IMPOSTE: 4 IMPRESE SU 5 SONO IN RITARDO CON I VERSAMENTI

di REDAZIONE

Allarme rosso sui pagamenti fiscali. Quattro aziende si cinque sono in ritardo sui versamenti fiscali effettuati con il modello F24 predisposto dall’agenzia delle Entrate. Questa la stima di Unimpresa sulla base delle informazioni raccolte nei giorni scorsi, dopo la scadenza del 16 maggio ultimo giorno utile per parecchi pagamenti fiscali, contributivi e previdenziali.

Secondo l’analisi dell’associazione, l’81,3% delle micro, piccole e medie imprese associate non ha rispettato i termini di legge previsti per il versamento di tasse e contributi all’amministrazione finanziaria. «Si tratta di un trend -si sottolinea in un comunicato- ormai in atto da tempo e in continuo peggioramento a causa dell’aggravarsi della crisi finanziaria internazionale che ha di fatto prosciugato le casse degli imprenditori».

Il dato, secondo l’associazione, è in forte aumento rispetto alla rilevazione di aprile, quando la percentuale si era attestata al 76,5%. L’analisi dell’associazione sui pagamenti delle imposte e dei contributi previdenziali: 105mila aziende in difficoltà con gli adempimenti. Il dato di maggio in forte aumento rispetto alla rilevazione di aprile quando la percentuale si era fermata al 76,5%.

“Si supera il primo appuntamento e si punta a pagare subito dopo, appena la cassa lo consente, usufruendo del regime del ravvedimento oneroso, che consente di pagare con sanzioni lievi”, spiega il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi. Il dato sulle imprese non in regola con gli adempimenti fiscali, secondo Unimpresa, è omogeneo in tutti i settori imprenditoriali: dalla piccola industria ai servizi, tutte le categorie sono con l’acqua alla gola.

Su 130.000 associate a Unimpresa, stando alla rilevazione a campione effettuata negli ultimi due giorni, ben 105.690 aziende non ha potuto fare regolarmente i versamenti all’agenzia delle Entrate, all’Inps e agli altri enti previdenziali e dell’amministrazione finanziaria. Nell’ambito dell’industria, il settore dell’edilizia, in particolare, resta quello che sembra registrare le maggiori difficoltà e il dato sui ritardi F24 arriva 86,3%, mentre la percentuale più basa registrata è nei servizi (trasporti: 24,2%).Tuttavia le “sofferenze fiscali” sono una sorta di minimo comune denominatore per tutti i comparti economici: alimentazione, arredamenti, metalmeccanici, nautica e poi agricoltura, commercio, trasporti e turismo.

Secondo Longobardi, «per le micro e piccole imprese lo sforamento dei termini è una scelta obbligata: la crisi di liquidità non consente ampi margini di manovra e le casse delle aziende, strozzate dalla stretta delle banche sul fronte del credito porta a un vicolo cieco. Spesso di sceglie di lasciare i modelli F24 nel cassetto per avere la certezza di poter pagare gli stipendi». In questo quadro Unimpresa ha proposto alcune misure al Governo. “L’Esecutivo deve mettere in condizione l’economia italiana di agganciare la ripresa”, dice il presidente. E se non c’è la possibilità di mettere in campo strumenti concreti per la crescita, che pure continuiamo ad auspicare, allora un primo passo per tendere la mano alle imprese, specie quelle più piccole che rappresentano l’ossatura del Paese, potrebbe arrivare da una sorta di moratoria sul fisco col blocco delle cartelle per un determinato periodo e lo stip agli interessi di mora« osserva il numero uno di Unimpresa. Nel dettaglio, spiega Longobardi, si tratterebbe di »individuare una sorta di periodo di grazia nel quale l’amministrazione finanziaria congela le cartelle”. Secondo il presidente occorre, inoltre, stabilire una data, “magari tornando indietro sul calendario, a partire dalla quale le società di riscossione delle imposte, Equitalia su tutti, dovrebbe bloccare il calcolo e quindi la maturazione di interessi e more di vario tipo, lasciando nelle cartelle le sole somme iscritte a ruolo dagli enti impositori”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. Barbara says:

