Il ritorno della Life “antagonista” di uno Stato forte con i deboli

di GIANLUCA MARCHI

Ho già avuto modo di dire e ribadire il mio plauso personale per il ritorno sulla scena della Life, sigla che sta per Liberi imprenditori federalisti europei, nata negli anni Novanta da una intuizione di Fabio Padovan, imprenditore trevigiano, e che per anni ha operato in Veneto, in Lombardia e in altre regioni padane come gruppo di “pronto soccorso” contro le vessazioni delle varie istituzioni italiote: ispettori del fisco e dell’Inps, Guardia di Finanza, ispettori del fisco e compagnia brutta oltre che promotrice di manifestazioni contro la dittatura fiscale che opprimeva le aziende del Nord. La Life era organizzata in “gruppi di intervento” che si muovevano in poco tempo non appena allertati da qualcuno che subiva un’ispezione o che organizzavano dimostrazioni e presidi in casi particolari. Dopo gli anni d’oro, corrispondenti più o meno con la stagione secessionista della Lega – Life e Carroccio non erano sovrapponibili, ma che ci fosse una certa contiguità era evidente – l’organizzazione è andata progressivamente in sonno, anche e soprattutto perché in qualche modo “abbindolata” dalla forza politica che propugnava soluzione a tutti i mali e che non ha risolto un bel nulla.

Il segnale di risveglio è di qualche settimana fa con la nomina (in realtà si tratta di una ri-nomina) di Lucio Chiavegato alla presidenza della Life Veneto. Chiavegato, reduce da tre anni di impegno politico con Veneto Stato, ha deciso di chiudere con la politica e, essendo un tipo che non ama rassegnarsi, si è reso disponibile per tornare al suo primo amore. Insiepe ieri abbiamo partecipato a un convegno su “Liberta è indipendenza?” organizzato a Palazzago (Bg) nell’ambito della seconda festa dell’Unione padano alpina (Upa). Il dibattito è stato coordinato da Franco di Braccio, presidente dell’Associazione Gianfranco Miglio, e ha visto fra gli altri la partecipazione di Andrea Zucchi, imprenditore piacentino divenuto celebre per aver consegnato in diretta televisiva le chiavi della propria attività a un esponente del governo Monti e oggi a capo di una holding con base a Londra che ha lo scopo di raccogliere imprenditori italiani che decidono di chiudere con l’Italia.

Chiavegato ha spiegato il senso di questo ritorno della Life: “Vogliamo difenderci da questo Stato e dai suoi bracci operativi e a questo punto non inseguiamo l’idea di salvare il mondo intero, ma solo quelli che ci stanno a combattere, anche a costo di trasformarci in una riserva indiana. Quindici anni fa funzionavamo da pronto soccorso per tutti gli imprenditori che ci chiamavano e che ricevevano una visita fiscale o di altra natura ispettiva, ma molti di questi, una volta risolti i loro problemi, non li abbiamo né più visti né sentiti. Oggi non faremo più così. Chi intende partecipare deve aderire alla Life, pagare la quota associativa, e solo a quel punto potrà contare sui nostri interventi in caso di bisogno. Lo Stato è mafioso e noi risponderemo con sistemi analoghi”.

E’ un po’ amaro parlare di riserva indiana, ma uno concreto come Chiavegato si rende conto che è inutile voler per forza convincere chi non è disposto a pagare un prezzo personale per liberarsi dell’atteggiamento da schiavo nei confronti dello Stato romano. E dunque parla di Life disposta a muoversi solo per la propria tribù, non per cani e porci. E aggiungo io una notizia riservata: nella seconda metà degli anni Novanta, quando la Life era molto attiva, circolavano informative dei servizi segreti che invitavano le strutture statali a non intervenire sui suoi attivisti per evitare casini e pubblicità. Capite bene quali erano e sono tutt’ora i sistemi dello Stato italiota: forte con i deboli e debole con i forti.

