Imprenditore suicida, la stampa: doveroso silenzio. Arrighini: ma quale doveroso silenzio, bisogna GRIDARE!

suicidiodi GIULIO ARRIGHINI – ” Ora si merita solo questo: un doveroso silenzio” si legge nel servizio sul suicidio dell’ennesimo imprenditore vittima dello Stato italiano.

SILENZIO..?? Bisogno gridare, gridare forte le difficoltà, le sofferenze delle famiglie dei piccoli e medi imprenditori! La solitudine in cui sono stati lasciati. I piccoli e medi imprenditori, con o senza le associazioni di categoria, dovrebbero organizzarsi per una serrata generale. Perchè, se ci fermiamo noi, il loro zero virgola di PIL va a picco e il loro “Paese” salta per aria.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. FIL DE FER says:

    Renzo hai ragione da vendere……….ma abbiamo visto chi erano quelli della LEGA NORD.
    Quelli che gridavano roma ladrona, indipendenza della Padania…….si sono tenuti i soldi e hanno messo la coda tra le gambe altro che c’è l’hanno duro……c’è l’hanno moscio e c’è l’hanno messo in c…. come tutti gli altri e adesso fanno le vergini, sono diventati bravi e buoni, lottano per tenersi la sedia e magari fare un altro salto di carriera politica. P UN T O !!!
    Bossi dimettivi e vai in pensione anche se non te la meriti !!!!!!
    WSM

  2. RENZO says:

    La serrata a tempo indeterminato bisognava farla a partire dal 16.09.1996…..
    Bossi & Co. dovevamo farsi arrestare il 15….
    i Padani a casa non al lavoro e “roma” o trattava o falliva!
    Imparare da Gandhi!
    WSM

    • Castagno 12 says:

      Sulla carta, l’analisi E’ PERFETTA. Si doveva operare come ha indicato.
      Nella pratica, STRATEGIA INAPPLICABILE.
      Anche qui al Nord abbiamo una grossa percentuale di MANTENUTI (anche se infetiore a quella del Sud italia). Media nazionale: il 50% dell’elettorato italiano è “agli ordini”.
      Quindi questa diabolica e DETERMINANTE palla al piede avrebbe condizionato l’esito dell’ipotetica iniziativa: togliere l’ossigeno a roma.
      Ma il MANTENUTO rimane fedele allo Stato “mamma”, non gradisce novità, approva e legittima Lorsignori, costantemente.
      Ora, dal punto di vista contabile “roma” risulta GIA’ FALLITA..
      Ogni mese ci comunicano il nuovo aumento del Debito Pubblico, ma Loro procedono e chiedono altri soldi, a Bankitalia (che stampa) e AL POPOLO (che si dissangua).
      Utilizziamo quotidianamente moneta creata dalle tastiere dei computer. e che consente LA SOPRAVVIVENZA DEL SISTEMA.
      L’uso della carta di credito nasconde l’inesistenza della valuta.
      Ci vuole poco dare una spallata al Sistema, basterebbe usare i contanti.
      MA QUASI TUTTI, DILIGENTEMENTE, TENGONO IN VITA LA MONETA ELETTRONICA, LA MONETA SATANICA CHE CI DISTRUGGE.
      CON UN POPOLO COSI’ (DE)STRUTTURATO, DI COSA STIAMO PARLANDO ?

  3. Castagno 12 says:

    Per GIULIO ARRIGHINI & CORO.
    Non serve a niente “GRIDARE”, bisogna FARE.
    Appello INUTILE: avete chiaramente dimostrato che potete SOLO continuare a denunciare ossessivamente le porcate del Sistema, presentare richieste CHE NON RICEVONO RISPOSTA (vedi Plebiscito.ue), proporre soluzioni ASSURDE (vedi Milano capitale), elaborare progetti IRREALIZZABILI nell’attuale contesto (vedi “Piu’ Nord”).
    Riguardo a ciò che TUTTI GLI INDIPENDENTISTI dovrebbero fare, anche nel quotidiano, a loro difesa e contro il Sistema: NEBBIA.
    I Mondialisti, qualche tempo fa hanno dichiarato che arriverà il momento nel quale il popolo DISPERATO si rivolgerà a loro chiedendo: “Fate tutto voi, ci rimettiamo a voi perchè noi non sappiamo più cosa fare”.
    Che il popolo italiano – in particolare – NON ABBIA ANCORA CAPITO COSA DEVE FARE E NON ABBIA VOGLIA DI FARE AZIONI CONCRETE, GIA’ SI SAPEVA, NON E’ UNA NOVITA’
    LO DICONO I FATTI.

