Imprese italiane arrancano. Più 20% quelle di immigrati

immigrati imprese

Mentre le imprese italiane arrancano quelle avviate in Italia da imprenditori immigrati hanno conosciuto negli anni della crisi una crescita a due cifre. E’ quanto emerge da uno studio di Intesa Sanpaolo. “Negli anni recenti (2011-15), infatti, una riduzione complessiva dello 0,9% delle imprese presenti è la sintesi di una contrazione del 2,9% delle imprese italiane e di un aumento del 21,3% delle imprese fondate da migranti”.

Un successo quello degli stranieri in Italia che dipende anche e soprattutto – come emerge dallo studio – dalla loro capacità di reagire alla crisi, ad esempio aumentando le vendite. Lo studio sull’imprenditoria immigrata in Italia, analizza nel periodo 2012-2015 le performance economico-finanziarie aziendali e il posizionamento competitivo di un campione di oltre 135 mila imprese del manifatturiero e di alcuni servizi più aperti al mercato (alloggio e ristorazione, servizi alle imprese, ICT, trasporti e logistica). Da tempo, in Italia, – spiega lo studio – l’imprenditoria straniera costituisce una quota significativa dell’offerta imprenditoriale e una componente rilevante della demografia industriale. Negli anni recenti e soprattutto durante la Grande Recessione il fenomeno si è ulteriormente rafforzato: a fine 2015 la quota delle imprese condotte da imprenditori immigrati aveva raggiunto il 9,1% del totale.

L’insieme delle evidenze disponibili mostra, in sintesi, che durante gli anni della Grande Recessione l’imprenditoria straniera ha assunto un ruolo e un peso relativo di importanza crescente, contrastando il ridimensionamento dei tassi di natalità delle imprese autoctone e ampliando e diversificando l’offerta di prodotti e servizi. Gli imprenditori stranieri in Italia provengono soprattutto dall’Est Europa (37,7%) e dall’Asia (32,8%), il 15,6% proviene dall’Africa, il 13,9% dall’America Latina. E ‘producono’ lavoro anche se a più basso ‘reddito’: il costo del lavoro per addetto nelle imprese straniere risulta sensibilmente inferiore rispetto a quello delle imprese italiane (rispettivamente circa 21 mila euro annui contro circa 30 mila). Ma il vero segreto del successo dell’impresa straniera è stata la capacità di reagire alla crisi: le imprese straniere segnalano valori superiori alle imprese italiane in riferimento a tutti gli indicatori di crescita tra il 2012 e il 2015: +17,7% contro il +10,1% per quanto riguarda le vendite, +26,6% contro +14,2% in relazione all’occupazione e +37,0% contro +19,5% per quanto riguarda il totale attivo.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Mi pare che l’articolo evidenzi il vantaggio competitivo delle aziende straniere: il minor costo del lavoro, di cui le migliori performance in termini di vendite sono la conseguenza, non la causa.

  2. Ma ci pagheranno le pensioni?
    Introdurranno la NUOVA SCALA MOBILE?
    Intendo gli invasori.
    Insomma tutto quel che starnazzavano i kattokomunirti oggi si sta realizzando..?
    Se si realizzasse tutto quel che hanno detto e continuano a dire, sti stracotti di kattokomunisti, per noi e’ senz’altro FINITA..!
    Avanti un’altra.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Nuovo record debito pubblico. Bravi, proprio bravi...

Articolo successivo

Reintroducono gli orsi, prendono i fondi per farlo, attirano turisti poi ammazzano la bestia che si difende