oggi all’interno di ogni singolo movimento sono la morte dell’indipendenza conquistata o meritata.
    Quindi non resta che attendere gli esiti di una morte annunciata e che ridarà finalmente la libertà a quei popoli che lo erano da sempre….il Veneto conta 1.100 anni di indipendenza e la sua storia si dipana in oltre
    3.000 anni. Non tutto è morto, anzi, i Veneti si stanno accorgendo di quali e quante infamanti menzogne è stato riempito il suo bagaglio culturale dall’unità ad oggi. Il Domani dovrà essere diverso per forza di cose.
    W SAN MARCO SEMPRE !!!!

Lascia un Commento