Imprenditori “in mutande” chiedono commissariamento Equitalia

di REDAZIONE

Cobas Imprese e il movimento politico ‘Io Cambio‘, animatori pochi giorni fa della clamorosa protesta ‘in mutande’ a Napoli, si riuniranno domani a Roma all’hotel Nazionale in piazza Montecitorio, per chiedere “l’immediato commissariamento di Equitalia” e illustrare gli esatti termini del referendum abrogativo presentato in Cassazione. “Si tratta – spiega il segretario nazionale di ‘Io cambio’, Angelo Alessandri, in un comunicato – di scongiurare suicidi ed altri tragici episodi come quelli verificatisi in questi ultimi mesi. Ci sono stati dei morti e non e’ piu’ possibile far finta di niente.

Equitalia e’ stata una vera iattura per i contribuenti, con azioni vessatorie e sconsiderate che vanno bloccate: innanzitutto con il suo commissariamento e poi chiedendo agli italiani di votarne l’abolizione con il referendum”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Albert Nextein says:

    Dei miserabili cui chiederei per chi hanno votato negli ultimi 30 anni.
    Inutile la rappresentazione in mutande.
    Più utile, ed efficacissima, una protesta fiscale ben preparata ed attuata.
    All’interno delle associazioni industriali, artigianali, etc, devono mettersi in testa che nessuno li ascolterà sin tanto che non avranno cessato il versamento di tasse.
    Sono dei poveretti già ora.
    Miserabili ed ignoranti.

  2. Luigi says:

    E che c’entra Equitalia che è solo un’agenzia riscossioni. Applica solo leggi che ha fatto il Parlamento. E magari questi hanno votato pure i partiti che hanno dato questi poteri a Equitalia. Dal ridere.

  3. Dan says:

    Prima consegnate le mutande e piegatevi di 90°, incaprettatevi e forse dopo Equitalia vi degnerà di una pernacchia

Leave a Comment