Il segreto più segreto è quello dei migranti

migranti como

di GIANLUIGI LOMBARDI CERRI –  Molti segreti hanno avvolto, avvolgono l’umanità e avvolgeranno ancora, ma ce n’è qualcuno più segreto degli altri, più segreto della bomba atomica e della ricetta della Coca Cola. E’ il segreto dei migranti. Per ogni sciocchezza i giornalisti si scatenano mettendo in luce anche le cose più intime. Vanno a chiedere il perché anche a chi non vuole dirlo.

E quando non possono scavare alla profondità che  intendono loro inventano la soluzione complottistica.

Per il problema MIGRANTI, invece, solo pianti, invocazioni alla solidarietà, rimbrotti severi verso chi tenta di darsi delle spiegazioni del fenomeno. Possibile che nessun giornalista si chieda perché una massa di persone si muove arrivando da paesi come il Bangladesh, come l’India, come le Filippine, come i paesi del Nord Africa e come tanti altri (la maggioranza) che in guerra non sono?

La cosa fondamentale che non vogliono chiedersi è COME e CHI fa propaganda, affinchè si verifichi un fenomeno con un livello di profondità e di estensione e di risultati, da far invidia a quelli ottenuti attraverso una ben orchestrata campagna pubblicitaria. Ma i giornalisti non vanno a indagare ? E gli obbiettivi di tanto movimento quali sono?

Oltre alla traversata del Mediterraneo questa gente si fa migliaia di chilometri attraverso terre anche deserte.

Chi li guida? Chi li fa transitare? E, soprattutto, chi li mantiene? Pensate di venire da un’India o da un Bangladesh da soli. Come riuscireste senza adeguati mezzi? Neanche Marco Polo ha fatto tanto.

E i giornalisti che scrivono pagine e pagine su un calciatore che ha messo le stringhe gialle alle scarpe non si domandano proprio niente?

C’è poi il trascurabile problema finanziario.

Quanto  costa traversare l’Asia o l’Africa , evidentemente in gran parte su mezzi di trasporto, e mantenersi , sia pure facendo la fame. Dove prendono i soldi (minimo 2000 dollari) per traversare il Mediterraneo?

Tralasciando i prezzi dei telefonini di cui sono abbondantemente dotati, telefonini alcuni dei quali addirittura satellitari. E perfino le schedine: chi glie le paga?

Eccoci ai barconi: dove vengono pescati i barconi forniti ormai in scala industriale? Che fine fanno i piloti?

Non ho mai letto di uno di loro che sia stato condannato ad almeno 10 anni di galera, per reati plurimi di cui possono essere accusati. Anzi sembra che ci sia un numero crescente di “piloti con esperienza “ che sanno già come fare, come organizzarsi e chi chiamare al telefono per farsi “salvare” rapidamente, dimostrando una esperienza acquisita dopo plurime traversate.

Ed ora il mistero chiave. Nessuno si è posto il problema di ospitare un numero indefinito di persone. Come se pensasse di mettere due litri di acqua in un contenitore di un litro, senza problemi. E a questo indefinito numero si pensa di dare pure un lavoro, con l’attuale crisi che martella tutti?

Siccome io penso che l’Europa in generale e l’Italia in particolare non sia abitata quasi esclusivamente da cretini, sono convinto che, alle spalle di tutto ciò ci sia un piano intelligente, ben dettagliato e organizzato in dettaglio.

E chi pensa che lo sia viene tacciato di razzismo.

Certamente il raccontare fandonie alla gente è diventato uno sport generalizzato da chi governa , per cui va tutto bene anche se va tutto male. Le tasse diminuiscono, i posti di lavoro aumentano. Il PIL pure, mentre, udite udite, miracolo ben maggiore della moltiplicazione dei pani e dei pesci il debito pubblico diminuisce.

Ecco forse perché i giornalisti, per non essere rimproverati (sic!), hanno mandato penna e cervello in vacanza relativamente agli argomenti scottanti.

 

 

 

 

 

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:


    Proprio assolutamente vero.

    Me lo sono chiesto e continuo a chiedermelo: chi ha dato il VIA a questo ESODO di massa che quello del Mose’ e’ un NULLA..?

    Arrivano qua e li chiamano disperati: beh, si, stanchi ma disperati nemmeno per sogno.
    Poi chiedono diritti che noi ce li sognavamo nel mentre si era nella pancia della mamma.

    Conoscono leggi italiane ed internazionali che ci riguardano che noi, ignoranti sebbene con carte in tasca, ignoriamo l’esistenza eppure l’italia stato ha un fra_kax di leggi.
    Dicono fatte da noi… (??).
    Poi, il dolce in fondo, hanno diritto alla pensione, loro: noi no.
    Ed il mantra che deve farci capire che loro ci pagheranno le nostre di pensioni..??

    Fior fior di accademici a starnazzarla ai quattro, ma che dico, ai mille venti… che fanno quello che noi non vogliamo fare: stuprare e occupare alberghi quando non fanno rapine e altro a pro loro INVASIONE.

    Gia’, non conoscono gli ALBERGHI che se li sognavano prima di partire per la grande avventura di CONQUISTA..!

    Davvero un bel articolo… soprattutto onesto.

    E i preposti a dire che va tutto bene e che siamo noi i FUORI POSTO..!!
    Si.
    Gia’.
    DOVEVAMO MORIRE TUTTI NELLE ULTIME GUERRE MONDIALI E QUINDI DEVONO PUNIRCI PERCHE’ COLPEVOLI DI ESSERE STATI FORTUNATI NEL TRAGHETTAMENTO..!

    Cosa volete, siamo stati qui fermi a combattere nelle Alpi e negli Appennini oltre che nelle pianure e qua non e’ come in mare dove vige quel spirito di acqua che fa che il naufrago va soccorso con qualsiasi tempo e in ogni caso.

    NOI NO.
    NIENTE SOCCORSO..!!
    Solo PAGARE PERCHE’ NON DISPERATI MA VIVI..!

    E LE BELLE NON SONO ANCORA FINITE. ANZI. SIAMO APPENA ALL’INIZIO..!!

    Per il momento pensiamo ai nostri sogni e per esempio sogniamo di essere LIBERI un giorno ma non si sa di quale MILLENNIUM.
    Beh, del presente no, non riempiamoci la testa di brutte idee. Magari SOVVERSIVE..!

    STIAMO SOCCOMBENDO E NON LO SAPPIAMO.

    An salam

Leave a Comment