Per questo è auspicabile, sull’esempio della Life Veneto, si riproducano anche altrove iniziative del genere come una rete di “gruppi di resistenza”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

23 Comments

  1. IL SERENISSIMO PRINCIPE FA SAPERE ..... says:

    INDIPENDENZA VENETA

    30.000 firme per l’Unione Europea, 20.000 per il referendum da far indire alla regione con la ris.44 e la proposta di legge protocollata da Valdegamberi. Firme varie raccolte, per mandare su la lista, aggiungiamo i 14.000 e passa fans …. che fanno parte del gruppo: “A SON FIER DE ESSARE VENETO”; e altri gruppi vari in facebook, twitter e internet. E a Treviso, la votano in meno di 700 ??????????? SCUSATE SE SENTO PUZZA DI ROBE DISONESTE E FALSARI !! MA DA DOVE GAVIO CATA’ FORA 30.000 + 20.000 FIRME ?????? SPIEGHEME, I CONTI NON TORNA !!

  2. Luke says:

    dai risultati delle comunali sembra che quella minoranza che ha votatoha votato in massa per il PD, hahahaha. che cosa scriviamo a fare che siamo un popolo di minus habens

    • Ernesto Furioso says:

      Secondo me chi è andato a votare sono quelli che vivono di Stato,gli altri se ne dovranno andare e godersi dall’estero lo spettacolo della caduta in miseria dell’italia mafiomassonica.

    • Crisvi says:

      C’è poco da ridere Luke, in quanto i dati vanno analizzati sempre nel dettaglio.

      In primis spicca l’astensione dilagante.
      E’ notorio che chi meno si astiene, è l’elettorato di sinistra.
      Ecco la ragione per cui il centrodestra sembra crollare, assieme al movimento 5 stelle, che paga la propria ipocrisia politica, con i rimborsi elettorali e gli stipendi d’oro. ( togliere e dimezzare i compensi sì , ma solamente agli ” altri ” secondo i ” cittadini ” senatori e deputati grillini ).

      In secondo luogo vorrei evidenziare un risultato molto interessante d’Indipendenza Veneta.
      A Vedelago il nostro movimento consuntiva un interessante 18% ( primo partito del paese ) e incassando ben 3 seggi sui 15 disponibili.

      Per la prima volta in questo paese la lega nord è sotto con il suo attuale 15,60%.

      Giunta precedente eletta con in 66% dei consensi nel 2009 : Lega Nord.

      Terzo punto : numeri percentuali ancora piccoli , ma rispetto alle politiche IV raddoppia là dove presente.

      Ad maiora semper

      CrisV 🙂

      • migotto sandro says:

        analizziamoli nel dettaglio.
        L’astensionismo e’ dilagante e’ vero e pertanto, la vostra idea di indipendenza non ha sfondato. Tre consiglieri in un paesino di diecimila anime saranno un buon risultato, ma completamente offuscato dai risultati di tutti gli altri comuni dove eravate presenti; a Treviso siete neanche al 2,5%. Siete praticamente sotto il 4% dappertutto (volendo esagerare). La verita’ e’ che tutti ne hanno piene le tasche dei partiti. Non vi credono piu’ (vi metto dentro visto che siete un partito)

        Rendetevi conto inoltre che non avete, come probabilmente speravate incamerato i voti della Lega Nord. Questo e’ il dato analizzato nel dettaglio, a mio avviso.

        • Crisvi says:

          I dati sono esattamente quelli delle nostre previsioni Migotto.
          Non siamo gente che vive nel mondo delle fate, noi.
          Il nostro è un lavoro metodico e sostanziale, che, nei back stages, produce molto più studio e impegno di quello che appare agli esterni.
          Tutto lavoro sviluppato con i nostri personali mezzi esigui, specie economici.

          Tu non ti rendi conto, che il nostro movimento politico ha poco più di un anno di vita e che, mentre altri omologhi fondati in precedenza ansimano con il fiato politico corto, noi, anche in questa tornata, raddoppiamo i consensi in ogni dove, salvo in un solo comune veneziano, a causa della campagna elettorale preparata frettolosamente in un solo mese, a scopo di test.

