Inchiesta Maroni, e ora si indaga sulle spese di viaggio a Tokyo per Expo

di GIOVANNI D’ACQUINOexpo italia

Contratti. Ma non solo contratti. La procura scandaglia tutto il mondo attorno ad expo nell’inchiesta che vede indagati per induzione indebita il governatore Roberto Maroni e il capo della sua segreteria, Giacomo Ciriello.

Ora i pm di Busto Arsizio stanno accertando l’entità di alcuni viaggi del World Expo Tour, le missioni internazionali organizzate dalla Regione Lombardia per promuovere l’Esposizione universale.

Il focus degli investigatori però si concentra in particolare   sulle spese per un viaggio a Tokyo, nel giugno scorso, al quale ha partecipato il vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani. Nello stesso periodo Maroni si trovava a Berna, in Svizzera, per un’altra tappa della stessa iniziativa. Quello nella capitale giapponese sarebbe stato definito da fonti vicine alle indagini un “viaggio in stile prima Repubblica”.

In seguito agli accertamenti potrebbe aprirsi quindi un’altro filone nell’inchiesta coordinata dai pm Eugenio Fusco e Pasquale Addesso con al centro presunte pressioni per far ottenere contratti di collaborazione a due professioniste, Mara Carluccio e Maria Grazia Paturzo, che lavoravano per l’esponente della Lega quando era ministro. Paturzo, in particolare, avrebbe avuto anche con il compito di seguire eventi come il World Expo Tour e il tour nelle province lombarde per promuovere l’Esposizione universale. Le audizioni di funzionari della Regione Lombardia e di Expo 2015 in corso da stamani, a quanto si apprende, si starebbero concentrando proprio sui viaggi del World Expo Tour. E’ stata ascoltata, tra gli altri, la segretaria del giornalista Roberto Arditti, direttore comunicazione e relazioni esterne di Expo 2015.

Restano da ascoltare ancora Maroni e

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Bepe says:

    Tranqui, tanto non è vero niente, come per il Berluska, appena assolto.
    Avete tutto il tempo per pianificare la prossima scissione de l’Indipendenza.

Leave a Comment