LA LEGA NORD? FA IL CONTRARIO DI CHI VUOLE L’INDIPENDENZA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Se nel 1996 la stampa avesse concesso alla Lega Nord gli stessi spazi che gli riserva oggi, nel momento della disgrazia, avrebbe reso un buon servizio alla causa indipendentista. Ora invece c’è la rincorsa allo sputtanamento di quel partito che nell’ immaginifico collettivo è stato il più grande movimento secessionista del parlamento italiano, ma che nella realtà costituisce il più grande ostacolo alla causa indipendentista di tutti.

Oltre alle tristi note sulla dinasty di Gemonio ora si aggiungono le cronache del territorio, dove ad ogni livello si sta verificando un cortocircuito gerarchico dovuto all’inconsistenza dei peso politico del sostituto di Bossi (Maroni n.d.r.) e del nuovo segretario regionale Piasente. In pratica siamo di fronte a un rompete le righe dove ormai gli esponenti locali del carroccio si muovono come tante oche dalla testa mozzata.

Per averne conferma basta prendere il nostro principale quotidiano regionale nell’edizione una giornata qualsiasi. Nelle uscite dei leghisti potete trovare di tutto ed anche il suo contrario, ma sopratutto troverete affermazioni che sono l’esatto contrario della proposizione di una politica indipendentista o ancorché vagamente autonomista.

Dal Presidente della (inutile) Provincia di Udine che si mette a difendere la grammatica tricolore imposta dall’ allora ministro fascista Gentile, all’esponente paraculato che rivendica il diritto del suo ente parassitario a disperdere a pioggia le tasse dei contribuenti friulani, al consigliere comunale che corre in difesa delle stellette in tuta mimetica. Tutti argomenti che riconducono alla richiesta di una maggior presenza degli apparati statali sul nostro territorio ed il ricorso ad una sempre più crescente tassazione pur di accontentare clienti e sodali di partito.

Tutte cose contro cui noi ci battiamo e per cui dovremmo chiedere il conto alla Lega Nord. Ormai non solo i bambini si sono accorti che il re è nudo.

Ufficio Stampa – Front Furlan

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Diego Tagliabue says:

    Hanno venduto se stessi e i loro popoli.

Leave a Comment