          Anche a TV la brava Bellon, con la sua valida squadra raddoppia i voti, appena dietro a un candidato già assessore di quel comune.
          Con un vantaggio quindi logicamente evidente, rispetto alla nostra esponente, ancora poco conosciuta dalla gran parte dei trevigiani.

          Da quanto mi consta, l’indipendentismo Veneto non ha mai avuto un solo suo rappresentante nelle sedi istituzionali, salvo appunto grazie a Indipendenza Veneta.
          Con Vedelego avremo molto probabilmente, i primissimi assessori.

          Siamo solamente agli inizi Migotto e nonostante le immature gufate aliene al nostro movimento, continueremo con fermezza lungo questa strada improntata sul duro lavoro e nell’implemento realistico e non ” sognatore “.

          Ho già indicato al segretario Pizzati, quelle che a mio parere potrebbero essere strategie di consenso ancora più ” paganti “.

          Io sono un marzialista da 34 anni.
          Kung Fu, non significa ” arte marziale cinese ” ( la traduzione per quest’ultima dicitura è Wu Shu ), come molti erroneamente pensano, bensì ” Ben fatto ” mansione cioè svolta con il risultato di un duro lavoro metodico, in qualsiasi settore della vita quotidiana.

          Questa è la strategia, che impronta sin dalla sua nascita IV e che la caratterizzerà ancora per il suo futuro.

          Ad Maiora.

          CrisV 🙂

          • MIGOTTO SANDRO says:

            Forse non hai capito.
            Con tutta la strategia e la vostra scienza che avete messo in campo, con il lavorio nel sottobosco della politica in regione Veneto, con la presentazione delle liste alle Nazionali prima (che a vostro dire era per la pubblicita’) avete raccolto un miserabile dato elettorale. Forse non hai capito che ad una meta’ della gente sta bene cosi’ ed all’altra meta’ non fate né caldo né freddo.
            Io ripeto da molto tempo che l’idea di Partito cosi’ come la conosciamo e che voi incarnate perfettamente (le cazzate alla Bellon dei 150 euro ad esempio…) non serve piu’ a nulla, non e’ credibile tanto meno per l’indipendenza. Con la vostra presunta “crescita” nel 2789 forse ce la farete.

            • Crisvi says:

              No, io ho capito benissimo.

              Sei tu che non vuoi capire, per evidenti ragioni di malanimo nei confronti dell’incontestabile miglioramento politico del movimento di IV.

              Ti ripeto che, per la prima volta nella sua storia, l’indipendentismo Veneto, grazie esclusivamente a IV, inserisce ben 3 consiglieri in una sola volta in un paese da 16.000 anime.

              Riguardo Treviso, attualmente sono accreditati 861 elettori di preferenza la nostra Alessia Bellon ( e manca ancora una sezione in valutazione in prefettura, causa contestazione ) circa il doppio delle preferenze del febbraio 2013 raggiunte da IV in questa città.

              Solo un anno fa, in una città importante come Verona ( 252.000 residenti e circa tre volte gli abitanti di Treviso ), l’omologa candidata indipendentista, raggiungeva uno sconfortante
              0,26% e 349 voti utili.
              In proporzione è come se oggi la brava Alessia avesse consuntivato circa 2.700 voti a Treviso, nonostante un’affluenza alle urne in deciso calo.

              http://www.repubblica.it/static/speciale/2012/elezioni/comunali/verona.html

              Questi i dati, Migotto.
              Io porto dati precisi, tu e qualche altro infelice detrattore di IV, solamente chiacchiere vuote e pateticamente stizzite !

              Il resto, sono solo problemi causati dalle visionarie fantasie della tua mente.

              IV continuerà a proseguire nella sua corsa verso l’indipendenza, malgrado certi veneti immeritevoli e ” gufi ” padanisti d’oltreregione.

              La storica cavalcata dei nostri Paul Revere, è solo al suo inizio, ma non si fermerà.
              Fatevene una ragione !

        • Crisvi says:

          PS : Solamente tre comuni su sei complessivi in cui partecipava IV sono sotto il 2,5%, come affermi.

