Imam di Vicenza espulso, Ciambetti: Finalmente! Combattere contro la buonite complice del terrore

Ciambetti 2

”Per il predicatore che ha chiamato una figlia Jihad il minimo che poteva capitargli è l’espulsione: io non posso che ringraziare la Polizia di Vicenza e gli inquirenti che lo hanno tenuto sotto controllo e rispedito in Marocco”. Il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto CIAMBETTI, nota che ”l’operazione ha portato all’espulsione dell’Iman Mohammed Madad, guida del centro di preghiere e cultura religiosa Asonna a Noventa Vicentina dimostra quanto sia reale il rischio dell’infiltrazione di terroristi che possono trovare appoggi e connivenze nella nostra realtà”.

“Da mesi gli era stato chiesto di prendere le distanze dagli attentati sanguinari e infami commessi dai fondamentalisti che invece l’Iman giustificava ed esaltava: questa propaganda religiosa è l’humus nel quale psicolabili, esaltati, possono sviluppare fino a livelli parossistici l’odio nei confronti della nostra società, odio di cui si alimentano i terroristi e i predicatori di morte – sottolinea CIAMBETTI – Come si fece con i terroristi negli anni di piombo bisogna fare terra bruciata attorno a questi vili assassini e ai loro cattivi maestri”.

moschea3

“Il fatto che la Polizia abbia identificato, controllato e seguito questo personaggio – continua CIAMBETTI – dimostra non solo la professionalità delle nostre Forze dell’Ordine che, se messe nelle condizioni di operare, sanno fare bene e al meglio il loro mestiere, ma anche che non dobbiamo abbassare la guardia né farci tentare da soluzioni buoniste: siamo in guerra, non si dialoga con i terroristi. Prevenire, come ha fatto la Polizia a Vicenza, è fondamentale, come è fondamentale che i mussulmani collaborino con le Forze dell’Ordine, se non vogliono macchiarsi anche loro di sangue innocente”.

moschea moschea2

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. Borbonia Felix says:

    …E dove poteva succedere se non a Vicenza-Padania ? Noi abbiamo Padre Pio e voi l’IMAM…

Lascia un Commento