  4. giancarlo says:

    Talvolta il silenzio è più rumoroso del parlare o gridare.
    Ma, in questi casi è doveroso parlarne e scriverne.
    Se questo uomo si è tolto la vita è perché gli sembrava di non avere più soluzioni.
    Quando il mercato diventa una giungla e per di più scende invece di salire, allora la colpa non è mai dell’imprenditore, ma di chi governa questo paese.
    Il mio ” j’accuse” è motivato dal fatto che questi governanti, questi politici che da decenni ci ritroviamo tra i piedi, invece di fare leggi a tutela dei cittadini e delle imprese hanno pensato bene ai loro affari e ai loro congiunti ed amici.
    J’accuse l’italie ……perché pur consapevoli e sapendo che sono i piccoli e medi imprenditori e coloro che sono nel commercio, artigianato, etc..a tenere in vita questo paese, loro, loro, sempre loro, hanno sempre difeso le grandi industrie e le grandi banche e le grandi cooperative, i sindacati etc…creando imprese di serie A e di serie B. Quelle di serie B sono sempre state quelle che hanno pagato per tutti gli altri soggetti economici. Ne so qualcosa avendo avuto a che fare con diverse banche e conosco i meccanismi perversi di come vengono gestite ed amministrate. Dunque siamo arrivati all’ennesimo caso di un uomo che non ha retto la tensione e lo stress per vedersi l’azienda andare a rotoli ma non per colpa sua ma per il mercato e uno stato che non esiste se non quando c’è da incassare le tasse, …allora c’è sempre ed è sempre inesorabile.
    Le tasse si devono pagare quando sono ” umane” , cioè un massimo del 15% per le persone ed un 30% per le imprese…..quando si va oltre diventa una rapina legalizzata e tutti hanno il dovere di difendersi.
    Ma è mai possibile che costi più l’autostrada del carburante che si consuma ?
    E’ mai possibile che le bollette gas,luce,acqua etc.. costino per il 60% di tasse e iva e solo il 40% per consumi effettivi ‘?? Ed è così per tutto….ma dove vanno a finire tutti questi soldi ????
    Massimo rispetto per questo uomo e la sua famiglia ora sola ad affrontare la vita ed il futuro.
    Si parla tanto di TRUMP e della sua politica in difesa degli americani e del lavoro degli americani.
    Ma cosa fanno i nostri per difendere il lavoro e le aziende??? UN BEL NIENTE !!!!!
    Allora di cosa stiamo parlando? Questo stato italiano esiste solo per coloro che ci vivono dentro e ci campano….il resto è manovalanza da sfruttare e buttare se del caso !!!!!!!
    Esorto qualsiasi altro imprenditore di non togliersi la vita ma di avere la forza di denunciare la propria situazione economica e chiedere assistenza, appoggi e aiuti. Non si deve rinunciare a lottare anche quando tutto sembra perduto.
    Ci sarà la giustizia Divina a giudicare questi signori che non hanno a cuore ogni singolo cittadino e che invece proprio per il mandato loro conferito dovrebbero farsi in quattro per salvare questi uomini.
    Anche quest’ultimo caso è una ferita per la società intera ed una sconfitta morale ed etica per tutti i politici italioti di ieri e di oggi. Ma la sentono la responsabilità che hanno sulle loro spalle e che loro hanno voluto, oppure sentono solo la musica del loro stipendio o come lo vogliano chiamare ‘???!!!!
    WSM

  5. caterina says:

    sono centinaia ormai… tutti vittime di uno stato che si rivela peggio di una mafia…
    un pianto silenzioso… Ribelliamoci e’ il grido dei Veneti!

  6. Riccardo Pozzi says:

    Il silenzio è la nostra cifra. In silenzio lavoriamo, in silenzio paghiamo, in silenzio la facciamo finita quando le cose vanno male. Tutto senza chiedere, senza alzare la voce, senza protestare. Un rispettoso abbraccio ai familiari.

Leave a Comment