          – Lazise ha stabilito un soddisfacente 3,90%
          – San Stino di Livenza un buon 4,14%
          – Vedelago un eccellente 17,93% e risulta il partito più votato del paese.

          Diciamo sempre le cose come sono Migotto e non sulla base di fantasie supponenti.

        • Crisvi says:

          Questo specchietto riepilogativo rende ancora meglio l’idea.

          Ecco una tabella comparativa:
          politiche amministrative
          voti % voti %
          Lazise 42 1.01 156 3.9
          Nervesa 168 4.08 318 8.24
          San dona* 197 0.8 1.01
          San stino 132 1.71 273 4.14
          Sona 109 1.03 155 1.9
          Treviso* 493 0.99 2.2
          Vedelago 925 9.44 1153 17.93

          • IL SERENISSIMO PRINCIPE FA SAPERE ..... says:

            IL VOTO DI TREVISO DIMOSTRA IL FALLIMENTO INCONCLUDENTE E AUTOREFERENZIATO DI UN CERTO INZEGNERO CHE SI E’ INVENTATO DI SANA PIANTA UN PERCORSO LEGALE, DEMOCRATICO PER L’INDIPENDENZA ATTRAVERSO UNA SECESSIONE REFERENDARIA CHE NON ESISTE.

            UN PERCORSO NON CERTIFICATO DA NESSUN GIURISTA O FACOLTA’ DI DIRITTO, SOLO DA AVVOCATI CAREGARI AL SOLDO DI UN PARTITO. MA VI SEMBRA CHE L’ITALIA RECEPISCA UN PRINCIPIO DI AUTODETERMINAZIONE CONTRO SE STESSA ????? E’ OVVIO CHE LO RECEPISCE IN FAVORE DI ALTRI STATI, SALVAGUARDANDO LA SUA INTEGRITA’ TERRITORIALE.

            LA MISOGINIA, MEGALOMANIA E MANIE DI GRANDEZZA DI CERTI INZEGNERI ( SA TUTO IORI, I ALTRI NON SA UN CASSO), PARLANO DA SOLE COI RISULTATI, I FALLIMENTI E L’ABUSO SPESSO DI CREDULONI IN BUONA FEDE; SPESSO USATI E GETTATI COME FORZA LAVORO PER I LORO SCOPI DAL 2006 E CON TUTTI I PARTITI FONDATI DAL INZEGNERO GIANE BISATO ( VISIDO COME UN BISATO). PER QUANTO RIGUARDA LE BATTAGLIE DEL ILLUSTRISSIMO N.H. LUCIO CHIAVEGATO DE BOVOLONIS, LA FOTO LIFE COL VOLTO SFREGIATO E IL SANGUE VERSATO….PARLANO DA SOLE !!!

            I RISULTATI DI VEDELAGO POI, SONO UN PRESA PER IL CULO. CINQUE LISTE PER UNA CANDIDATA TRA LE QUALI I.V. E 2 SOLI CANDIDATI ALLA CARICA DI SINDACO ….MAMMA CHE SUCCESSO !! A I.V. GHE PIAXE VINSARE FASILE E BASTA ….CHE FALLITI E SFIGATI !!

            CRISVI …CIACOLO DELLE CAUSE PERSE, FATTI DARE IL BILANCIO DI INDIPENDENZA VENETA; TI RICORDI QUANDO ROMPEVI A QUELLI DI RAIXE?????

            ECCO I SUCCESSI DI VEDELAGO: IV 1153 voti in una coalizione di 5 liste. La civica di Vedelago ha fatto 1056 voti….SICURAMENTE LA GENTE HA VOTATO IL PARTITO….COME NO !!! PATETICI FALSARI !!! E CI SONO SOLO DUE CANDIDATI ALLA CARICA DI SINDACO …..BRAVE PECORE CONTINUATE A UBBIDIRE E CREDERE AGLI INDIPENDENTISTI ALLA RISCOSSA DA PARTITI ITALIANI E GIURAMENTI SULLA COSTITUZIONE ….AHAHHAHAHAH !!! http://elezioni.interno.it/comunali/scrutini/20130526/G050840880.htm

