Mato Grosso, 60 indios uccisi per conflitti sulle terre

di REDAZIONE

In Brasile nel 2012 sono stati uccisi 60 indios, nove in piu’ rispetto al 2011: lo rivela un rapporto del Consiglio indigenista missionario (Cimi), organismo legato alla Chiesa cattolica, secondo il quale la maggioranza degli omicidi e’ avvenuta in conflitti per la terra.

Per il Cimi, il fenomeno e’ preoccupante e in costante aumento: negli ultimi dieci anni e’ salito a 563 il numero di morti violente di indigeni. Inoltre, 43 dei 60 omicidi registrati nel 2012 sono avvenuti nello stato del Mato Grosso do Sul, recentemente teatro dei piu’ gravi scontri tra nativi e grandi proprietari terrieri della regione.

L’impennata dei casi, secondo l’ente legato alla Chiesa, si deve anche alla non ottemperanza del potere pubblico locale e statale e ai ritardi nel delimitare i diritti di proprietà delle terre indigene.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment