Imu, Maroni: Lombardia anticiperà risorse se governo garantisce

di REDAZIONE

La Regione Lombardia e’ pronta ad anticipare ai Comuni gli introiti mancanti per la sospensione della rata dell’Imu a giugno, purche’ lo Stato stabilisca le risorse che intende erogare. E’ quanto ha annunciato Roberto Maroni, parlando a margine di un convegno con sindaci e amministratori lombardi, organizzato dalla Lega Nord. “Se l’Imu venisse sospesa a giugno, deve essere il governo a dare ai piccoli Comuni le somme necessarie, quelle che deriverebbero dall’incasso Imu”, ha spiegato il governatore lombardo. “La Regione Lombardia puo’ fare, e lo diro’ lunedi’ a Enrico Letta, quello che siamo pronti a fare anche per la cig in deroga, cioe’ ad anticipare le somme dello Stato che siano stabilite e fissate in un documento ufficiale”, ha pero’ aggiunto.

“Possiamo accorciare i tempi per l’erogazione ma non sostituirci allo Stato”, ha chiarito Maroni. “A meno che lo Stato decida di lasciarci il 75% delle tasse pagate, allora facciamo tutto noi, non c’e’ problema”, ha chiosato, rispolverando il cavallo di battaglia del progetto leghista e primo punto del suo programma.

Dell’Imu e della situazione dei Comuni, Maroni ha parlato nel pomeriggio anche nel corso di un convegno organizzato dalla Lega lombarda, al Novotel di Milano. All’iniziativa, ‘Comuni Lombardi a confronto: criticita’ e prospettive per la nostra gente fino a 18 mesi’, hanno partecipato circa 300 tra sindaci e amministratori locali leghisti. Oltre al segretario della Lega Lombarda, Matteo Salvini, all’assessore lombardo al Bilancio, Massimo Garavaglia, e al presidente di Anci Lombardia e sindaco di Varese, Attilio Fontana. “Sono favorevole all’abolizione dell’Imu sulla prima casa ma, se decide di toglierla, il governo deve trovare risorse analoghe per i comuni. Ad esempio si potrebbe lasciare ai comuni l’Imu sugli immobili di categoria D, come i capannoni”, ha affermato Fontana. Anche per Garavaglia “e’ evidente che vada trovata una compensazione, basterebbe tornare all’impianto del federalismo fiscale”. “La Lega chiede che la Lombardia possa fare da sola”, ha sostenuto Salvini. “Abbiamo risparmiato tanti soldi, chiediamo di poterli spendere. Bisogna cambiare il patto di stabilita’, una norma idiota che sta ammazzando i Comuni”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Diego Tagliabue says:

    Per fortuna che predicava “prima il nord”!

    • Dan says:

      Ma allora non aveva ancora la cadrega da gov sotto il culo.

      In ogni caso sta fresco che lo stato garantisce.

      Oggi, in un supermercato ho visto il seguente cartello affisso alle casse:

      “Dal 1° maggio non si accetteranno più i ticket di poste italiane”

      Questo mi porta a concludere una cosa molto semplice: che lo stato ovvero la cassa depositi e prestiti s’è fatta rincorrere troppo a lungo ed alla fine non paga.

      Alla faccia delle garanzie

    • Giovanni says:

      Non mi pare che nelle dichiarazioni di Maroni ci siano parole che indichino che parlassa del sud, anzi ha parlato della Lombardia e dei suoi comuni. Comunque per trovare le risorse per l’abolizione dell’IMU o ICI oTares o ecc.,basterebbe che il governo romano recuperasse i 98 miliardi di euri dell’evasione fiscale delle società proprietarie delle maledette slot machines, come certificati da gdf e corte dei conti tra 2004 e 2007.La tassa sulla casa è ignobile perchè la casa non è un reddito ma un costo.

Leave a Comment