            SINDACO ITALIANO (QUEA DE VEDELAGO FARA’ COME TUTTI I SINDACI ITALIANI).

            l Sindaco, avvenuta la sua proclamazione, procede alla nomina della Giunta e convoca il Consiglio. All’inizio della prima seduta del consiglio, il Sindaco presta giuramento di osservare lealmente la Costituzione italiana. Dopo il giuramento egli comunica al Consiglio la composizione della Giunta Comunale che ha nominato e che collaborerà con lui per realizzare il programma di amministrazione che sarà presentato entro il termine stabilito dallo Statuto. Inoltre nomina i componenti della Giunta, tra i quali un Vice Sindaco, e ne dà comunicazione al Consiglio nella prima seduta successiva all’elezione.

            Il bello che a Vedelago, IV si è messa contro il candidato della Lega…ahahha…che opportunisti falsari. La loro candidata ex-PDL….contro la MESSA IN VENETO ….CHE PENA !!!

            PUR DE AVER UN RISULTATO I SE GAVARIA MESSO ANCA SATANA IN CASA….D’ALTRONDE COSA POTETE ASPETTARVI DA GENTE SENZA MORALE E RELIGIONE ECC….ECC… http://tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2011/06/09/news/messa-in-dialetto-veneto-si-spacca-la-giunta-di-vedelago-1.1579724

          • MIGOTTO SANDRO says:

            Gran numeri, non c’e’ che dire……..

            Leggi meglio quando scrivo… ho scritto che sono al 4% esclusa Treviso che e’ al 2,5% almeno leggi bene !!!!

            Gran numeri, perdio…. e sareste, a detta dei tuoi capi “quelli che dettano l’agenda politica in Veneto”, oppure, come ho letto ieri, siete “l’ago della bilancia a Treviso, Gentilini ostaggio di IV…”
            Rettifico. Siete patetici.

            • Crisvi says:

              Continui a non cogliere l’ 8,24% di Nervesa della Battaglia e il 17,93% di Vedelago con IV quale primo partito del comune, grazie alle nostre preferenze raggiunte.
              La lega è solamente a poco più del 15% in quella cittadina.

              Quando a causa della crisi dell’edilizia causata dai malgoverni italiani e dallo strapotere bancario, sarai costretto a licenziare i tuoi dipendenti e a chiudere la tua attività, allora e solo allora, vedrai riflessa l’immagine di una persona realmente patetica.

              Prosit

              CrisV 😀

  3. Albert Nextein says:

    Domanda :
    uno che invita a non versare tasse con metodologia ed organizzazione, può essere incriminato per istigazione a delinquere?
    E’ forse già accaduto a qualcuno?

    • gianluca says:

      non mi risulta

      • Barbara says:

        Be’ se ci mettiamo d accordo tutti e lo sottoscriviamo tutti a fianco e NON PAGHIAMO PIÙ NULLA ALLO STATO. Contributi, IMU bolli tutto ci blocchiamo per sei mesi, tanto ti costa come pagare i subito perché devi chiedere i soldi alla banca.
        Approfittiamo che dovrebbe chiudere EQUITALIA.
        Pensate i cosa rischiamo? Niente.
        Loro cosa rischiano? Il fallimento. Verranno a patti forse…
        Forse sto sognando…gli diciamo che il veneto e la Lombardia andranno da sole economicamente parlando e che si arrangino.
        Ricostruiamo le leggi e la democrazia con sani referendum e tutti i cittadini dovranno essere orgogliosi di andar a esprimere il loro parere in temi di cittadino.a

        • Dan says:

          I “cittadini” sono prevalentemente dei menefreghisti scaricabarile altrimenti non saremmo arrivati a questo punto.
          Pensiamo già solo al famoso referendum sull’abolizione del finanziamento dei partiti: si vota, consegue un dato risultato e loro se ne fregano ?
          Dei cittadini veramente degni di questo nome avrebbero già allora messo in chiaro ed in maniera esemplare che sono loro a comandare e non chi è solo un mero rappresentante della volontà popolare.