    sarebbe interessante avere i dati percentuali suddivisi per regione perchè sono convinta che noi veneti paghiamo sempre tutto al 100% a costo di mangiare pane e mortadella, di rinuciare alle ferie della nostra famiglia o di lavorare anche di notte. Purtroppo è difficile far capire la “disobbedienza fiscale” in quanto dicono che le tasse vanno pagate.
    Inoltre il veneto è primo anche per tariffa di bolli su automezzi, nel senso che sono le più costose rispetto alle altre regioni. (di certo sulla lombardia) Ma la “gente” alla fine non sa mai niente, perchè non ha tempo di informarsi…deve lavorare per pagare!

  2. giorgio says:

    scommetto che molti di voi girate in macchine straniere!!

  3. Marco Venturi says:

    Solidali con le piccole imprese (la stragrandissima maggioranza dell’imprenditoria italiana) soffocate da un regime fiscale che porta la tassazione reale a sfiorare il 70%…
    Entusiasti per i blitz della Guardia di Finanza che beccano i negozianti con le mani nella marmellata (e cioè intenti a evadere le tasse non emettendo lo scontrino fiscale) e li multano per bene…
    Ragazzi, forse sarà il caso di decidere da che parte stare!

  4. Johann Gossner says:

    Questa classe politica ha dichiarato guerra già da parecchi lustri alle piccole e medie imprese per favorire Cooperative, terzo Settore e Grandi Imprese. Quindi niente di nuovo sotto il cielo. L’eccesso di avidità, la smania sporporzionata per il potere li ha resi ciechi: le loro decisioni, li avrebbero portati, assieme allo Stato che garantisce le loro prebende, al disastro economico e finanziario. Tra non molto ci lascieranno ma certo non a mani vuote.

  5. paolo says:

    Eccomi qua sono un artigiano elettricista che ha visto il lavoro dimezzarsi e lo stato strangolarmi senza pietà io vorrei davvero pagare tutto ma non ci riesco quindi mi chiedo quale alternativa posso avere?Non si tratta di possibilità ma di volontà vera e propria di distruggere l’economia di questo paese e con essa le persone.

  6. cecco angiolieri says:

    Lo sceriffo di Nothingam …… a confronto era un poppante
    … questi tecnici .. che vivono da decine di anni sulle spalle
    degli italiani ….. devono ASSOLUTAMENTE ….. CAMBIARE
    … forse non si rendono conto che ormai … la gente non ne può piu …. e allora … vedranno che gli italiani …. non sono
    cosi pecoroni .. come Pensano ….. ITALIANI SVEGLIATEVI
    ….. A PROPOSITO .. IL GANCIO PUO SERVIRE PER ALTRE COSE ………….MA NON SICURAMENTE PER L’ECONOMIA

  7. daniele says:

    la messa in difficolta’ delle imprese e delle famiglie è atto VOLUTO da parte dello stato,solo comprendendo questa logica si possono capire tutte le decisioni attuate dagli ultimi governi

    • Andrea Zucchi says:

      Daniele, alle volte penso anch’io che sia così.
      Altre mi dico che un atto voluto presupporrebbe una capacità di pensiero alla guida del paese.
      E di questo nel nostro parlamento non v’è traccia da lustri.

      Potrebbe esser una buona novità che le imprese anziché riconoscere che la festa è finita solo perchè non hanno materialmente i soldi per pagare, pensassero se è il caso di continuare a finanziare un’azienda fallita.

      Salvare risorse per il dopo è un argomento su cui riflettere.

  8. Stefano Nobile says:

    “L’Esecutivo deve mettere in condizione l’economia italiana di agganciare la ripresa”
    Ma di quale ripresa parla? Siamo in piena recessione, anzi, appena all’inizio della recessione.
    Sperare che questi assassini assetati si tasse e sangue si diano una regolata è pura utopia. Se avessero un minimo d’intelligenza avrebbero tagliato le tasse, e invece le hanno ulteriormente appesantite.
    E non vi preoccupate, ci verranno a cercare casa per casa.

Leave a Comment