          Qualcuno fece qualcosa ? No, così s’è continuato a rubate per altri due decenni e adesso siamo ridotti così.

          Con questi “cittadini” la democrazia può solo morire.

  4. luigi bandiera says:

    Eh si. Mi ricordo si del Patriota Fabio Padovan e dei suoi bravissimi e coraggiosi imprenditori che lo affiancavano.

    BASTONAVANO NE’..?

    Pensate a che livello di OPPRESSIONE si era e si e’.

    Se non paghi o protesti perche’ ti MALTRATTANO ti pestano.
    Erano armati fino ai denti gli agenti…

    Tu lavori per mantenerli e loro GIU’ BOTTE DA ORBI.

    Se non e’ SCHIAVITU QUESTA KE KAX E’..??

    La cattiveria del secondo impero romano (quello di oggi) la si e’ vista e sentita… loro in particolarmodo, e mi penso ai serenissimi… i OTO SERENISSIMI CHE SALIRONO SUL LORO CANPANIL E Lì PRESI E PICCHIATI COME FOSSERO DEI DELINQUENTI. Invece anche loro lavoravano per far si che i picchiatori avessero il pane quotidiano sulla tavola al mattino, a mezzo giorno e alla sera.

    E qua scatta la frase del kax: la legge e’ legge. Gli ordini sono ordini. (E qua, oggi, sarissimo in tempo di pace..?).

    Allora perche’ condannare i tedeschi che durante una guerra, una guerra, maltrattavano ed uccidevano chi commetteva delitti o si opponeva a loro..?

    Dove sta la differenza..?

    IO NON NE VEDO, CIOE’: NESSUNA DIFFERENZA.

    ANZI. FECE PEGGIO L’ITALIA DI ADOLFO, almeno nei nostri confronti.

    E a NORIMBERGA CHI CI ANDRA’..?

    I PICCHIATORI O I PICCHIATI..??

    Solita menata del kax: ESSERE O NON ESSERE, DEI GIUSTI..!

    Ma sappiamo che il DIRITTO ROMANO (non ne sto abusando) che kax recita, non e’ scritto ma vale:
    che la legge si applica e pesantemente contro i nemici (cioe’ noi siamo i nemici dell’italìa o meglio ISLAFRITALIA) e si IGNORA con gli amici… regola solitamente e tipicamente mafiosa.
    Quindi..?

    Repetita juvant che non vuol dire juventus.

    Lo stato e le sue istituzioni si basano sulle regole mafiose.
    Ma lo si puo’ ben capire: e’ in mano ai meridionali.

    Dalle loro parti non sono cresciuti CAPANNONI ma OOCC…

    Si vantano pure perche’ fanno films sulla mafia a iosa: fanno DOTTRINA..!
    Pero’ commemorano i morti… per mano mafiosa.

    Sono molto ripetitivi sul mondo del sud per riscattarlo, dicono loro, vossia… beh, circa.
    Ha bisogno d’aiuto, dicono sempre loro…

    E noi abbiamo bisogno di BOTTE DA OBBI PECCASO..? (detta con accento mediterraneo).

    Ma l’italia e’ molto furba: manda i pochi che ci sono nostrani al sud e i loro al nord… pecche’ altrimenti picchierebbero i parenti e non sta bbbenee…

    Minkia se sogno fubbi.

    Ma siamo uniti, anzi, uni e indivisibbili. CI AMIAMO MOLTO..!

    Coraggio LIFE, speriamo che qualcuno da lassu’ ci aiuti perche’ la comunita’ estera e’ pure quella MALATA: e’ SORDOMUTA, come tanti soloni..!!

    PSM

    • Dan says:

      “Repetita juvant che non vuol dire juventus.”

      Fai bene a specificarlo perchè qualche imbecille disposto a crederlo lo trovi sempre

  5. h24nano, prova a kiederti xkè kuesta gente vi skifa ! …

  6. Dan says:

    Fanno bene: è ora che chi affoga nella merda trovi la forza e contribuisca per poterne uscire invece di aspettare sempre che arrivi qualcuno a salvargli la giornata

Leave a Comment